5 Gennaio 2015 / / Idee

decorate with fairy lights, all year round / urban outfitters

5 Gennaio 2015 / / +deco

Photos by Elena Giavarini

5 Gennaio 2015 / / Architettura

#ProgettiCasaArredaClick è la formula magica da utilizzare sul vostro account Facebook per ottenere gratuitamente un progetto per arredare una stanza della vostra casa.

regalo-natale-arredaclickDa tempo il nostro Team 3D si occupa anche di progettazione interni. Basta compilare la scheda dedicata a questo servizio per acquistare un progetto personalizzato che i nostri architetti e interior designer realizzano su richiesta.
Per iniziare l’anno alla grande, per il mese di gennaio, vogliamo offrire questo servizio gratuitamente ad uno di voi, senza nessun tipo di obbligo di acquisto di prodotti su ArredaClick.

Come si può ottenere il progetto d’interni gratuito?

  • Scrivete sul vostro profilo Facebook la vostra richiesta, ricordandovi di inserire e utilizzare l’hashtag #ProgettiCasaArredaClick
  • Il nostro Staff monitorerà quotidianamente questo hashtag su Facebook e prenderà nota di tutte le vostre richieste
  • Il nostro Staff sceglierà la richiesta migliore e si metterà in contatto con il vincitore per acquisire tutte le informazioni necessarie per realizzare il progetto. Saranno richiesti dettagli come la piantina dell’ambiente; eventuali vincoli abitativi compresa la posizione di prese elettriche, tubi e muri portanti; stile e colori preferiti
  • A progetto concluso verrà inviato tutto il materiale al Cliente che potrà scegliere liberamente se mettere in opera il progetto e se acquistare gli arredi sul nostro portale e-commerce.
    Verrà inoltre creata una scheda prodotto dedicata che verrà inserita tra le altre nostre idee e soluzioni d’arredo.

Affinchè le vostre richieste siano visibili al nostro Staff è necessario utilizzare l’hashtag #ProgettiCasaArredaClick su Facebook e modificare la visibilità dello stato cliccando su “Pubblica”.
In questo modo si modifica esclusivamente la visibilità  di quel post, mantenendo invariate le impostazioni generali dell’account e la visibilità dei post pubblicati in precedenza e in seguito.

visibilità pubblica su facebook

I nostri architetti ed arredatori cercheranno di rispondere al meglio alla vostra richiesta, proponendovi soluzioni d’arredo personalizzate e adatte ad ogni vostra esigenza e spazio.
Cosa state aspettando? Correte a scrivere la vostra richiesta con #ProgettiCasaArredaClick sul vostro profilo Facebook!

5 Gennaio 2015 / / Architettura

domotica1Il più grande esperto di materiale elettrico online, Gianluca Bassi, ci spiega come accessoriare casa con tanti accessori elettrici: oggi parliamo di DOMOTICA !

La prima domanda che di solito mi fanno quando si parla di domotica è: “ma con la domotica posso abbassare insieme tutte le tapparelle di casa con un solo tasto?”

E la domanda non me la fanno solo nel negozio fisico ma anche e soprattutto nel mio store di materiale elettrico online.

La risposta che ovviamente è sì, e di solito la accompagno con un sorriso perché’ in realtà la domotica è ben altro e va ben al di là della chiusura delle tapparelle di casa che è forse una delle cose più semplici da realizzare in un impianto domotico. La domotica è davvero ben altro ma adesso cerco, con parole semplici di spiegarti cosa puoi realizzare.

Il sistema domotico non e’ altro che un impianto elettrico evoluto che permette di gestire il sistema casa con una serie di comfort aggiuntivi, non perdendo mai di vista il risparmio energetico.

Quest’ultimo infatti sta diventando sempre più un tema d’interesse generale oltre che un’esigenza per molte persone. Attraverso i sistemi domotici potrai difatti controllare istantaneamente il consumo di energia di ogni singolo carico (lavatrice, frigorifero ecc. ecc.) ed andare in questo modo a creare una serie di regole che moderino il consumo eccessivo di energia all’interno della tua casa.

