6 Giugno 2014 / / Decor

Ci sono ormai una miriade di materiali per rivestire una parete o un pavimento e per chi non si accontenta di soluzioni standard ho scoperto per voi, assieme a Camilla di La Tazzina Blu e Alice di The Peppermint Land, alcune chicche firmate Superfici Evolutive.
Superfici materiche e ruvide che richiamano il brutalismo e lo stile industriale ma che finalmente si conciliano con la genuinità del lino e della roccia, wallpaper di tessuto che soddisfano il tatto e la vista e massima libertà di espressione e personalizzazione.
Nello show room di Superfici Evolutive, allestito in maniera eccellente, ho toccato con mano pareti e pavimenti in lino resinato, banconi cucina rivestiti di sottilissimi (e leggerissimi) strati di roccia arenaria estratti dal vivo dalle curvature e giunture invisibili, resine raw interamente applicate senza l’uso di solventi chimici.

Per chi vuole abbinare ad un mood industrial chic un tocco di calore e di colore e per chi, come me, odia i materiali finti “che riproducono”.
Sarà che provengo da una famiglia di sarti ma la possibilità di inserire il tessuto in arredamento, non solo per complementi e accessori, mi sembra molto interessante.

Un grazie a Eleonora di Blog Arredamento per l’invito e un arrivederci alle colleghe blogger che ho conosciuto mooolto volentieri.

Photo: Andrés Borella Photography.

Emily
6 Giugno 2014 / / Decor

Come già saprete se seguite la mia pagina Facebook, giovedì scorso ho avuto il piacere di partecipare alla serata inaugurale di Superfici Evolutive, un piccolo showroom di finiture di design per interni, situato a Rubano in provincia di Padova. In qualità di inviata speciale di Blog Arredamento, insieme a Camilla de La Tazzina Blu ed Emily di Hugs and Violence (che piacere incontrarvi!), ho avuto l’occasione di ammirare e fotografare questo spazio espositivo che non conoscevo, piccolo ma ricco di idee innovative e sapientemente organizzate con uno styling ricercato e creativo. 

I veri protagonisti della serata erano gli ultimi ritrovati nel campo dei materiali per i rivestimenti, ospitati dallo showroom e presentati per la prima volta in veste ufficiale: nuove resine per rivestire pareti, pavimenti e mobili, realizzate con composti organici di argilla (Terragena – la mia preferita, al tatto si sentiva proprio la polvere del materiale!) e fibre di tessuto (Rezina). Molto interessanti anche i film di marmo spessi pochi millimetri di D-Layer, adagiati a impreziosire il bancone di una cucina, o arrotolati a formare oggetti di design unici e originali, come delle vere e proprie pelli strappate dalla roccia. Il fil rouge era proprio questo: valorizzazione della componente naturale senza nasconderne lo stato grezzo e materico, che non dev’essere un difetto ma un punto di forza. Rispetto per la materia prima, ma non per questo rinuncia all’eleganza!


Lo styling infatti non si è smentito. Sono stati scelti complementi d’arredo in linea con lo stile raw dell’ambiente, a metà strada tra un industrial e un rural chic: porcellane irregolari, vetri minimal, sgabelli in juta e pouf in carta da pacchi, dettagli di decor in alluminio opaco. Ho particolarmente apprezzato il “tagliere” di tortellini e l’installazione luminosa a parete con i cavi sospesi… da brava storica dell’arte in erba, mi è subito scattato il collegamento con un paio di grandi artisti dell’arte povera e materica contemporanee: chissà se lo stylist ha voluto omaggiare Burri e Beuys mentre allestiva la stanza? Mi piace immaginare di sì 🙂


Photos by T h e P e p p e r m i n t L a n d
6 Giugno 2014 / / Design

Nell’arredare casa vi siete mai sentiti dei giocatori di Tetris?

Se nonostante l’impegno non siete riusciti a massimizzare gli spazi in camera da letto ecco il segreto: letti con contenitore.

Lo spazio è un problema comune in tutte le case. Qualunque sia la metratura dell’abitazione il pensiero è quello di non avere mai abbastanza spazio per tutti gli oggetti.

Gli armadi sono sempre troppo pieni, i cassetti si chiudono a fatica e lo specchio sopra la cassettiera è nascosto da una montagna di vestiti. Nessuna paura: si possono trovare soluzioni contenitive scegliendo un letto dotato di box contenitore. In questo modo l’estetica della stanza rimane intatta ma ad essa si unisce una grande praticità e funzionalità. Il trucco c’è ma non si vede.

I letti con contenitore sono dotati di un meccanismo che permette all’occorrenza di alzare la rete e svelare un capiente vano inferiore. In questo spazio è possibile riporre biancheria per il letto, lenzuola, coperte, piumini ma anche biancheria personale e molti altri oggetti.

Il meccanismo che facilita l’alzata può essere di due tipi:

  • meccanismo ad alzata semplice: permette di sollevare la parte inferiore della rete mantenendo fissa la parte vicino alla testiera. Gli oggetti che usiamo più spesso si possono riporre ai piedi del letto e lasciare gli altri nella parte alta.

letti-con-contenitore-glamis

  • meccanismo a doppia alzata: permette di portare il materasso in una posizione orizzontale rialzata rispetto alla struttura. In questo modo si può raggiungere facilmente ogni parte del contenitore e si è avvantaggiati nel rifacimento del letto.

letti-con-contenitore-glamis-1

Il box contenitore è disponibile per qualsiasi modello di letto, singolo, una piazza e mezzo, matrimoniale, alla francese e king size. Semplicemente a seconda delle dimensioni il vano sarà più o meno capiente.

Guardate questa gallery di immagini di letti matrimoniali con contenitore e scegliete quello più adatto per la vostra camera da letto.

letti-con-contenitore-duncan letti-con-contenitore-jordan letti-con-contenitore-jerry
letti-con-contenitore-guadalupe-1 letti-con-contenitore-guadalupe letti-con-contenitore-satellite
letti-con-contenitore-alvin letti-con-contenitore-arabesque letti-con-contenitore-donec
letti-con-contenitore-byron letti-con-contenitore-bristol letti-con-contenitore-beverly
letti-con-contenitore-armony letti-con-contenitore-lindos letti-con-contenitore-lindos-1
letti-con-contenitore-new-york letti-con-contenitore-glissade-1 letti-con-contenitore-glissade
letti-con-contenitore-glasgow letti-con-contenitore-giasone letti-con-contenitore-eric

6 Giugno 2014 / / Cappello a Bombetta

Era da tanto che aspettavo di fare questo post per celebrare una cara amica e strepitosa creativa che ho conosciuto grazie a CasaFacile: lei è Laura Anna di Vivere A Piedi Nudi . Insieme al suo geniale maritino hanno creato una linea di lampade – e non solo – dal design industriale e irriverente, proprio come piace alla Bombetta… non potevo non averne una!
Queste bellissime creazioni si chiamano Tu.Bi. e le potete trovare qui.
Ne sono innamorata!

6 Giugno 2014 / / Architettura

Ciao Mondo (ho da poco scoperto che questo è il saluto più usato in rete e non potevo non usarlo anche io!), sono rientrata dalle ferie. Vi sono mancata? Oggi per ricominciare bene (o forse male) non ho links of the week per voi, avendo avuto il mac spento, ma vi porto a fare un giro in uno dei miei cantieri.

Se volessi raccontarvela come una favola vi direi che 3 anni fa un allevatore di cavalli arabi incontrò una cascina ultracentenaria e fu subito magia. Il progetto di trasformarla nella sede del suo allevamento e in un agritursimo dal sapore delle Mille ed una Notte contagiò tutti.

Questa cascina si sviluppa in un complesso gruppo di edifici di epoche diverse. I più vecchi si perdono nei tempi. Le ricerche hanno portato alla scopera che intorno a lei si è sviluppato il borgo in cui ora sorge.
Dopo anni di lavori, questa settimana è stato inaugurato il primo locale aperto al pubblico: la selleria dove i turisti possono acquistare i prodotti dell’agriturismo e riposarsi e ristorarsi dopo una bella cavalcata.

La struttura che ospita questo locale è tra le più nuove del complesso: un vecchio magazzino con copertura curva a mattoni a vista. Il recupero è stato caratterizzato dalla volontà di conservare e valorizzare le caratteristiche architettoniche. Materiali come il legno, il rame ed il vimini hanno contribuito ad esaltarne il carattere. Il risultato è un luogo al di la del tempo e della geografia che rievoca sapori e profumi di posti lontani.

Immagini Brigi Co.De. House.

Allevamento Settimo Cielo, Pozzolo Formigaro (AL), fraz. Bettole.
Per informazioni scrivere a: allevamentosettimocielo@gmail.com

I dipinti dei cavalli sono di:

6 Giugno 2014 / / Architettura

dettagli home decor
Una bellissima casa nello Stato di Washington che funge da rifugio per piacevoli weekend fuori dal caos della città. Progettata nel 2012, dallo studio mw workdi Seattle, è sicuramente un perfetto esempio di come l’architettura contemporanea si possa integrare con eleganza ed estrema leggerezza nella natura incontaminata.

