2 Giugno 2014 / / Architettura

Un agriturismo ma anche una galleria d’arte per mostre temporanee, un ristorante, una libreria ed una biblioteca. Tutto questo è l’Hauser & Wirth Somerset nella campagna inglese, in un casale ristrutturato dallo studio Laplace di Parigi, fondato dall’ architetto argentino Luis Laplace, che si dice ispirato sia dal modernismo sudamericano, sia dal movimento brutalista.
Luis rivendica un’architettura al servizio dell’arte contemporanea ed  ama mescolare oggetti d’antiquariato, pezzi del 20° secolo e mobili disegnati da lui stesso su misura.
In questo progetto ritroviamo tutto questo e molto altro.
Per quanto riguarda la ristrutturazione l’intento dell’architetto è stato rendere efficiente l’edificio (anche dal punto di vista energetico), astenendosi  però dall’intervenire dove non fosse assolutamente necessario, cercando di resistere alla tentazione di dare un aspetto nuovo all’immobile, ricercando la continuità con il passato più che la cristallizzazione di una condizione storica.
Adotta inoltre un approccio sperimentale che lo porta a  mescolare arte ed architettura, chiamando l’artista Guillermo Kuitca  per la decorazione di alcune pareti e  la svizzera Pippilotti Rist per la realizzazione di una video installazione.
Il  progetto è completato dal progetto per il giardino del paesaggista Piet Ouldof.
Architecture, art, and landscape in english countryside.
A farm but also an art gallery for temporary exhibitions, a restaurant, a library and a book shop. All this is the Hauser & Wirth Somerset in the English countryside, in a renovated farmhouse in the study Laplace  in Paris, founded by the Argentine architect Luis Laplace, who is said to be inspired by the South American modernism , both from the Brutalist movement.
Luis claims an architecture in the service of contemporary art and loves to mix antiques, pieces of 20th century and furniture designed by him to measure.
In this project we find all this and much more.
With regard to the restructuring the architect’s intention was to make the building efficient (from the point of view of energy), but refraining from intervening where it was not absolutely necessary, trying to resist the temptation to give a new look to  the property, seeking continuity with the past rather than the crystallization of a historical condition .
It also adopts an experimental approach that leads him to mix art and architecture, calling the artist Guillermo Kuitca to decorate some of the walls and the Swiss Pippilotti Rist for the realization of a video installation .
The project is completed by the project to landscape the garden of Piet Ouldof.




2 Giugno 2014 / / Hugs and Violence

Sono pienamente convinta che le maggiori soddisfazioni si ottengono quando chi fa il tuo stesso “mestiere” apprezza il tuo operato.
Aprire un blog è stata una delle idee migliori della mia vita e ogni giorno ne sono sempre più contenta, per me. Perché mi piace da matti scrivere di design, respirare design e pensare al design, perché ha rivelato in me una costanza che non avrei mai immaginato di avere e perché la possibilità di poter comunicare con il resto del mondo (che è grande eh) con il sedere ben piantato sul divano è una delle meraviglie dell’era moderna.
Però quando qualcun altro si affeziona al mio mondo, ci entra in punta di piedi giusto per dare un’occhiata, ne esce con una bella sensazione in corpo e magari sente il desiderio di ritornarci, allora divento più alta di 10 cm.
E sono felice.
A questo proposito devo ringraziare Claudia di Rooms Interior Design per avermi assegnato il Liebster Blog Award, il premio virtuale istituito per dare visibilità e riconoscimento ai blog meritevoli, ed è una sorta di testimone che passa di blogger in blogger.

Le regole sono facilissime, una volta nominati bisogna:

  • ringraziare e linkare il blog/blogger che ci ha nominati
  • rispondere alle 10 domande poste dal blogger
  • nominare altri 10 blog con meno di 200 follower
  • stilare 10 domande da porre ai blog nominati
  • andare sui singoli blog per comunicare la nomina.

Ecco le mie risposte:

C: Perché hai aperto un blog?
Io: Perché no? Avevo bisogno di un’occupazione che avesse a che fare con il design che piace a me ed ecco Hugs and Violence.