(Es. Se c’è il forno acceso non far partire la lavatrice, se ho l’asciugacapelli attaccato, non far scattare l’interruttore generale ma spegni tutte le luci di casa).

domoticaOggi la domotica è prodotta da quasi tutte le aziende Leader nel settore elettrico. Quini Bticino con il sistema MY-Home la Vimar con il sistema BY-Me, l’Ave con il sistema Domina Plus e la Master con il suo sistema UNA. Tutte queste aziende alle quali per dovere di cronaca aggiungo Urmet, ABB e Gewiss (qualcuno mi perdoni se dimentico qualche nome) producono sistemi domotici che in pratica possono svolgere tutti le medesime funzioni, a differenza solo del sistema diverso di cablaggio. Ora mi sembra inutile stare qui a spiegare come si installa un impianto domotico, mi sembra invece più interessante farti capire a cosa serve e cosa puoi farci.

La prima cosa da precisare e’ che di solito il sistema domotico di un’azienda si integra perfettamente con il resto dell’impianto. Mi spiego meglio. Se scegliamo di fare un sistema domotico Ave, i comandi domotici possono essere montati accanto a prese ed interruttori Ave negli stessi supporti e quindi anche con l’utilizzo delle stesse placche di finitura.

domotica3I sistemi domotici odierni, ti consentono di gestire praticamente ogni parte elettrica della tua casa, dal tuo smartphone o da un monitor touch che puoi installare nel salone di casa tua.

Da questi due dispositivi, ma ovviamente anche dai comandi posti classicamente sulla parete, puoi avere tutto sotto controllo a partire appunto dalla gestione delle tapparelle a finire all’impianto di riscaldamento.

Ma vediamo tutto passo per passo: 

          TAPPARELLE E AUTOMAZIONE

Con i comandi per le tapparelle come già anticipato in precedenza puoi aprire e chiudere singolarmente le tapparelle o chiuderle/aprirle tutte insieme da un solo pulsante. Oltre a questa funzione esistono anche temporizzatori astronomici che regolano l’apertura delle tapparelle di casa a seconda dell’alba o del tramonto. Puoi quindi decidere di alzare tutte le tapparelle all’alba e farle chiudere al tramonto o regolare un orario in cui alcune tapparelle si alzano e altre restano chiuse e viceversa per dare l’impressione che ci sia sempre qualcuno in casa anche se in realtà non e’ così. Ovviamente tutto e’ tele gestibile dal tuo smartphone. In questa ottica, esistono anche mini impianti che ti consentono di aprire o chiudere il cancello di casa tua con uno squillo dal tuo telefono o con un semplice sms.

          ILLUMINAZIONE

Immaginiamo di avere degli amici in casa e di voler accendere tutte le luci nel soggiorno e nell’ingresso, possiamo farlo dal nostro smartphone con un semplice click. Ovviamente attraverso il tuo telefono o attraverso un semplice pulsante, puoi decidere di accendere o spegnere tutte o alcune luci della tua casa a seconda dello scenario che vorrai impostare. Ad esempio sei a letto e hai dimenticato le luci accese nel corridoio… Un click con il tuo smartphone ed eviterai di alzarti!

          domotica2TERMOREGOLAZIONE

La gestione della termoregolazione può essere impostata in maniera generale o per singole zone.

Attraverso il tuo smartphone o attraverso il Monitor di controllo puoi impostare la temperatura desiderata ora per ora o durante tutto l’arco della giornata. Puoi inoltre come dicevo prima , decidere di avere una temperatura diversa in ogni ambiente della casa. Non dimenticare inoltre che puoi accendere, spegnere e regolare l’impianto con un semplice click del tuo telefono e quindi anche se non sei in casa. Se per esempio sei fuori, stai per rientrare e vuoi trovare la tua casa già riscaldata…. Basta solo un click!

