28 Febbraio 2017 / / Non Solo Arredo

Vi diamo oggi alcuni altri esempi di come si possa arredare con estremo gusto sfruttando il potere dei contrasti assoluti tra i materiali ed i colori e dando vita ad una rappresentazione classica del nuovo che avanza negli oggetti d’arredo.

Codici stilistici ai poli opposti come quelli che ritroviamo nel tavolo Flowers di Lema, un’opera che con la sua leggera struttura in metallo ed il piano d’appoggio in laccato opaco rievoca un design vivace in stile anni ’50 che sembra librarsi nell’ambiente salotto.

Per l’illuminazione, invece, il contrasto tra chiaroscuri è da sempre un grande classico e ce lo propone, in vetro e metallo verniciato, Foscarini nella sua speciale collezione realizzata in collaborazione con Diesel. Gask è una lampada a sospensione compatta ma divertente nel suo design pulito ed essenziale che sembra riecheggiare antiche mistiche architetture come quelle delle ziggurat.

Molto più sinuosa è invece Nonette, nel catalogo sempre più poliedrico e multiforme di Roche Bobois: una lampada da terra a LED con particolare terminale “ad oblà” ed interamente in ceramica. Con i suoi 38W, la luce nei vostri ambienti sarà sempre impeccabile, potere giurarci!

 

Queste sono idee che giocano tra vuoti e pieni inserendo sempre delle silhouette molto decise nella zona living, e traducendosi in in interior design di carattere!

 

ShareThis

28 Febbraio 2017 / / Architettura

Il ritorno ad un gusto rustico attraverso l’utilizzo di materiali grezzi nella loro essenza materica è una delle tendenze per gli interni. Queste 3 splendide ville umbre sono accomunate da uno stile rustico contemporaneo,  reso tale attraverso tocchi di colore e pezzi di design.

  1. Tradizione rivisitata

Il calore del soffitto con travi a vista e il pavimento in pietra sono un ricordo del passato che rende accogliente questa villa. Le pareti bianche danno luminosità, mentre la scelta di un colore forte come il rosso, presenza fissa negli accessori di ogni ambiente, rappresenta una scelta vincente per dare uniformità. Una tonalità difficile, ma qui usata a piccole dosi e abbinata a tonalità neutre come il grigio o al suo colore complementare, il verde.

Casa in stile rustico contemporaneo
Casa in stile rustico contemporaneo
Casa in stile rustico contemporaneo
Salotto con stufa
Casa in stile rustico contemporaneo

via homeadore

 

2. Un casolare in pietra ravvivato da colori brillanti

Il carattere delle pareti in pietra è innegabile all’interno di questo casolare completamente ristrutturato. Elementi come il camino e la cucina sono stati interpretati in forme attuali in favore della praticità. Arredi moderni e colorati sono una nota vivace e piacevole e non mancano elementi di recupero come i tavolini del salotto ricavati da due vecchie ante in legno o i divanetti esterni realizzati con dei pallet. Ogni dettaglio è curato con massima attenzione per una risultato giovane e fresco.

Tavolini di recupero
Cucina realizzata in muratura
Grande tavolo da pranzo in legno
Camino moderno
Salotto con arco in pietra
Accanto a alla piscina pergola in legno e divani realizzati con pallet

via  home info

3. Dettagli etnici

Di questa coloratissima villa stupisce la perfezione con cui ogni ambiente è stato reinterpretato e valorizzato. Richiami etnici come le stampe dei cuscini, i tappeti e l’utilizzo di ceste in paglia e cappelli come elementi decor sono  in perfetta armonia con l’involucro rustico.

