14 Aprile 2016 / / Idee

Tempo fa abbiamo parlato di Antonella e di come, ormai 10 anni fa, è riuscita a riconvertire il vecchio appartamento di famiglia in una struttura micro-ricettiva.
Quando abbiamo discusso di quali fossero le sue aspettative per il suo B&B, mi ha detto che non aveva in mente di rivoluzionarlo, ma semplicemente di piccoli interventi a basso costo e di rapida esecuzione (anche da fare da sola) per ridare freschezza alle stanze e creare un maggior impatto emotivo sui suoi ospiti.
Abbiamo quindi deciso di mantenere la caratterizzazione che aveva scelto per gli spazi: stanza rossa, stanza gialla, stanza gialla; il progetto si è concentrato sull’idea di riproporle in una veste più attuale, cercando di utilizzare i mobili e i materiali già presenti nella struttura per ridurre al minimo i costi. Insomma, si è trattato di un Home Staging Light, principalmente realizzato Antonella stessa, che ha la passione del bricolage e del decoro, con qualche piccolo aiuto.
Oggi trovo finalmente il tempo di mostravi l’ultima parte del lavoro consegnato alla cliente, che ora ne dovrà fare buon uso quando, passata l’ondata di visitatori della fiera di Rho, metterà mano alle stanze che abbiamo rivisto. Mettetevi comodi e fatemi sapere cosa ve ne pare!
La camera “rossa” deve il suo nome ai tessili scelti, agli accessori, a certe finiture (il termosifone)…
ma anche, e soprattutto, al blocco bagno, messo in evidenza con una tinteggiatura a spugnato rossa.
Considerata la destinazione della stanza (adibita al riposo degli ospiti), abbiamo optato per intervenire portando un po’ d’ordine e di pacatezza nella camera, in modo da creare un ambiente più adatto al relax.
Uno dei princìpi dell’Home Staging è proprio quello di incontrare il gusto del maggior numero di “clienti”; in questo caso gli ospiti del B&B. Ciò si realizza con scelte compositive prevalentemente neutre che, specie nel caso di una strutture ricettiva, abbiano comunque un focus su elementi colorati.
Intervenendo il minimo indispensabile, il progetto prevede principalmente:
– la ritinteggiatura in grigio polvere del blocco bagno, in bianco del calorifero e della sedia
– la tinteggiatura delle restanti pareti in bianco (quando ciò sarà possibile)
– la creazione di una testiera letto per la brandina, usando alcuni listelli in legno della testiera del letto matrimoniale
– la rimozione dei tappeti a terra (sostituiti da uno scendi letto morbido in lana sintetica di pecora)
– la rimozione dei gommini rossi di rivestimento di scrivania e comodini
– la rimozione del drappo rosso nella nicchia
– la sostituzione delle tende con altre, bianche, già in dotazione del B&B
– l’inserimento di un mobiletto metallico e di un appendiabiti/rastrelliera (al momento vi è solo uno stand appendiabiti)
In questo allestimento:
– Tappetino in pelle di pecora sintetica Tejn di IKEA: 14,99 €
– IKEA PS, mobiletto basso metallico, bianco:            79,99 €
– 2 rastrelliere Tjusig di IKEA                29,99 € x 2=  59,98 €
– 2 mensole Seattle di Calligaris (o Knickding)            67,00 €
__________________________________________________
                                             TOTALE                         221,96 €
Le lampade da tavolo Take sono facilmente sostituibili con un modello più economico che dia lo stesso tocco di colore rosso.
Dietro la testiera del letto in legno, mensole Seattle di Calligaris o (per una soluzione più economica ma altrettanto di design) Knickding in vendita su Lovethesign.
La testiera del letto singolo è realizzata a costo zero, “rubando” i listelli in legno alla testiera del matrimoniale (listelli sul fondo, non visibili), e disponendoli in verticale, tagliati in diverse lunghezze.
Il blocco bagno più sobrio e rilassante dà risalto ai quadri contemporanei, presi dal soggiorno. La sedia bianca ha cuscino nero che riprende il nero delle rastrelliere Tjusig di IKEA, dell’armadietto e dei tavolini metallici già in dotazione, a cui sono state tolte le gomme antiscivolo rosse.

I tocchi di verde (la felce, le piantine grasse o succulente sul comodino e nella piccola serra sulla mensola) donano un senso di freschezza e pulizia all’ambiente.
Cosa ne pensate? Fatemi sapere, se vi va, nei commenti!  
                                                                         
14 Aprile 2016 / / Interiors

Siamo nella parte orientale del nostro mondo, più precisamente a Singapore nel centro città.

In soli 51 m2  una donna di successo vive nella stessa casa fin da bambina, condividendo gli spazi con la mamma.

Finalmente è arrivato il momento di dare nuova vita all’appartamento, con un restyling che toglierà tutti i segni degli anni che sono passati.

