9 Gennaio 2015 / / Detail of Us

Partiamo positivi e non “pro-positivi” come lo scorso anno! Si, siamo certi di ciò che stiamo scrivendo, non é uno sbaglio. Dopo i mitici buoni propositi per l’anno 2014, diciamo che… non ne abbiamo realizzato o portato a termine nemmeno uno! 🙁 
Quindi, i nuovi buoni propositi sarà meglio tenerceli per noi 😉


Giusto per farvi sorridere, ecco a che punto siamo:


PRENDERSI CURA DI NOI

Ok, il McDonald’s é stato ridotto. Alla palestra non ci siamo nemmeno avvicinati, ma quei 2/3 mesi di corsa li abbiamo fatti. Parrucchiere? Da un salto annuale credo di essere passata a due e di aver fatto qualche giro per negozi 😉 Il viaggiare? Qualcosina in più del solito é stato fatto, ma ci sono grandi margini di miglioramento possibili! 


INIZIARE PROGETTI DA TEMPO PENSATI

Quasi pronto diciamo…


PORTARE AVANTI PROGETTO PORTICATO

I divisori frangisole sono stati sostituiti dai vasi con le siepine. Le panche nada. Cuscini nada! 


Comunque…ora siamo nel 2015 e iniziamo subito con una novità!
Nella nostra pagina Pinterest è stata creata una bacheca in più : We love IKEA kitchens – group board 
All’interno di questa nuova board troverete immagini di cucine Ikea con i relativi accessori e dettagli. Le fotografie sono nostre e di altri pinner Ikea addict 😉 Hai anche tu una cucina Ikea o la stai progettando?Vuoi far parte anche tu di questo gruppo? Scrivi a Live@ikeafamilylive.com !

Buon inizio weekend a tutti! 

9 Gennaio 2015 / / My Ideal Home

gray living (with a striped rug)

9 Gennaio 2015 / / Design


Il divano Bubble è stato un autentico punto di rottura nel mondo dell’interior design, perché ha saputo spiazzare tutti con le sue forme tondeggianti ed ispirate ai classici arredi ed al design italiano degli anni ’70, forme sulle quali sono state spruzzate tonalità di colore forti e decise.
Il suo esclusivo design è stato firmato da Sacha Lakic, designer francese di grande eclettismo perché si diletta anche nella progettazione di automobili elettriche e motociclette.

La sua particolarissima struttura a “palloncini” fa tutt’uno con il motto della prestigiosissima azienda che l’ha realizzato: parliamo di Roche Bobois, marchio di elevatissima qualità per l’interior design moderno.
Tale qualità naturalmente non si riflette solo nella progettazione, affidata a nomi di spicco dell’estetica contemporanea e che risulta in una collezione estremamente variegata, ma trova riscontri anche nei materiali scelti e nell’attentissima manifattura curata fin nei minimi dettagli.

Tornando al divano Bubble, scopriamo che è realizzato in un particolare schiumato a doppia densità montato su una struttura in legno, il che ne assicura la lunga durata e la robustezza ed al tempo stesso garantisce un confort inimmaginabile per un imbottito dalla linea così “estrema”.
Lo schiumato è ricoperto da tessuto Techno 3D, un esclusivo materiale ideato proprio da Roche Bobois, tanto geniale nell’intuizione quanto semplice nella sua struttura: ad un resistente jersey nero molto elastico e che mantiene inalterate le forme del rivestimento è stata sovrapposta tramite incollatura una lana lavorata a nido d’ape, proprio quella che permette di ottenere la stupefacente vivacità dei colori.

La personalità di Bubble è davvero molto forte ed esuberante, ce ne siamo resi conto ammirandolo di persona all’interno dello store Roche Bobois a Napoli, in Via Santa Brigida.
Abbiamo avuto anche la possibilità di provarlo, sedendoci e constatandone il grande comfort!
La boutique di Napoli inoltre ci ha offerto una interessante panoramica su tutti gli altri elementi di arredo di questo marchio del tutto speciale, che punta in maniera decisa non solo sull’esclusività di un design che può trasformare un appartamento in una galleria d’arte moderna, perché fa leva anche su processi realizzativi di elevatissimo livello tecnologico.
Non solo semplici mobili quindi, ma pezzi d’arte unici. Solo esplorando uno showroom Roche Bobois come abbiamo fatto noi ci si può rendere conto del carattere unico di simili collezioni!

