18 Settembre 2014 / / Idee

www.facebook.com/retroanddesign
retroanddesign@tiscali.it

Oggi vorremmo invitarvi “a casa” per una tazza di thè…

In un fabbricato degli anni ’70, questo appartamento recentemente rimodernato necessitava di un piccolo tavolo da cucina, che fungesse anche da piano d’appoggio oltre che per un pranzetto “a due”.

La scelta è stata quella di enfatizzare l’autenticità di alcune finiture dell’epoca (il pavimento in graniglia di marmo e i marmi originali) scegliendo un tavolo che fosse loro coevo e che, al tempo stesso, “dialogasse” con le nuove finiture: serramenti interni e zoccolini, entrambi in tinta creme.
Questa tinta è stata richiamata nella verniciatura delle gambe, che in origine erano cromate.

L’acciaio a vista è rimasto su bordo tavolo e maniglia del cassetto, che sono stati lucidati e risagomati (la maniglia aveva infatti subito delle ammaccature nel tempo), belli nella loro imperfezione vintage.
Ad accompagnare il tavolo, due sedie di recupero (anche esse scovate da Retrò – visibili nel primo post di Aprile 2014), lasciate nelle condizioni vintage originali.

Il risultato è un’atmosfera intima e ovattata, giocata sulla delicatezza delle tinte pastello, creme, grigio acciaio e azzurro…dal gusto retrò non solo nelle forme ma anche nella conservazione del piano originale, in formica!
E per il decòr, washi tape per “disegnare” un’immaginaria tovaglietta da thé e accessori vintage (post sugli washi tape nel mese di… 2014)!
Ma come era prima il nostro tavolo?!
Ve lo ricordate?! Tutto ruggine e poco più!

Se avete bisogno di un ripasso, rivedete i post del 10 Marzo e 17 Marzo 2014!
Per consigli o informazioni, ci trovate, come al solito anche su Facebook (www.facebook.com/retroanddesign) e alla mail Retrò: retroanddesign@tiscali.it!

18 Settembre 2014 / / Architettarte

Girovagando su Etsy, da folle innamorata della carta, mi sono imbattuta in questi lampadari origami che mi sono piaciuti veramente molto…voi che ne dite?
Sono disponibili in varie dimensioni e sfumature di colore ma il total white ha sempre il suo fascino discreto!

tutte le immagini sono prese da qui
La loro pagina facebook: Studio Snowpuppe

Bye 

18 Settembre 2014 / / Decor

Birex_Acqua e Sapone

ACQUA E SAPONE – MOBILE LAVANDERIA COMPONIBILE – BIREX
design Monica Graffeo
Pensile in filo e panca laccato Rosso rubino O 241. Colonna Olmo Cacao
L.80 P.70 H.191 cm

Che lo vogliamo o no, ci sono ambienti della nostra casa che è necessario frequentare assiduamente. Si tratta di quegli ambienti, adibiti a più funzioni contemporaneamente, come ripostigli, garage, cantine, bagni secondari, nei quali poter avere cura delle nostre cose, organizzare gli spazi in cui ci muoviamo quotidianamente: lavare, stirare, riporre in ordine abiti e scarpe. Insomma, di questi ambienti, non si può proprio fare a meno. Talvolta, non se ne riesce a uscire. E se non è sempre piacevole lavare, stirare e ordinare, di sicuro può sempre essere piacevole, confortevole e ben arredato il posto adibito a queste funzioni.

Del resto, cosa rende bella e accogliente una casa? Un patio soleggiato? Un soggiorno comodo e spazioso? Un bagno personalizzato con gusto? Certo, ma troppo spesso si tende a dimenticare l’importanza di ambienti di servizio, più umili forse, eppure non meno funzionali e abitudinali degli spazi canonici della casa. L’azienda Birex propone soluzioni di arredo versatili, con particolare attenzione al comfort, ad un design destinato a non passare di moda e alla qualità dei suoi prodotti.

