2 Gennaio 2017 / / Design

English version >> http://bit.ly/2iRc8FC

Buon Anno nuovo a tutti!! Dopo qualche giorno di pausa, dedicato ad abbuffate e parentado, sono di nuovo pronta per farvi compagnia.

Ma non voglio cominciare subito con argomenti nuovi di zecca. Preferisco salutare con calma questo 2016, che per molti versi è stato di poca compagnia.

Dando un occhio alle varie statistiche, ho spulciato quelli che sono stati i 3 post che avete amato di più. Ecco qui il best dei post riguardanti arte e negozi.

Best #1 _ Le illustrazioni in movimento di Lapin

L’articolo che più vi è piaciuto tra quelli del lunedi, riguarda “l’artista in movimento” Lapin. Lui stesso si definisce così, dato il modo in cui i suoi disegni prendono vita.

Francese di nascita ma barcellonese di adozione, viaggia sempre in compagnia di vecchi quaderni della partita doppia. Su questi quaderni Lapin disegna quello che lo circonda e lo impressiona delle nostre città contemporanee.

Questo il link, nel caso ne vogliate comprare qualcuno:

http://laboutiquedelapin.bigcartel.com/

Best #1 Lapin

All works © Lapin.

Best #1 Lapin

All works © Lapin.

Best #1 Lapin

All works © Lapin.

Best #2_  Lo sapete che a Parigi i fiori sbocciano dal cielo?

Il secondo post che avete apprezzato è stato quello riguardante la splendida sala da tè Lily of the Valley a Parigi, progettata dallo studio Marie Deroudilhe.

Non la solita sala da tè però: non aspettatevi i caldi toni del rosso e dell’arancione e le sete della Cina. Uno stile romantico e femminile, che richiama l’essenza del nome. Il lily of the valley infatti altro non è che il mughetto.

Il tocco speciale? La cascata di fiori che scendono dal soffitto.

https://www.facebook.com/lilyofthevalleyparis/

Best #2 Lily of the Valley

Photos © Julie Ansiau

Best #2 Lily of the Valley

Photos © Julie Ansiau

Best #2 Lily of the Valley

Photos © Julie Ansiau

Best #3 _ L’illusione reale di François Abélanet

Al terzo e ultimo posto di questa classifica troviamo le anamorfosi di François Abélanet. Ma cos’è un anamorfosi?

Si tratta di un fenomeno a cui assistiamo più o meno coscientemente tutti i giorni, quando guardiamo i segnali stradali orizzontali: se prendiamo ad esempio la scritta “stop” questa è leggibile solo quando siamo molto in prossimità. Da lontano risulta praticamente indecifrabile.

Questa è un’anamorfosi: un’immagine così distorta da essere leggibile solo da determinati punti di vista.

François Abelanet è uno degli artisti anamorfisti più talentuosi del mondo: architetto e poeta, decoratore e appassionato di Land Art, François declina la sua passione per la creazione, i giardini e ovviamente l’anamorfosi attraverso le sue gigantesche e incredibili opere.

Best #3 François Abélanet

© 2015 François Abélanet l’Anamorphiste

Best #3 François Abélanet

© 2015 François Abélanet l’Anamorphiste

Best #3 François Abélanet

© 2015 François Abélanet l’Anamorphiste

L’articolo Best of 2016: cosa vi è piaciuto di più tra arte e negozi? sembra essere il primo su VHD.

2 Gennaio 2017 / / Design

Illustrazioni cubiste - Gosia Herba

Gosia Herba fonde innumerevoli riferimenti artistici in uno stile personalissimo ma nelle sue illustrazioni cubiste è evidente il richiamo a Picasso

Nata a Wrocław, in Polonia, nel 1985 Gosia Herba è una bravissima illustratrice che ha mostrato il suo talento nel disegno fin da bambina. Seguendo la sua passione, ha frequentato la National school of Fine Arts e poi si è laureata in Storia dell’Arte all’Università di Wroclaw. Dal 2008 lavora come illustratrice freelance proponendo le sue illustrazioni cubiste a case editrici, riviste o etichette discografiche come The Oprah Magazine, il Washington Post, Monocle, Penguin, Wetransfer, oltre che a numerose pubblicazioni polacche.

Le sue illustrazioni editoriali sono davvero particolari, caratterizzate da uno stile che ricorda moltissimo il cubismo, il movimento artistico che all’inizio del ‘900 rivoluzionò la storia dell’arte. Nelle illustrazioni cubiste di Gosia Herba troviamo tratti spigolosi e geometrici, linee curve, colori intensi e una certa espressività retrò e infantile. Come non pensare alle celebri opere di Picasso Les demoiselles d’Avignon e Guernica guardando questi personaggi dalle proporzioni irreali e assurde, con i visi asimmetrici e irregolari tipici del cubismo?