Giardino
Cucina con lampade koushi
Camera da letto bianca e blu
Camera da letto con lampade sospese
Divanetto in muratura
Testiera letto ocra
Esterno con piccola piscina e arredi colorati
Stampe etniche cuscini
Cucina in muratura con mensole
Casa con dettagli etnici
Riutilizzo di una vecchia porta
Casa con dettagli etnici
Casa con dettagli etnici
Casa con dettagli etnici

via Adela Parvu

 

Archiviato in:INSPIRATIONS

28 Febbraio 2017 / / Paz Garden

Quando inizio a mancare troppo dal Blog le motivazioni possono essere solo due… o mi sono ammalata o il lavoro con le consegne super serrate mi ha travolto e io non so in quante parti dividermi.
Fortunatamente non sono malata 🙂 quindi perdonate se nei prossimi mesi passerò un po’ meno da queste parti ma davvero con l’arrivo della Primavera ormai lo sapete, il lavoro di chi progetta Giardini (come nel caso del nostro STUDIO PAZ ) subisce una bella impennata, dopo il letargo invernale, e noi non possiamo non approffittarne!!!

Proprio per rimanere in tema Giardino e per cominciare ad annusare anche virtualmente la Primavera, voglio condividere con voi la scoperta di una fotografa specializzata in fotografia di Giardini, perché dovete sapere che all’estero esiste anche questa favolosa specializzazione nell’ambito della fotografia!!!
Lei si chiama Eva Nemeth, vive nella regione di Oxford ed ha davvero un talento (tipicamente inglese lasciatemelo dire) incredibile per riuscire a trasmettere in un solo scatto tutta la magia, il fascino e le atmosfere romantiche di chi ama circondarsi di fiori, amanti del giardinaggio e custodi di piccoli o grandi giardini.
Le sue foto sembrano sospese, a metà tra un tempo reale ed uno invece solo immaginato. Il tempo di chi sceglie un vivere più lento, più a contatto con la Vita e i suoi cicli di sempre. Attimi di attesa e mani sporche di terra. Bisogno di verde a rilassare lo Spirito e voglia di fiori e colori per seminare l’ allegria.
Tantissime sono le sensazioni meravigliose che il Giardinaggio sa regalare e penso che le immagini di Eva sappiano davvero come raccontarle molto meglio di mille parole.
Se vi va potete curiosare il suo bellissimo Blog ricco di foto poetiche e bellissime o seguire il suo profilo Instagram qui.

Un abbraccio profumato di Primavera pazzerelli!!!

All the images are published with the kind permission of EVA NEMETH. 
28 Febbraio 2017 / / Design

CESAR sarà presente a Palazzo Litta con il progetto Fra(m)menti by Garcìa Cumini

In occasione della Milano Design Week CESAR sarà presente a Palazzo Litta per la collettiva “A matter of Perception” con il progetto Fra(m)menti by Garcìa Cumini dal 4 al 9 Aprile 2017 

Come suggerisce il gioco di parole, Fra(m)mentisvela un’invisibile unione di menti: collega, separa e unisce, evidente metafora della molteplicità di connessioni tra due o più persone e tra le persone e gli oggetti.  
Un solo punto fermo, a centro sala: la cucina UNIT di Cesar firmata da Garcìa Cumini.
Tutt’intorno un gioco di specchi mette in relazione prodotto e osservatore, invitandolo ad uno scatto fotografico, da condividere in una o più  interazioni social.
Attraverso le sue infinite emanazioni, ogni specchio dà vita ad una connessione esclusiva, perché unico è il punto di vista dell’osservatore, il riflesso, il modo di interagire.

CESAR sarà presente a Palazzo Litta con il progetto Fra(m)menti by Garcìa Cumini

UNIT, sistema progettuale dinamico e leggero, libero dai vincoli delle pareti, è il perfetto interprete di una messa in scena che coinvolge il pubblico in un’esperienza a tutto tondo. Il design, connotato dall’assenza di spigolosità, le linee archetipe che richiamano una estetica della memoria, catturano l’attenzione del pubblico, invitandolo all’interazione. 
Gli specchi creano tra loro una rete, una catena immaginaria simile ad una formula alchemica che, a sua volta, riflette se stessa infinite volte, permettendo allo spettatore di perdersi nello spazio, fino a farsi “attore” di una personalissima visione.
CESAR sarà presente a Palazzo Litta con il progetto Fra(m)menti by Garcìa Cumini
CESAR sarà presente a Palazzo Litta con il progetto Fra(m)menti by Garcìa Cumini
CESAR sarà presente a Palazzo Litta con il progetto Fra(m)menti by Garcìa Cumini



28 Febbraio 2017 / / Idee

La casa è un luogo che rispecchia profondamente gli abitanti che vivono al proprio interno, che spesso e volentieri vogliono personalizzarla e renderla perfetta per il proprio comfort.

