27 Aprile 2017 / / Design

Sono abitazioni sempre più diffuse in Italia, sia per le caratteristiche ecosostenibili sia per la velocità di realizzazione.

casa1

 

Fig.1 Loona-Wolf House

Il mercato offre tantissime soluzioni sia per dimensioni che per materiali e costi.

casa2

Fig.2 Casa 117-Norger Hus

interno casa2

Fig.3 Interno Casa 177-Norger Hus

casa3

Fig.4 Casa prefabbricata a Tofarello-Barra&Barra

Perchè scegliere questo tipo di costruzione? Ecco i vantaggi:

1.Velocità di realizzazione, le tempistiche sono decisamente più brevi rispetto alle case tradizionali, vanno dai 60 ai 150 giorni.

2. Preventivo di spesa fissato non prevedendo modifiche al progetto, i costi sono certi. Si spende esattamente ciò che era stato pattuito in fase progettuale.

3. Risparmio energetico la tecnica costruttiva, sopratutto nel caso delle case in legno, permette di abbattere i consumi, che sono minimi.

4.Antisismiche poichè i materiali impiegati offrono prestazioni elevate da questo punto di vista

5. Personalizzazione è possibile dimensionare e studiare gli ambineti in base alle proprie esigenze

6. Zero impatto ambientale Trattandosi di costruzioni prevalentemente a secco, è possibile ridurre moltissimo l’impatto ambientale sia in fase di costruzione che durante la vita dell’edificio. Infatti infissi, impianti tecnologici e l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili rendono queste case ad impatto zero.

7.Salubrità poichè il materiali ecologici utilizzati, il legno e l’isolaneto termoacustico consentono di creare ambienti sani

8 Chiavi in mano, il team di esperti fornisce un prodotto finito, pronto per poter esser abitato e vissuto, curato anche nei dettagli interni, come mostrato in Fig.3.

9.Garanzia, alcune ditte forniscono una garanzia di 30 anni

Spesso mi è capitato di vedere prezzi impossibili per quanto riguarda questo tipo di costruzioni, 12000 € per una villetta; vorrei chiarire che non è una soluzione economica, anzi il costo per ottenere una buona costruzione è più o meno lo stesso di quelle tradizionali, sicuramente un punto importante è legato alla certezza della spesa e alla velocità di realizzazione.

Inoltre la prefabbricazione assicura una qualità costruttiva elevata, in quanto sottoposta a controlli rigidi per evitare inconvenienti in cantiere e poter garantire tempi e invariabilità dei costi.

Fonti:

http://www.wolfhaus.it

http://www.norgeshus.it

http://www.wolfhaus.it

 

 

27 Aprile 2017 / / Design

mobili e complementi di design made in Italy

Da una grande passione per il design nasce Bonaldo, azienda affermata in Italia e a livello internazionale per la produzione di eleganti arredi e complementi di design.

Tavoli, sedie, complementi, divani e letti vengono costruiti esclusivamente in Italia ed esportati in tutto il mondo, impiegando le più moderne tecnologie e materiali di pregio, selezionati con attenzione e certificati per autenticità. L’ampia gamma di prodotti si caratterizza per uno stile eclettico e dinamico, unico e inconfondibile. 
L’azienda veneta, con sede a Padova, nasce nel 1936 come attività artigianale specializzata nella lavorazione dei metalli. In seguito amplia la propria produzione alle reti per i letti e quindi ai letti in ferro, inventando una rete pieghevole che diventerà uno standard di mercato. 

Nel 1971 Bonaldo partecipa per la prima volta al Salone Internazionale del Mobile di Milano ed è in questo periodo che si colloca l’importante passaggio da attività prevalentemente artigianale a realtà industriale. 


Mobili e complementi di design made in italy

Nel 2000 Bonaldo inizia a muovere i primi passi nel mondo del design, inaugurando una fortunata serie di collaborazioni con designer di grande rilievo che diventerà un suo tratto distintivo. I prodotti si fanno più sofisticati. L’apporto creativo di talenti come Karim Rashid, Ron Arad, Bartoli Design, Massimo Iosa Ghini e Mauro Lipparini consente a Bonaldo di collezionare importanti riconoscimenti come il Red Dot Design Award, l’iF Design Award e il Good Design Award.

mobili e complementi di design made in italy

Ad oggi il prodotto più rappresentativo di Bonaldo, diventato un’icona di stile a livello mondiale, è sicuramente Big Table, disegnato nel 2009 da Alain Gilles. Oggi ne vengono prodotte oltre 700 varianti (in diverse misure, colori e materiali), il che indica le reali dimensioni di un successo che non accenna a svanire.

mobili e complementi di design made in italy

In ottant’anni di attività Bonaldo ha saputo creare un proprio stile inconfondibile, che si fonda su alcuni elementi fortemente distintivi come il colore, l’armonia delle forme e delle linee, la funzionalità, il comfort.

Con una linea che spazia dai prodotti più moderni a quelli più ricercati ed eleganti, Bonaldo ha la risposta giusta per ogni esigenza d’arredo, grazie all’ampiezza e alla qualità delle sue proposte, caratterizzate da personalità, dinamismo e attenzione ai dettagli.

mobili e complementi di design made in italy
mobili e complementi di design made in italy
mobili e complementi di design made in italy

Passione, ricerca e qualità continuano ad essere le preziose linee guida di un’azienda eccellente che oggi, grazie al suo stile inconfondibile, si è conquistata il suo spazio tra i bei nomi del design italiano

Per maggiori informazioni www.bonaldo.it


27 Aprile 2017 / / Design

E’ già passato un anno dell’inizio della Partnership tra EasyRelooking e Arredaclick ed è tempo di bilanci e di novità!

Durante l’anno di collaborazione, ho potuto riscontrare quanto la realtà di Arredaclick sia professionale e preparata. Ha supportato sempre me e il cliente in tempi rapidissimi, dedicandoci una consulente, Chiara, che non è mai cambianta (e mai spero cambierà!) a cui io posso affidare il cliente in piena fiducia, sicura della sua preparazione.

partnership Arredaclick

Il cliente al centro

Come sempre nei miei progetti, è il cliente ad essere al centro e deve avere la piena fiducia di acquistare anche da un sito come Arredaclick. Proprio per questo motivo, un passaggio fondamentale di questa collaborazione è rappresentato dal momento di condivisione del progetto tra me e Chiara, la consulente dedicata. In questo modo il mio cliente dialogherà con un referente che è a conoscenza dei miei disegni, elaborati e degli arredi di suo interesse. Con Chiara potrà discutere degli aspetti tecnici o farsi inviare anche campioni fotografici dei materiali, nonostante le fotografie del campionario sul sito di Arredaclick siano altamente professionali e veritiere. Qui sotto puoi vedere alcuni esempi tratti dal loro campionario, che varia a seconda dell’arredo selezionato.

 

 

 

Inoltre il cliente può sempre recarsi alla sede di Lentate sul Seveso per vedere i campioni dal vivo e conoscere questa realtà giovane e professionale!

2% + 2% di sconto

Dopo i bilanci, arrivano le novità!

Chi progetta con EasyRelooking potrà avere sempre uno sconto con ArredaClick, pari al 2%.

Cliccando sul button qui sotto, trovi il link diretto per creare il tuo Account su Arredaclick, potendo usufruire dello sconto aggiuntivo se progetti con EasyRelooking.

CREA IL TUO ACCOUNT SU ARREDACLICK

La novità è che il 2% di sconto è stato esteso anche al portale HomePlaneur! ti ricordi che ti parlavo di questo brand sartoriale in questo post? Per il brand HomePlaneur, facente parte dello stesso gruppo di Arredaclick, è stata creata una Lounge dedicata in cui il cliente può essere accolto per discutere del suo progetto.

partnership Arredaclick

La comodità dell’acquisto da un unico rivenditore

Ovviamente il 2% può diventare uno sconto molto consistente nel caso in cui si debbano acquistare molti arredi. Immagino i diversi progetti che ho concluso dove il cliente doveva arredare una casa da zero! spesso ha trovato molto conveniente poter acquistare tutto su Arredaclick, potendo comunque scegliere tra marchi completamente diversi. E magari concedersi un arredo su misura da un falegname, disegnato da me! 😉

 

 

 

L’articolo EasyRelooking e ArredaClick rinnovano la partnership…con una novità! proviene da easyrelooking.

27 Aprile 2017 / / +deco

Hueso è un ristorante in Guadalajara, in Messico progettato da Cadena+Asociados di Ignazio Cadena e gestito dallo chef Alfonso Cadena.

E’ un storia di fratelli e di ossa, in breve.

A prima vista, l’interno sembra essere dominato dal colore bianco e dal caldo colore degli arredi in legno. Ci vuole qualche attimo per capire pienamente e apprezzare la complessità delle decorazioni. I muri sono ricoperti da carcasse di animali, ossa, teschi, diversi oggetti rubati dalla cucina, ritagli di stoffa o carta, disegni di animali, scatole usate come cornici, pezzi di legno usati per incorniciare; tutto è rigorosamente pitturato di bianco, bianco o di un colore naturale.

Questa seconda pelle copre quasi ogni centimetro delle pareti fino al soffitto di questa bellissima costruzione anni quaranta nello stato occidentale di Jalisco. Davide Dormino nel suo studio ha fatto qualcosa di simile, creando angoli d’arte e di memoria.

A parte le tantissime ossa su cui vi lascio libero commento, rivestire i muri con oggetti pitturati nello stesso colore del muro è una buona alternativa alla solita paere ricoperto di cornici, disegni, foto e quadri di diversa forma e foggia.

Bellissimo il grembiule dello staff (nella foto lo chef e manager Alfonso Cadena): un’altra idea da copiare.

L’esterno del ristorante è ricoperto da semplici piastrelle bianche quadrate adornate con segni neri che tanto ricordano gli Aztechi.

Le ceramiche sono di José Noé Suro, le piastrelle di José Noé Suro e prodotte da C+A.

Fotografie di Jaime Navarro.

The post Il ristorante Hueso, una storia di fratelli e di ossa appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

27 Aprile 2017 / / Design

Mikael B (Brandrup) street art e pittura

Mikael Brandrup è conosciuto in tutto il mondo per aver combinato l’estetica wildstyle dei graffiti, la pittura e il graphic design nelle sue opere su parete o su tela

Mikael Brandrup è un artista dalle molte facce e dalle numerose personalità: visual artist e imprenditore, a volte si fa chiamare col suo vero nome, spesso semplicemente Mikael B ma a volte si firma ancora come KETS, il suo vecchio nome da graffitaro. Sarà per questo che non riesce a identificarsi in una sola forma d’arte ma spazia fra mezzi diversi, dai murales in grande scala realizzati con le bombolette spray ai quadri realizzati in studio con colori acrilici e pennelli, fino alla digital art, a seconda di quello che vuole realizzare e che gli suggerisce il suo estro.

Mikael Brandrup - Icebreaker

Mikael B – Icebreaker

Mikael Brandrup è cresciuto a Holbæk (Danimarca) e ha studiato Graphic e Web Design alla Tekniske Skole di Copenaghen. Ha iniziato a scarabocchiare i suoi tags a soli 12 anni, a 14 ha cominciato a usare le bombolette spray e a 15 ha realizzato il suo primo murales. Influenzato inizialmente dall’estetica dei graffiti wildstyle e dai writers newyorkesi degli anni ’80, il suo stile si è evoluto rapidamente, spostandosi sempre più verso composizioni astratte fatte di elementi puramente espressivi, trasformando le lettere in forme geometriche.
Nelle sue opere, su parete o su tela, l’artista cerca di definire un ordine e una struttura negli universi astratti frutto della sua immaginazione, fra elementi geometrici, panorami di nuvole e galassie stellate. Le sue opere sono complesse costruzioni che mescolano astrazione e geometria. I colori accesi e vibranti e i netti tagli di luce danno profondità e un forte senso di tridimensionalità.

“Riguarda tutto ciò che una bella tipografia, le lettere, le figure e i colori possono dirci e mi troverai sempre a disegnare e dipingere alla ricerca di questa esperienza speciale: darti la gioia di avere un’immagine sul muro che ti piace, che ha una storia da raccontare, e che ti fa sentire bene.”

Mikael B “Reality Shift” – Gregorio Escalante Gallery, Los Angeles 2017

Dalla strada ai musei

Queste composizioni colorate e visionarie hanno attirato l’attenzione di moltissimi brand internazionali che hanno commissionato opere personalizzate a Mikael B che ha potuto lavorare per American Express, Linkedin, Heineken, Google e Nike. Mikael Brandrup infatti incarna perfettamente l’attuale tendenza artistica che vede gli interpreti della street art (considerata solitamente un’arte popolare di serie B) entrare a far parte sempre più dell’establishment dell’arte istituzionale, fra musei e gallerie. E’ stato presentato come uno degli artisti emergenti più interessanti all’Art Basel di Miami nel 2015 e nel 2016, ha già al suo attivo diverse mostre in tutto il mondo e a luglio 2017 si terrà una sua personale alla Gregorio Escalante Gallery di Los Angeles.

Mikael B crea “Healing Rain” per la sua mostra personale “Just Be” 2016

Le opere di Mikael Brandrup mescolano astrazione e geometria

Mikael Brandrup Dual Drive

Mikael B – Dual Drive

Mikael Brandrup - Night Flight

Mikael B – Night Flight

27 Aprile 2017 / / Arredamento Perfetto

Chi non conosce il chesterfield e non ha mai desiderato di averne uno nella propria casa?
Dalle forme morbide e dall’aspetto armonioso, il Chesterfield, il più tradizionale dei divani, adatto a tutti gli stili di arredamento, è il sofà più versatile e amato da tutti i designer del mondo.

Arredamento Perfetto consiglia la produzione artigianale di Vama divani

Nato duecento anni fa, nella versione più stilizzata che conosciamo oggi, non ha modificato il suo aspetto nel corso dei secoli, conservando il suo carattere lussuoso ed elegante.

La caratteristica distintiva del chesterfield, oltre alla forma particolare, è la tecnica di realizzazione che deve essere prettamente artigianale.

Sono poche le aziende che ad oggi producono l’elegante e raffinato chesterfield con procedimenti totalmente artigianali tipici della tradizione e l’autenticità di questo divano.

Un chesterfield prodotto artigianalmente conserva determinati standard qualitativi degni della sua fama e che lo rendono davvero un elemento di design essenziale per abbellire la propria dimora.

3 motivi per scegliere un chesterfield artigianale

Chesterfield 2 posti con rivestimento in stoffa

Nonostante in commercio esistano tanti chesterfield  prodotti industrialmente, la vera essenza del chestefield risiede nel suo procedimento di creazione artigianale.

La motivazione è da ricercare non solo nella qualità della sua struttura, ma anche nel suo rivestimento. E non per ultimo nelle tante collocazioni che il chesterfield può trovare per impreziosire ogni tipo di ambiente e stile, dal classico al moderno, dal domestico al commerciale.

1. Resistenza: la struttura del chestrefield

Esteriormente il chesterfield è un divano con braccioli e schienale della stessa altezza,  rivestito in pelle con una lavorazione detta capitonné.
Ma cosa c’è dietro il suo aspetto esteriore?
Ebbene un vero chesterfield deve avere la struttura interna, detta fusto, in massello di abete, legno resistente ed elastico; la seduta deve essere realizzata con molle in acciaio legate a mano, una ad una, e fissate su cinghie di juta; l’imbottitura deve essere realizzata in poliuretano espanso ad alta densità e simulare perfettamente l’originale rivestimento in “capiton” del settecento. Il capiton era un’imbottitura costituita dal residuo non buono della seta filata e che permetteva di fissare alla perfezione il rivestimento in pelle con i bottoni dando la forma delle losanghe tipiche del chesterfield.

2. Il rivestimento: il capitonné del chesterfield

Lavorazione capitonné per realizzare un chesterfield artigianale

Il chesterfield originale è rivestito in pelle di alta qualità, come la pelle pieno fiore.
Il rivestimento in pelle del chesterfield ricopre braccioli e schienale senza interruzioni e allo stesso modo, cioè senza interruzione, deve essere eseguita la lavorazione capitonné. Solo la mano esperta e pratica dell’artigiano può eseguire il procedimento di applicazione di bottoni, in genere dello stesso colore del rivestimento del divano, equidistanti tra loro a formare una rete di losanghe morbide, non solo alla vista, ma anche al tatto e durature nel tempo.

3. Le dimensioni e le personalizzazioni

Le dimensioni standard del chesterfield

Le dimensioni del chesterfield sono particolari: l’altezza della seduta è di 45 cm e la profondità di seduta di 50 cm; il tre posti ha una lunghezza di 220 cm, il due posti di 165 cm, la poltrona di 110 cm.

Essendo il chesterfield un divano adatto a qualsiasi tipo di arredamento e di stile è necessario personalizzare le dimensioni, il rivestimento, l’altezza e la tipologia dei piedini, i bottoni del capitonné e perché no realizzare modelli funzionali alle esigenze di stile e di dimensioni adatti all’ambiente che si desidera valorizzare, come un chesterfield angolare, un chesterfield dormeuse oppure la combinazione di entrambi come un angolare chestefield con dormeuse.

Scegliere quindi un chestefield artigianale permette di avere non solo un divano di qualità, ma anche notevoli personalizzazioni e la storia di un classico inglese nella propria dimora.

Scegliere un’azienda dal “cuore artigiano” è essenziale per avere un chesterfield all’altezza del suo nome.

27 Aprile 2017 / / Decor

Arredare casa con soluzioni funzionali

La richiesta del cliente ai progettisti della community di Pillar, prima piattaforma al mondo di crowdsourcing per la progettazione architettonica e interior design, è quella di ricevere soluzioni che rendano gli ambienti e che possano essere utilizzati sia come zone studio e relax per i suoi figli e famiglia, sia come aree di stoccaggio con mobili personalizzati per ospitare libri, oggetti personali, giacche etc.

Uno dei migliori progetti è di Erica Madaschi
Arredare casa con soluzioni funzionali
La progettista inserisce un blocco centrale che ha la funzione di dividere gli ambienti studio e relax pur mantenendo una continuità visiva.
Il blocco a forma di cubo e realizzato in cartongesso ospiterà spazi attrezzati come guardaroba, ripostiglio e librerie. Inoltre, la zona dell’ingresso è ribassata e illuminata con led. La parete del camino sarà ricoperta di pietra dal colore chiaro e avrà anche una mensola di legno per la TV. L’uso dei materiali naturali da un effetto di calore all’ambiente, che sarà potenziato grazie all’accostamento di elementi di arredo dai colori naturali come marrone, beige e bianco.  La pavimentazione scelta è in parquet rovere. 

Secondo progetto interessante è di Alessandra Corino
Arredare casa con soluzioni funzionali
Il progetto si focalizza sul rendere maggiormente luminoso e funzionale l’ambiente.
All’ingresso sono inseriti un guardaroba e una libreria. Altre librerie vengono poste in tutto l’ambiente, quest’ultime sono componibili e “Wall System”. Questo modello è come se fosse il centro funzionale della vita quotidiana grazie alla massima versatilità compositiva e di utilizzo. Tutta la parete del camino sarà rivestita da pietra naturale. L’uso del legno e la pietra da sensazione di calore e intimità, a questi sono affiancati colori sgargianti tipo soprammobili, libri etc. 

Per quanto riguarda l’illuminazione sono poste delle lame di luce tra la parete e il solaio, inoltre, il controsoffitto in soggiorno e in studio sarà posto all’altezza di 2,60 m e ospiterà dei faretti. La pavimentazione sarà in parquet doussiè.
In ultimo, progetto degno di nota è di Maria Luisa Bello
Arredare casa con soluzioni funzionali
La progettista prevede la realizzazione di una parete per TV e camino componibile.
La pavimentazione scelta è il parquet accostato a mobili di legno. Il camino è rivestito di pietra. L’uso di materiali naturali e di colori chiari, così come negli altri progetti, apporta sensazione di calore all’ambiente, nonostante sia apportato un tocco di moderno grazie ai vari elementi dai colori sgargianti come il tappeto, lampade, quadri astratti etc. 

Per dividere i due ambienti studio e relax è stato realizzato un mobile contenitivoutilizzabile sia come ripostiglio, area di stoccaggio o appendiabiti. Due colonne in vetro satinato retroilluminato inoltre dividono i due ambienti. 

27 Aprile 2017 / / Idee

Una nuova RUBRICA. “L’avventura della settimana”.

Dal mese di maggio apriremo un nuovo spazio del nostro Magazine Online che oltre ad offrire consigli, idee ed essere fonte d’ispirazione per chi sta mettendo su casa o per chi desidera rinnovare il proprio appartamento, vuole presentare delle piccole storie dove le protagoniste sono un architetto-interior designer e una fotografa con la passione per ogni tipo di dettaglio.

Lavori e progetti ispirati da nuove collezioni di design, colori e richieste dei committenti che rendono ancor più vivo il nostro desiderio di fornirvi utili informazioni per far si che la vostra VOGLIA di CASA si concretizzi secondo i vostri desideri.

Il tutto annotato un pò per caso in una caffetteria su un Moleskine! STAY TUNED!