9 Giugno 2015 / / +deco


Some of the beautiful cards I received for my birthday!

Alcuni dei bellissimi biglietti di auguri che ho ricevuto per il mio compleanno!

9 Giugno 2015 / / Design

Link all’articolo originale: Progettare il Progettista a Venezia, giro di boa per IYL2015
articolo scritto da: Giacomo

Progettare il Progettista a Venezia

Siamo al giro di boa di questo 2015 International Year of Light – IYL2015  e personalmente mi ritengo, tutto sommato, soddisfatto!

Insomma se una delle premesse era quella di esportare al di fuori della stretta cerchia della “lighting Industry”, la conoscenza del ruolo della luce quale elemento fondamentale parte della vita di tutti i giorni, del design degli spazi e, di conseguenza, dare valore al ruolo che noi lighting designer svolgiamo in seno al processo di progettazione, beh direi che (senza eccessi di ottimismo) un lumicino in fondo al tunnel si riesce finalmente ad intravedere.

Frutto di questa mio eccezionale ottimismo è legato al fatto che noi, qua in Italia (considerati da molti, soprattutto all’estero, un caso irrecuperabile ), non siamo stati assolutamente a guardare!

Si veda ad esempio il Light Ride Milano evento in bici che abbiamo organizzato a Marzo, volto a spiegare l’importanza dell’illuminazione progettata in ambito urbano, oppure Progettare il Progettista III edizione di APIL, sempre a Marzo e poi il concorso di idee Urban Ligtscape di cui vi ho parlato la scorsa settimana.

Non dimentichiamo poi che in autunno avrà sede a Roma il PLD-C Professional Lighting Design Convetion, evento internazionale a cui parteciperanno lighting designers e altri attori che gravitano attorno al settore del lighting provenienti da tutto il mondo!

E proprio su quest’onda d’entusiasmo APIL – Associazione dei Professionisti dell’illuminazione ha deciso di esportare Progettare il Progettista, conferenza che solitamente si svolge a Milano, anche in altre principali città italiane.

Prossima tappa del tour italiano di Progettare il Progettista sarà Venezia: il 19 giugno 2015 per la prima volta APIL terrà il Congresso nella splendida cornice dell’Isola della Certosa.

Progettare il Progettista a Venezia è parte degli eventi di International Year of Light 2015 promosssi da L-RO Lighting Related Organizzations

Sotto il motto “Contro la crisi servono professionisti efficienti, aggiornati e in forma!” si dibatterà di professione, di progettazione della luce e tanto altro.

Qua sotto il programma dell’evento.

Benvenuto

  • buffet di benvenuto 12:00
  • inizio registrazioni 13:30

Parte 1 : Metodologia e gestione dello studio

  • La gestione dello studio, spunti per una organizzazione più efficiente – Susanna Antico, Presidente APIL
  • L’importanza del lavoro in team e la relazione con l’architetto progettista. Case History e metodologie di progetto su alcune relazioni “virtuose” – Marinella Patetta – Metis Lighting srl, Socio APIL
  • Pausa caffè

Parte 2 : Pratica della professione: tecnologia e strumenti

  • Apparecchi a LED e curve fotometriche: come difendersi dai dati fasulli Giovanni Di Martino – Ufficio tecnico UL International Italia – UL
  • Tecniche di illuminazione museale: il Poldi Pezzoli, Milano Cinzia Ferrara – Studio Ferrara Palladino, Socio APIL
  • Chiusura lavori prevista per le ore 18:00

Per maggiori dettagli si rimanda all’articolo pubblicato su APILblog e alle indicazioni contenute nella locandina di Progettare il Progettista a Venezia

Progettare il progettista a Venezia è un evento organizzato da APIL Associazione dei Professionisti dell’illuminazione, con il supporto di Impresa Futura- società cooperativa sociale.

Patrocinio dell’Ordine degli Architetti Paesaggisti, Pianificatori e Conservatori della provincia di Venezia

E’ un evento sponsorizzato da: FLI-Formula Luci Italia, Luxia System, Folio Panel, L&L- Luce & Light , Arkilux e Claudio Scaroni Sales Management and Development.

 Insomma un evento a cui non si può mancare, dove dibattere di luce e di molto altro e dove confrontarsi con altri Lighting Designer o professionisti di settori diversi. Segnatelo in agenda!

Puoi ripubblicare i contenuti di questo articolo solo in parte e fornendo un link all’articolo originale.
Link al post originale:Progettare il Progettista a Venezia, giro di boa per IYL2015
Copyright © Giacomo Rossi.

9 Giugno 2015 / / Filò

Giugno è iniziato ormai da qualche giorno e ha portato una calura decisamente inaspettata… non so voi ma io sto davvero faticando, il caldo ormai lo tollero gran poco!
Sono rallentata in tutto, ovvio, anche nel condividere la cartolina di giugno!!!

Questo mese le parole sono di Francesco Dal Co, storico dell’architettura nonchè docente universitario.
Ho avuto la fortuna di seguire il suo corso per un intero semestre.