ShareThis

9 Gennaio 2015 / / Arredamento Perfetto

Il verde è il colore della freschezza, dell’equilibrio e della stabilità.
Ricorda il colore della vegetazione, quindi rilassa, avvolge e infonde serenità.

I colori nell'arredamento: Le diverse tonalità di verdeNelle sue più svariate tonalità, è considerato un colore neutro, cioè nè caldo, nè freddo, ideale per creare ambienti luminosi e che evocano la natura.

Le pareti verde pastello rendono luminosi gli ambienti
fonte immagine

Le tonalità più chiare e i colori pastello rendono gli ambienti giovanili e freschi, mentre le tonalità più scure rendono gli ambienti più cupi.
 

Il verde scuro delle pareti rende cupi gli ambienti
fonte immagine

Nonostante la scelta del verde nell’arredamento sia legata alla visione classica del mobile, il verde trova largo uso nell’arredamento moderno e nel minimal style dove è principalmente accostato al bianco e al grigio. Le tonalità più utilizzate sono il verde mela, il senape che si colloca a metà strada tra il giallo e il verde, e il verde limone.

Il verde delle pareti e il rosso dei complementi rendono giovanili e freschi gli ambienti della casa
fonte immagine

Per creare ambienti giovanili e freschi al verde mela si accostano il rosso, il bianco e arredi in legno naturale.

Il divano verde e la madia bianco lucido donano luminosità alla stanza
fonte immagine

Nelle cucine si può accostare al bianco o al grigio creando un gioco di colore tra basi e pensili.
 

Il bicolore in cucina: verde e bianco lucidi
fonte immagine

Si può anche optare per una cucina tutta verde e spezzare con il colore delle pareti e del paraschizzi.

La cucina in verde lucido su sfondo grigio con basi e pensili stondati
fonte immagine

I complementi d'arredo di colore verde nella camera da letto
fonte immagine

Per chi ama il verde e lo desidera anche per la camera da letto, questo colore è principalmente usato per i complementi e per le pareti ed è accostato ad arredi di colore bianco e grigio.

La parete verde e antracite affiancate evidenziano l'eleganza del letto bianco
fonte immagine

 

Verde e arancio per la cameretta dei piccoli
fonte immagine

Nelle camere dei bimbi il verde brillante e le sue tonalità pastello sono ideali sia per le pareti che per gli arredi perchè evocano positività ed equilibrio. Si abbinano bene al giallo e all’arancio.

Per i più grandi è preferibile abbinarlo al bianco.

Il verde e il bianco per la cameretta dei ragazzi
fonte immagine

Il verde valorizza la zona giorno
fonte immagine

Nella zona giorno è scelto per il rivestimento degli imbottiti (divani e poltrone) o per la pittura di una o più pareti sulle quali poggiano gli arredi. 

Arredi e complementi verdi nella zona giorno abbinati al grigio dei divani creano un ambiente elegante e soft
fonte immagine

Per creare ambienti soft, i colori e i materiali preferiti da abbinare al verde sono il grigio, il nero e l’acciaio.

Non dimentichiamo che le tinte più scure di verde sono particolarmente usate nello stile country, mentre le tinte più chiare e pastello sono usate nello stile provenzale e shabby chic.

Altre ambientazioni che hanno il verde come tema dominante le trovi sulla bacheca Pinterest di Arredamentoperfetto-Consigli d’arredo dedicata a questo colore.

Che ne pensi del colore verde per arredare?
Cosa faresti in verde nella tua casa?

9 Gennaio 2015 / / Architettura

Buongiorno e ben ritrovati nel 2015!

State per leggere il primo post dell’anno, che mi auguro sia cominciato con il piede giusto per tutti voi. Quindi mettetevi comodi e iniziamo con la presentazione di uno degli ultimi lavori del 2014.
Questa si articolerà in più puntate, ognuna dedicata ad uno spazio…non perdetevele!

Il cantiere è ancora in corso (chi segue le “avventure” di Retrò and Design anche su Instagram o Facebook ha già avuto modo di vedere ogni tanto qualche immagine…); anzi “in corsa” per raggiungere l’obiettivo finale, che oggi iniziamo a mostrare.

Se vi siete persi quale fosse lo stato di partenza, lo trovate qui: un quadrilocale da ridistribuire per venire incontro alle esigenze della nuova proprietà, una giovane famiglia molto carina, con le idee già abbastanza chiare circa le proprie esigenze e il proprio gusto.
Amanti di uno stile moderno che potremmo definire “controllato”, ovvero senza eccedere nel minimalismo d’arredo, con qualche tocco più tradizionale qua e là.

