19 Aprile 2016 / / +deco

Dopo aver visto questi frigoriferi firmati da Dolce & Gabbana per Smeg, non guarderai mai più il tuo frigo con gli stessi occhi (anche perchè da adesso in poi lo considererai economico, a prescindere da quanto l’hai pagato,  visto che questi costano 34.000 dollari).
I due stilisti italiani hanno tratto ispirazione, ancora una volta, dall’arte e manufattura siciliana, così spesso ricordata nelle loro collezioni.  

IMG_7758

L’installazione MINI al FuoriSalone

Durante la Milano Design Week siamo rimaste affascinate dall’istallazione MINI LIVING in zona Tortona. Uno spazio bianco, curato nel minimo dettaglio che affronta la grande sfida delle nostre città: la scarsità dello spazio abitativo. Alla base dell’istallazione c’è il cuore che muove la filosofia MINI dalle sue origini: il «Creative Use of Space» per rendere più vivibile la vita in città, oggi a Milano, si trasferisce dalla piccola citycar all’architettura residenziale. Uno spazio e un messaggio che ci hanno colpito molto anche per la grande professionalità del personale scelto come il nostro amico Marco serra, facilitatore grafico, che ci ha guidato alla realizzazione del nostro MINI living!

 

P90215357_highRes_salone-del-mobile-20

Al centro dell’installazione un appartamento di 30 metri quadrati che, insieme ad altre abitazioni adiacenti qui abbozzate, forma una micro comunità tra vicini di casa. Le pareti degli appartamenti sono composte da moduli a scaffale ribaltabili verso l’esterno, dove sono integrate diverse funzioni, come il piano cottura, un banco da lavoro o un impianto musicale. Aprendo gli scaffali, tutti possono accedere alle attività e agli oggetti in essi contenuti, così in poco tempo nascono zone comuni per condividere momenti di svago. Sì, perché il messaggio dell’istallazione è condividere.

P90215680_highRes_salone-del-mobile-20

P90215697_highRes_salone-del-mobile-20

P90215686_highRes_salone-del-mobile-20

P90215687_highRes_salone-del-mobile-20

P90215693_highRes_salone-del-mobile-20

Questo il pensiero di Oke Hauser, capo progetto MINI LIVING: “Crediamo che qui vi sia il potenziale per accrescere lo spirito di comunanza e l’interscambio sociale. L’installazione unisce su un’area compatta due vantaggi: un posto in cui ritirarsi in privato e un accesso alla vita in comunità”.

Già nella concezione di MINI LIVING, il brand britannico “vive” il principio dell’installazione: la condivisione. Per rendere accettabile la propria visione dell’abitare nella città del futuro, MINI ha chiesto la collaborazione di due partner che hanno arricchito il progetto con la loro lunga esperienza e la loro prospettiva rispetto al tema della vita urbana. L’atelier di architetti giapponesi “ON design” di Yokohama ha portato nel progetto tutta la competenza acquisita in numerosi progetti nei settori «Microhousing» e «Collaborative Living», mentre lo studio berlinese internazionale di ingegneri e designer “Arup” ha assicurato la fattibilità e l’attuazione del concept tecnico. Dal lavoro comune è nata l’installazione MINI LIVING, una realizzazione moderna dalla forma che nessuno dei partecipanti avrebbe potuto attuare da solo. Perché quando condividi ottieni molto di più!

P90215691_highRes_salone-del-mobile-20 P90215690_highRes_salone-del-mobile-20 P90215688_highRes_salone-del-mobile-20 P90215682_highRes_salone-del-mobile-20

Così lo stesso spazio dell’installazione non è solo uno spazio da visitare, ma da vivere e condividere. Oltre all’appartamento troviamo infatti uno spazio ricreativo con bar, una zona dedicata alla musica con pianoforte ed un co-working.

IMG_7764

IMG_7772

IMG_7798

La condivisione fa parte anche dell’esperienza del visitatore a cui viene chiesto di creare il proprio spazio abitativo ideale assemblando gli ambienti come in un puzzle aggiungendo anche degli spazi di condivisione attorno alla casa. Noi ovviamente ci siamo divertite a realizzare la nostra casa dei sogni con spazi per i bimbi e per i nostri amici animali!

IMG_7804

mini-space-nostro

Prima di uscire MINI ti pone una domanda molto essenziale: cosa semplifica la vita? La tua risposta in una spilletta!

IMG_7797

19 Aprile 2016 / / Design

IMG_7758

L’installazione MINI al FuoriSalone

Durante la Milano Design Week siamo rimaste affascinate dall’istallazione MINI LIVING in zona Tortona. Uno spazio bianco, curato nel minimo dettaglio che affronta la grande sfida delle nostre città: la scarsità dello spazio abitativo. Alla base dell’istallazione c’è il cuore che muove la filosofia MINI dalle sue origini: il «Creative Use of Space» per rendere più vivibile la vita in città, oggi a Milano, si trasferisce dalla piccola citycar all’architettura residenziale.