Birex_Acqua e Sapone

ACQUA E SAPONE – MOBILE LAVANDERIA COMPONIBILE – BIREX
design Monica Graffeo
Basi e mensola Olmo Bianco
L.160 P.70 H.89 cm

 

 

La Birex ha appunto fatto di questa qualità il suo punto di forza; i suoi mobili sono:

  • Resistenti all’acqua e all’umidità
  • Ecologici (i pannelli utilizzati sono realizzati con legno riciclato)
  • Testati (durata e resistenza sono certificati dai rigorosi test Catas)
  • A prova di graffi (finitura sand antigraffio realizzata con laccatura all’acqua)
  • 100 % italiani (tutta la filiera produttiva è al 100% italiana)
  • Garantiti (massima efficienza nei servizi commerciali e di assistenza tecnica)

 

Uno degli ambienti della casa preferiti della Birex è senza dubbio la lavanderia, per cui l’azienda ha realizzato vari arredi: lavatoi, idroboxAcqua e Sapone, un progetto di design calibrato sull’evoluzione delle abitudini contemporanee, firmato Monica Graffeo. Come suggerisce il nome, il progetto è ispirato tanto alla quotidianità di questo spazio di lavoro quanto alla semplicità confortevole di un ambiente lavanderia informale e discreto ma non privo di personalità, grazie alla possibilità di arredarlo con accessori ideati per fornire risposte innovative anche alle esigenze più specifiche.

Birex_Acqua e Sapone_blog.designdingegno_2

ACQUA E SAPONE – MOBILE LAVANDERIA COMPONIBILE – BIREX
design Monica Graffeo
Panche e porta lavatrice Olmo Corda. Basi laccato opaco Grigio Polvere O 69.
Piano con lavatoio integrato in PietraLux.
L.260 P.50/70 H.126,6 cm

La bellezza di questa linea è nel suo concept di contenetori funzionali e ripostigli di design allo stesso tempo; la linea Acqua e Sapone di Birex è costituita, infatti, da mobili che si presentano come contenitori dei comuni e spesso antiestetici elettrodomestici quali lavatrice, asciugatrice, ferro da stiro e dei relativi piani di lavoro e di appoggio, ma allo stesso tempo li nascondono una volta che gli sportelli vengono chiusi. In questo modo, entrando nella stanza, quando gli sportelli sono chiusi, l‘ambiente si presenta ordinato e confortevole, facendoci dimenticare che siamo in lavanderia, ma in una zona living a tutti gli effetti.

In definitiva, ci si trova spesso a trascorrere del tempo nella propria lavanderia, dunque perché non arredarla in modo da renderla efficiente, originale e piacevole da vivere?

Redazione e Contributi: Heidi Bovini, Chiara Borsini.

18 Settembre 2014 / / Coffee Break

Sono dedicate alla clientela non solo più esigente ed attenta alle tendenze contemporanee ma anche legata all’iconografia giapponese di manga, fumetti e cartoon l’esclusiva collezione di superfici ceramiche di Del Conca ispirate al mitico LUPIN THE 3rd, il ladro gentiluomo.
Cool, dalle linee e dai colori decisi, declinata in tre differenti decori, la collezione coinvolge e ritrae tutta la banda: oltre al mitico ladro gentiluomo, protagonisti sono anche la splendida e conturbante Fujiko (o Margot, come la conosciamo in Italia), i fidi compari Goemon con la sua katana, l’abile pistolero Jigen, e l’immancabile quanto sfortunato ispettore Zenigata.


_________________________

CAFElab | studio di architettura


18 Settembre 2014 / / Brigi Co.De. House

Quando non si lavora si sogna ad occhi aperti e così il week end scorso che sono stata impegnata fuori casa ho iniziato a pensare come concretizzare il progetto di restyling della camera degli ospiti ed ho steso la mia lista dei desideri.
Ho deciso che i nanetti Kartell da li non se ne vanno, li ho comprati per quella stanza e il mio cuore mi dice che li devono rimanere. Dovrò declinare le immagini d’ispirazione che vi ho mostrato in modo più pacato. Ho deciso che i letti saranno ridipinti in un bianco grigio come le porte e gli zoccolini con copripiumini in lino grezzo candido ed etero come quello di Bodie and Fou  compretati con i cuscini Maya e la coperta static bed cover di Ferm Living. Sopra uno dei due letti addossati alla stessa parete vorrei mettere gli stikers Arrow sempre di Ferm Living e per le abatjour vorrei le  Cone wall lamp nere di Atelier Areti ai due lati del letto. Infine in un angolo vicino alla finestra appenderei le decorazioni in cartone a forma di stelle di Bodie and Fou per dare un tocco di magia e poterle vedere dal cortile durante una serata innevata oppure sedersi sul davanzale della finestra a leggere un libro sotto le stelle.
Tre scaffali della Cubit poco profondi appesi al muro tra i due letti sarebbero un perfetto comodino e i nanetti danno un tocco di colore al tutto.
18 Settembre 2014 / / Dettagli Home Decor

dettagli home decor
L’autunno si avvicina ed è ora di pensare alle diverse soluzioni che ci permettono di rendere più “green” gli spazi interni delle nostre abitazioni.

