22 Settembre 2014 / / My Ideal Home

22 Settembre 2014 / / My Ideal Home

22 Settembre 2014 / / My Ideal Home

  • manic monday: creative inspiration board
22 Settembre 2014 / / Design

Le aziende specializzate nel termoarredo hanno da tempo compreso la necessità di riconvertire i propri campionari ripensando interamente il processo produttivo, il quale per dar luce a prodotti che sappiano essere concorrenziali deve tenere in alta considerazione anche l’aspetto estetico e del design.
In tanti ormai non si accontentano più del semplice radiatore per riscaldare ambienti come il bagno: vogliono anche che sia funzionale e bello, dando tocchi di personalità agli ambienti.

Antrax, un’azienda veneta della provincia di Treviso, ha tradotto in oggetto concreto il progetto del designer Victor Vasilev: si tratta di un radiatore dalle linee estremamente pulite e realizzato in alluminio riciclabile.
Alla base del progetto sta l’idea che il classico calorifero a piastra viene spesso “deturpato” dai supporti coi quali gli si appendono accappatoi o salviette per trovarli caldi al momento dell’utilizzo: Flaps, come indica il nome stesso, integra questa funzione perché la sua piastra liscia diventa una linea spezzata dove si aprono le mensole inclinate, proprio come i flaps di un aereo, e pensate per contenere le spugne da tenere in caldo.

La sua alta efficienza termica (anche grazie alla poca acqua necessaria) rende Flaps una accattivante idea per l’arredo bagno: disponibile anche, per chi volesse, nella versione elettrica, Antrax ne garantisce la realizzazione in ben 200 varianti di colore, proprio a riconferma della sua centralità all’interno di una filosofia concettuale ed estetica.

ShareThis

22 Settembre 2014 / / Coffee Break

Il Cersaie 2014, inizia oggi;  l’edizione di quest’anno, la trentaduesima ormai, si annuncia interessante per il crescente numero di espositori e per le novità presenti. Accanto ai tradizionali settori di riferimento, quest’annoci saranno nuovi prodotti e nuovi ambiti da esplorare: caminetti, stufe in ceramica, cucine piastrellate e produzioni realizzate utilizzando materiali come legno, pietre naturali, marmo, resine, vetro, fibre naturali e rivestimenti in carta…insomma, una svolta importante per quanto riguarda lo zoccolo duro della manifestazione, che continua a essere il punto di riferimento per le produzioni in ceramica.

Dove, come, quando:

Dove: Bologna – Quartiere Fieristico

Quando: 22-26 settembre 2014

Orari: da lunedì a venerdì 9-19
Per info, programma e biglietti omaggio: www.cersaie.it

Via Cosedicasa


_________________________

CAFElab | studio di architettura


22 Settembre 2014 / / La Tazzina Blu

Questo post nasce da una riflessione che continuo a fare in questi giorni…
Mi sono ritrovata spesso a guardarmi intorno per cercare il segreto del successo, non dal punto di vista della fama ovviamente, ma dal punto di vista della riuscita…E ho scoperto che la semplicità spesso è l’ingrediente fondamentale per raggiungere qualsiasi obiettivo.
E’ una forma mentis che tutti dovremmo adottare, che si tratti di una ricetta, dell’arredamento della propria casa, della scelta dell’outfit per un colloquio, della grafica di un sito, la semplicità è il segreto che rende sempre tutto migliore.
Credo che “Keep it simple” diventerà il mio nuovo motto 🙂

(via VTWonen)
(via Domino)
(via VTWonen)

(via Pinterest)

Vi auguro una settimana all’insegna della semplicità… 🙂

22 Settembre 2014 / / Decor

L’estate è finita, ma la scorsa settimana ho fatto in tempo a realizzare un piccolo progetto per il mio giardino che volevo assolutamente allestire in vista della prossima primavera. Vi ricordate la piccola anteprima che avevo postato su Facebook? Questi erano gli indizi…

Summer is over, but last week I finally built a small project for my garden that I absolutely wanted to set up for next spring. Do you remember the little preview I posted on Facebook? These were the clues…

Non era difficile da capire vero? Ho costruito una griglia per rampicanti, per creare una parete che mi desse un po’ di privacy in un lato del mio giardino che era esposto agli sguardi dei vicini. Poichè lo spazio da coprire era troppo grande, l’ho dovuta realizzare su misura, ma non è stato difficile: è bastato comprare delle piccole travi e una grata estensibile in legno, e avvitare tutto insieme. Una mano di impregnante per esterni, ed ecco il risultato! Nel vaso ho piantato due clematidi, piante sempreverdi che non necessitano di troppe attenzioni e vanno bene per le pigre come me. Non vedo l’ora che crescano e che fioriscano! E con l’occasione ho fatto anche un piccolo restyling dell’area coperta del giardino, che finalmente ho il coraggio di mostrarvi 🙂

It wasn’t hard to understand, was it? I built a grid for climbing plants, to create a wall that would give me a little privacy in a side of my garden exposed to the eyes of neighbors. I had to custom it because the space to be covered was too big, but it has been not so difficult: I just had to buy small beams and a wood extensible grate, and screw everything together. A coat of primer for outdoors, and here’s the result! In the pot I planted two clematis, evergreen plants that don’t need too much attention and are perfect for lazy girls like me. Can’t wait for them to grow and blossom! I also made a little restyling of the covered area of my garden, so now I finally have the guts to show it to you 🙂