          VIDEOSORVEGLIANZA e ANTIFURTO

Anche qui il sistema domotico ci viene in aiuto, consentendoci non solo di vedere le telecamere dal nostro telefono, ma anche di gestire e integrare lo stesso con l’impianto di antifurto e videocitofonia. Applicando la domotica ad un impianto antifurto ad esempio all’attivazione dello stesso, tutte le luci si spengono e tutte le tapparelle (o quelle che desideri) si chiudono automaticamente e il sistema di termoregolazione va in modalità risparmio energetico.

DIFFUSIONE SONORA

Con lo stesso principio dell’Illuminazione, con l’impianto domotico potrai accendere e spegnere l’impianto sonoro dal tuo telefono o decidere la stazione radio da ascoltare o più semplicemente abbassarne o alzarne il volume, sempre dal tuo telefono o da una qualunque postazione di casa tua.

domotica4

          PREZZI

Devo Ammettere che questa e’ una delle domande che forse più interessano all’utilizzatore finale, ma una domanda alla quale rispondere e’ quasi impossibile…. Ci provo.

Innanzi tutto dipende ovviamente da ciò che si desidera realizzare. Un impianto per 5 tapparelle (ma solo le 5 tapparelle) può costare anche sui 300 euro per il solo materiale. Poi non esistendo limite a quello che puoi realizzare con la domotica, non esiste neanche un limite verso l’alto! Ho realizzato forniture domotiche anche di 20.000 euro (per una sola villa). Quindi a seconda delle tue esigenze la spesa può variare e anche di molto. Puoi comunque dirci cosa ti piacerebbe realizzare e ricevere un preventivo di massima J

Insomma con la domotica al giorno d’oggi puoi realizzare veramente di tutto e sbizzarrirti nella creazione di scenari di illuminazione. Sempre di più il mercato si sta rivolgendo a questa nicchia del materiale elettrico proprio perché’ i costi, sempre più contenuti, ti consentono una gestione della casa davvero completa anche in tua assenza.

Se hai altri dubbi o domande in merito o vuoi capirne di più o ancora hai argomenti da proporre, puoi contattarmi all’indirizzo di posta elettronica info@emmebistore.com o postare un commento sulla nostra pagina Facebook. Saremo a tua disposizione per ogni chiarimento!

{youtube}IrJzF8pHD18{/youtube} 

5 Gennaio 2015 / / Idee

Stanotte passerà la befana, il che vuol dire che le feste sono finite.

Un pò sono contenta in realtà, poco però..infatti i nanetti stanno male. Strano vero? Quindi il fatto che le feste volgono a termine non mi tocca molto, tanto dovranno stare a casa qualche altro giorno. 
Ieri ho deciso di fare il carbone dolce per la calza, così tanto per provare.
So che è tardi per pubblicare una ricetta per la calza (e il carbone  lo fai per la calza..o per cosa?) ma in realtà non pensavo nemmeno di poterlo pubblicare perchè l’ho fatto ieri pomeriggio tardi e credevo che ci sarebbero volute almeno 5-6 ore di raffreddamento, se non tutta la notte addirittura.
Bè in due ore totali me la sono cavata, quindi potete farlo anche oggi pomeriggio, in tempo per l’arrivo della Befanella!
OCCORRENTE
pentola larga con il fondo spesso in acciaio (o comunque non antiaderente) 
sbattitore elettrico o planetaria
termometro alimentare (opzionale) 
stampo plumcake o altra forma (per far raffreddare il carbone) 
INGREDIENTI
caramello
300 gr zucchero semolato
100 gr acqua
glassa
200 gr zucchero semolato
100 gr zucchero a velo
1 albume 
colorante
10 gr di alcool puro (io ho usato il rhum )
PREPARAZIONE

caramello

Iniziamo a preparare il caramello mettendo nella pentola 300 gr zucchero con l’acqua e lasciare sul fuoco (medio) finchè non bolle e il caramello diventa biondo ( deve arrivare a 141° ).