La cura della casa è definita con il termine francese bricolage, che si può assimilare all’italiano “fai da te”: con il bricolage si possono sia rinnovare gli ambienti che costruire mobili con le proprie mani.

Per molto tempo il concetto di fai da te è coinciso con quello di risparmio ad ogni costo, mettendo il bricolage nella difficile posizione di un qualcosa di non troppo bello, che però aveva il pregio di essere stato creato senza ricorrere alla manodopera specializzata (e quindi abbattendo i costi). Negli ultimi anni, invece, si è giunti sempre più alla concezione di bricolage quasi come di un’arte, che viene sì coltivata come hobby ma che allo stesso tempo richiede dedizione e talento per realizzare ambienti funzionali e belli da vedere.

Per dedicarsi al bricolage sono essenziali i prodotti MaxMeyer: quest’azienda offre un’ampia gamma di vernici, solventi e colori di tutti i tipi per decorare ogni singolo ambiente nel modo migliore.

Tinteggiare la propria casa, infatti, è un’attività che richiede tempo e dedizione, perché bisogna avere molta cura dei dettagli. Bisogna anche avere mano ferma e molta perizia nella stesura del colore, per evitare che il muro presenti macchie una volta asciutto.

Prima di stendere una pittura sul muro, gli amanti del bricolage sanno che il muro va preparato con speciali vernici basiche che esaltano la brillantezza della pittura finale. Per quanto riguarda le colorazioni, la pittura più luminosa e più utilizzata è quella bianca; ci sono, però, anche vernici colorate, che possono essere stese per dare un tocco di colore e di vivacità alla casa. Fare bricolage e servirsi di prodotti professionali significa anche cercare una vernice che sia inodore e priva di agenti tossici al proprio interno, che abbia una resa opaca sul muro e che sia lavabile. La vernice lavabile, infatti, mette al riparo i muri da qualsiasi incidente domestico.

Gli appassionati di bricolage possono anche scegliere di non fermarsi alla pittura del muro a tinta unita, ma di decorarlo con motivi a proprio piacimento. Per questo motivo esistono numerose vernici più brillanti, di solito a base acrilica: dalla polvere di stelle glitter ai colori gloss, dalle vernici velate che permettono di decorare con l’effetto spugnato a quelle opache per disegni rifiniti, tutto concorre a rendere la casa un ambiente completamente personalizzato ed unico nel suo genere.

Quando si nomina il bricolage, però, si pensa più che altro al fai da te in materia di costruzione di mobili ed altri oggetti per la casa. Essi possono essere realizzati in ferro o in legno, due materiali che bisogna saper lavorare molto bene se si vogliono realizzare valide opere di bricolage: porte, imposte, mobili eccentrici e librerie prendono vita sotto le mani dei maestri del fai da te. Questi materiali, tuttavia, hanno bisogno di alcune cure preparatorie e di prodotti per il bricolage specifici, che li possano rendere impermeabili e resistenti agli agenti atmosferici.

I prodotti per il bricolage MaxMeyer si occupano dei materiali primari ancor prima che essi vengano trasformati in oggetti. Esistono, per questo, dei solventi preparatori che rendono, ad esempio, il legno impermeabile. Questi solventi, come ad esempio il flatting specializzati per climi estremi, sono impermeabilizzanti a base oleofenolica e contengono resine pregiate: essi creano sul legno una patina che lo protegge dall’aggressione di acqua, neve o grandine. Il ferro, a sua volta, anche se è tendenzialmente più resistente del legno, ha comunque bisogno di cure: in particolare, quando si pratica bricolage è sempre meglio preparare il ferro con dei solventi antiruggine a base di fosfato di zinco, specialmente se esso dovrà passare molto tempo all’aperto.

