27 Giugno 2016 / / REDaddress

State pensando di vivacizzare le pareti di casa e di acquistare qualche nuovo 
accessorio? Fatevi conquistare da questi colori luminosi e pieni di carattere. 
Cuscini dalle fantasie contrastanti per rinnovare un divano neutro e un po’ 
noioso, sgabelli e testate del letto che cambiano faccia con un po’ di vernice 
dai colori squillanti e mensoline con gli oggetti preferiti da tenere sempre 
bene in vista.

1 living room www.lovely-market.fr – 2 mensole lady.inspirasjonsblogg.jotun.no

1 contrasto di colori www.thedesignfiles.net – 2 tavola www.pinterest.com

1 cuscini www.pinterest.com – 2 testata dipinta  www.craftivitydesigns.com
inspiration mood by Marzia

27 Giugno 2016 / / REDaddress

Per ricreare le magiche atmosfere della brughiera e sentirsi immersi nella 
natura, scegliamo invece una palette di colori dalle tonalità più fredde che 
avvolgono e addolciscono anche gli ambienti più minimalisti. Non può mancare 
un po’ di DIY: ricicliamo le vecchie bottiglie dipingendole in modo creativo 
per riempirle con rami e fiori!


1 living room www.pinterest.com –  – 2 Ireland www.pinterest.com

1 dining room www.housedoctor.dk – 2 palette di colori www.purehome.com – 3  tazze colorate www.thelifestyleeditor.com

 1 bottiglie decorate www.niceandnicer.com  – 2 bedroom www.pinterest.com 

27 Giugno 2016 / / REDaddress

Avete invitato un po’ di persone a cena, ma non avete più idee? Fatevi ispirare 
da queste ricette semplici e veloci a base di pesto, un condimento fresco e 
adatto alle giornate estive.Oltre al classico pesto alla genovese, vi suggerisco 
alcune ricette alternative, tutte da provare e condividere con gli amici. Piatti 
saporiti, sani e dai colori freschi e allegri. 

1 kitchen www.thedesignfiles.net – 2 linguine con pesto di rucola e mandorle – ricette www.dishingupthedirt.com

1 torta al limone e basilico- ricette  www.bake-street.com – 2 table setting www.ritzybee.typepad.com

1 spaghetti con pesto di prezzemolo e asparagi donnahay.com.au – 2 fusilli con pesto di crescione e noci – ricette donnahay.com.au

1 minestrone di verdure e pesto www.whatscookinggoodlooking.com – 2 orecchiette con pesto, piselli e menta – ricette donnahay.com.au

27 Giugno 2016 / / Dettagli Home Decor

dettagli home decor

Arredare una casa al mare significa dare vita a un ambiente fresco e rilassante, in grado di rispecchiare lo spirito marino grazie a scelte d’arredo e décor mirate.
Per ricreare la giusta atmosfera marina scegliete materiali e tessuti naturali: mobili in legno grezzo, naturale o dall’effetto sbiancato, abbinati a complementi e accessori in vimini e rattan; scegliete tessuti naturali come il lino per cuscini, tende, tovaglie  e mixate il tutto con molta semplicità. 
Per le pareti di casa utilizzate il bianco, in questo modo gli ambienti risulteranno più luminosi. Aggiungete tocchi di colore che richiamano le sfumature del mare, dall’azzurro più chiaro al blu più profondo. Gli oggetti decorativi sono elementi indispensabili per esaltare l’atmosfera marina della casa al mare. Potete inserire oggetti nei colori del mare come cuscini, vasi, candele, oppure, per restare veramente in tema marino, potete optare per oggetti legati  al mondo dei marinai e dei pescatori: remi, corde, ancore, timoni e reti da pescaE per finire aggiungete un tocco di natura, inserendo qua e là conchiglie, coralli e stelle marine. 
Ecco qualche idea da copiare per la vostra casa al mare 
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
immagini via pinterest

27 Giugno 2016 / / Interiors

La settimana comincia caldissima e si sa la testa vorrebbe già essere altrove… ma manca ancora qualche settimana per noi prima della pausa estiva, per questo l’ Home tour di oggi vi porta direttamente a due passi dall’oceano, precisamente in Sudafrica, dove una giovane coppia ha costruito una casa da sogno dove sembra di essere in vacanza praticamente tutti i giorni!!!
Lo stile è volutamente discreto e minimale ma lascia respirare un gran gusto vacanziero, c’è voglia di relax e contatto diretto, grazie alle grandi aperture, con il mare e la scelta degli arredi è in armonia con l’essenza del paesaggio circostante oltre che con la voglia di semplicità dei proprietari.
Che dire poi della zona piscina? Incantevole e davvero integrata grazie alla progettazione della spiaggia piscina che ha forme organiche ed invitanti.
Bella bellissima questa casa vero? Unico problema? Adesso ho ancora più voglia di andare al mare 😉 a presto pazzerelli!