Photos by T h e P e p p e r m i n t L a n d

22 Settembre 2014 / / Coffee Break


_________________________

CAFElab | studio di architettura


22 Settembre 2014 / / Luxemozione

Link all’articolo originale: IYL2015 intervista a Mokoto Ishii, signora del lighting design
articolo scritto da: Chiara

Kabuki Theater Mokoto Ishii

Buon lunedì a tutti, l’articolo di oggi è il terzo dedicato alla promozione dell’International Year of Light (IYL2015), volto a spiegare perchè è importante partecipare attivamente a quest’evento, è un’occasione unica per consapevolizzare il grande pubblico sull’importanza del lighting design. “La luce non è solo fisica, è design, arte , vita… e vogliamo che anche tutti gli altri lo possano comprendere” questo raccontavano nella scorsa intervista Sharon Stammers e Martin Lupton. Vediamo il punto di vista di Mokoto Ishii, famosa lighting designer giapponese; buona lettura!

Motoko Ishii, la signora del lighting design, modello di riferimento per tutti I professionisti e per l’intero settore dell’illuminazione, non solo per il talento straordinario, l’eleganza ed il design accorto, ma anche per la sua passione ed il suo carisma.

I lavori della Lighting Designer giapponese si dipanano in un vasto range d’applicazione, dall’architettura, al paesaggio fino alla dimensione urbana, in Giappone, come in tutto il mondo, usando il colore, la simbologia e la tecnologia quali strumenti al servizio della gente.

Dopo la laurea, conseguita a Tokyo presso l’Università Nazionale di Belle Arti e Musica, ed a seguito dell’attività di designer di prodotto in Europa, nel 1968 fonda il Motoko Ishii Lighting Design Inc.; studio di lighting design tra i primi del settore, insignito con numerosi premi nazionali ed internazionali.

Durante la sua lunghissima carriera, ed ancora oggi, Mokoto Ishii contribuisce in modo attivo, attraverso il lavoro quotidiano di progettazione e l’attività di docenza, a consolidare la consapevolezza dell’importanza del Lighting Design.

Qua sotto alcune immagini dei fantastici lavori della lighting designer giapponese:

E’ inoltra presidente del Inter Light Forum fondato con lo scopo di analizzare la luce nelle sue applicazioni interdiscpilinari, oltre a presiedere vai comitati quali il consiglio del Ministero del Paesaggio, Infrastrutture e Trasporti. I’Inter Light Forum è inoltre membro fondatore di L-RO Lighting Related Organizations, già dopo il primo meeting svoltosi durante il Light&Building di Francoforte nell’Aprile del 2014.

Con questa breve intervista, Mokoto Ishii ci racconta il suo punto di vista, a supporto del ruolo i L-RO nell’organizzazione dell’International Year of Light 2015 ed incoraggiando i colleghi a partecipare al Call for Ideas ormai vicino alla chiusura.

(LX)Cosa significa il IYL per te?

(MI)La luce ha a che fare non solo con la scienza, ma anche con l’arte e la religione. Credo sia fondamentale per stimolare un’ampia consapevolezza su questo argomento.

(LX)Per quale motive ti sei unito al Lighting Related Organizations (L-RO)?

(MI) L’Inter Light Forum, che rappresento, ha lavorato su diverse attività interdisciplinari riguardanti la luce come cultura, non solo come tecnica. L-RO condivide gli stessi principi; per questo motivo abbiamo deciso di unirci al L-RO ed ampliare il nostro continuo impegno.

(LX)Secondo te, quali sono I vantaggi che L-RO può portare al settore del Lighting?

(MI)Per render il pubblico consapevole della grandezza ed efficiacia della luce dobbiamo portare benefici a tutto il settore che ruota attorno alla luce.

(LX)Qualè il caposaldo di L-RO per IYL2015 che preferisci?

(MI) Sono interessata d’arte e di interazione pubblica. Per condividere l’arte non solamente come arricchimento della singola cultura, ma anche come risorsa di creatività per “qualcosa di nuovo”.

(LX)Credi che la partecipazione delle “lighting related people” al call for ideas indetto da LRO per IYL2015 sia cosa importante ? Perché?

(MI) E’ cosa molto positiva che così tante persone coinvolte nel settore dell’illuminazione prendano posizione. Credo questo possa portare buoni frutti per il futuro.

Quindi perchè non partecipare all’International Year of Light 2015? Vi ricordo che la scadenza del Call For Ideas indetto da L-RO è prorogato al 29 settembre, manca poco affrettatevi!

Puoi ripubblicare i contenuti di questo articolo solo in parte e fornendo un link all’articolo originale.
Link al post originale:IYL2015 intervista a Mokoto Ishii, signora del lighting design
Copyright © Giacomo Rossi.

22 Settembre 2014 / / Idee


Avete una festa da preparate, poco e tempo e budget limitato?
Tranquille! 
Basta comprare un paio di rotoli di carta crespa (li trovate a 1.50/2.00 l’uno) un paio di forbici ed il gioco è fatto!