21 Giugno 2016 / / Creative & Ordinette

Datemi case normali per favore, tanto per parafrasare una poesia molto conosciuta. Non so voi, ma sfogliare immagini di case del tutto irreali o perlomeno reali ma completamente fuori dalla realtà della stragrande maggioranza delle persone normali, mi stanca e mi rattristisce. C’è qualcosa di molto poco creativo nel vivere in un ambiente perfetto, dove tutto è coordinato alla perfezione, dove i divani bianchi candidi non invitano certo a sedersi e a spaparanzarsi in totale libertà, dove i cristalli in cucina sono oggetti da esposizione perché toccarli sarebbe un peccato mortale, dove ogni oggetto è al suo posto perché non è consentito spostarlo altrove. Insomma, non trovate tutto questo, noioso? Ecco perché mi piace condividere interni vissuti e con carattere, in cui vivono persone reali e non automi. Il carattere vissuto e la ricerca della comodità presuppongono anche scelte creative e di gusto, ambienti in cui gli spazi sono sfruttati bene, colori che fanno sentire bene ospiti e abitanti. Non condividete? Eccovi una casa vissuta, scovata su www.dalani.it dal sapore autentico, dove le scelte personali di chi la abita, danno originalità a tutto l’insieme e dove il gusto non è stato delegato a degli estranei fuori dagli schemi dove il concetto “l’arte per l’arte” è funzionale a sé stesso, ma non a chi abita la casa.


21 Giugno 2016 / / Idee

Da oggi 21 Giugno è ufficialmente arrivata l’estate del 2016 e sembra che il meteo segua il calendario…il che è tutt’altro che scontato quest’anno.

Sono stata di recente a Budapest dove in ogni locale nel menu potevi scegliere tra tantissime “Limonádé” (limonate) buonissime e super dissetanti, non corrisponde esattamente alla nostra limonata italiana e a quanto pare non esiste una ricetta ufficiale ma ogni bar o locale ci mette del suo, quello che è certo è che è fatta ala momento ed è buonissima. Gli ingredienti sono succo di limone o lime più che spremuta, la frutta viene “pestata”, mentre all’acqua si può aggiungere seltz, acqua tonica o acqua di soda.

A volte con i frutti viene pestata anche la mentuccia o vengono aggiunti altri frutti, come fragola, arancia, mela o frutti di bosco. Infine, alcune varianti prevedono la completa sostituzione del limone con i frutti di cui sopra. (grazie al blog Visitando Budapest che mi ha dato le info sulla Limonádé)

Festeggerò dunque questo primo giorno d’estate con una Limonádé rigorosamente fatta in casa e tanto colore!

bibite-lemonadegeniale idea per avere cubetti di ghiaccio con il limone!
lemonade-peachlimonata_giallo
limonata_in-compagnialimonta-anans-cigliegia
lemonade-mint

Fonte immagini: Pinterest

Archiviato in:consigli arredamento Tagged: budapest, estate 2016, giugno, limonata, Limonádé, ricetta limonata, summer, viaggi

21 Giugno 2016 / / Filò

Oggi vi racconto una favola, parla di architettura, restauro ma soprattutto di sogni di bambini e non solo.

Niente di irreale, in realtà, una favola moderna che sta vedendo la sua realizzazione proprio vicino a me, proprio a Treviso!

Grazie a MUMADVISOR, portale con cui collaboro, sto scoprendo moltissime realtà interessanti della mia zona. Tra queste la Scuola di Titù.
Non starò a descrivervi questa struttura e il suo operare, per chi fosse interessato potrà raccogliere informazioni consultando il loro SITO.
Vi voglio raccontare quello che sono riusciti a realizzare o meglio, quello che stanno realizzando!

Una scuola speciale, la necessità di una nuova sede, un’edificio pubblico abbandonato e tanta buona volontà.

Ecco gli ingredienti di quest’incredibile avventura che genitori, insegnanti e semplici cittadini stanno portando avanti con fantastico successo.

Da sogno a realtà perchè insieme, evidentemente, si può!

Mi sono emozionata quando ho letto l’articolo sul corriere.it.
Mi sono emozionata perchè questa storia lascia un grande messaggio:
credere in qualcosa può ancora rendere tutto possibile!



Non è vero che la nostra società ha tutto tranne che i valori dell’essere società, c’è ancora chi riesce ad unire le forze sotto un unico denominatore.
E’ ancora possibile pensare ad obiettivi comuni anche in quest’epoca dove tutto parla d’individualismo.

Insomma, io sono davvero felice che tutto questo stia accadendo!
Sono felice soprattutto pensando che ciò che nasce per i bambini continua ad avere una forza speciale!

Ringrazio tutte le persone coinvolte per il grande esempio che stanno dando e spero che anche tu, che magari mi stai leggendo, vorrai condividere questa testimonianza per trasmettere forza e coraggio a chi magari il coraggio d’intraprendere grandi avventure ancora non l’ha trovato!

Ecco il link all’articolo completo : CLICCA QUI

Ora però non perdetevi questo video meraviglioso, la storia vera, fatta di persone, amore e gioia!

21 Giugno 2016 / / Design

dettagli home decor

Progettata dallo studio portoghese Friday, Floatwing è una casa galleggiante modulare e completamente sostenibile.

Con una larghezza fissa di 6 metri e lunghezze che vanno da 10 a 18 metri, Floatwingpuò essere utilizzata come studio o come casa completamente arredata con tre camere da letto e due bagni. Floatwing è dotata di due piccoli motori fuoribordo che consentono di poter navigare a una velocità di 3 nodi, svegliandosi ogni giorno in un luogo diverso.

Grazie al suo design modulare è possibile spedire in qualsiasi parte del mondo tutti i suoi componenti, comprese le attrezzature e l’arredamento, utilizzando solo due container standard. Floatwing dispone di una cucina completamente attrezzata per l’uso quotidiano, pompa di calore e generatore di corrente alternata, un barbecue sulla terrazza superiore per le giornate di sole e di una cantina e stufa a pellet per stare al caldo nelle giornate più fredde.

dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
Progettata con materiali e tecnologie che riducono le emissioni di carbonio e riducono il proprio fabbisogno energetico, Floatwing  incorpora un impianto di depurazione a fanghi attivi. Quando è carica, la casa ha un’autonomia di almeno sette giorni ed è in grado di produrre fino all’80% del suo fabbisogno energetico annuo (e al 100% per più di sei mesi l’anno). Per maggiori informazioni www.gofriday.eu