E’ noto a tutti che stare a contatto con la natura porta nell’uomo grandi benefici, sia fisici che psicologici, e grazie all’innovazione tecnologica oggi possiamo creare delle vere e proprie aree verdi anche all’interno di case, uffici e spazi commerciali. 
La tendenza che si sta sempre più affermando, soprattutto nelle città, è quella di installare delle pareti verdi verticali, così, l’azienda danese D&M ha sviluppato KAROO, un interessante prodotto con il quale possiamo realizzare delle pareti vegetali senza richiedere l’intervento di un esperto.  

dettagli home decor
Karoo è un kit pronto all’uso, un semplice sistema modulare e di design pensato per adattarsi ad ogni ambiente indoor & outdoor. Qualsiasi sia lo spazio a vostra disposizione, Karoo può essere installato in orizzontale oppure in verticale e consente di creare diverse composizioni creative e originali. L’elemento di base misura 40×40 cm e può contenere 9 piantine racchiuse in un tessuto, studiato per prolungare il fascino di questi quadri vegetali. In collaborazione con DCM, è stato sviluppato uno speciale terreno ideale per applicazioni verticali, arricchito con concime organico. Karoo è un prodotto ecologico, i moduli sono realizzati in HDPE, plastica riciclata e sono disponibili in grigio scuro e bianco. 
Estremamente facile da costruire e facile da smantellare, Karoo è perfetto in ogni stagione: in estate si può collocare in giardino o sul balcone e durante l’inverno è possibile portarlo in casa.

dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
Karoo è un passo importante verso una nuova cultura del verde sostenibile


Per maggiori informazioni



dettagli


18 Settembre 2014 / / Non Solo Arredo

Protagonista di oggi su NonSoloArredo è Flexform, azienda della provincia di Monza e Brianza che ha dato inizio alla sua attività di semplice mobilificio negli anni ’70 evolvendosi poi in azienda rinomata per la creatività raffinata delle sue proposte d’arredo: questo grazie alla collaborazione dei più famosi designer, con nomi quali Cini Boeri e Antonio Citterio.

Oggi Flexform è conosciuta in Italia e nel Mondo per i suoi divani isola, imponenti e confortevoli ma soprattutto modulari: permettono di accostare diversi elementi, anche di forme e misure differenti, per combinare il divano a misura del proprio spazio. Il tutto con la qualità riconosciuta del Made in Italy, dal design all’approvvigionamento di materiali fino alla manifattura.

Flexform
non è però solo imbottiti versatili con collezioni molto articolate, che includono anche pouf, poltrone e dormeuse, perché si occupa anche della zona notte e della zona giorno.
Molto apprezzate sono ad esempio le collezioni living con tavoli e tavolini e le creative proposte dei sistemi contenitori e librerie.
Le prospettive sono tutte pensate per adattarsi alle esigenze arredative ed abitative più disparate, secondo una filosofia molto ben definita che scommette sulla sperimentazione di nuove forme creative e nuove tecnologie senza per questo dimenticare la tradizione artigiana.

L’industria dell’arredamento italiana ha in Flexform una punta di diamante fortemente radicata nel territorio ma in grado di espatriare con successo, avendo già raggiunto 75 paesi nel mondo con i suoi shop in shop ma soprattutto con ben 14 flagship stores.

ShareThis

18 Settembre 2014 / / ArchitettaMI

Buongiorno amici di ArchitettaMi! Eccomi nuovamente sul blog dopo una lunga pausa estiva.

Tante cose sono avvenute in questi mesi, tante nuove collaborazioni stanno nascendo e cercherò di tenervi aggiornati sui vari eventi.

Tra queste ci saranno due nuove ristrutturazioni in centro a Milano. In entrambe i proprietari sono giovani coppie e, mentre stiamo ragionando sui nuovi spazi da dare alla casa, la mente sta già volando verso i nuovi arredi.