Una ristrutturazione a cura dello studio KNQ che vuole dare un aspetto che rispecchi la vita della padrona, senza essere troppo femminile.

 

Living room beforeLiving room before

Living room beforeLiving room before

bedroom beforebedroom before

living-rm-5

living-rm-1 (1)

La linea comune è il colore uniforme verde petrolio che corre per tutta la casa e i mobili costruiti e pensati su misura, per recuperare quanto più spazio per possibile per contenere e nascondere.

Nella zona giorno aperta trova spazio anche una zona pranzo prima inesistente, circondata da mobili che svolgono più di una funzione.

Un porta scarpe diventa all’occorenza una panca per gli ospiti, così come gli specchi alle pareti servono a riflettere la luce e moltiplicare gli spazi.

La camera da letto è unica ed è condivisa da mamma e figlia: un grande armadio centrale divide la stanza in due, dando ad ogni inquilina il suo spazio personale.

 

living-rm-9

living-rm-4

kitchen-3

bedrm-3

bedrm-1

 

In cucina ogni angolo viene sfruttato: una rientranza scomoda diventa un ripostiglio, spazio quanto mai utile come dispensa soprattutto in cucine così piccole.

Ma non è finita: convidendo la casa ogni giorno con la mamma, c’è sicuramente il bisogno di avere uno spazio privato in cui ritirarsi a riflettere e dedicarsi ai propri passatempi.

I designer hanno pensato anche a questo: dietro la cucina c’è una piccola stanza dedicata al relax e al lavoro, in cui la proprietaria può ritirarsi e tornare al mondo.

Chi non vorrebbe una stanza segreta in casa, dove nascondersi all’occorenza ??

http://www.homerejuvenation.com.sg/2012/05/home-rejuvenated_28.html

 
14 Aprile 2016 / / Decor

dettagli home decor

Un giardino contemporaneo dove ogni cosa è un chiaro richiamo alla natura,  dai materiali scelti per l’arredamento ai colori che ne definiscono lo stile.


Nella zona pranzo un grande tavolo di legno dal design lineare, circondato da bellissime sedie Fermob nei colori viola, rosso  e verde salvia.  Per la zona relax invece,  delle poltroncine e un tavolino dallo stile più orientale realizzati in bambù. 
Uno spazio molto naturale e accogliente che regala una piacevole atmosfera di calma e relax. 

dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
Un progetto dello Studio Marijke Schipper


14 Aprile 2016 / / Creative & Ordinette

Un quadro unico e di dimensioni importanti su una parete può fare una grande differenza in un interno. Diventa immediatamente il punto focale, non passa inosservato e attira subito l’attenzione dell’ospite e se scelto con cura e in abbinamento con i mobili e gli altri accessori della casa, può risolvere in un batter d’occhio uno di quei grattacapi esistenziali per chi deve decorare la parete. Inoltre, un quadro a tutta parete amplia lo spazio e può essere una soluzione molto intelligente anche nei piccoli appartamenti. Negli interni che vi propongo, i quadri protagonisti delle pareti hanno degli soggetti astratti, pop o naif, più facili da realizzare e da reperire. Se avete la fortuna di possedere un quadro di valore e di soggetto classico, sarete ancor più incoraggiati ad esporlo nel migliore dei modi e soprattutto sulla più bella parete di casa.

14 Aprile 2016 / / Design

Un-nuovo-logo-800x599

Il nuovo logo dei Saloni, con la dicitura “O ci sei. O ci devi essere” parla chiaro.

Non ne abbiamo ancora parlato (quest’anno!) perché, vi confessiamo, è un periodo dell’anno questo del Salone del Mobile, che mette un po’ d’ansia. Insomma, per quelli che come me e Francesca, poco tecnologici e poco connessi, gestire questa continua presenza richiesta non è semplice. E, ve lo diciamo onestamente. Non ci interessa. Nel senso che per noi andare al Salone e al Fuori Salone ha un impegno diverso da quello canonico da blogger e social.

Ci interessa guardare, curiosare, capire e carpire le novità. Ci interessa capire quali sono le novità giuste, pratiche da proporre ai clienti, quelle da mettere e metterci in casa. Ci andiamo da anni al Salone del Mobile, e possiamo dirvi, con assoluta certezza che oltre il luccichio, i party, gli inviti privati, le foto, le mille cartelle stampa che invadono le caselle e-mail, quello che davvero conta, quello che è il senso vero del Salone passa un pò in secondo piano.

E scusate, ma noi non ci stiamo. Non ci interessa questo. Ci interessa il MOBILE. L’arredo, i complementi e tutto il contorno che fa di una casa qualunque LA CASA GIUSTA.