Questa operazione richiederà circa 10-15 minuti quindi nel frattempo facciamo la glassa.

glassa pronta
mani pronte

Montiamo con le fruste, l’albume con lo zucchero semolato, quando è bello gonfio aggiungiamo lo zucchero a velo poco alla volta e l’alcool. 

Infine il colorante fino ad arrivare alla colorazione desiderata…non è detto che vogliate fare per forza carbone nero per i vostri bimbi, potete farlo anche colorato.

pozione magica in fase di completamento
abracadabra..ecco che si gonfia!

Quando il caramello è pronto, abbassiamo la fiamma e versiamo all’interno la glassa.
Mescolate bene e lasciate riposare qualche secondo in pentola…ATTENZIONE…tutto quell’ammasso di zucchero e uova, si gonfia e potrebbe uscire dalla pentola (ecco perchè ci vuole larga e alta), lasciare riposare solo qualche secondo e poi spegnete il fuoco e versate il composto in uno stampo rivestito di carta forno a mettete a raffreddare.

Quando è freddo tagliatelo grossolanamente..e il vostro carbone è pronto!

bello e inquietante! 

Note.

Parliamo di questo alcool. La ricetta dice di metterlo ed è solo una questione di sapore, quindi potete usare anche la vodka. Io non avevo nulla tranne il Rhum e credo proprio che avrei dovuto metterne meno perchè ho un carbone molto “ubriaco”.
Non mi preoccuperei dell’alcool che in parte evapora, anche perchè con tutto questo zucchero!! 
Io l’ho fatto raffreddare in finestra in uno stampo da plumcake e in 1 ora e 1/2 era pronto, potete usare qualsiasi tipo di stampo.

Non avevo il colorante nero, ma solo blu e rosso..ho fatto un viola molto scuro, che una volta raffreddato è diventato un grigio con i riflessi viola..non male!!

Buona Befana!
Silvia

5 Gennaio 2015 / / Arredamento Perfetto

Apriamo il 2015 con un nuovo progetto d’arredo che ha come protagonista il colore blu.
Si tratta della ristrutturazione di un bivani anni ’60, al quale, in sinergia con un gruppo di architetti, abbiamo ridisegnato il layout delle stanze in funzione del progetto d’arredo suggerito dalla committenza.
Per realizzare un ambiente in stile moderno, con una sottile atmosfera romantica, rilassante, confortevole e accogliente, consultando la palette di colori a disposizone per tale scopo, la scelta migliore è caduta sull’utilizzo di diverse nuance di blu, dal cobalto al petrolio, e dei grigi, armonizzati con tocchi di bianco, glicine e malva.

La separazione della cucina dal soggiorno

Vista prospettica della cucina soggiorno moderna di colore blu

Sebbene l’ambiente è unico, una separazione virtuale è stata realizzata con l’uso della penisola che definisce la zona cucina/pranzo dalla zona giorno.
Ulteriore rimarcazione delle due differenti destinazioni dell’ambiente è fornita dalla disposizione dei divani e dall’uso del colore.

 

La dispozione e il colore della cucina

La cucina con penisola di colore blu petrolio e bianco separa la zona pranzo dal soggiorno

Per la cucina si è pensato di abbinare il bianco lucido dei pensili, per dare profondità alla stanza, al blu petrolio lucido delle basi.
Per il paraschizzi si sono utilizzate delle piastrelle multicolore molto piccole che richiamano tutti i colori della stanza e degli arredi.
Il frigo, di libera installazione, richiama il blu del mobile TV e della libreria.
Il tavolo da pranzo e le sedie sono laccati di colore bianco effetto seta.
Per i cuscini d’arredo delle sedie si è preferito utilizzare un rivestimento di colore malva tendente alla vinaccia, che ritroveremo nella carta da parati sia a fondo unico che nei particolari di quella con fondo grigio oltre che nei dettagli del tappeto della zona giorno.

