6 Ottobre 2014 / / News

Oggi giusto giusto due righe per lasciarvi un indizio…

Di cosa parlerà il prossimo post?!
Avete capito?!
Se non vi basta, date un’occhiata agli altri indizi!
Dove?
Su Instagram e Twitter!
Già, perché Retrò è “sbarcato” su nuovi pianeti (per ora è un novellino!)…dove troverete ulteriori contenuti, immagini e idee volanti, oltre ad altre immagini che sveleranno il prossimo post.
Scegliete dove sbirciare e supportate Retrò cliccando QUI —>>>>
o, come di consueto…
Non ci sono scuse per non seguire

E per consulenze d’arredo, richieste, consulenze architettoniche o per due chiacchiere: retroanddesign@tiscali.it
A presto! 🙂

6 Ottobre 2014 / / Non Solo Arredo

Con quasi quarant’anni di esperienza nel settore, Profilpas è oggi leader nella produzione di battiscopa e di profili in metallo e PVC per la posa di pavimenti e rivestimenti in ceramica, marmo, moquettes, parquet e pavimenti laminati.

Durante il Cersaie 2014 che si è appena concluso, l’azienda ha presentato tutte le ultime novità, a partire da Profilpas Design, la nuova serie di listelli, profili e battiscopa dedicati appunto al mondo del design e dell’architettura. Una linea tutta giocata sugli accostamenti cromatici per creare nuove possibilità di decorazione: gli elementi in acciaio inox cromato e alluminio anodizzato vengono proposti in una vasta gamma di colorazioni che vanno dal nichel al bronzo rame, passando per il titanium, il brown e il dark brown.

Fanno parte della gamma Profilpas Design anche la serie M Design di profili per angoli esterni e di raccordo tra pavimento e rivestimento, studiati per definire la ceramica con tagli netti, e la serie C Design di listelli decorativi impreziositi da cristalli Swarovski, che esalta esalta la luminosità delle linee rendendo ricercato qualsiasi ambiente.

[Profilpas Design]

 

Il bagno è al centro anche di altre nuove proposte Profilpas, a partire dalle canaline per doccia a filo pavimento Slim Drain e Smart Drain: un prodotto che risponde alle ultime tendenze dell’interior design e che risulta perfetto per installare una doccia a filo pavimento, per un bagno caratterizzato da linee pulite ed essenziali, senza alcuna barriera fisica. E poi Glass Profile, la linea di profili in acciaio inox espressamente studiata per i box doccia ed ideati per l’inserimento di pareti di separazione in vetro a pavimento con pendenza al 2%.

[Smart Drain]

Ma le proposte di Profilpas non si esauriscono, naturalmente, con i prodotti legati al bagno. Tra i prodotti più innovativi dell’azienda vi è la tecnologia PDS (Profilpas Digital System), un sistema di stampa digitale  che permette di realizzare ogni tipo di decoro per i profili top. La speciale pellicola applicata sui profili in alluminio riproduce fedelmente il disegno, i colori e le venature del pavimento desiderato. Con la tecnologia PDS possono essere personalizzati anche i nuovi battiscopa in pvc per pavimenti in LVT (Luxury Vynil Tiles) e legno laminato, incollati o flottanti. I battiscopa in pvc resistono ai liquidi aggressivi, non assorbono acqua, non contengono formaldeide e sono resistenti agli urti.

[Battiscopa in PVC ricoperto con tecnologia PDS]

A completare la panoramica sulle ultime proposte di Profilpas, ecco Unisystem Plus, il sistema professionale di profili per la posa di parquet flottanti la cui innovativa clip di fissaggio permette una posa semplice e veloce, facilitando anche l’eventuale rimozione: è sufficiente una semplice pressione sulla base in alluminio per fissare il profilo top garantendo una perfetta stabilità dimensionale.

[Unisystem Plus]

Ed infine la nuovissima linea di battiscopa luminosi Iceberg Collection che definiscono le pareti grazie ai punti luce verticali e, allo stesso tempo, sfruttano il riflesso del pavimento grazie alla presenza di un secondo punto luce orizzontale.

[Iceberg Collection]

Per saperne di più su tutta la gamma di prodotti Profilpas clicca qui!

ShareThis

6 Ottobre 2014 / / Luxemozione

Link all’articolo originale: Chase the Dark 2014: Italians do it better
articolo scritto da: Giacomo

Chase the Dark 2014

Giovedì scorso 2 ottobre si è svolto Chase the Dark, evento internazionale organizzato da IALD –International Association of Lighting Design , che quest’anno, per la prima volta, ha coinvolto anche noi italiani.