Crediamo in poche cose ma ci crediamo. Perciò vi chiediamo scusa se non risponderemo troppo attivamente alla vostra voglia di social in merito, se non pubblicheremo immagini di strampalate INSTALLAZIONI dalla dubbia utilità, se non ci vedrete brindare con il designer XY di turno o quanto altro.

Vi promettiamo che vi faremo vedere qualcosa lo stesso, sempre in linea con il nostro mood pero’ (va bene, un pochino social parliamo anche noi!):)

S.&S.

14 Aprile 2016 / / Design

os gemeos street art brasiliana

Os Gemeos, i due gemelli della street art brasiliana portano i loro inconfondibili personaggi dalla faccia gialla nelle strade di tutto il mondo ma anche… nell’alto dei cieli!

Os Gemeos in portoghese significa “i gemelli” e infatti sono proprio due gemelli identici gli artisti che si celano dietro questo nome. Il duo brasiliano di street artist è composto da Gustavo e Otavio Pandolfo, originari di San Paolo del Brasile, che hanno iniziato a dipingere nel lontano 1986 influenzati dalla scena hip-hop, sperimentando con diverse tecniche e sfruttando i muri della città per far pratica e diventare in breve tempo una delle realtà più significative a livello locale.

street-artists-osgemeos

La gavetta è stata lunga: negli anni ’90 il loro stile iniziò a farsi più definito e Os Gemeos furono invitati ad esporre in Germania attirando una grande attenzione a livello europeo. Con gli anni aumentarono le commesse, in Brasile ma anche negli Stati Uniti, e crebbe l’interesse dei galleristi che li invitarono a realizzare delle opere in studio. I gemelli iniziarono quindi a dedicarsi ad altre forme d’arte oltre ai graffiti, sperimentando con la pittura ma anche con sculture e installazioni e arrivando persino a trasformare un Boeing 737 in una spettacolare opera d’arte!! In occasione dei Mondiali di Calcio FIFA World Cup 2014 infatti, Os Gemeos sono stati invitati a dipingere l’aereo ufficiale della nazionale di calcio brasiliana ricoprendo l’intera superficie con decine di visi che rappresentano il popolo e la cultura del loro paese. E il risultato è a dir poco incredibile!

Os Gemeos all’opera mentre dipingono un Boeing 737

I temi dei loro graffiti e dei loro murales in scala gigante, spaziano dalla famiglia, al folklore locale, a temi sociali o politici riguardanti la situazione brasiliana. Il loro immaginario è unico così come il loro stile, fatto di scene poetiche popolate da giganteschi personaggi dalla faccia gialla, buffi ma simpatici, ispirati allo stile dei fumetti. Graffiti e dipinti che ricordano le illustrazioni delle fiabe per bambini, coloratissimi e onirici che rivelano al tempo stesso molte caratteristiche della tradizione brasiliana e della cultura indigena, come la vivacità e il caleidoscopio di colori di tutte le loro opere.

osgemeos-street-art-san-francisco

Oggi Os Gemeos sono riconosciuti internazionalmente come superstar della street art internazionale al pari di Banksy (tanto per citare un’altra stella di prima grandezza) col quale hanno collaborato a New York nel 2013 per realizzare un’opera nell’ambito del progetto Better Out Than In.

Os Gemeos + Banksy (New York 2013)

Os Gemeos + Banksy (New York 2013)

Nel 2010 i gemelli della street art sono stati invitati a partecipare al Fame Festival di Grottaglie ed ora sono tornati in Italia, a Milano dove hanno appena finito di realizzare il loro ultimo murale, Efêmero, al Pirelli Hangar Bicocca. Si tratta di un’opera in grande scala sulla facciata dell’edificio dove una volta venivano costruite le locomotive, su cui i gemelli hanno ricreato l’aspetto di un treno metropolitano. L’opera sarà inaugurata ufficialmente il 20 aprile e sarà visibile per un intero anno. Non perdetela!

osgemeos-milano-ph-streetartnews

Efêmero, Pirelli Hangar Bicocca (Milano 2015)

osgemeos-street-artists

osgemeos-artwork-3


Un armadio capiente per una camera da letto lunga e stretta, dotato di vano tv e alto quasi 3 metri per sfruttare al meglio l’altezza della stanza.
Un letto king size.
Come far convivere questi due mega arredi nella stessa stanza, lasciando lo spazio per spostarsi agevolmente?

E cosa succede quando la camera è stretta e lunga ma bisogna farci entrare un armadio angolare, con una cabina spogliatoio?

Nessuna richiesta è impossibile, basta aguzzare l’ingegno, sapere come sfruttare lo spazio e approfittare dell’ampia libertà di personalizzazione offerta dalle nostre collezioni. In entrambi i casi è bastato unire moduli armadio a moduli libreria dotati di ante, ma meno profondi.