Se nel post del “prima” vi avevo presentato la soluzione architettonica, ovvero come avevamo deciso insieme di ripensare l’appartamento, nel post odierno ci soffermeremo sulle scelte d’arredo.
Ogni passaggio è stato il frutto dell’ascolto delle esigenze di chi nella casa ci deve vivere (!). A me solo il compito di ascoltare e fare emergere il gusto personale, di dargli un’interpretazione e incanalarlo in una direzione chiara e coerente.

Come si è svolto il lavoro, per sommi capi?

Fase architettura
  1. Colloquio con i proprietari per capire e prendere nota delle loro esigenze
  2. Sopralluogo e rilievo
  3. Redazione di un paio di soluzioni diverse, per quanto concerne l’aspetto architettonico/ridistributivo
  4. Discussione e modifica della soluzione scelta, fino all’ottenimento del risultato tecnico e funzionale ottimale per i proprietari

Fase arredo

  1. Sopralluogo presso la “vecchia” casa, per fare un inventario di arredi/tessili e complementi da trasferire in quella nuova
  2. Valutazione di cosa conservare, modificare, lasciare
  3. Consulenza in corso di scelta di finiture e nuovi arredi
  4. Distribuzione degli arredi in planimetria
  5. Viste 3D
  6. Moodboard per gli ambienti richiesti, con consigli di stile e indicazioni precise su pezzi d’arredo, genere e marchio

In breve, ecco la planimetria d’insieme, che mostra come sono stati distribuiti gli arredi a nostra disposizione.


In quest prima “puntata” ci concentreremo sulla zona di ingresso (qui sotto una vista zoom).
L’idea di partenza è stata quella di caratterizzarla in modo significativo, renderla un “ambiente nell’ambiente”, uno spazio ben definito benchè senza partizioni (tramezze o arredi che la separassero dalla zona giorno).


È una situazione molto comune in quanto, se da una parte è piacevole disporre di una zona giorno ariosa e aperta, dall’altra si rischia di perdere il senso degli ambienti e di entrare in casa senza avere un luogo “filtro“, rischiando di rotolare sul divano o sul tavolo.
In questo caso si è potuto definire un ingresso piuttosto ampio, che ben si presta ad essere il “biglietto da visita” di questa casa, che vuole essere moderna, ma al tempo stesso intima e accogliente; a spazi aperti, ma al contempo raccolti.
Insomma, l’ampio ingresso merita di essere valorizzato!
Abbiamo scelto di caratterizzarlo utilizzando un deciso color rosso rubino sulla parete di ingresso, con il portoncino del medesimo colore, di modo che l’effetto fosse “a scomparsa”.
Tra l’altro, è piacevole l’effetto di contrasto con la scelta dei listoni in rovere spazzolato, trattato ad olio (quindi dall’aspetto molto naturale) e con il candore della parete libreria e del soffitto.
La parete rossa è messa in risalto, oltre che ben illuminata, dalla presenza di faretti a led incassati in un controsoffitto a cornice (solo perimetrale), a forma di “C”, che corre lungo le tre pareti che delimitano l’ingresso.

In particolare i faretti hanno anche la funzione di dare risalto e illuminare la zona libreria, che sarà attrezzata con una libreria di linea moderna, bianca, simile alla modulare “System” di Porro.
Da notare che, appena entrati, vi è una consolle in MDF laccato bianco (es. modello Brandani) a contrasto con il rosso porpora, che funge da appoggio e svuota-tasche, nonchè da base per complementi d’arredo e, soprattutto, di una bella abat-jour, che crei atmosfera a faretti spenti.
Cosa ne dite di una “Fontana” by Fontana Arte?
Oppure potrete trarre qualche spunto da un post precedente dedicato alle lampade da tavolo di design. Ce ne sono per tutti i gusti.
La parete di rimpetto a quella d’ingresso si rapporta con essa e contribuisce a delimitare lo spazio; questo effetto “dialogo” si ottiene riproponendo il medesimo color rubino.

Ci piaceva l’idea di creare un angolo lettura accanto alla libreria: così ho collocato una poltrona dal gusto tradizionale, una bergère dalle linee pulite, in tinta chiara (ci pensano già le pareti a dare carattere!), e una lampada da terra perfetta per la lettura perchè orientabile ed estensibile, come il modello Mara Floor Lamp.