All the images are via INSIDEOUT website

SalvaSalva

27 Giugno 2016 / / Decor

La tendenza ad arredare gli interni in stile Urban Jungle ha preso sempre più piede nel 2016, tant’è che anche H&M ha creato linee dedicate a questo stile!
Si tratta per lo più di piante tropicali e da qui la tendenza di definire questo tipo di arredamento Urban Jungle. 
E’ una tendenza che mi piace molto, perché avere piante e fiori arricchisce la casa. Bisogna ovviamente saperle curare e posizionare nel punto giusto, meglio se davanti a finestre luminose.

Per questo ho cercato alcune foto di ispirazione per interni Urban Jungle e mi sono innamorata sempre di più.

Interni Urban Jungle

airows.com

Bellissime le piante ancorate al soffitto e pendenti e originale la collocazione nel bagno, che approvo assolutamente! 
​Prima di lasciarti alle immagini di ispirazione, devi sapere che il Ficus Lyrata è una delle piante indicate, molto di moda negli Stati Uniti. Pianta da appartamento che richiede però abbastanza attenzioni: luce prima di tutto e frequenti annaffiature d’estate, senza stagnazione.
 
Un’altra molto bella è la Monstera Deliciosa, di grande impatto visivo! 
Interni Urban Jungle

decouvrirdesign.com

Interni Urban Jungle

happyinteriorblog.com

Interni Urban Jungle

mydomaine.com

Interni Urban Jungle

sfgirlbybay.com

Interni Urban Jungle

veticaultralight.tumblr.com

Se anche a te piacerebbe avere un interno in stile Urban Jungle ma vuoi dei consigli, scrivimi e mandami le foto dell’interno e vediamo se questo stile è adatto al tuo ambiente!  

La modernità, ormai lo sappiamo, ci ha regalato molte cose utilissime ma ha anche tolto metri quadrati agli spazi domestici: non solo i monolocali sono una piaga diffusissima, ma pure nel caso di  appartamenti per un nucleo famigliare di 3/4 persone, permettersi metrature oltre i 100 mq diventa dispendioso.
Ci sono però degli accorgimenti che si possono adottare per far sembrare gli spazi più ariosi, sia che abbiate comprato/ristrutturato casa e vi dobbiate cimentare nella scelta di finiture e arredi, sia che vogliate rimodernare e migliorare il look delle vostre abitazioni.

via Ri Fai da Te
Oggi vediamo il primo caso: siete i fortunati possessori di un appartamento di piccole/medie dimensioni e dovete rifinirla e arredarla.
1. I pavimenti giallastri sono il male

Ciao sono il male

La parola “beige” racchiude in sé miliardi di sfumature, ma è comunemente riferita ad una tinta neutra. Ecco, è neutra quando vira verso il colore del gelato alla nocciola, ma quando risaltano le sfumature giallastre statene alla larga. Sono tinte difficili da abbinare e spesso creano contrasti che incidono sulla percezione della stanza. Anche con il bianco, non-colore passepartout, il risultato non è granché. Il mio consiglio (che vale sempre ma a maggior ragione se non avete moltissimi metri a disposizione) è di scegliere materiali naturali o che fingono di esserlo, come il grès effetto pietra o parquet, che però abbiano le sfumature del “greige”, che risultano più luminose e sono neutre per davvero.

Via
via Coem
via Marazzi

Se preferite i toni caldi del legno ok, ma se il parquet o grès in questione è molto scuro tenete presente che in una casa piccola le pareti devono essere necessariamente bianche per una questione di luminosità generale.

via Parquet Life
2. Anche le fughe a contrasto 
La piastrella 30×30 con fuga di 3/5 mm molto scura è il più classico dei classici, ma se già io non la amo, la sconsiglio vivamente in ambienti piccoli. Il problema sono soprattutto le fughe: che la posa sia obliqua o parallela, creano delle linee prospettiche che “suddividono” il piano orizzontale.

via GreenStyle

Per fortuna adesso il mercato ci offre la possibilità di fare le fughe di spessore minimo e dello stesso colore del pavimento, scelta obbligata in ambienti piccoli perché una superficie uniforme è percepita come più ampia. In alternativa potete optare per un pavimento in resina.

via Ceramica Sassuolo
via Novoceram

3. Per non parlare delle pareti colorate

Su questo argomento ve le sto triturando da tempo, ma in presenza di ambienti piccoli questo discorso vale ancora di più. I colori saturi rimpiccioliscono, e a seconda della tinta e del grado di saturazione assorbono più o meno luce. I colori freddi e polverosi possono andare, ma scegliete una parete e concentrate l’effetto scenografico in quel punto.