C: Qual è il tuo colore preferito?
Io: Il rosso perché è il colore del bene e del male, del sangue e dell’amore, della vita.

C: Se fossi un oggetto d’arredo, quale saresti?
Io: La RAR Plastic Armchair di Charles e Ray Eames, tanto agognata, ottenuta e sempre sommersa dai miei vestiti.

C: Come ti piace spendere il tuo tempo libero?
Io: A ritmo di funky.

C: Un libro, una canzone, un film.
Io: Lunar Park di Bret Easton Ellis, Cry to me di Salomon Burke, Jackie Brown di Quentin Tarantino.

C: Cosa non deve mai mancare nella tua dispensa?
Io: La salsa tartara.

C: Non smetteresti mai di…
Io: Dormire.

C: Qual è il tuo sogno nel cassetto?
Io: Diventare una corista delle Ronettes, di quelle che cantano solo “Uacciu uari uari”.

C: E la tua passione più grande?
Io: I mercatini delle pulci, gli uccellini di ceramica e gli oggetti che raccontano una storia.

C: Che oggetto avresti voluto inventare?
Io: La Superleggera di Gio Ponti: semplicemente perfetta sotto ogni aspetto.

E giro le stesse domande ad alcuni dei miei blog preferiti che sarebbe bello se piacessero anche a voi:

  1. Ida Interior Lifestyle
  2. Geninne’s Art Blog
  3. Roomservice
  4. Country Kitty
  5. Adored Vintage
  6. La tazzina blu
  7. Cappello a Bombetta
  8. Blog a Cavolo
  9. My Scandinavian Home
  10. All The Good Girls Go To Heaven
2 Giugno 2014 / / Design

Il giallo? E’ trendy! Siamo state contagiate da questo colore estroverso e 
vivace che da luce e allegria a tutti gli ambienti. Qualche pennellata di 
giallo abbinata al bianco e questo colore solare diventa più sofisticato; 
lo potete scegliere nelle sue varie sfumature e gradazioni, dal canarino al 
giallo banana, la notra preferita é il giallo limone!
Vitaminico per eccellenza, ve lo consigliamo per un’estate piena di energia 
e vitalità!   

1 tieni sempre in vista le tue frasi preferite, le puoi appendere al muro con un appendino www.ginghamandwatercolors.tumblr.com
2 porta scorrevole per dividere il bagno dalla camera da letto, ideale per gli spazi piccoli www.houzz.com
3 un bel giallo solare per la porta d’entrata www.journal.jennileemarigomen.com
4 campo di fiori gialli www.flickr.com
1 gamma di sfumature per la parete a doghe di legno www.pinterest.com
2 albero di maggiociondolo www.vintagerosegarden.tumblr.com
3 limoni appena colti www.decor8blog.com
4 tante sedie diverse per la sala da pranzo decorata con una grande croce gialla www.emmas.blogg.se
1 la finestra cambia faccia dipinta di giallo www.designspiration.net
2 maglione vitaminico www.ustrendy.com
3 sentiero tra i campi di ravizzone www.thehiker.co.uk
4 piccolo bouquet di giunchiglie nella teiera usata come vaso www.creaturecomfortsblog.com
inspiration & graphic layout by Marzia
2 Giugno 2014 / / Idee

2 Giugno 2014 / / Decor

Scommetto che avete un buco su una parete che non vedete l’ora di riempire ma non sapete se sopperire a questa mancanza con un quadro, una stampa o una lavagnetta.
Siccome percepisco questo vostro desiderio, oggi vi propongo le stampe su compensato Faunascape Plywood della coppia danese di What We Do.
Ok, forse non ne avete davvero bisogno ma io li trovo fantastici sia per la forma che per i soggetti rappresentati e vi confesso che vorrei aver già finito i lavori di muratura per la mia nuova camera da letto per avere un alibi e comprarne una.

Animali, paesaggi rilassanti e simpatiche frasi per delle stampe ad effetto trompe l’oeil per dare un po’ di profondità ad una parete.
Perché non so voi, ma a me non dispiacerebbe per niente avere sempre a portata una foresta danese.