Naturalmente non sono solo un architetto, anche io ho una famiglia e dei figli, quindi posso benissimo capire quali sforzi e sacrifici ci sono dietro all’acquisto di una nuova casa. Quindi propongo ai miei clienti, non solo a chi mi contatta online, ma anche a chi mi sceglie per seguirli fino alla direzione lavori, soluzioni che siano sì belle, ma soprattutto accessibili.

Ormai sono più che noti i siti in cui si può acquistare l’arredamento a prezzi vantaggiosi. Ma c’è un sito dove il design è veramente il protagonista e dove la filosofia non è quella di farti lo sconto sull’arredo che in quel momento hanno in promozione. MADE.COM è differente! E vi spiego meglio il perché.

MADE.COM opera solo on-line quindi elimina tutti gli intermediari presenti nel processo di produzione e distribuzione collegando i consumatori direttamente con i designer ed i produttori. Agenti, importatori, magazzini e negozi vengono quindi eliminati permettendo una riduzione significativa dei costi che MADE.COM reinveste garantendo al cliente un design di qualità ad un prezzo accessibile.

Questo modello di business innovativo consente inoltre di risparmiare tempo: MADE.COM è in grado di lanciare due nuove collezioni ogni settimana diversamente dagli standard di settore.

In parole povere: MADE.COM produce direttamente gli arredi e i complementi (si spazia dal letto alla lampada, dall’arredo per gli esterni ai quadri), i prezzi sono accessibili perché voi comprate direttamente dalla fabbrica, la qualità è altissima perché MADE.COM investe sul prodotto. Pensate che le collezioni vengono prodotte in tutto il mondo, tra cui in India i tappeti, in Italia la pelle e nel Regno Unito il mobile imbottito.

MADE.COM è davvero un marchio rivoluzionario, non solo perché ha cambiato le regole del settore dell’arredo con il suo modello di business innovativo, ma anche perché è social. I clienti vengono coinvolti direttamente nel processo di sviluppo del prodotto, con periodici sondaggi attraverso canali social media e la pagina dedicata al voto sul sito (crowdsourcing), danno il loro feedback su quali prodotti vorrebbero vedere realizzati, oltre a fornire opinioni su tessuti, forme e colori. Quindi siete voi consumatori che state decretando il successo di questo marchio nato nel 2010 e che attualmente ha raggiunto numeri strepitosi.

Adesso che dovrò consigliare l’arredamento a queste due giovani coppie avrò l’imbarazzo della scelta. Inoltre qual è una delle stanze più vissute della casa e quella che ci rappresenta maggiormente? Il living naturalmente. E qual è l’arredo più significativo di questa stanza? So che state rispondendo in coro: il divano! Bene aprite bene le orecchie, o sgranate bene gli occhi in questo caso: su MADE.COM settembre è il mese del divano!

Cosa vuol dire? Che per tutto settembre potrete acquistare divani e poltrone con uno sconto del 15% e in più avrete il ritiro e lo smaltimento gratuito dell’usato. Quindi anche chi non deve arredare una casa nuova, ma è semplicemente stufo del suo vecchio divano e vuole provare la qualità di MADE.COM, può scegliere tra le tantissime proposte che troverete sezione divani.

Naturalmente non possono mancare i pezzi che io preferisco:

Divano Yoko, per chi ama il design sobrio e minimale;

Divano Vittorio, dal design contemporaneo, per chi vuole rilassarsi e sentirsi coccolato;

Divano Ritchie, per chi sogna lo stile un po’ retro, ma anche con un pizzico di ironia come il modello con i bottoni arcobaleno.

Adesso immaginiamo insieme un soggiorno e vediamo quanto ci viene a costare.

Ho scelto:

divano Vittorio grigio perla, essendo il pezzo più grande ho preferito un colore chiaro;

poltroncina Ritchie giallo ocra, per un tocco di colore;

tappeto Mogul, uno stile in apparenza sobrio, ma in realtà spiritoso in quanto riprende un genere di tappeto noto in tutto il mondo;

tavolino Range, linea rotonda perché mi piace che non ci siano spigoli ad altezza gamba;

lampade Alfred, perché non può mancare il tocco glam!

Calcolatrice alla mano: poco più di 1.600,00 €. State facendo un ottimo acquisto!

Spero di avervi stuzzicato e soprattutto fatto conoscere l’azienda che prossimamente non potrà mancare nelle vostre case.