27 Gennaio 2017 / / Design

dettagli home decor

Nel cuore di Brera a Milano si trova il piccolo negozio L’Orto di Brera, nato con l’idea di proporre prodotti genuini e di altissima qualità, dove la frutta e la verdura venduta sono le vere protagoniste del progetto di interni che porta la firma dell’Architetto AlbertoFraterrigo-Garofalo.
Il locale è stato diviso in modo da ricavare un laboratorio/cucina ed un altro per vendita e somministrazione. Lo spazio più caratteristico è sicuramente quello adibito alla vendita e alla somministrazione, in cui sono state divise le aree di esposizione di frutta e verdura, la zona frigo destinata alla somministrazione dei cibi pronti, e un grande espositore a parete dedicato ai prodotti confezionati. Gli espositori per la frutta e la verdura disposti su piani sfalsati, realizzati artigianalmente in ferro e legno e retroilluminati esaltano i colori e la genuinità dei prodotti. All’interno dello spazio adibito a vendita è stato inserito un grande tavolo conviviale che accoglie il cliente e permette la consumazione dei cibi preparati.
In fase di progettazione sono stati conservati la pavimentazione, il soffitto con travi in legno ed è stata inoltre ripristinata una parete originale in mattoni pieni a vista. I materiali utilizzati sono molto materici e sono stati scelti per valorizzare i prodotti esposti: il ferro ed il legno sono i materiali utilizzati per i mobili, la lavagna ed il mattone i materiali utilizzati nel trattamento superficiale delle pareti.
Il processo di progettazione è stato impostato attraverso il confronto continuo con la committenza, per trovare soluzioni che avessero come obiettivo quello di creare uno spazio caldo ed accogliente
Grande importanza anche per quanto concerne le grafiche ed il logo che sono state parte integrante del progetto di interni al fine di garantirne la riconoscibilità.

dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor



27 Gennaio 2017 / / Design

Oggi vi parlerò della nuova linea Vintage Edition 1906 della Ledvance, società recentemente nata dalla ristrutturazione della Divisione Lampade di Osram.
Ledvance è la combinazione dei termini “Led” e “advance”; Il nome, nell’intenzione degli ideatori, vuole riflettere la tendenza LED nel mercato dell’illuminazione.
La linea è un omaggio al design dell’era industriale di inizio novecento, una gamma di lampade (alogene e LED) e di sofisticati apparecchi d’illuminazione a sospensione per interni nei quali un aspetto vintage va ad integrarsi con le più moderne tecnologie e con materiali di alta qualità. Le lampade della linea Vintage Edition 1906 sono disponibili in diverse forme e in differenti tecnologie. 



L’apparecchio di illuminazione PenduLum, elemento complementare ideale delle lampade, disponibile in versione oro o nera, si distingue non solo per il classico design minimalista in alluminio con cavo rivestito in tessuto, ma anche per la sua straordinaria funzionalità. L’apparecchio a sospensione, costituito da un porta lampada di alluminio ed un cavo in tessuto nero, può infatti essere combinato e posizionato in modo molto flessibile nella stanza grazie ad un sistema a tirante intelligente, consentendo un’emissione luminosa precisa laddove desiderato, a seconda dell’effetto desiderato e della luminosità preferita.


Il sistema Inoltre è assolutamente modulare e installando più lampade si possono creare numerosi effetti d’arredo molto contemporanei. Nella mia cucina ho installato la versione nera della lampada con un grande bulbo che diffonde una piacevole luce ambrata.
Post sponsorizzato in collaborazione con Ledvance
27 Gennaio 2017 / / Coffee Break

Per tutti quelli che… vorrebbero sostituire lo scopino del bagno, perchè non è igienico, è brutto, sporca, è arrivato Wizzo, l’idoscopino igienico ma di design!

Sicuramente più pratico e funzionale del classico scopino, Wizzo è realizzato in acciaio inox, alluminio anodizzato e plastiche “Derlin”, nuove ed igieniche, con linee moderne e colori neutri adatti ad ogni tipo di bagno.
Realizzato secondo il principio dell’idrogetto, è azionabile a mano, con semplicità, e permette di risparmiare acqua ed energia, aiutando in maniera concreta l’ambiente.
Wizzo si carica semplicemente sotto il getto dell’acqua del lavandino, senza l’aggiunta di alcun prodotto o detersivo chimico (nota interessante soprattutto per chi soffre di allergie o intolleranze!); il serbatoio di Wizzo contiene circa 1 lt di acqua, che permette di utilizzare lo scopino almeno 12 volte; il suo funzionamento mirato ed antischizzo permette di pulire senza venire a contatto con le pareti del wc e può essere effettuato anche da un bambino!

Ecco come funziona: si riempie il serbatoio, quindi, sollevando l’asta metallica che lo compone e facendola ricadere per pochi cm, si fa scattare il meccanismo in modo da caricarlo ed infine si spruzza con precisione dove si nasconde lo sporco nel wc. 