Volendo, sempre a scomparsa poichè tono su tono, si può inserire una porta  del tipo Scrigno (ovvero scorrevole), a chiusura della nicchia realizzata nel progetto.
Questo espediente si rivela utile per inserirvi un vano guardaroba/scarpiera, adatto a riporre i cappotti nostri e dei nostri ospiti dietro l’angolo lettura.
In alternativa, non volendo chiudere la nicchia, resterà la parete rossa a far da sfondo a un piccolo mobiletto, che sia d’appoggio alla funzione lettura/relax.

Abbiamo così creato un punto focale piacevole, sul quale l’occhio si posa appena si entra in casa, che abbia anche una sua funzionalità. Certamente è un “di più”, ma data l’ampiezza dello spazio ce lo potevamo permettere 🙂
Fondamentale è il richiamo cromatico, che troveremo anche nella prossima puntata dedicata a questo progetto, per “legare” tra loro gli ambienti, specie quelli abbracciati dallo sguardo poichè aperti gli uni sugli altri.
Via libera, quindi, a vasi, svuotatasche, paralumi, tessili che riprendano i colori base qui proposti: bianco&rosso.

E ora vi lascio con la tavola moodboard, che raggruppa le soluzioni proposte.
Se avete domande, quesiti o richieste, non vi resta che andare nella sezione About&Contatti.
Anzi, colgo l’occasione per ringraziare quanti mi scrivono via mail per mostrare il loro apprezzamento o per chiedermi se posso trattare determinati argomenti: è sempre un piacevole stimolo e una sfida che, quando il tempo tiranno me lo consente, accolgo sempre ben volentieri!

9 Gennaio 2015 / / Architettura

Blair Harris Cobble Hill

Quello che ho subito amato in questa casa è stato il contrasto. La cornice nera delle finestre nella sala da pranzo, i pavimenti scuri, la cucina in bianco e nero completata da piastrelle subway, banco di legno come nelle macellerie e quel bel blu scuro …. E la piccola biblioteca sulla parete in combinazione con questa poltrona lounge in azzurro di Eames. Fresco e sofisticato.
Chi è Blair Harris ? – Lei è una designer d’interni con sede a New York nominata nel 2012 come uno dei ‘Designer da tenere d’occhio’ nel Top 10 di House Beautiful. Il suo stile è una combinazione di eleganza e modernismo classico e uno dei miei preferiti.

  • Blair Harris Cobble Hill
  • Blair Harris Cobble Hill
Blair Harris Cobble Hill
Blair Harris Cobble Hill
  • Blair Harris Cobble Hill
  • Blair Harris Cobble Hill

Photos: © Jessica Glynn

The post Blair Harris – Casa Cobble Hill appeared first on Nook Twelve.

9 Gennaio 2015 / / Interiors

Le vacanze sono passate ma ci è rimasta la voglia di montagna? Noi di Maydaycasa per colmare questo desiderio, e non potendo partire per luoghi innevati, abbiamo viaggiato con l’immaginazione e la ricerca d’interni montani. Caldi rifugi dove il legno è il protagonista sia in chiave moderna che tradizionale ma entrambi molto suggestivi…solo a guardarli sentiamo l’odore inconfondibile del legno e il calore del caminetto.

Fuori le temperature sono sotto lo zero ma dentro ci si scalda corpo e cuore..

mont-1mobilarte_bardonecchia-0009-copia_1328381308812294580_mt_ldiorio_070619_004
1308812301342_mt_studioericksaillet_100111_001e355c749957b096766dcca07874f5708santmoritz1_24_960x600
santmoritz1_42_960x600

Per chi ama gli ambienti più minimal, legno chiaro ed linee essenziali con caldi tessuti per scaldarsi.