Emily

2 Giugno 2014 / / Decor

dettagli home decor
Realizzato interamente in ceramica, il nuovo edificio è destinato a ospitare bambini dai 9 ai 36 mesi. Un progetto “sociale” che servirà anche il territorio della comunità di Fiorano Modenese. La ceramica Made in Italy è la protagonista assoluta di questo progetto che coniuga la praticità e la salubrità di questo materiale con le sue mille declinazioni cromatiche e decorative. 

Versatile, elegante, funzionale: la ceramica si presta a mille impieghi e fa parte delle nostra quotidianità più di quanto si possa pensare. Ce la ritroviamo attorno ogni giorno, nei supermercati, nei ristoranti, a scuola, in hotel, in aeroporto, in ospedale, in moltissimi altri ambienti pubblici destinati al traffico intenso. Oltre che nelle nostre case, naturalmente. Già, perché questo materiale, oltre ad essere particolarmente resistente e durevole, è compatto, impermeabile, facile da pulire e refrattario a polveri, germi e qualsiasi altra sostanza nociva per la salute.
Altre virtù? Certamente: è made in Italy, riflette un gusto tutto italiano per il bello che si esprime in una varietà infinita di formati, colori, superfici ed effetti decorativi che si adattano perfettamente ad ogni ambiente, sia interno che esterno, rivestendo con eleganza e creatività pareti, pavimenti e volumi architettonici.
La ceramica è protagonista assoluta anche di un progetto “sociale” a favore dei più piccoli, nato dalla collaborazione tra pubblica amministrazione e privati: si tratta del nuovo asilo nido del Gruppo Concorde, tra i principali attori mondiali del settore ceramico, pensato per ospitare i bambini dei propri collaboratori e servire anche il territorio circostante.
Realizzato interamente in ceramica, il nuovo edificio sorge su un terreno di 4500 mq con una superficie coperta di 1000 mq nel comune di Fiorano Modenese, ed è appena stato inaugurato. Ultramoderno e di alto pregio architettonico, adotta molte soluzioni d’avanguardia come rivestimenti autopulenti montati su parete ventilata, pavimenti antibatterici, riscaldamento a pavimento, totale riciclo idrico e sistemi avanzati per la sicurezza e l’efficienza energetica. 
Ma la protagonista assoluta è la ceramica, nelle sue mille versioni e sfaccettature, riproposta nei pavimenti e nei rivestimenti di tutti gli ambienti. Prendiamo i bagni, ad esempio: le collezioni utilizzate sono firmate da FAP ceramiche, azienda del Gruppo Concorde. La scelta progettuale è basata su un fil rougeunico e determinante: il colore. Arancio-mandarino, verde-foresta, grigio-cenere alternati a mattonelle di colore bianco che ricostruiscono un allegro patchwork di tonalità contrastanti. Le piastrelle utilizzate sono quelle della collezione Archicolors di pavimenti e rivestimenti in gres porcellanato, proposta nel formato 20×20 e disponibile in oltre 20 diverse tonalità.

dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor

dettagli home decor
Dedicato alla memoria di don Arrigo Mussini, il nuovo asilo è gestito da una cooperativa sociale senza scopo di lucro ed è destinato a ospitare bambini tra i 9 e i 36 mesi. La struttura servirà però anche il territorio circostante, accogliendo anche alcuni piccoli ospiti della comunità di Fiorano Modenese.

Alessandra Picciolo


Da oggi Alessandra, appassionata di arredo, design e moda, diventa una contributor dettagli e ci porterà alla scoperta di tantissime cose belle, interessanti e sempre di tendenza! 



2 Giugno 2014 / / Decor

Divertentissima l’idea di una linea decorativa realizzata con stickers di macchine e camion in colonna. Mi piace l’essenzialità di questa cameretta, trovo che l’importante sia sempre avere dei grandi cesti contenitori o addirittura un vecchio armadio ritinteggiato che ospiterà solo giochi. Così i bimbi potranno giocare in libertà e con facilità ripristinare anche l’ordine!