P90215357_highRes_salone-del-mobile-20

Al centro dell’installazione un appartamento di 30 metri quadrati che, insieme ad altre abitazioni adiacenti qui abbozzate, forma una micro comunità tra vicini di casa. Le pareti degli appartamenti sono composte da moduli a scaffale ribaltabili verso l’esterno, dove sono integrate diverse funzioni, come il piano cottura, un banco da lavoro o un impianto musicale. Aprendo gli scaffali, tutti possono accedere alle attività e agli oggetti in essi contenuti, così in poco tempo nascono zone comuni per condividere momenti di svago. Sì, perché il messaggio dell’istallazione è condividere.

P90215680_highRes_salone-del-mobile-20

P90215697_highRes_salone-del-mobile-20

P90215686_highRes_salone-del-mobile-20

P90215687_highRes_salone-del-mobile-20

P90215693_highRes_salone-del-mobile-20

Questo il pensiero di Oke Hauser, capo progetto MINI LIVING: “Crediamo che qui vi sia il potenziale per accrescere lo spirito di comunanza e l’interscambio sociale. L’installazione unisce su un’area compatta due vantaggi: un posto in cui ritirarsi in privato e un accesso alla vita in comunità”.

Già nella concezione di MINI LIVING, il brand britannico “vive” il principio dell’installazione: la condivisione. Per rendere accettabile la propria visione dell’abitare nella città del futuro, MINI ha chiesto la collaborazione di due partner che hanno arricchito il progetto con la loro lunga esperienza e la loro prospettiva rispetto al tema della vita urbana. L’atelier di architetti giapponesi “ON design” di Yokohama ha portato nel progetto tutta la competenza acquisita in numerosi progetti nei settori «Microhousing» e «Collaborative Living», mentre lo studio berlinese internazionale di ingegneri e designer “Arup” ha assicurato la fattibilità e l’attuazione del concept tecnico. Dal lavoro comune è nata l’installazione MINI LIVING, una realizzazione moderna dalla forma che nessuno dei partecipanti avrebbe potuto attuare da solo. Perché quando condividi ottieni molto di più!

P90215691_highRes_salone-del-mobile-20 P90215690_highRes_salone-del-mobile-20 P90215688_highRes_salone-del-mobile-20 P90215682_highRes_salone-del-mobile-20

Così lo stesso spazio dell’installazione non è solo uno spazio da visitare, ma da vivere e condividere. Oltre all’appartamento troviamo infatti uno spazio ricreativo con bar, una zona dedicata alla musica con pianoforte ed un co-working.

IMG_7764

IMG_7772

IMG_7798

La condivisione fa parte anche dell’esperienza del visitatore a cui viene chiesto di creare il proprio spazio abitativo ideale assemblando gli ambienti come in un puzzle aggiungendo anche degli spazi di condivisione attorno alla casa. Noi ovviamente ci siamo divertite a realizzare la nostra casa dei sogni con spazi per i bimbi e per i nostri amici animali!

IMG_7804

mini-space-nostro

Prima di uscire MINI ti pone una domanda molto essenziale: cosa semplifica la vita? La tua risposta in una spilletta!

IMG_7797

19 Aprile 2016 / / Coffee Break

Se siete alla ricerca degli arredi per i vostri spazi e amate l’artigianato made in Italy ma non disdegnate di inserire un tocco esotico e particolare nel vostro stile, Confalone, storico marchio dell’arredo sin dagli anni ’70, è quello che fa per voi!
Nei 6 punti vendita a Roma, l’atmosfera che si respira entrando ed esplorando è davvero particolare; arredi moderni di grande qualità, sono accostati a raffinati pezzi d’importazione, mentre accessori particolarissimi contribuiscono a rendere unica ogni ambientazione.
In più, ogni arredo è completamente personalizzabile, sia nella finitura che nelle dimensioni; è possibile realizzare composizioni perfettamente compatibili con ogni ambiente; realizzati da artigiani italiani, sono caratterizzati da un’estrema cura del dettaglio e da una manifattura perfetta.

Ma se non avete la fortuna di abitare a Roma, niente paura! Sul sito di Confalone è possibile scegliere e ricevere gli arredi che vi piacciono direttamente nello shopping online.

Info: Confalone


_________________________

CAFElab | studio di architettura


19 Aprile 2016 / / Design

dettagli home decor

Lo storico negozio di Corso Buenos Aires riapre dopo una ristrutturazione per diventare flagship store MUJI a livello europeo.