Non lezioni ma conferenze, non semplici nozioni ma vere e grandi emozioni.
Coinvolgente il suo amore per l’architettura.
Sempre sagge le sue parole:

‘L’architettura a null’altro è
riducibile se non a una irrisolvibile
dialettica di necessità e libertà’

Per scaricare l’immagine basterà salvarla al passaggio del mouse. Se poi avrete voglia di condividere una foto con la vostra Filò card ricordate di pubblicarla usando #filòcard ! Sono curiosa di scoprire se l’usare come segnalibro, cartolina da bacheca o che altro!
Ci vediamo domani per scoprire il vincitore del GIVEAWAY!!!
Che emozione!

9 Giugno 2015 / / Creative & Ordinette

Technology has made architects’ life much more easier and clients’ life much more interesting and full of surprises. You have no idea how an architect can renovate your home until you look at the full 3D plan or renderings. Those softwares have been a true revolution for everyone and it is such a fun to use them and feel like a real architect once in your life. Today I want to share with you the outcome of a renovation through one of those magic softwares. The renovation proposed by the architect to his French and demanding clients was fully and beautifully realized through one of those softwares. Have a look how a duplex becomes a three-bedroom-apartment. Isn’t it wonderful? For more details and a step by step renovation have look at the site.


9 Giugno 2015 / / Rosso Papavero

Definirla svendita in realtà non è corretto. E’ un termine che svaluta il prodotto. Ecco, definiamola OCCASIONE -imperdibile-.
Come ogni anno anche ora è arrivato l’atteso momento. 
Molti di voi mi hanno contattata per sapere quando sarebbe stato il weekend in cui Artemide apre le porte del suo immenso fabbricato a Pregnana Milanese offrendo sconti davvero interessanti sui suoi infiniti prodotti.
Liberate le agende, preparate gli assegni, ricaricate i conti corrente perchè dall’11 giugno al 14 potrete rifare l’illuminazione di casa vostra!!
L’anno scorso io e il mio fidanzato abbiamo fatto ottimi acquisti per la nostra casa e quest’anno siamo pronti a rifarci gli occhi e perchè no, anche a portare a casa qualche buon affare!
In questo post vi ho spiegato quanto sia importante avere una buona illuminazione a casa, ma lo stesso vale in ufficio o in qualunque posto sia necessaria. Ancora meglio se è esteticamente piacevole ed accattivante. Perchè non approffittarne??
Sulla pagina facebook di Artemide trovate tutte le informazioni necessarie.
Ora, nessuno può dirmi più nulla, vi ho avvisato per tempo quindi non avete scuse!
Se andate spero mi darete le vostre impressioni e mi facciate sapere cosa avrete acquistato!
E magari ci vediamo lì, in via Bergamo 18 a Pregnana Milanese!

9 Giugno 2015 / / Design

dettagli home decor
Super-Light è una lampada dal sapore industriale estremamente sicura di sé 
che non ha bisogno di nascondere il cavo. 

Prodotta in Germania e disegnata da Fehling & Peiz, Super-Light  è perfetta per illuminare e decorare gli ambienti grazie al suo design semplice ma decisamente accattivante.
Super-light è disponibile in moltissimi colori di tendenza e perfettamente adattabili ai diversi ambienti di casa e non solo, Super-light è la soluzione ideale per illuminare uffici, locali pubblici e spazi commerciali.
Le lampade a sospensione Super-Light  sono tutte realizzate a mano con grande cura e attenzione per i dettagli, come tutti gli elementi che caratterizzano il marchio Kraud
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
Per maggiori informazioni, scaricare il catalogo completo e acquistare la vostra Super-Light andate su: www.super-light.de

9 Giugno 2015 / / Coffee Break

Se guardando una parete vuota non sapete come valorizzarla e renderla originale, avete mai provato di farlo gli stickers da muro? Oggi gli stickers, in gran voga negli anni ’80, sono tornati tra i trend dell’interior design. Forme e decori sono infiniti e comprendono non solo immagini ma anche scritte e testi; in particolare,gli adesivi di Evergreen Orange, italiani al 100%, sono talmente sottili e tagliati a vivo che una volta appiccicati sembrano dipinti sul muro.

Applicarli su una parete non è difficile: basta fare attenzione a non creare bolle e naturalmente, applicarli nella giusta posizione. Gli stickers Evergreen Orange si attaccano facilmente sul muro, ma anche su vetro, plastica, metallo, legno liscio, ecc perché sono autoadesivi, e permangono almeno 3-5 anni.

Ma se si cambia idea… è possibile rimuoverli in pochi secondi senza lasciare alcuna traccia!
E se ti senti creativo, puoi richiedere (su preventivo) una forma o un colore personalizzato.

Via Evergreen Orange

*post sponsorizzato*

_________________________

CAFElab | studio di architettura


9 Giugno 2015 / / HomeRefreshing

Il post di oggi prende spunto da una riflessione personale sul tema del mese, del numero  di giugno, della nota rivista di arredamento CASAfacile.
 