Ma le fonti di ispirazione di questa talentuosa illustratrice sono diverse e molto stratificate:

“I miei studi in storia dell’arte mi hanno lasciato un’immensa galleria d’arte personale nella mia testa e lì trovo moltissima ispirazione. Apprezzo molto la pittura gotica e la scultura sacra, le stampe artistiche giapponesi, i quadri di Balthus e i lavori dei pittori polacchi Witold Wojtkiewicz e Wojciech Weiss. Passo molto tempo a leggere libri di anatomia, storie di mostri e stranezze; anche sul corpo umano e le sue imitazioni: burattini, manichini o umanoidi.”

illustrazioni cubiste di gosia herba

Illustrazioni ispirate a miti e leggende

Appassionata di antropologia e di storia delle culture, Gosia Herba riflette questo interesse nelle sue illustrazioni che spesso affondano le radici nelle fiabe popolari, nella mitologia e nel folklore di tutto il mondo.

Fra i tanti lavori su commissione ha infatti trovato il tempo di realizzare anche un’interessante serie personale dedicata a miti e leggende di varie epoche e diversi paesi. Dandone un’interpretazione molto personale, è riuscita a sintetizzare espressività narrariva e originalità di stile.

Gosia Herba realizza immagini ricche di dettagli, con colori pastello dai toni fruttati utilizzando texture pittoriche che danno profondità alle immagini. Illustrazioni i cui protagonisti appaiono sempre in bilico fra fiaba e realtà nonostante il tema spesso cupo e cruento di queste storie popolari.

Bastino gli esempi del mito di Apollo e Marsia (il satiro scorticato vivo per aver osato sfidare il dio della musica) o la leggenda ispirata alla figura dell’Utopiec tipica del folklore slavo. Un demone delle acque, uno spirito maligno che attira e le sue vittime e le uccide affogandole negli stagni o nei laghi.

Altre volte invece l’ispirazione arriva dalla letteratura, come i racconti di Bruno Schulz, maestro della letteratura polacca del ‘900, che hanno ispirato l’illustrazione dedicata a “Le botteghe color cannella“.

Ma Gosia Herba ama realizzare anche illustrazioni per bambini e ha pubblicato diversi libri. La sua ultima fatica è “Elephant on the moon” che ha per protagonista una ragazzina astronoma curiosa e determinata, che con il suo telescopio scopre un elefante sulla luna. Godetevi le sue bellissime illustrazioni!

Gosia Herba illustrazioni stile cubista di miti e leggendeGosia Herba – Illustrazione ispirata al mito di Apollo e Marsia

Illustrazioni cubiste di Gosia Herba - Picnic (Utopiec) Gosia Herba – Picnic (Utopiec) ispirata alle leggende slave

Gosia Herba – Illustrazione ispirata ai racconti “Le botteghe color cannella” di Bruno Schulz

Altre illustrazioni cubiste di Gosia Herba

gosia herba illustrazioni cubisteLa Foresta

gosia herba illustrazioni ispirate al cubismoLo Zodiaco

gosia herba illustrazioni cubiste sullo sportBeach Volley

gosia herba illustrazioni cubiste su miti e folklore

2 Gennaio 2017 / / Decor

dettagli home decor

“Una fresca e frizzante sfumatura giallo-verde che evoca i primi giorni della primavera, quando il verde della natura si rinvigorisce e rinnova”


Dopo una ricerca durata mesi, PANTONE ha scelto il colore dell’anno per il 2017; è Greenery, codice 15-0343. Non un verde qualsiasi ma una tonalità rigenerante, simbolo di vitalità e di un nuovo inizio, che evoca la primavera e che fa sperare nel futuro.
È un verde insolito: una combinazione di giallo e blu dal carattere forte, che emana calore ma che contiene in se anche un tono più freddo e, per questo, non sempre facile da dosare.
Come si usa? Per dipingere una parete. Sarà perfetto nella zona studio, il verde stimola la mente e aiuta la concentrazione. Bello anche combinato con il bianco e il legno della cucina.
Troppo verde vi spaventa? Usatelo solo per i dettagli: la testata del letto, i cuscini del divano, gli accessori della cucina e, perché no, la porta d’ingresso!

Scoprite nella nostra gallery tantissime idee per dare un tocco greenery alla casa.

dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
immagini via Pinterest

Greenery PANTONE® 15-0343: il colore che ci ispirerà nel 2017