28 Ottobre 2014 / / Hugs and Violence

Oggi sono in vena di sedie. Il mio tavolo Ikea è da quattro persone e ho avuto la fortuna di ricevere in dono quattro sedie anni 50 in sky imbottito semplicemente perfette. Ma un giorno avrò bisogno di un
tavolo per almeno sei commensali quindi mi mancano due sedie.
Adoro le sedie spaiate, mescolate e diverse, e accanto alla tanto agognata Plastic Side Chair di
Charles & Ray Eames mi piacerebbe un sacco una Mannequin di Iker.
Imbottita e trapuntata con cuciture dalle forme originali sarebbe perfetta nella mia zona dining.
Date un’occhiata.

La mia vita è un’unica e continua lettera a Babbo Natale.

Emily

28 Ottobre 2014 / / Architettarte

Con l’arrivo dell’autunno nella mia regione si preparano dei dolci fatti con il mosto e l’anice che sono una delizia per naso e palato! Ogni forno ha la sua ricetta e le varianti non sono poche. Io quest’anno ho deciso di sperimentare realizzando filoni, ciambelle e fette con la pasta madre e il mosto prodotto con la mia uva…una vera bontà che mi ha fatto decidere per la pubblicazione della ricetta. 
Vi avverto che la mia pasta madre è in coltura liquida e non un panetto solido e il tempo di lievitazione per questi dolci è di circa 24 ore.

Ingredienti:
250 gr di mosto (da uva cornetta)
125 gr di Pasta madre in coltura liquida
80 gr di zucchero di canna (in alternativa 125 gr di malto di riso)
1 uovo di campagna
60 gr di olio extra vergine di oliva leggero
25 gr circa di semi di anice
500/600 gr di farina tipo 1 (quantità variabile, necessaria per ottenere un impasto omogeneo e non appiccicoso)



Ho iniziato raccogliendo l’uva (ho una sola pianta ma mi regala tante soddisfazioni) e producendo il mosto con la centrifuga. Ho poi bollito il succo, filtrato e lasciato raffreddare (questo passaggio è importante e serve per non far fermentare il succo). 
Ho rinfrescato la Pasta madre e dopo 5 ore circa ho impastato tutti gli ingredienti. 
La farina l’ho messa alla fine; la quantità necessaria varia in base al resto degli ingredienti. Partite con 500 gr e aggiungete farina fino ad ottenere un impasto morbido ma lavorabile.
Ho messo il tutto a lievitare per circa 7 ore. Trascorso questo tempo, ho sgonfiato e impastato ancora la massa per una decina di minuti. Ho messo a lievitare in un contenitore lontano da spifferi e correnti d’aria per tutta la notte (ideale nel forno spento)! La mattina verso le 9 ho ripreso il tutto, sgonfiato e impastato ancora e poi ho formato le ciambelle e i filoni. Ho lasciato lievitare altre 6/7 ore circa fino al raddoppio. Ho acceso il forno a 180° e raggiunta la temperatura ho infornato per 45 minuti, fino a completa doratura. Sono passati tre giorni e sono ancora soffici!!!

Il giorno successivo, una volta che si sono freddati per bene, potete affettarli e tostarli in forno a 100°per farne dei biscotti deliziosi.

La soddisfazione di aver fatto praticamente tutto da soli non è quantificabile e il profumo che invade la casa…decisamente indescrivibile!
…aggiungete mandorle intere all’impasto e una volta che i filoni sono freddi tagliateli a fette e tostateli…una goduria!!!
28 Ottobre 2014 / / Creative & Ordinette

I am always in the mood for decorating and upcycling. The next upcoming project will be a beautiful vintage mirror that I would like to repaint and bring to a new life. I do not know when I will be able to do it and when exactly will I find the time, but I am here to announce my good intentions. Here are some nice and inspiring DIY wall art ideas that I found on the web. The red heart is so romantic, with that back tate of naif touch. The nice phrase embroidere on the jute is just so lovely and easy to realize. Just pick up a pice of jute, needle and thread, and choose a nice phrae to fix on the fabric. And what about the framed died botanicals? They are just the perfect frames for a fall living room. Let the artist within you come out! Have a great day!

28 Ottobre 2014 / / BlogArredamento Aziende

I mobili in legno sono per eccellenza i più legati alla tradizione, quelli che da secoli arredano e impreziosiscono le nostre case. Spesso associato a stili classici o country, questo materiale è stato ampiamente rivisitato, soprattutto nel corso dell’ultimo anno.
Il Salone del Mobile dello scorso aprile ci ha fatto riscoprire i mille usi del legno, proponendoci arredi in cui questo nobile materiale è protagonista assoluto, plasmato in forme scultoree e modellato in linee inedite: una rilettura resa possibile dall’impiego delle ultime tecnologie in fatto di falegnameria, e dal genio visionario di molti designer.Mobili design in legno: tavolo Carioca con basi in legno massello di noce canaletto
Oggi più che mai design fa rima con legno e a dimostrarcelo sono aziende come Miniforms e Cattelan. Si tratta certamente di due linguaggi estremamente differenti e destinati ad un pubblico dai gusti decisamente diversi, ma con una cosa in comune: la conoscenza approfondita del mezzo e la volontà di reinterpretarlo attraverso mobili di design in legno ricercati, moderni, eleganti ed informali al tempo stesso.

In queste collezioni la versatilità la fa da padrone, siamo noi a decidere che veste dare al mobile attraverso i complementi e l’arredo circostante, attraverso il colore delle pareti ed oggetti decorativi caratterizzanti.
Cattelan ha fatto sua un’estetica basata su un’eleganza dal sapore squisitamente borghese, con ambienti raffinati, illuminazione e decorazioni grandiose. Allo stesso tempo il mix di materiali tradizionali (legno) e moderni (metallo, ferro, legno) permette di inserire gli arredi in ambienti di qualsiasi stile.Mobili design in legno: il tavolo Skorpio con piano in legno  e basamento in acciaio.Mobili di design in legno: tavolo Domino con gambe a effetto "ventaglio".Tra tavoli, credenze, consolle e complementi per la casa, assistiamo a collezioni in continuo divenire, sempre attente alle ultime tendenze ed al contempo fedeli alla tradizione.Mobili di design in legno: credenza Arabesque  ad effetto intarsiato.Mobili di design in legno: credenza Oxford con ante in legno e struttura laccata.Se ci dovessero chiedere dove risiede quella marcia in più che rende un mobile in legno anche un mobile di design, risponderemmo semplicemente con una parola e un’immagine…anzi due.
La parola è: OSARE. Le immagini le vedete qui sotto.Mobili di design in legno: consolle TourMobili di design in legno: mensole Pendola

28 Ottobre 2014 / / Idee

Sicurezza in casa, ne parlo tanto ma non ho mai approfondito l’argomento..rimedio subito.
Quattro anni fa, io e il mio compagno, avevamo appena finito di ristrutturare la “casa nuova”, nessun programma genitoriale all’orizzonte, arredo casa come pare a me, non mi preoccupo di un’eventuale figlio, ci penserò poi.
Quel poi, arrivò (arrivarono) 8 mesi dopo, trasformando le nostre vite e la nostra casa….
Se la casa è stata costruita e arredata sapendo già dell’arrivo del bebè  o progettata in maniera da apportare modifiche necessarie, siete ad un buon punto di partenza, ma se così non fosse ci sono degli accorgimenti per avere una casa confortevole e sicura.
A prova di bambino.
Se vostro figlio/a frequenta abitualmente anche la casa di nonni o zii, è bene che anche loro adottino misure di sicurezza adeguate. 

10 regole per mettere in sicurezza l’ambiente domestico a prova di bambino da 0 a 6 anni

IN GIRO PER CASA..

1- le prese elettriche

Le case di recente costruzione o con un impianto elettrico nuovo,sono dotate di dispositivo salvavita, ma questo comunque non deve farvi stare tranquilli.
In tutta la casa, nelle prese basse, inserite i pratici ed economici copri-prese.
Alcune aziende li fanno piccoli così sono quasi invisibili e i bambini non ne vengono attirati, ma dovete stare attenti quando le staccate, a non lasciarli in giro per evitare che il bambino possa trovarle (e loro hanno il metal-detector per i pericoli) e ingerirle.

2- spigoli 

Qualsiasi tipo di spigolo che si trova ad un altezza pari o inferiore di 100 cm: del mobile, della libreria, del camino, del tavolinetto, del tavolo ecc.. Va coperto con gli appositi paraspigoli angolari.
E’ vero che i bambini sono di gomma, che devono imparare a stare attenti e bla bla..ma voi perdere 10 anni di vita per le prime 25 cadute. Se avete tavolini bassi o il rivestimento del camino con tutto il bordo a spigolo vivo e non arrotondato, potete mettere dei profili in gommapiuma o in materiale espanso per attutire le cadute dei primi passi. 



3-mobili “instabili”

Se avete vetrinette e piccolo mobilio leggero  dove i bambini potrebbero (e lo faranno) arrampicarsi tirandosi dietro tutto il mobile,  fissatele al muro oppure in commercio esistono delle cinghie anti-ribaltamento pratica ed economiche. Si possono fissare anche sui televisori.



4-porte e finestre

Arriveranno alle maniglie delle porte e delle finestre prima di avere tutti i denti e il rischio che si schiaccino le mani è alto. Prima di tutto togliete tutte le chiavi, potrebbero riuscire a chiudersi in una stanza (possibilissimo) o potrebbero prenderle per “giocarci” e poi nelle porte che hanno un passaggio frequente conviene fermarle con fermaporte stabili, in modo che siano sempre aperte e i bambini non riescano a chiuderle.
Le finestre poi devono essere sempre chiuse!!! Potete usare degli ulteriori sistemi di bloccaggio a patto che siano facili da aprire per gli adulti in caso di emergenza. 


5- Le scale e non solo

Se in casa avete delle scale occorrerà metterle in sicurezza, posizionando all’inizio e alla fine dei cancelletti di sicurezza. I cancelletti poi sono comodi anche per delimitare una stanza della casa.
Potete posizionarlo all’ingresso della cucina in modo da limitare l’ingresso del bambino alla cucina, oppure delimitando la zona living in modo da lasciar liberi i bambini di giocare in uno spazio già definito, che avrete messo in sicurezza. 
IN CUCINA
6-ante e cassetti

Tutte le ante e i cassetti della cucina, che contengono cibo, materiali fragili come stoviglie in ceramica e vetro, posateria e utensileria varia e prodotti per la pulizia, va assolutamente messo in sicurezza. Così come il forno. Se dovete acquistarlo esistono, ormai con grande reperibilità, i forni con lo sportello termico. 
Anche se il forno sta cuocendo a 250° lo sportello sarà freddo. Non tiepido, ma freddo. 
A seconda del tipo di aperture che avete, mettere appositi blocchi di sicurezza in tutte le basi della cucina.




7-sicurezza fornelli

Il pericolo delle scottature è elevatissimo. 
Fortunatamente esistono queste paratie che impediscono ai bambini di toccare le manopole del gas, le pentole bollenti e il fuoco stesso.
IN BAGNO



8-pulizia e detergenti 

In bagno si concentra la nostra scorta di detersivi, per la lavatrice e per la pulizia, cosmetici e igiene personale. Dobbiamo toglierli dalla portata dei bambini.
Mettere tutto dentro (se ce l’avete) un mobile con ante che andrete poi a chiudere con i blocca ante, oppure riporre in una mensola in alto. I bambini adorano le cose colorate, e il packaging di questi prodotti sono davvero invitanti, e spesso anche il loro profumo. 