Costruita lungo un pendio boscoso, con un magnifico affaccio sul lago, l’abitazione è stata concepita affinché chi la abita sia sempre a contatto con la natura e gli spazi interni sembrano un naturale proseguimento dell’esterno. La struttura, realizzata interamente in cemento e vetro, in parte è stata rivestita con pannelli in legno di cedro spazzolato al fine di “alleggerire” il design moderno.  Una scala esterna in acciaio, consente di accedere all’ampio tetto piano che si sviluppa sopra gli spazi di vita, perfetto per godere del bellissimo paesaggio. All’interno lo spazio è fluido e le finiture scelte sono un vero e proprio richiamo alla natura. Ogni ambiente beneficia della luce naturale che penetra dalle grandi vetrate, solo per la zona notte e parte del bagno è stata prevista una maggiore privacy. 

dettagli home decor

dettagli home decor

dettagli home decor

dettagli home decor

dettagli home decor

dettagli home decor
dettagli home decor
  
dettagli home decor

dettagli home decor

dettagli home decor

dettagli home decor

dettagli home decor

dettagli home decor
Un equilibrio di linee semplici e pulite unito a materiali resistenti che necessitano di poca manutenzione, una soluzione ideale per una casa destinata alle vacanze.  


dettagli



6 Giugno 2014 / / Decor

Un’alternativa alla carta da parati, o alla classica tinteggiatura, l’effetto delabré, letteralmente in cattivo stato, dona alle pareti un aspetto invecchiato.
Permette di simulare  l’effetto del tempo che passa e che, depositando la caratteristica patina, attenua i colori originari,  fa riaffiorare strati di tinte precedenti, donando sfumature impreviste, o ancora, provoca distacchi di porzioni di vernice, mostrando l’intonaco grezzo e talvolta la muratura sottostante.

Mi piace per il senso di “non finito” e di “imperfetto”, che veste le  pareti  di fascino e suggestione e dona il valore aggiunto proprio del  tempo che passa; poco importa se solo virtualmente. 
Una sorta di  “tromp l’oeil”,  tecnica molto antica,  nota (e molto utilizzata) anche nelle ricche abitazioni  dell’antica Roma.

Per un buon risultato, solo apparentemente facile da ottenere, affidiamoci  non ad un semplice imbianchino ma ad un pittore che sappia trasmettere, attraverso la propria sensibilità e gli strumenti del mestiere, questo “qualcosa in più” alle nostre pareti.

Suggestive walls : “delabré” effect.
An alternative to wallpaper, or the classic painting, the “delabré” effect, literally “in a bad state”, gives the walls an aged appearance.
Allows you to simulate the effect of passing time and that, by depositing the patina, reduces the original colors, brings back the previous layers of colors, giving unexpected nuances, or even causes the detachment of portions of paint, showing the rough plaster and, sometimes, the underlying masonry.

I like the sense of “not finitito ” and “imperfect”, who dresses the walls of charm and appeal and gives the value added of the time passing; Who cares if only virtually.
A sort of ” trompe l’oeil”, very old technique, known (and widely used), even in the rich houses of ancient Rome.

For a good result, only apparently easy to get, let us consider  not a simple painter but anyone who knows how to convey, through his sensitivity and with the trade tools, this “something more” on our walls.

Vedi qui
Vedi qui
Vedi qui
6 Giugno 2014 / / Architettura

Questa villa di famiglia  è stata trasformata in un incredibile casa di campagna dallo studio Zanon Architetti Associati, a Treviso. 
La casa vive una nuova vita attraverso la sua espansione verso l’esterno con un volume vetrato, in cui trova posto un salotto disegnato in vetro e acciaio Corten. Il nuovo volume riflette il paesaggio naturale attraverso ampie vetrate e dà l’impressione di stare all’aria aperta, trasfigurando il soggiorno e facendolo diventare un tutt’uno con il paesaggio. 
Circondato dal verde e protetto da una romantica  tenda di edera, l’edificio ha trovato nuova vita nella ristrutturazione degli interni e nell’ampliamento della zona giorno, grazie alla giustapposizione di una struttura in stile contemporaneo con grandi e luminose finestre, dal pavimento al soffitto. La casa sembra fondersi con l’ambiente circostante, creando una sorta di giardino interno che comunica con l’interno.

 

Via Onekindesign


_________________________

CAFElab | studio di architettura


6 Giugno 2014 / / Design

Oggi risparmio le parole… semplicemente, OSSERVATE.
Quest’immagine è talmente ricca di dettagli che è impossibile non ricavarne degli spunti.
Comunque, una cucina così mi farebbe sentire proprio a casa!