Chase the Dark è una sfida internazionale in diretta, che quest’anno ha coinvolto 18 gruppi di lighting designer: professionisti di tutto il mondo che hanno messo in luce le proprie idee, live su Twitter, nell’arco di 24 ore; partendo dall’Australia, passando per Londra, Milano, Atene e per finire negli Stati Uniti.

Quest’anno l’evento era un po’ diverso dalle passate edizioni, più complicato se vogliamo, ma molto più interessante: si trattava di realizzare un apparecchio d’illuminazione,  partendo da un modulo LED fornito dallo sponsor ACDC Lighting e da un foglio di carta in formato A1.

Chase the Dark era un’occasione a cui, davvero, non potevamo mancare , per sentirsi un po’ più coinvolti nella comunità di lighting design internazionale, e dimostrare a tutti cos’è l’italian style!

Al Chase the Dark Italy, che si è svolto presso le magnifiche sale della Cascina Cuccagna qua a Milano, hanno partecipato circa 30 persone che, dalle 19 alle 20, hanno tagliato, colorato e creato. E poi shooting e live su twitter a condividere il proprio lavoro con il resto del mondo, senza dimenticare #IALDChasetheDark #ItaliansDoitBetter

Ma davvero noi italiani l’abbiamo fatto meglio degli altri? Io dico di sì!

Qua sotto qualche scatto della serata…

…e degli oggetti creati.

Allora che ne dite?

Un gruppo di lavoro d’eccezione, composto da designers della luce dipendenti ed indipendenti, che è doveroso ringraziare per la magnifica serata.

GRUPPO chase the dark 2014

Grazie dunque a tutti i progettisti presenti:

Alessandra Quadrio, Chiara Carucci, Chiara Castellarin, Claudia Giacomobello, Daniela Blondet, Daria Casciani, Daniela Tava, Diego Brognara, Emanuele Ferrari, Eugenia Marcolli, Federica Frigo, Gaetana Cannito, Giacomo Rossi, Giovanni Liotta, Giulia Gobino, Gloria Cancellieri, Helena Gentili, Luca Rostellato, Mara Villa, Marco Redaelli, Monica Cozzi, Michele Osnaghi, Romano Baratta, Tommaso Zarini, Vedrana Mujezinovic, Susanna Antico.

Un ringraziamento speciale a:

IALD ed in particolare ad Emma Cogswell, projects manager di IALD UK;  ACDC Lighting, sponsor ufficiale e Arkilux, distributore di ACDC per l’Italia, che hanno reso possibile la realizzazione dell’evento.
Ai fotografi ufficiali della serata NDPhotoMilano, aka Manuel Pistoni e Andrea DeGennaro.

E naturalmente al collettivo Italian Lighting Designers, per aver coordinato l’evento Chase the Dark in Italia.

Puoi ripubblicare i contenuti di questo articolo solo in parte e fornendo un link all’articolo originale.
Link al post originale:Chase the Dark 2014: Italians do it better
Copyright © Giacomo Rossi.

6 Ottobre 2014 / / Cappello a Bombetta

Quando si sceglie la palette per l’arredamento di casa troppo spesso si tende a restare sul sicuro, per paura di sbagliare e di creare abbinamenti azzardati … eppure con un po’ di gusto e di audacia si possono sperimentare palette più inusuali, dall’ effetto sorprendentemente elegante e sofisticato. Non ci credete? Allora perchè non prendere spunto da queste immagini?

Often we do not risk choosing the safer road to decorate home, we are really afraid of wrong combinations!  But with taste and a little bit of courage it is possibile to test some inusual palettes, with a very strong and elegant effect. Don’t you believe? Take a look!

Met Melk & Suiker

9Lives

SfGirlByBay

Shiso

Poppytalk

Emily Henderson

Design To Inspire

Skonahem
New Zealand Design Blog

6 Ottobre 2014 / / Creative & Ordinette

Hello there! This year’s autumn palette to me is neutral grey with leather and dark cherry, burgundy touches. I find those combinations timeless and extremely elegant. some colors never go out of fashion and to me fashion is not about fanatically following trends but following my personal taste. It may sound a little bit pretentious but I am partly influenced by trends, although even the most indifferent person in the world, when it comes to fashion trends inevitably gets inspired by them. Hope you enjoy and have a great day!