9- tappeti e tappetini

Il tappeto davanti il lavabo e/o davanti la doccia, dovranno avere l’antiscivolo per evitare che il bambino inciampi cadendo.
Nella doccia e/o nella vasca, anche se avete le vaschette apposite, mettete un tappetino antiscivolo.
I tappeti tutti, sembrano innocui..non è così. 
10- lo scopino

Chi non è ancora genitore non lo sa..ma quell’oggetto per i bambini è come una calamita e non so perchè. 
Ovviamente è pericolosissimo in fatto di malattie e infezioni quindi l’unica cosa che potrete fare è toglierlo o comunque nasconderlo.
Ultimi consigli:
 Incollate sulla porta del frigo o dove volete voi ma ben in vista due fogli importantissimi: 
Numero verde del centro antiveleni e del reparto di pediatria più vicino a voi. Se avete un dubbio se vostro figlio/a ha ingerito qualcosa di non commestibile, chiamate!
L’altro foglio è il disegno delle manovre di disostruzione pediatrica. Vi consiglio di seguire un corso che ormai fanno, fortunatamente, in tutte le città e paesi, e di farlo conoscere anche ai parenti stretti che spesso si occupano del bambino. Se non potete seguire il corso ci sono ottimi video anche on line, clicca qui per vederne uno.  
Non possiamo proteggere i nostri cuccioli da tutto per quanto possiamo sforzarci, ma qualcosa dobbiamo pur fare, e piccoli accorgimenti eviteranno i piccoli/grandi incidenti domestici. 
Silvia
28 Ottobre 2014 / / Brigi Co.De. House

Io ho una passione per le case francesi. Non perchè siano diverse dalle nostre ma per come vengono valorizzare e decorate valorizzare. Rispettano, anzi esaltano, sempre le loro caratteristiche architettoniche e così ottengono interni dalla straordinaria armonia, al di fuori del tempo e delle mode e contemporanemanete estremamente contemporanee. Oggi vi presento un porgetto dell’architetto francese Marianne Evennou. Le immagini sono tratte dal suo sito dove potete trovare tanti altri suoi progetti.

Riconoscete le lampade? Ve ne ho parlato in altri post….

28 Ottobre 2014 / / Coffee Break

Un loft molto suggestivo, in posizione strategica fra i tetti di Parigi, recuperato con tocchi industrial, nella struttura in calcestruzzo riportata a vista, e forse un pò neorustico, con il pavimento in assi di legno grezzo.
Da non perdere l’affaccio privilegiato sulla Torre Eiffel!


Via DecorDemon


_________________________

CAFElab | studio di architettura


28 Ottobre 2014 / / Design

dettagli home decor
Per risolvere i problemi di spazio, il designer svizzero Fino Könneker ha ideato “Living Cube” una soluzione pratica, funzionale ed esteticamente bella.

Könneker ha pensato ad una soluzione per poter organizzare, in un unico ambiente, la sua camera, affidando il progetto all’amico Remo Zimerli che ha tradotto l’idea di Könneker nel Living Cube.
Il cubo con la sua struttura offre un ampio spazio per contenere ogni cosa. La piccola porta, con apertura a libro, è l’ingresso all’interno di una cabina armadio capiente e bene organizzata, intorno e nella parete più esterna del cubo si trovano invece tutta la sua collezione di dischi, il televisore e un appendiabiti. La scaletta porta al piano superiore del cubo, dove si trova la camera da letto, un ampio spazio dove potersi rilassare.



dettagli


Non dimenticate di iscrivervi alla nostra newsletter, sono in arrivo molte novità 
dedicate in esclusiva ai lettori dettagli
Cliccate il seguente link per compilare il form per l’iscrizione, grazie