La disposizione e il colore del soggiorno

Vista prospettica del soggiorno in stile moderno di colore blu

Dalla parte opposta si apre la zona giorno separata virtualmente dalla cucina da uno dei due divani il cui colore spezza con il colore blu finora utilizzato. Infatti i due divani sono di colore glicine tendente al malva per richiamare i complementi in stoffa dell’arredamento e la carta da parati.
La parete attrezzata porta TV ha la struttura bianca per allegerire l’ambiente, mentre le ante e i cassetti sono laccati blu cobalto Ral 5013 satinato. Il tavolino da salotto segue le stesse varianti di colore della parete, ma il piano in vetro laccato blu lo valorizza, attirando l’attenzione degli ospiti che saranno guidati verso la zona giorno.
Zona pranzo laccato bianco satinato e abbinato al blu e malvaA fare da sfondo al secondo divano è una grande libreria, con ante a vetro e telaio in legno, interamente laccata blu cobalto che mette in evidenza il design del divano mediante il contrasto blu/glicine.

Ad armonizzare il tutto, senza creare stonature, sono i pavimenti in grigio scuro tendente all’antracite, le carte da parati in grigio chiaro perlato con sottili particolari vinaccia, un grande tappeto con fondo chiaro e motivi malva, glicine, vinaccia, e tende grigio cenere.

  

Che ne pensi di questo progetto?
Cosa cambieresti?

5 Gennaio 2015 / / Idee

Quest’anno mi son spesso ritrovata a giocare con bimbi o chiacchierato con amiche e parenti in attesa dei loro piccoli.
Così oggi ho pensato che sarebbe stato carino fornire un po’ di immagini di nursery o se preferite cambrette per neonati, da cui prendere spunto in attesa che arrivi il bebè!

Sia che siate genitori desiderosi di sapere o no il sesso del nascituro, o solamente indecisi se dipingere le pareti di rosa o azzurro…le immagini che vi mostro puntano sui colori neutri, ideale come “base” per poi personalizzare come più vi piace la stanza!


Ora non ci resta che aspettare….l’arrivo del bebè! <3

5 Gennaio 2015 / / Decor

dettagli home decor
Creare oggetti décor in cemento è una delle tendenze del momento, oggi vediamo come creare lettere o numeri in calcestruzzo.

Prima di tutto munitevi di un sacchetto di cemento pronto all’uso che potete reperire in un qualsiasi punto vendita di bricolage. Stabilite quale dimensione dovranno avere le lettere e create con del cartone la relativa sagoma in 3D ricoprendo poi l’interno con del nastro adesivo. Ora preparate il  cemento al quale dovrete semplicemente aggiungere dell’acqua mescolando bene, poi versatelo all’interno di ogni sagoma. Per un risultato ottimale lasciate asciugare per almeno tre giorni.   
Trascorso il tempo necessario rimuovete il cartone dalle lettere e verificate che tutto sia ok.

dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
(immagini via mxliving)
Potete decidere di lasciarle grezze oppure potete colorarle

5 Gennaio 2015 / / Architettura

Una vecchia casa in sull’orlo della rovina nella campagna di Segovia, in Spagna è stata trasformata in un’abitazione in stile rustico ma moderno dall’architetto Anne Girod. 
La casa ha molto fascino e carattere, tutto il possibile è stato recuperato, sostituendo solo l’irrecuperabile. I suoi spessi muri in pietra e le travi in legno, sono stati riportati a vista, regalando luminosità e carattere allo spazio, dove sono mixati  con successo pietra e cemento lucidato.
Anche nell’arredo, la casa racchiude un mix di stile moderno combinato con pezzi tradizionali; l’immagine complessiva è arricchita da questa diversità estetica, acquisendo un’unicità contemporanea.


_________________________

CAFElab | studio di architettura