Living-progetto arch.Gianluca Fanetti foto by Lorenzo Caroneultra-modern-alpine-mountain-chalet-1-540x368pecchio-casadavanzo-soggiorno1
Bagno-progetto arch.Gianluca Fanetti foto by Lorenzo CaroneAttic-Interior-Design-Small-Cottage-Sweet-Life-03rifugio-alpino-carlo-mollino
Loft di Montagna 8Holiday-rentals-Combloux-Mountain-chalet_1

 

Archiviato in:interiors design Tagged: boiserie legno, camino, casa di montagna, casa in legno, interior design


Prima di Natale vi avevamo proposto una moodboard sui toni freddi partendo dalla cucina Sistema 901 in legno con elementi laccati azzurro ceruleo. Oggi, con l’anno nuovo appena iniziato, abbiamo scelto un colore che ci porti un po’ di aria primaverile.
Cucina Sistema 901, divano Millau, tappeto Febe, composizione di librerie pensili Igea
Questa volta abbiamo scelto la cucina Sistema 901 in finitura legno nodato rovere fumo, con pensili e ripiani in laccato lucido giallo ocra.

sgabello-one-stoolLa moderna cucina è dotata di penisola che ospita fuochi, lavello e un angolo snack bar con due sgabelli di design One Stool.
Il rovere fumo propone una nuance del grigio che si abbina perfettamente all’ocra.
Divano, tappeto e parete attrezzata giocano con gli stessi colori: grigio, bianco e nero, quest’ultimo presente in cucina solo negli sgabelli.
Nella zona giorno il giallo viene utilizzato a piccole dosi, per dettagli e complementi. Veri protagonisti sono il nero e il grigio che agiscono da sfondo su cui è possibile giocare con pennellate di ocra, ma solo dove serve. La sobrietà e l’equilibrio premiano sempre, soprattutto quando si tratta di colori d’accento.

9 Gennaio 2015 / / Cappello a Bombetta

Questo mese di Gennaio porta alla Bombetta tante bellissime novità: prima di tutto sono una delle blogger ufficiali della mitica rivista Casafacile! Lo avete visto il badge ufficiale quì affianco vero?
Sto ancora gongolando, lo ammetto.
E poi, avete visto che squadra? Non posso essere imparziale in merito, e non farò nemmeno finta: le conosco personalmente e sono tutte STRAORDINARIE, ognuna a suo modo. Speciali.
Se siete anche voi fan della rivista ma sopratutto bloggers creative, amanti dell’interior decor e del craft potete partecipare per diventare anche voi blogger ufficiali CF: seguite tutte le istruzioni che trovate sulla rivista o a questo link.
In bocca alla Bombetta! 😉

In questo numero sono anche uscite le foto del workshop organizzato sempre da CF ( la rivista che non dorme mai!) , presso la CROFF di C.so San Gottardo a Milano. Ve ne ho parlato quì
Io e la mitica Elisabettà Viganò abbiamo allestito una tavola molto speciale …  voi che ne dite?

9 Gennaio 2015 / / Decor

Oggi prendiamo ispirazioni dalle idee di Darono: marchio 100% portoghese e 100% femminile!

Darono emerge dal rapporto di lavoro intenso tra tre società femminili, giovani e dinamici, in cui tre generazioni si applicano diverse prospettive per l’ideologia del marchio  e  rappresenta proprio l’unione tra le persone e la conoscenza, materiali e colori, idee e ispirazioni. 
Soprattutto, il legame tra passione e design, con la premessa “fatto a mano e Innovate” come concentrarsi sulla creazione di Home Fashion oggetti . 
Il nodo tra artigianale e innovazione la cui ispirazione viene da osservare diverse culture di tutto il mondo, le tradizioni, e gli elementi della natura, dà luogo al tocco più unico che il design può offrire. 
La creatività applicata nel processo di sviluppo di ciascuno dei pezzi ha dato alla luce elementi decorativi di personalizzare e creare ambienti accoglienti, libero e rilassato, la gestione che gli oggetti utilizzati ogni giorno hanno un tocco di design, sempre adempiere il loro ruolo di oggetti funzionali pur essendo pezzi di facile manutenzione.
I prodotti si distinguono  per originalità con particolari sempre innovativi con materiali diversi, ma che hanno come elemento fondamentale nella realizzazione di ogni singolo pezzo la propria fibra: un tessuto tecnico composto da poliestere e viscosa
Questo materiale ha come caratteristiche principali di essere antibatterico ed eco-friendly, contribuendo a rafforzare Darono preoccupazione per le questioni ambientali.
La tavolozza dei colori è estesa consente diverse combinazioni e lo sviluppo di pezzi unici e personalizzati adattata ai vari ambienti: sobrio, divertente, tranquilla, vivace, caldo, freddo,  tutti distinti.
Il nodo è solo l’inizio. Darono progetta senza limiti.

dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
Molti altri prodotti li trovate sul sito: www.darono.pt
Camilla Ricotti