More…..

Autumn leaves 

Autumn rug, kilim 
 Perfect grey 

Leather sofa and fur cover 

Burgundy 

Having an autumn chat….. 

Grey and leather, vintage shoulder bag, my favorite ever  
 Les feuilles d’automne ….. 

This will be my autumn and winter uniform this year….. 
6 Ottobre 2014 / / Design

dettagli home decor
Volo Green di Altamarea Bathroom Boutique
prodotto ecofriendly dell’anno 2013 ai Green Dot Awards

Volo Green, la collezione bagno 100% ecosostenibile creata dall’Arch. Paolo Zanetti di Imago Design per Altamarea Bathroom Boutique, si aggiudica il primo premio nella categoria ‘prodotti’ ai Green Dot Awards, il prestigioso riconoscimento internazionale che premia l’eccellenza nella responsabilità ambientale. La giuria ha selezionato i vincitori tra migliaia di prodotti provenienti da oltre 25 paesi.
La collezione Volo Green è interamente realizzata in PaperStone®, un materiale estremamente resistente, composto esclusivamente da carta e cartone riciclati amalgamati a resine naturali. Volo Green rappresenta una risposta al desiderio sempre più diffuso di coniugare in un unico prodotto l’eleganza dello stile e l’attenzione per il dettaglio con il rispetto per l’ambiente. 

I Green Dot Awards™ si impegnano a premiare e promuovere le imprese più lungimiranti che creano prodotti o servizi nel rispetto dell’ambiente, e le proposte green più rivoluzionarie.
Oltre ad essere un autorevole riconoscimento internazionale, i Green Dot Awards sono anche una guida al consumo per l’eccellenza nelle pratiche ecosostenibili. Un’azienda insignita del Green Dot Award è degna di fiducia da parte dei consumatori con uno sguardo attento sull’ambiente Il Green Dot Award riconosce alle aziende che i propri prodotti e servizi sono fabbricati e distribuiti in modo eco-friendly.

dettagli home decor
dettagli home decor
Altamareaè il brand di collezioni per l’ambiente bagno di Arrital Spa e si distingue da sempre per l’appassionata ricerca dell’unicità e per la curiosità verso i nuovi materiali, preziosi ed innovativi, che trasformano l’arredo bagno in un prodotto originale ed esclusivo del know-how artigianale Made in Italy. Tale vocazione, sempre più radicata, per la sperimentazione e per la progettualità ha elevato Altamarea a punto di riferimento per tutti i designer del settore.
Oggi, il brand continua a crescere nel mercato nazionale ed internazionale, forte della profonda passione di chi ha contribuito e contribuisce a rendere il suo nome un sinonimo riconosciuto di raffinatezza, qualità ed originalità.


dettagli


6 Ottobre 2014 / / Idee

In questi ultimi giorni mi è capitato di sentir molto parlare di angolo cottura, cucine non abitabili, piccole cucine. Spesso si storce il naso pensando a un angolo della casa stretto e scomodo dove per cucinare bisogna fare lo slalom tra cassetti e spigoli.
In realtà non c’è bisogno di avere una grande cucina per avere uno spazio comodo e bello!Basta davvero poco per trasformare un elemento “negativo” della casa, in uno dei suoi punti forti!! 
Non siete convinte? 
Guardate alcune delle soluzioni proposte e vi ricrederete! 

Una Parete ben attrezzata può essere un’ottima soluzione per tenere a portata
di mano alcuni degli utensili da cucina e risparmiare spazio!
Fantastica l’idea di “appendere” vasetti con spezie e piante aromatiche!

Vi piacciono questi accessori?
Li trovate su 
ikea.com.

