La sovversione del reale di Leandro Erlich

Attraverso l’arte abbiamo la possibilità di esplorare mondi alternativi a quello che viviamo tutti i giorni, guardando e osservando punti di vista differenti dai nostri.

L’artista argentino Leandro Erlich si pone come obiettivo la creazione di opere fluide e dai confini incerti.

Chi ha detto che ciò che vediamo è la realtà oggettiva? Tutto può cambiare in base alle prospettive e ai punti di vista.

 

2005_01db

erlich 08

2006_07da

2006_05da

A primo impatto, osservando i lavori di Leandro ci troviamo spiazzati perché siamo di fronte a situazioni fuori dal comune: capiamo subito che si tratta di scenografie irreali, ma non riusciamo a spiegarcene il motivo.

Persone che scalano la facciata di un palazzo vittoriano, aloni di persone in stanze vuote, che ricordano dei fantasmi.

Lo sconcerto e l’incapacità di dare una spiegazione all’immagine che ci troviamo davanti rendono le opere di Leandro interessanti e accativanti.

La sorpresa e la meraviglia nello scoprire quali semplici trucchi si celano, ci rendono consci del fatto che nonostante tutto quello che conta è la complessità del pensiero e non della realizzazione.


2004_01dz

2004_01dl

2004_01dh

2004_01dg

Leandro prende ispirazione dal suo scrittore preferito, Jean Luis Borges, ma anche da registi del calibro di Alfred Hitchock e David Lynch che come lui stesso dice “hanno usato il quotidiano come palco per creare un mondo fittizio ottenuto attraverso la sovversione psicologica degli spazi di tutti i giorni”.

Chi ha detto che superare i limiti sia un male?

A volte è necessario per mettere in discussione quelli che abbiamo sempre creduto dei valori assoluti, ma che potrebbero essere sostituiti da nuovi credo inaspettati.

http://www.leandroerlich.com.ar/

http://www.galleriacontinua.com/

 

Written by: