12 Marzo 2017 / / Coffee Break

Mia Chair, iconica sedia disegnata da James Almeida per Sollos vince il Red Dot Design Award 2017 per la categoria arredi.

La linea MIA è un design equilibrato tra scala, linee e proporzioni, Jader Almeida ci dice di aver progettato la sedia come un’estensione del corpo umano, un “elemento protesico” che si adatta alle specifiche esigenze accogliendo il corpo in maniera naturale.

immagini Via Sollos

_________________________
CAFElab | studio di architettura
12 Marzo 2017 / / +deco

In meno di un mese, andrò al Salone del Mobile, questa volta con l’accredito da blogger e non da professionista del settore quindi siate pronti per una miriade di foto.

Non vedo l’ora di scoprire cosa è veramente originale nel mondo dell’arredamento (ma parleremo di questo più tardi, più vicino alla data) e di visitare alcuni degli eventi organizzati a Milano, in quello che è chiamato il FuoriSalone. Sono molto curiosa di vedere, per esempio, le installazioni di White In The City

In alcune dei migliori luoghi di Milano, alcuni famosissimi architetti e designer sono stati invitati a fornire la loro interpretazione del colore bianco. L’evento è sponsorizzato dall’azienda di colore Oikos e diretto da Giulio Cappellini. 

Mi sono chiesta, qual’è la mia interpretazione del bianco?

Il bianco per me rappresenta l’inizio.

L’inizio è una delle più fasi importanti in ogni cosa. Il bianco è cominciare.

Negli spazi e nell’arte, anche dove non sembra esserci bianco, ad un certo punto c’è stato del bianco (le tele, la pittura bianca usata per mischiare i colori, i muri prima che venissero pitturati, i materiali colorati ecc.)

Il bianco è sfondo ma anche l’unico colore che sta bene davvero con tutto.

Nell’arte il bianco può essere predominante (vedi le opere White Cretto di Burri) o fungere da sfondo (vedi per esempio alcune delle opere di Keith Haring).

Iniziare qualcosa di nuovo o differente ha un’importanza enorme nelle nostre vita ed il  primo passo di un’altra importante fase che è cambiare; per questo associo il colore bianco al concetto di speranza.

Negli interni il bianco è il colore per eccellenza, nel senso che è l’unico colore che non passa mai di moda.

Non molte persone pittureranno i muri della casa verdi e lì lasceranno così per più di qualche anno.

E’ stato detto che il bianco è una scelta di comodo ma io la definirei invece una scelta classica, una scelta che funziona sempre.

Di seguito alcune immagini a prova del fatto che il bianco è ovunque, sempre.

Una stanza dell’ Hotel Room Mate Giulia progettata da Patricia Urquiola (che partecipa a White in the City).

Loley moquet di Studio Libeskind (che partecipa a White in the City).

Una stanza dell’ Hotel Room Mate Giulia progettata da Patricia Urquiola (che partecipa a White in the City).

Il fotografo Paulina Arklin ha fatto del bianco una scelta di stile per la vita.

Un esempio di come, anche in uno spazio molto colorato ed eclettico, il bianco è presente (fonte http://littlegreennotebook.com/).

The post White in the City (but everywhere really) appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

12 Marzo 2017 / / Design d' Ingegno

Quante volte vi capita di avere l’impressione che in casa non ci sia abbastanza spazio per riporre le vostre cose? È una sensazione molto comune e credo che questo sia uno dei grandi misteri dell’umanità che rimarranno irrisolti!

La verità è che nel tempo cambiano le nostre necessità, acquistiamo cose nuove, ne buttiamo altre e altre ancora continuiamo a conservarle negli anni. I mobili invece hanno una permanenza generalmente molto più stabile nella nostra casa e quello che ieri ci bastava oggi ci costringe magari a stipare gli oggetti.

Cambiare l’arredamento con regolarità è roba da vip, ma qualche piccolo trucco c’è e ne gioverà anche l’aspetto della nostra abitazione. Stiamo ovviamente parlando di risolvere piccole eccedenze in casa, poiché raggiungere un’ottimizzazione degli spazi efficace al 100% richiede uno studio degli ambienti ed un restyle adeguato che possa sfruttare al meglio lo spazio che avete a disposizione.

Se avete bisogno di un intervento di questo tipo, noi di Design D’Ingegno siamo a vostra disposizione per trovare la soluzione più adatta alle vostre esigenze, mentre se avete solo un piccolo problema di disordine potete ricorrere alla soluzione del Settimino o Settimanale.

Settimanale in legno naturale

Il Settimino

Il Settimino (o Settimanale) è un mobile poco ingombrante che può aiutarci a ricavare più spazio in poco tempo. Le sue dimensioni e la sua struttura lo rendono estremamente versatile per qualunque ambiente della casa e ci permette quindi di utilizzarlo ovunque secondo necessità.

Si tratta semplicemente di una cassettiera tipicamente alta e non molto larga per contenere piccole cose. Fornita di sette cassetti (ma recentemente i cassetti possono essere anche sei o cinque), si tratta di un contenitore “strategico” con sette scomparti, pensati per essere appunto uno per ogni giorno della settimana.

Rispetto alle sue origini, il Settimino può essere oggi utilizzato per diversi scopi ma è sempre un valido supporto per il mantenimento dell’ordine in casa. Naturalmente, questo non ci consente di accumulare in eterno e fare invece di tanto in tanto le classiche “pulizie di Pasqua” può semplificarci il lavoro o perfino farci sentire meglio.

Settimino antico

Breve Storia del Settimino

La sua origine risale al 1800, un secolo che ha conosciuto una vera esplosione di stili e di mobili rispetto al passato. A questo periodo appartengono infatti lo stile Impero, lo stile della Restaurazione, il Luigi Filippo, lo stile Neogotico, quello Neo-Rinascimentale, l’Eclettico e il Moresco.

A partire dal Settecento, infatti, i ricchi e i potenti avevano sempre più necessità legate al loro modo di vestire e con il passare del tempo e delle mode l’abbigliamento diventava più vistoso e lussuoso.
Al contrario, il concetto d’igiene era ancora molto lontano dal nostro e fu quindi nell’Ottocento che gli ebanisti arrivano a creare dei cassettoni a sette cassetti (i Settimini appunto), più idonei al contenimento della biancheria da indossare giornalmente, visto che era diffusa la convinzione secondo cui un cambio frequente di camicie e biancheria fosse sufficiente alla propria igiene.

Soluzioni in formato settimanale: come sceglierlo?

Il Settimino oggi si presta per essere inserito non solo in camera, ma anche in salotto, in cucina, nello studio, nell’ingresso e – se avete sufficiente spazio – anche in bagno. Se si tratta della camera, essendo questa la sua collocazione originaria, sarà facile aggiungerlo alla stanza, poiché previsto nei coordinati arredo.

In tutti gli altri ambienti, la sua suddivisione in piccoli scomparti ci permette di organizzare le piccole cose con più facilità e basta scegliere il giusto design perché tutto sia in armonia con il resto dell’arredamento.

Il Settimino può quindi diventare un pratico porta documenti della casa (per le bollette, le cartelle mediche e tutto il resto) e potete posizionarlo sia nello studio che nell’ingresso.
In questo caso il modello ideale potrebbe avere un design moderno, come quello della linea Dodo: un settimino che però ha 5 cassetti anziché 7 con i frontali in vetro a specchio che lo rendono adatto anche ad essere inserito in un contesto con mobili dallo stile antico per effetto contrasto.

Settimino per studio o ufficio

Nel salotto invece, potete scegliere lo stile in base al vostro arredo e giocare sul design mantenendo però un fil-rouge tonale con il resto dell’arredamento. Se avete un arredo di tipo contemporaneo potete utilizzare una soluzione simile al modello Cemi 2 con 6 cassetti, di Napol: facile da collocare anche negli spazi più piccoli grazie al suo profilo curvo.

Settimino Cemi 2

Se invece avete un arredo più eclettico, potete sbizzarrirvi con le proposte più originali, magari ad effetto metallico (tipo quelli in foglia d’oro o argento) come Vogue Santarossa, o con rivestimento in finta pelle e con effetto pitonato, o ancora con decori e dettagli particolari.

Ne esistono alcuni che sono intarsiati e perfino dipinti a mano, davvero bellissimi. Se non volete badare a spese, ci sono addirittura dei settimini realizzati con pitture pregiate, come il settimino Renoir di Castagnetti 1928: una cassettiera in stile country laccato con fregi e poesie scritte a mano.

Settimino Renoir dipinto a mano

12 Marzo 2017 / / Case e Interni

arredamento-vintage-colore-ispirazioni-1

Oggi vi mostriamo una casa eclettica, con una decisa passione per il vintage, le forme semplici, le fantasie fresche, giocose e colorate.

Il colore è un elemento che da solo può far cambiare la percezione di una stanza e queste immagini lo dimostrano. Qui ogni dettaglio è un elemento di carattere dall’inconfondibile tratto rétro, acceso dal colore.

Il vintage oggi è molto trendy, ma spesso si teme di fare l’accostamento sbagliato. Questa casa, che punta sul colore, ci suggerisce come aggiungere qualche tocco rétro ai nostri ambienti.

La gamma cromatica parte da una base neutra (bianco, grigio…) dove sono stati aggiunti toni accesi di colore e  tinte pastello, che spaziano dal giallo al turchese, dal verde all’arancio…

L’arredamento è un mix di mobili di recupero, pezzi trovati in soffitta o nella casa della nonna. Alcuni elementi semplici ed attuali, come le sedie e gli sgabelli Ikea, sono stati dipinti dal proprietario stesso.

La parete in mattoni, dipinta di bianco, aggiunge anche un tocco industriale, accentuato anche dalle sedie in metallo Tolix e da alcune lampade.

arredamento-vintage-colore-ispirazioni-2

arredamento-vintage-colore-ispirazioni-3

arredamento-vintage-colore-ispirazioni-4

arredamento-vintage-colore-ispirazioni-5

arredamento-vintage-colore-ispirazioni-6

arredamento-vintage-colore-ispirazioni-7

arredamento-vintage-colore-ispirazioni-8

arredamento-vintage-colore-ispirazioni-9

arredamento-vintage-colore-ispirazioni-10

arredamento-vintage-colore-ispirazioni-11

arredamento-vintage-colore-ispirazioni-12

arredamento-vintage-colore-ispirazioni-13

arredamento-vintage-colore-ispirazioni-14

arredamento-vintage-colore-ispirazioni-15

arredamento-vintage-colore-ispirazioni-16

arredamento-vintage-colore-ispirazioni-17

Fonte: micasa

 

Anna e Marco – CASE E INTERNI