 
Il tema del mese e dell’editoriale è lo Stile Libero come scelta di arredamento della propria casa,  inteso come stile personale, funzionale e, soprattutto, svincolato dai rigidi diktat della moda.
 
 
 
 
Siamo tutti d’accordo: ogni casa dovrebbe esprimere il modo di vivere, l’organizzazione (singola, di coppia o familiare), i gusti, la cultura, la storia di chi la abita. Quindi per essere percepita come comoda e bella dai suoi abitanti (è a loro che stiamo pensando) deve rispondere al meglio alle loro esigenze e al loro gusto .  
 
Ciò nonostante capita spesso che, benché ci si sia sforzati di arredare la propria abitazione secondo le proprie necessità e i propri gusti, il risultato non sia di totale soddisfazione.
  
Perché, nonostante abbiamo scelto il divano del nostro colore preferito, nonostante il mobile del soggiorno sia capiente e pratico, nonostante il tappeto della nonna, a cui siamo affezionati, sia lì a scaldare l’atmosfera e  le foto raccolte in anni di viaggi siano tutte appese sulla parete in cornici scelte una per una , qualcosa dentro di noi ci dice che non siamo soddisfatti?
 
Eppure sono tutti oggetti scelti col cuore , disposti in modo da agevolare e rendere pratiche tutte le nostre attività quotidiane.
 
Eppure qualcosa non va.
 
E’ come se , ad un concerto, ogni strumento dell’orchestra suonasse per conto proprio, ognuno seguendo il proprio spartito.
 
E’ possibile che il rischio della libertà sia la confusione e che, per quanto abbiamo seguito tutti i criteri di funzionalità e il nostro gusto personale, il risultato non ci piaccia?
 
Certo che è possibile, ma perché?
 
Sono convintissima che in arredamento, ancor più che nell’abbigliamento (dove ci sono dei codici che, in alcune occasioni, piaccia o no, vanno rispettati), non ci sia uno stile che sia, in termini assoluti, meglio degli altri. Esiste però uno stile che ci si adatta meglio degli altri. Immagino Tina Turner in una casa nera e oro con cuscini e tessuti animalier , non in uno chalet shabby- chic. Non è lo stile con cui arrederei casa mia ma, per lei, non immaginerei niente di diverso. Al contrario immagino la signora Carla Fracci in una romantica casa di pizzi candidi e spumosi cuscini . Qua e là, forse, qualche pallido accento rosa cipria. Non è nemmeno questa la casa che sceglierei per me, ma lei me la posso immaginare solo lì.
 
Insomma, quello che mi sono chiesta, ragionando sul tema del mese dello stile libero, è questo:
 
ma è  proprio sempre vero che è bello ciò che piace , oppure anche la libertà ha delle regole?
 
Guardando le foto della casa del mese ma soprattutto leggendo l’articolo, si capisce come dietro quello stile apparentemente libero ci sia in realtà tanto studio, tanti anni di esperienza nel settore dell’arredamento, vent’anni di viaggi in giro per il mondo, vissuti con lo spirito di osservazione e la curiosità di chi è abituato a cogliere i dettagli. Dentro quella personalissima casa c’è tanta, tantissima cultura dell’abitare.
 
 
E’ possibile arredare in libertà, è possibile realizzare uno stile personale e irripetibile che sia funzionale e ci faccia stare bene ( perché genera in noi sensazioni piacevoli) se si ha una buona base di cultura dell’abitare.
 
La libertà ha le sue regole.
 
Credo che sia più facile non seguire uno stile se si conoscono tutti gli stili.
 
Qui di seguito ho raccolto delle immagini di ambienti non convenzionali (non è facile trovarne, devo dire la verità). Niente stile nordico, niente stile prettamente francese, niente shabby nè minimal.
Sono tutti stili che potremmo definire liberi, eppure dietro ognuno di questi c’è tanta ricerca.
 
 
www.bocadolobo.com

www.cappelloabombetta.it
www.casaetrend.it

www.casinhacolorida-simone.blogspot.com.br

www.creativeordinette.blogspot.com

www.domainehome.com

www.casadevalentina.com.br

www.elledecor.com

www.homepolish.com

www.lovelymarket.blogs.marieclairemaison.com

www.mydomaine.com

www.peppermintbliss.com

www.runninglawyer.blogspot.it

www.thedesignfiles.net

www,wallanddeco,com

www.interiorjunkie.com

www.retroanddesign.it

www.flickr.com
 
 
Se queste case vi piacciono, se sentite il desiderio di arredare la vostra casa in libertà, senza seguire una tendenza, ricordatevi di studiare. Studiate gli stili e le tendenze di cui vi volete liberare. Leggete, guardate le immagini, soffermatevi sui dettagli, chiedetevi cosa fa, di quell’ambiente, un ambiente equilibrato, cosa lo rende piacevole. Osservate i colori e le forme, gli spazi e le proporzioni.

Anche in arredamento, la libertà nasce dalla conoscenza.

Enjoy Your Home!