Qui sotto vi spiego come abbiamo creato questi due armadi a profondità variabile e arredato le due camere matrimoniali.

Caso #1: camera lunga e stretta + armadio con vano tv + letto king size

MISURE DELLA CAMERA
La parete più lunga, fronte ingresso, misura 450 cm
La parete della finestra misura 340 cm
La parete a destra della porta misura 330 cm
Altezza: 310 cm

Pianta dell'abitazione della cliente

ESIGENZE
Un letto king size da 190 x 200 cm
Un armadio largo quanto tutta la parete fronte porta, il più alto possibile, con spazi contenitivi e con un vano per il televisore

SOLUZIONE
La soluzione è molto semplice, rimane solo da decidere come far convivere un armadio di grandi dimensioni con un letto king size, consentendo un agevole passaggio da un lato all’altro della stanza.
Vi avevamo già parlato delle potenzialità dell’armadio Tilt e della libreria Almond. Anche in questo caso abbiamo sfruttato la compatibilità tra questi due sistemi, trasformando la libreria in una porzione di armadio, semplicemente aggiungendo le ante.

Il vantaggio di questa operazione è che la libreria ha una profondità minore rispetto all’armadio. Basta collocare questi moduli meno profondi di fronte al letto king size per creare lo spazio di passaggio necessario, senza sacrificare in alcun modo i moduli contenitivi di cui la cliente ha bisogno.

LE MISURE DI ARMADIO E LIBRERIA CON ANTE e VANO TV
L’armadio battente scelto per questa composizione ha un profondità di 60,6 cm ed un’altezza di cm 296,4 che la cliente ha selezionato per poter sfruttare al meglio tutta la parete a disposizione.

Il blocco porta TV (cm 45+ cm 117+ cm 45 escluso i fianchi) si compone di due colonne libreria con ante e un modulo a ponte centrale. Sotto questo elemento inseriamo un modulo con ante che servirà per appoggiare il televisore.

L'armadio con vano tv progettato per la camera da letto della cliente

Caso #2: camera lunga e stretta + armadio angolare con cabina

MISURE DELLA CAMERA
La parete più lunga misura 435 cm
La parete più stretta misura 305 cm
La parete a disposizione a destra della porta misura cm 210
Altezza: 270 cm

ESIGENZE
La cliente vuole collocare un grande armadio ad angolo con cabina spogliatoio nella sua camera lunga e stretta.

SOLUZIONE
La configurazione della stanza permette di progettare un armadio con un angolo molto capiente, ma anche in questo caso è necessario predisporre un cambio di profondità per consentire di spostarsi con facilità tra letto e armadio, senza però sprecare lo spazio a disposizione. Anche qui vediamo l’accoppiata dell’armadio con angolo spogliatoio Tilt e della libreria Almond con ante e vano per il televisore, proprio di fronte al letto.

LE MISURE DI ARMADIO CON ANGOLO SPOGLIATOIO E LIBRERIA CON ANTE e VANO TV
La collezione Tilt mette a disposizione numerosi elementi che consentono di creare composizioni per qualsiasi esigenza. Per realizzare un armadio angolare sono disponibili due moduli: un armadietto ad angolo a due ante e un piccolo armadio spogliatoio.
Gli elementi lineari con ante battenti hanno un profondità di 60,6 cm ed un’altezza di cm 259,6. L’angolo spogliatoio misura cm 105,1 x 102,1. Per rendere la composizione più “ergonomica” e per dare respiro alla stanza, l’elemento che si trova subito a fianco della porta è stato realizzato con un terminale obliquo. In questo modo si occupano cm 203,3 sulla parete da cm 210.
Il blocco porta TV è come quello del primo caso illustrato qui sopra (cm 45+ cm 117+ cm 45 escluso i fianchi).

Link utili e mini guida all’armadio componibile Tilt

Tilt è è un prodotto HomePlaneur, un’esclusiva collezione acquistabile solo online e che permette di personalizzare ogni suo arredo nei minimi dettagli.
L’armadio è disponibile in altezza a scelta fra cm 186 / 222,8 / 241,2 / 259,6 / 296,4 e in profondità cm 35, 47,8 o 60,6..
Le larghezze disponibili sono numerose e sono visualizzabili nel configuratore dell’armadio. Qui sotto trovate tutti i link utili per la creazione del vostro armadio su misura, cliccate sugli elementi che vi interessano per configurarli e aggiungete poi ogni elemento al preventivo (basta cliccare sul bottone verde Visualizza il Prezzo):

14 Aprile 2016 / / Coffee Break

Questa abitazione è stata realizzata scegliendo come colore dominante degli interni il nero.
Questa scelta, anche se può sembrare estrema, crea un’atmosfera drammatica e particolare per gli ambienti, ma non cupa ne triste. Il risultato è sorprendente!
Via 

_________________________

CAFElab | studio di architettura