Per quanto riguarda la decorazione, esistono vernici che imitano i colori naturali dei materiali e vernici dai colori brillanti ed accesi, solitamente a base acrilica. Queste ultime sono molto indicate per prodotti di bricolage come le porte, che spesso vengono smaltate con colori molto vivaci come il rosso o il verde per dare un tocco distintivo alla propria abitazione.

Costruire un mobile per interni con le proprie mani, inoltre, significa realizzare da cima a fondo un’opera unica nel suo genere, che può distinguere la propria casa dalle altre.

Fare bricolage, infatti, significa occuparsi inizialmente della materia prima, che a volte dev’essere sverniciata e liberata dei suoi antichi colori tramite appositi solventi. Una volta costruito, ad esempio, un tavolo, si può scegliere di passare sopra di esso vernici a base cerosa che fissano le fibre del legno impedendogli di sfaldarsi e rendono le assi del tavolo lisce e levigate.

Fare bricolage, dunque, è un qualcosa che non si può improvvisare: richiede cura per la casa e amore per i lavori manuali, ma soprattutto molta serietà e l’apporto dei materiali giusti per realizzare opere belle, funzionali e a basso costo.

Di seguito alcuni spunti da fantastico mondo del fai-da-te di Pinterest

mensola-con-lampadalibreria-faidatemensola-creativa
quadro-creativo-rosatagliere-faidatetrasformare-comodino
appendiabiti-particolare-faidate

Fonte Immagini: Pinterest
28 Febbraio 2017 / / Il Sottomarino a Pois

Ciao a tutti! non potete immaginare la felicità nel vedere il sottomarino pubblicato nella sezione ” Casa dei lettori” di CasaFacile…molti commenti positivi e qualche critica, come è giusto che sia 🙂 
Abitiamo in questa casa da circa due anni e ovviamente le cose da fare sono ancora tante: non abbiamo finito l’illuminazione esterna, nel giardino ci sarebbero da piantare altre piante e fiori e realizzare una tenda da sole, dobbiamo finire di sistemare il sottotetto del garage, che prima o poi vi mostrerò, e che sarà adibito a laboratorio ( di pittura e di intrugli vari)  e/o stanza per gli ospiti, dobbiamo arredare la cameretta dei bimbi e fare altri ritocchi qua e là. E’ anche vero che queste ultime scosse di terremoto ci hanno scoraggiato e fermato, quando la terra è instabile anche la vita lo diventa. Ma voglio pensare positivo e credere che tutto questo brutto periodo sia finito e andare avanti..
In vista di questi cambiamenti volevo sapere cosa ne pensate di queste idee per rendere più caratteristico il camino. Vorrei tinteggiarlo con vernice lavagna o con un grigio scuro, perché così chiaro si sta rovinando e perché,se di un altro colore, la sua geometria risalta ancora di più rispetto alla parete e al resto della sala. Ho raccolto un po’ di immagini e spero che l’idea piaccia anche a voi.
fonte
fonte
fonte

Stupenda anche l’idea di mettere le ruote al tronco e trasformalo in tavolino…

fonte
fonte

e poi infine vi mostro le prove che ho fatto sul mio camino… adesso bisognerebbe scegliere qual’è la soluzione migliore

e voi quale versione preferite? 

come sempre vi lascio in compagnia di un po’ di buona musica!! 
A presto 😉



28 Febbraio 2017 / / Coffee Break

In questa mansarda progettato interamente nei toni del grigio, l’unico colore che spicca è il verde.
Non solo le numerose piante che la popolano, ma le particolarissime piastrelle della cucina, in verde anch’esse, ne contribuiscono a spezzare il tono monocromatico.

Via


_________________________

CAFElab | studio di architettura


28 Febbraio 2017 / / Idee