Ma non è finita: per chi lo desidera, è attivabile anche la funzione deodorante, svitando il coperchio metallico, estraendo il pezzetto di corda di cotone presente e inumidendolo con un’essenza a scelta. Al momento della ricarica, il flusso d’aria che attraversa Wizzo permette lo spandersi dell’aroma scelto, profumando il bagno.
Info: Wizzo 

_________________________

CAFElab | studio di architettura


27 Gennaio 2017 / / Blogger Ospiti

Grazie alla manovra finanziaria della legge di stabilità 2017 sono stati approvati una serie di benefici di incentivi fiscali sulla casa ed in particolare arrivano i bonus per la ristrutturazione ed il cosiddetto ecobonus, che va a premiare i cittadini che effettueranno dei lavori di riqualificazione oppure acquisteranno degli elettrodomestici in grado di avere un minore impatto sull’ambiente e che usino l’energia alternativa.

Innanzitutto, questa manovra prevede il cosiddetto bonus casa, ovvero delle agevolazioni sull’ Irpef fino al 85% per chi vuole acquistare una casa. Poi c’è il cosiddetto ecobonus che è un beneficio fiscale concesso ai contribuenti che vogliono migliorare le prestazioni della propria casa da un punto di vista energetico. Si tratta di un bonus del 65% che è valido per cinque anni, ovvero dal 2017 e fino al 2021. L’ecobonus arriva al 70% se i lavori di rinnovamento energetico riguardano il 25% almeno della casa ed addirittura al 75% se i lavori garantiranno una migliore prestazione energetica totale.

L’ecobonus permette quindi di usufruire di questi sgravi fiscali se si ha la cosiddetta fattura relativa alle spese sostenute per effettuare questi interventi. I limiti di spesa sono molto alti ed arriva a più di €96000 per ogni unità immobiliare. Oltre l’ecobonus, c’è anche un bonus ristrutturazioni che riguarda in generale interventi di manutenzione straordinaria ed ordinaria della propria casa ma anche il cosiddetto bonus mobili 2017.

Questo bonus garantisce agevolazioni fiscali per chi deve acquistare mobili o elettrodomestici e sono intrinsecamente collegati alle detrazioni sull’Irpef che variano dal cinquanta al sessantacinque per cento in base alla tipologia di intervento effettuato dal contribuente. Il bonus mobili 2017 è calibrato per chi decide di iniziare lavori di ristrutturazione, per esempio della cucina. Le detrazioni, valgono sia per i lavori che per l’acquisto di elettrodomestici (come ad esempio frigorifero lavastoviglie, forni da incasso e non solo ecc.). Il tetto massimo di spesa è di 10mila euro.

I “grandi elettrodomestici” sono considerati gli elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ tranne il forno, per il quale basta la classe A. Per quanto riguarda le condizioni per poter ottenere il bonus mobili servirà la fattura, bonifico e la dichiarazione. L’acquisto di una lavastoviglie oppure di un forno da incasso, saranno l’incipit per ottenere il bonus mobile.

Questi bonus arrivano in quanto, a livello di Unione europea le norme e le etichette energetiche (UE) stanno promuovendo una nuova classe di elettrodomestici affinché i cittadini acquistino per le loro case, prodotti più efficienti. Si punta ad un risparmio annuale e nel lungo periodo.

Le detrazioni e gli incentivi spetteranno a coloro che, avendo ristrutturato l’immobile nel 2016 o nel 2017, comprano gli arredi, i grandi elettrodomestici, mobili ad incasso, a partire dal primo gennaio 2017. Tra i beneficiari di questo provvedimento rientrano senza dubbio gli usufruttuari di abitazione, i proprietari di immobili, i nudi proprietari, quelli che affittano, i titolari di contratti in comodato d’uso, i soci delle cooperative, gli imprenditori, le società semplici, in nome collettivo e soggetti equiparati, le imprese familiari che devono osservare le stesse regole delle imprese individuali. Il bonus spetta inoltre anche al coniuge, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado sempre se conviventi con il proprietario o con chi possiede l’immobile oggetto della detrazione.

architecture-1857175_960_720

27 Gennaio 2017 / / Dettagli Home Decor

dettagli home decor

Una ristrutturazione globale degli interni di una casa di 120 m2 situata nel quartiere di Sant Gervasi a Barcellona. Scopo della ristrutturazione, rendere maggiormente funzionale l’appartamento per una famiglia.
Lo spazio è stato così suddiviso in due aree separate: la zona giorno, con ampio soggiorno, la cucina a vista e un bagno; a parte troviamo la zona notte, composta da tre camere da letto, uno studio e un bagno.
Partendo da una base neutra scandita dal bianco, grigio e nero, i progettisti hanno deciso di aggiungere un tocco di colore per creare un contrasto cromatico deciso ma raffinato, ed ecco che la scelta è ricaduta sulla tonalità giallo senapeUn colore che si sposa perfettamente con i toni neutri dell’abitazione e che rende caldo e accogliente lo spazio.
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
Un progetto realizzato dallo studio VIVE di Barcellona

26 Gennaio 2017 / / Idee

Concludiamo la rassegna dei modelli presentati da ALBA DOORS per la categoria finestre con BINARIO.

Serramento in legno massello o lamellare con anta da 58x88mm (vedi caratteristiche SCHEDA TECNICA) che nelle immagini che seguiranno si presentano in maniera elegante in finitura scura di portafinestra abbinata a oscuranti bianchi di elevata qualità e bellezza.
Un conubio perfetto di sicurezza e piacere alla vista.
IMG_1732-1200x1200-c IMG_9396-1200x1200-c
10 7