Soluzioni semplici e ottime per risparmiare spazio! come? date un occhiata su ikea.com!
Quando le dimensioni della cucina non rendono possibile l’inserimento di una tavolo, un’ottima soluzione 
è un piano d’appoggio realizzato “a mensola”, ideale per la colazione!
http://www.pinterest.com/pin/197595502373312891/
Se la cucina dà sul salotto molti tentano di “mascherarla” e dargli poca visibilità.
In questo caso si è deciso invece di renderla il punto di forza della casa, evidenziandone lo spazio
con un colore deciso delle pareti!
http://www.pinterest.com/pin/197595502374055494/
Ideale soprattutto se avete mobili chiari è la parete lavagna! 
Oltre a dare un tocco giovane alla cucina e avere uno spazio in cui appuntare liste della spesa, 
frasi, cose da fare e per i più piccoli uno spazio dove “pasticciare” con i gessetti
(e diciamocelo, un ottima soluzione per tenerli occupati mentre si cucina!).
Parete di mattoni a vista, piano d’appoggio in cemento grezzo e dettagli in acciaio
 per una cucina che punta sui materiali.
designsponge.com
A volte basta poco per trasformare la propria cucina!
http://www.pinterest.com/pin/149533650103070352/
http://www.pinterest.com/pin/406590672582472252/
http://www.pinterest.com/pin/149533650103095635/
http://www.pinterest.com/pin/149533650103095633/
http://it.pinterest.com/pin/272256739946665434/
Una cucina che punta sui materiali, con parete in mattoni a vista e piano di lavoro in cemento grezzo.
http://it.pinterest.com/pin/559290847447780802/
http://it.pinterest.com/pin/49258189647191499/
Stoviglie barattoli e accessori a vista, mobili bianchi e vimini per una cucina Country.
Pareti bianche, marmo e quadri alle pareti per un look Black & White di classe.
6 Ottobre 2014 / / Decor

Questo post è una piccola guida che vi aiuterà a rinnovare casa senza sostituire i vecchi mobili e senza spendere troppo.

Quando avete preso casa le spese che avete dovuto affrontare erano davvero tante e non vi sono rimasti molti soldi per arredarla? I mobili che avete provengono dalle case dei parenti o erano in super offerta ma non si abbinano fra loro?
Sappiate che siamo tutti sulla stessa barca, ma con qualche piccolo accorgimento anche la nostra casa potrà diventare più bella e accogliente.
La parola chiave che dobbiamo tenere sempre a mente è OMOGENEIZZAZIONE. E come facciamo a rendere più omogeneo un ambiente pieno di mobili tutti diversi? Attraverso il COLORE
Si ma in pratica cosa vuol dire? Adesso ve lo spiego, anzi vi do proprio una lista delle cose da fare.
Nella prima fase l’obbiettivo sarà quello di omologare l’ambiente e trasformarlo in un unica tela bianca su cui lavorare. Non spaventatevi se alla fine di questa fase la vostra casa sarà più anonima di un ospedale; nel secondo step penseremo a come renderla accogliente.
  • Scegliete una stanza da cui cominciare e togliete tutti gli arredi di piccole dimensioni come cuscini, vasi, quadri, tende e tappeti.
  • Dipingete le pareti di un unico colore, meglio se bianco. Il bianco è una base perfetta quando i mobili non sono perfettamente abbinati, sta bene con tutto e se un giorno comprerete dei mobili colorati non sarete costretti a dipingere di nuovo.
  • Adesso è il momento dei mobili. Scegliete alcuni mobili, i più belli, da tenere così come sono, dei pezzi in legno per esempio. Per tutti gli altri mano ai pennelli! Dovete farli tutti dello stesso colore, un colore neutro, come bianco, beige o grigio. Se avete un pezzo colorato che vi piace particolarmente potete anche tenerlo.
  • Visto che ci siete controllate se è il caso di cambiare la disposizione della stanza per renderla più funzionale o semplicemente per aggiungere ancora un po’ di novità.

Bene, ora siamo pronti per passare alla seconda fase, che ci servirà a rendere lo spazio più caldo, accogliente e personale attraverso il colore.
  • Scegliete uno o due colori (non di più) con cui decorare la vostra casa.
  • Inserite in casa solo decorazioni dei due colori che avete scelto e, se l’insieme risulta troppo pesante, alcune di colore neutro. Per decorazioni intendo tende, quadri, tappeti, soprammobili, cuscini ecc. Reinserite le cose che avevate prima solo se rispondono a questi criteri.
A questo punto la vostra casa sarà irriconoscibile!
Ora tocca a voi. Avete dubbi? Domande? Oppure lo avete già fatto? Raccontatemelo nei commenti.
6 Ottobre 2014 / / Coffee Break

In una ex fabbrica di nylon lo studio Kove ha ricavato un loft molto attuale; i colori sono minimali, bianco anche sulle strutture in cemento a vista, grigio per i pavimenti in resina e nero per arredi, strutture in ferro e soffitti. all’esterno, in mattoni a vista, è stata ricavata una piscina.

Via Kove


_________________________

CAFElab | studio di architettura


5 Ottobre 2014 / / Architettarte

Che ne dite di usare un cesto come lampadario? Semplice e d’effetto!
via web