22 Giugno 2016 / / Design

harbin-opera-house-architettura-e-design

Architettura e design si fondono in perfetta armonia nella nuova Opera House di Harbin, un progetto ambizioso nato per essere il centro culturale del futuro

Una città nel NordEst della Cina dal clima freddo e selvaggio. Un concorso internazionale vinto nel 2010 da MAD Architects e un progetto ambizioso che fonde architettura e design. Ecco gli ingredienti della nuova Harbin Opera House. Il progetto di MAD Architects è risultato vincitore del concorso internazionale indetto per la realizzazione dell’Isola della Cultura, un intervento urbanistico di riqualificazione sulle rive del fiume Songhua. Il progetto si estende su un’area di quasi 80.000 mq e ha previsto la realizzazione dell’Opera House (con due teatri, uno da 1.600 posti e uno più piccolo da 400) e un secondo edificio che ospita un centro culturale ricreativo con spazi per il cinema, mostre ed eventi.

architettura e design harbin opera house

La purezza del bianco, le superfici vetrate che lasciano filtrare la luce naturale e il calore del legno sono gli elementi costituenti di questo futuristico progetto in cui architettura e design si integrano perfettamente.

L’intera struttura dell’Opera House è come una gigantesca scultura di neve. La sua forma curvilinea sembra scolpita dal vento e dall’acqua e si fonde perfettamente con la natura e lo spirito del luogo. All’esterno, l’architettura richiama il paesaggio sinuoso della zona circostante. Le volte curve, composte da pannelli di alluminio bianchi e lisci creano una superficie morbida e sinuosa che durante i mesi invernali, si confonde col paesaggio innevato. La copertura vetrata, composta da piramidi di vetro, è a sua volta un suggestivo richiamo ai cristalli di ghiaccio e risalta a contrasto della lucida superficie delle pareti.

harbin opera house architettura e design

All’interno, nella hall, la copertura lascia filtrare la luce del sole che inonda l’ambiente rivelando l’elemento centrale: una scenografica scalinata che sembra scolpita in un unico blocco di legno. Un fulcro visivo il cui design avvolgente è ripreso anche all’interno delle due sale teatrali. Anche qui architettura e design si danno la mano e il rivestimento in legno è sagomato secondo forme organiche e curve per un effetto scultoreo. L’aspetto materico del legno con le sue morbide venature dà una sensazione di calore avvolgente.

harbin centro culturale architettura e design

architettura e design MAD architects

Tutto il complesso è stato pensato come un luogo d’incontro, uno spazio pubblico in cui è possibile passeggiare nella piazza antistante, nei viali dei giardini o godere del panorama cittadino dalla sommità della struttura. Un lungo viale d’accesso conduce all’area del Centro Culturale, i cui due edifici principali sono separati da uno specchio d’acqua che d’inverno diventa una pista di pattinaggio su ghiaccio.

Con l’innovativo progetto dell’Harbin Cultural Center, MAD Architects ha realizzato un’architettura ispirata alla natura e fortemente legata all’identità locale. Un progetto grandioso pubblicato su tutte le riviste di architettura online. Lo studio di architettura MAD Architects è uno dei più importanti studi di progettazione cinesi e ha realizzato anche l’Ordos Museum nella città fantasma di Kangbashi.

harbin opera house2

mad architects harbin opera house

harbin cultural center MAD

22 Giugno 2016 / / Design

dettagli home decor

10surdix, tempio del buon design italiano nel cuore di Parigi, è molto più di uno showroom tradizionale: si presenta infatti come un punto vendita dal carattere anticonvenzionale, lontano dall’immagine distaccata tipica dei negozi di arredamento.

Al numero 10 di rue Cassette, nel 6 arrondissement, ha improntato la sua missione sull’idea di progettare interni sartoriali e ristrutturazioni private: qui si confezionano ambienti ideati a partire dalle specifiche richieste del cliente, dove ogni dettaglio – cromatico, funzionale, estetico – è selezionato e deciso con estrema attenzione.

Con una scelta unica, lo showroom offre la possibilità di sperimentare il concetto di personalizzazione in un appartamento campione ricavato in un prestigioso complesso ottocentesco e situato nella vivacissima Rue de Clichy, dove sono raccontate, grazie alle migliori proposte di arredo, le tendenze dell’abitare contemporaneo. Tra queste, nell’ampio spazio living che si apre una volta varcato l’ingresso, risalta la cucina Ego di Abimis: la sua finitura in acciaio e le linee arrotondate, valorizzate anche dalla sagoma delle maniglie, sembrano suggerire un design dai toni retrò, tipicamente parigino. Appoggiato alla parete color crema e sormontato da un insieme di pensili, si trova il blocco cottura; di fronte, invece, un’isola attrezzata con il lavello e il forno, il cui top si estende per diventare un comodo snack dove è possibile consumare i pasti o un aperitivo in compagnia. 

dettagli home decor
Interamente in acciaio AISI 304 e ideata per personalizzare, enfatizzare e rendere unica l’esperienza del cucinare in ogni sua fase, Ego è realizzata su progetto e viene lavorata con cura artigianale, dalle diverse tipologie di vani, ante e piani di lavoro sino alle finiture.
dettagli home decor
dettagli home decor

All’interno dell’abitazione immaginata dai titolari del punto vendita, la cucina Abimis funziona come una creazione su misura, in grado di rafforzare quel concetto di “sartoria per interni” con cui 10surdix vuole essere conosciuto.

dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor

22 Giugno 2016 / / Dettagli Home Decor

dettagli home decor

La casa, situata sull’isola di Maiorca, è stata completamente rinnovata dallo studio di architettura Munarqche ha puntato sulla valorizzazione dei tratti architettonici e dei materiali naturali come il legno, la pietra e il cemento, scanditi dal bianco assoluto della finitura a calce che illumina gli interni.
Una ristrutturazione eseguita mantenendo intatti gli elementi più tradizionali dell’edificio.  
Gli interni dell’abitazione sono estremamente essenziali, arredati con mobili e complementi dal sapore contemporaneo che si combinano a elementi dal sapore più rustico.
Esternamente, per richiamare lo stile mediterraneo,  la facciata dell’edificio rivolta a sud è stata pitturata rigorosamente di bianco e senza alcun decoro, mentre  la parte a sud è stata mantenuta in pietra.
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor

22 Giugno 2016 / / Coffee Break

Questo piccolo appartamento studio (di circa 30 mq) si trova in Svezia; la sua peculiarità è il colore rosa che pervade ogni ambiente, caratterizzandolo fortemente. L’insieme è piacevole e particolare!

Via


_________________________

CAFElab | studio di architettura