Lo scorso 13 aprile, in occasione della Milano Design Week, MUJI* Italia S.p.A. guidata dal presidente Kenta Horiguchi e parte del Gruppo Ryohin Keikaku, ha inaugurato lo store MUJI di Corso Buenos Aires (MUJI CBA) che ora è il più grande a livello italiano ed europeo oltre ad essere il primo nel nostro Paese che rappresenta il nuovo format degli store MUJI. 
Inaugurato nel dicembre del 2004, MUJI CBA è stato il primo negozio aperto in Italia dalla Ryohin Keikaku. Grazie alla ristrutturazione lo store, non solo mantiene il suo primato di location più grande a livello nazionale ma, con l’aggiunta di un piano, una superficie totale di 948.56 m2e un’offerta di 2.500 prodotti, diventa anche il flagship store più grande d’Europa.
Il negozio di Corso Buenos Aires rappresenta il nuovo format degli store che MUJI ha già lanciato in altre città come New York, Shanghai e Parigi. Ogni piano del nuovo negozio utilizza diversi materiali per i complementi d’arredo e per l’architettura: legno, vetro, ferro, sabbia e mattoni, con un’attenzione particolare all’impiego di materiali naturali e riciclati e un forte richiamo alla natura e agli elementi base della nostra vita. Un ambiente unico, dove i clienti potranno immergersi completamente nella filosofia MUJI. Anche gli storici articoli delle linee MUJI to GO, abbigliamento, skincare, casa e arredamento sono presentati con un nuovo approccio, che consente ai clienti di provare in prima persona la loro qualità, semplicità ed essenzialità.

dettagli home decor


Appena entrati nello store si viene accolti da un ambiente di urban background di mattoni beige e da un originale “totem” dedicato a uno dei pensieri cardine della filosofia MUJI, “What is MUJI?”; MUJI è scelta di materie prime di qualità; controllo, miglioramento e razionalizzazione dei processi di produzione; studio di un packaging semplice ed essenziale, che sottolinea la naturalezza dei colori e delle forme dei vari prodotti. Sempre al pianterreno i clienti troveranno una delle prime novità dello store: l’Aroma Labo. Un’area dove sarà possibile mixare gli oli essenziali per la casa e creare le proprie fragranze preferite, da utilizzare con il prodotto che è diventato un best seller italiano per MUJI, l’Aroma Diffusore. Il pianterreno è illuminato da un’installazione di luci realizzata con prodotti MUJI, a rappresentare ancora una volta l’attenzione al riciclo e al donare una seconda “vita” agli oggetti. La stessa installazione viene ripresa anche per dare luce e valore alla scala che porta dal primo al secondo piano. 

dettagli home decor

Al primo piano si trova la zona bimbi, con la nuova “piazzetta” realizzata in legno dove potranno giocare mentre i genitori effettuano i propri acquisti. Per i più piccoli MUJI ha disegnato una collezione moda sviluppata sulla base della linea donna-uomo, con una particolare attenzione ai materiali utilizzati. Rinnovata e molto più ampia anche l’area moda donna e uomo, con alcune nuove proposte come il denim giapponese, sia per uomo sia per donna, e la linea business uomo.

dettagli home decor
dettagli home decor

Salendo al secondo e ultimo piano i clienti affezionati MUJI troveranno molte delle più note linee di prodotti: gli accessori per la casa, la linea skincare e la stationery, con i nuovi timbri dedicati ai grandi simboli italiani come ad esempio la gondola, il Duomo di Milano, Pinocchio, che i clienti potranno utilizzare per rendere unici e personali i propri acquisti. Un’ampia zona è poi dedicata ai mobili e ai complementi d’arredo. Quest’area ben rappresenta il concetto “Compact Life” di MUJI, cioè la visione di una vita piacevole e senza complicazioni. MUJI desidera mettere a disposizione dei propri clienti prodotti versatili progettati per offrire solo ciò che è davvero necessario, per sistemare i propri oggetti, libri e vestiti all’interno di mobili che li possano accogliere senza spreco di spazio e secondo la propria personalità.

dettagli home decor
dettagli home decor

Sempre al secondo piano, si incontra un’altra delle esclusive novità di MUJI per l’Italia, la selezione di prodotti Found MUJI, una linea che comprende oggetti artigianali di uso quotidiano provenienti da tutto il mondo e caratterizzati da una lunga storia di utilizzo nella propria area locale. MUJI seleziona questi prodotti, li adatta in base ai cambiamenti culturali, al modo di vivere e ai costumi attuali, per riproporli sul mercato a prezzi accessibili. Per il lancio dello store, MUJI propone ai clienti oggetti originali della tradizione svedese e cinese, che in futuro potranno essere sostituiti o a cui si potranno aggiungere prodotti provenienti da altri Paesi del mondo.

dettagli home decor
dettagli home decor

Altra new entry per lo store di Corso Buenos Aires sono i libri. MUJI ha infatti selezionato una raccolta di 200 titoli su temi come la cucina, i viaggi, il design, il giardinaggio, ecc. A ogni piano dello store, i clienti potranno trovare il proprio angolo di cultura e scegliere il libro preferito.
La ristrutturazione dello store rafforza la presenza di MUJI in Italia e in Europa, permettendo ai clienti di entrare sempre di più in contatto con il mondo e lo stile di vita MUJI, vivendo un’esperienza unica in prima persona semplicemente varcando la porta del nuovo negozio.