via Tid

Se il bianco proprio non vi piace allora applicate la stessa filosofia dei pavimenti: greige. Possibilmente le sfumature più grigio/biancastre. Se volete dare un tocco in più potete valutare una carta da parati ton sur ton.

via Shabby Chic Joy

via Dedar
via Homify
di Andrya Kohlmann Design Concept

4. Arredi: pochi ma buoni

In ambienti ristretti è meglio optare per arredi chiari, al quarto paragrafo in cui parlo dell’importanza della luminosità lo abbiamo capito tutti. Però se amate l’arte povera o mobili dall’appeal classico non dovete necessariamente rinunciarvi, stiamo parlando della vostra casa, che dovrebbe essere esattamente come voi la vorreste. Anche in questo caso il mercato ci viene incontro offrendoci la possibilità di trovare ottimi compromessi tra linee pulite e materiali classici. La cosa che dovete tenere a mente però è: siate essenziali. Scegliete pochi pezzi abbinati e di dimensioni contenute, meglio se geometrie pure. Evitate poi di disporli in un modo da creare vicoli ciechi.

Logika by Spar

Attenzione a due cose: i tappeti creano isole e in un ambiente piccolo diventano molto evidenti, se proprio li volete siate oculati nella scelta. Evitate le tende a vetro, paradossalmente una tenda che parte dal soffitto al pavimento ingombra meno lo sguardo, arreda senza creare ulteriori volumetrie e fa sembrare i soffitti più alti.

via Leonardo Tv
photo credit: www.ehow.com

5. Occhio alla luce

È ovvio che più luce naturale c’è meglio è, ma anche la luce artificiale è importante. Quando si crea molto contrasto tra zone illuminate e zone d’ombra l’ambiente diventa claustrofobico; è quindi importante disporre i punti luce in modo da ammorbidire le ombre. I lampadari vanno bene su punti in cui è necessario avere luce diretta (generalmente su tavoli e tavolini), ma è sempre meglio integrare con luce diffusa (lampade da terra, applique). Evitate le dicroiche che creano molto contrasto luce/ombra.

via Planete Deco
27 Giugno 2016 / / ChiccaCasa


Che simpatica questa coppia di amici. Realizzarla è facile facile. 

Partiamo dalla testa. Io ho usato il bianco come colore di base. 
Per prima cosa montiamo 5 catenelle dalle quali ricaveremo un quadratino di 4pb x 4 giri.


In seguito facciamo un giro di punto basso in costa per tutto il perimetro del quadrato (16pb). Lavorare in costa significa prendere solo uno dei lembi della V. In questo caso, prenderemo quello interno. Questa operazione serve a far “sollevare” i giri successivi in modo che non risultino in piano come la base, ma che si sviluppino in altezza. Chiudiamo il giro in costa con un punto bassissimo, sempre in costa.




Torniamo alla lavorazione “normale” e continuiamo per tre giri di perimetro, dopodichè chiudiamo il lavoro. 

Passiamo l’uncinetto in una maglia qualsiasi e afferriamo il filo del nuovo colore dall’altra parte delle maglie. Realizziamo una catenella per assicurare il nuovo filo e continuiamo con un giro di punto basso. Arrivati alla fine del giro (dove abbiamo iniziato a lavorare con il nuovo colore), chiudiamo con un punto bassissimo. 


Realizziamo un nuovo giro con il secondo colore, alla fine del quale montiamo 4 catenelle. 


Nel secondo anello (a partire dalla posizione dell’uncinetto) facciamo un punto bassissimo, nel terzo un punto basso, nel quarto una mezza maglia alta.


Come si fa la mezza maglia alta?
Filo sull’uncinetto, puntiamo l’uncinetto nella catenella. Estrarre il filo, filo su uncinetto. 
Concludere facendo passare il filo attraverso le tre maglie sull’uncinetto.


Abbiamo così facendo, ottenuto un triangolo che sarà uno dei tentacoli del polipo. Fissiamo il triangolo con un punto bassissimo, nella terza maglia dopo la catenella (vedi foto).



Realizziamo altri tentacoli e chiudiamo il lavoro.

Il nostro polipo è pronto!



Facciamo passare uno spago attraverso la “testa” ed effettuiamo un nodo nella parte interna. Ora possiamo appenderlo al soffitto o utilizzarlo come paralume. 



L’Octopus duo è perfetto per decorare camerette, porte, balconi, case al mare, ristoranti e co., con ironia.


Se non avete voglia di uncinettare, trovate l’Octopus duo nel mio shop online! Scrivetemi pure qui per ordinare il vostro duo personalizzato.



http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss