1 Maggio 2017 / / Idee

La bella stagione è alle porte e quindi il tempo per stare all’aperto è arrivato. Giardini e balconi come stanno? Qui qualche idea per arredare l’esterno.

……….

Lo so che sembra più novembre che maggio, ma non siate pessimisti… riuscirete a tirar fuori dall’armadio vestiti corti e bermuda. Vedrete che il piumone a breve andrà in letargo e comincerete a lamentarvi che fa trooooppo caldo e si stava meglio quando si stava peggio.

Quindi, per dare il benvenuto alla stagione degli stereotipi e quant’altro, siete pronti alla bella stagione? Avete cominciato a tagliare il sottobosco del vostro giardino?

Balconi e terrazze sono abitabili o sono ancora pieni degli oggetti scartati in inverno?

Non potete più rimandare il momento e visto che il caldo vero non è ancora qui, forse è giunta l’ora di ridare dignità ai nostri spazi (anche se piccoli) all’aperto.

Ho raccolto un po’ di idee (mie, ma anche di interior designer in giro per il mondo) che magari vi torneranno utili per arredare l’esterno.

ARREDARE L’ESTERNO: VIA LIBERA A LUCI, CUSCINI & CO

Cominciamo subito dicendo che non importa che abbiate un balcone di 2 mq o un giardino di 100. Queste idee valgono per tutti gli spazi all’aperto, sono liberamente applicabili in base alle vostre esigenze.

Pensateci bene: quando guardate le foto splendide di balconi e giardini, cosa vi colpisce? L’insieme di accessori che contribuiscono a rendere l’ambiente unico.

Per poter creare uno spazio simile, un punto fondamentale è creare spazi interni ed esterni che siano collegati. Tra la vostra cucina e il balcone ad esempio, ci deve essere continuità. Quindi perché non usare gli stessi arredi dentro e fuori?

Io ad esempio uso le sedie della cucina anche sul balcone, per i pranzi all’aperto. Usate lo stesso stile dentro e fuori casa: via libera a cuscini, candele e quadri. Creeranno atmosfera, dando l’impressione che lo spazio esterno sia un prolungamento della casa.

arredare l'esterno

Mixare gli stili, usando accessori di diversa ispirazione. Ma anche luci a diversa intensità, per un’atmosfera romantica.

Non abbiate paura di mixare accessori di ispirazione diversa: usando gli stessi colori potrete combinare anche stili diversi. Scegliete anche luci ad intensità diversa: candele, lanterne e luci da esterno. Grazie alle diverse illuminazioni si creerà un’atmosfera romantica e un po’ da sogno.

Le piante in vaso non possono mancare: vasi di diverse forme e materiali daranno il tocco verde necessario. Anche se avete un giardino le piante in vaso devono esserci; contribuiranno a creare angoli speciali all’interno dei vostri spazi.

Altri due elementi che decorano e creano atmosfera? L’acqua e le sculture. È ovvio che le dimensioni qui contano: non siate maliziosi.

Sta a voi decidere la scala delle sculture e dell’elemento che conterrà l’acqua. Se avete spazio per una piscina, beati voi… altrimenti sono perfette anche piccole fontane o vasi con acqua.

Che ne dite di questo vecchio catino riconvertito a fontana?

arredare l'esterno

Acqua, vasi e sculture: tutto quello che vi serve per decorare i vostri spazi all’aperto

ARREDARE L’ESTERNO: CHE DITE, UNA GRIGLIATA LA FACCIAMO?

Ma siamo sinceri: gli spazi all’aperto ci piacciono per bere, mangiare e stare insieme. La condivisione di momenti di relax con le persone che più amiamo. Ecco allora che un tavolo per mangiare e bere deve esserci: sarà il protagonista di tutte le nostre serate brave.

Se poi avete metri quadri di giardino da regalare, bé perché non attrezzarlo con un cucina da esterni e un bellissimo camino? Sono sicura che attrarranno più gente loro che un concerto dei Rolling Stone.

A questo punto se avete potuto esagerare addirittura con un camino, allora dovete attrezzare il vostro giardino anche con l’angolo per bere: un bel bancone su cui dimostrare agli amici che siete dei veri bartender.

Attenzione pero: anche sui piccoli balconi possiamo creare l’angolo del barista. Non sono necessari grandi spazi per attrezzare un piccolo corner da cocktail man.

arredare l'esterno

 

L’articolo Pronti per arredare l’esterno? #9 idee pronte all’uso sembra essere il primo su VHD.

1 Maggio 2017 / / Nell'Essenziale

crea non copiare anteprima

Crea non copiare, ispirati a chi ti ispira ma sii sempre te stessa. E se ti copiano ridici su e vanne fiera: sei diventata un modello da seguire. Ma se usano le tue foto per vendere segnala!

Chi ti copia non avrà mai le tue idee, sarà sempre dietro di te e tu sarai sempre un passo avanti a tutti. Tra l’altro è impossibile copiare la tua persona, le tue idee ed il tuo modo di fare. Tu sei unica, cerca di trasmettere serietà, qualità e precisione, i tuoi clienti apprezzeranno e incrementeranno.

Crea non copiare

A me capita quasi tutti i giorni di ricevere segnalazioni di creazioni fotocopiate, di mie foto utilizzate senza autorizzazione. ho una cartella chiamata “Copiature” che raccoglie screenshot di mie clienti e colleghe creative che mi avvisano di furbette che scelgono la strada facile. In questi casi osservo la furbetta, se è agli inizi ed è in buona fede lascio correre. Semplicemente l’avviso e le spiego che ciò che fa è sbagliato e le invio del materiale da leggere. Sono convinta che troverà la sua strada, smetterà di utilizzare le foto altrui e imparerà a farne di sue. Spesso spiego anche come farle.

Se mi accorgo che utilizza foto mie e di mie colleghe per vendere nei gruppi la avviso più volte, se persevera la segnalo e Facebook (o Instagram). Ne rimuovono il contenuto in pochi minuti e tengono traccia del reato.

Un mese fa mi è capitato che una signora mi ha risposto così:

-“Che è una foto sua lo dice lei, me lo dimostri” –

Era una foto di casa mia, la cucina di mia madre con i miei copriforno inconfondibili. Aveva coperto anche il mio logo. Non le ho piu risposto ed ho usato il form per segnalarla (che vi allego infondo all’articolo). Dopo 3 minuti Facebook le ha rimosso le foto segnalate e lei mi scritto implorandomi di non denunciarla.

Proprio ieri un’altra ha affermato:

“-L’ho visto e l’ho rifatto-” (foto mia con logo semi-tagliato)

Come se prendere una foto, togliere il logo e far finta che la foto sia scattata da te sia cosa di cui andar fieri.. Ma chi creativa fa cio?? Una persona che si ritiene creativa non ha bisogno di rubare foto ad altri…

Ogni foto, essendo un file, conserva una traccia che noi non leggiamo ma che gli algoritmi dei social riconoscono. Per loro bastano 3 secondi per localizzare dove è stata scattata ed il dispositivo che l’ha creata. Ogni file conserva la sua storia e le furbette non lo sanno. Le furbette non sanno neanche che anche gli screenshot risultano solo screenshot. E sono subito rimossi se segnalati. Non sanno neanche che dopo alcune segnalazione l’account viene bloccato.

Quindi crea non copiare ed utilizza sempre foto originali fatte da te.

Usare foto rubata ad altri è controproducente per questi motivi:

  •  I fans comprendono che non sono tue foto ma foto di terzi: perdi di credibilità agli occhi di chi ti segue. 
  • Abbassi il livello del tuo target e perdi clienti: nessuno vuole comprare una cosa e riceverne un’altra. Vale davvero la pena vendere una volta e perdere il cliente?
  • Rischi di avere problemi legali con le foto che hai utilizzato. Infatti sui social , come in tutto il web possono  essere usate foto scattate da se, oppure foto delle quali abbiamo l’autorizzazione per usarle. Foto prese da Pinterest e google non hanno l’autorizzazione per essere utilizzate da chiunque, a meno che non la chiedete agli autori.
  • Se proprio devi, utilizza foto open source, non protette da copyright e liberamente modificabili dagli utenti. In questo modo non corri rischi legali. Alla fine del post ti lascio qualche link.

Quindi cellulare alla mano e … crea non copiare … vai a fotografare le tue creazioni meravigliose invece di cercarne nel web di piu belle! 

Se ti copiano non arrabbiarti e vanne fiera. Per chi ti copia sei ispirazione. Ma se usano le tue foto per vendere segnala!

Se sei vittima di questi soggetti scrivimi, io ed altre creative abbiamo creato un gruppo per difenderci da queste persone.

Link utili:

  1. Blog di Enrica Crivello
  2. Video di Giada Carta
  3. libreria di foto free Pixabay
  4. Modulo per segnalare le violazioni di Copyright

Ciao e grazie per aver visitato il mio blog, e se ti va diffondi il mio mantra: Crea non copiare!!

Rosa

L’articolo Crea non copiare, Ispirati a chi ti ispira ma sii te stessa sembra essere il primo su Nell’Essenziale.

1 Maggio 2017 / / Design

Legno o vetro, naturali o rivestite? A seconda dei gusti, scegli la superficie che meglio ti rappresenta.
Quando si deve arredare la cucina, oltre alla scelta dei modelli che più ci piacciono, è importante soprattutto scegliere con attenzione i materiali di ante, superfici e rifiniture che costituiranno la cucina.

Per aiutarvi nella scelta, Snaidero, in esclusiva per i lettori di dettagli Mag, ha realizzato una speciale infografica che illustra chiaramente tutte le caratteristiche e i vantaggi delle diverse tipologie di rivestimenti delle superfici per cucine.





1 Maggio 2017 / / Stili

Strangeling Jasmine Becket Griffith

Affascinanti fatine dai grandi occhi si muovono nel mondo fantasy di Jasmine Becket Griffith fra atmosfere gotiche, bellezza e mistero

L’artista Jasmine Becket Griffith ritrae fatine, streghe, sirene, vampire… tutte con occhi grandi, enormi, spauriti o ammiccanti. Fra surrealismo pop e stile gotico, le protagoniste dei suoi quadri sono avvolte in un alone di mistero e magia e spesso accompagnate da piccoli draghi e simpatici animali.

Jasmine è un’artista freelance, vive nel sud della Florida e dipinge a tempo pieno, dalle 8 alle 18 ore al giorno, così che la sua produzione artistica è davvero sconfinata. Cresciuta in una famiglia di artisti, ha respirato arte fin da piccola e ha sempre avuto la passione per il disegno. Ma ha anche un forte spirito imprenditoriale.
A soli 17 anni, nel lontano 1997, ha aperto il suo blog strangeling.com per creare una vetrina attraverso la quale mostrare le sue opere al mondo. Sul suo sito vende un vasto merchandise con le sue creazioni in stile gotico: stampe, abbigliamento, accessori, libri, cartoline… aiutata da suo marito Matt e da sua sorella che si occupano degli aspetti pratici del business. Ma in una lunga intervista racconta che già a 5 anni cercava di vendere i suoi disegni porta a porta!

Jasmine Becket Griffith pop surrealism

Strangeling ha iniziato a dipingere le sue protagoniste pensandole come autoritratti, esagerando i suoi tratti somatici, gli occhi grandi e la bocca piccola, come fossero caricature a fumetti. Col tempo il suo stile pittorico si è evoluto diventando sempre più raffinato e realistico. I quadri di Jasmine Becket Griffith fondono la pittura figurativa realistica con il surrealismo pop e uno stile infantile esplorando temi gotici ispirati alla letteratura classica, alle fiabe, alla natura e alla fantasia.

Big Eyes Art fra fantasy e gotico

La caratteristica principale dei suoi quadri sono le protagoniste dai grandi occhi spalancati.
Jasmine Becket Griffith non è certo l’unica artista a utilizzare questo stile. La prima fu la pittrice Margaret Keane negli anni ’60, celebrata anche nel film “Big Eyes” di Tim Burton. A differenza dei quadri della Keane però Jasmine aggiunge una componente fantasy creando un mondo fatato e magico popolato da creature strane e mitologiche.

Quello che l’artista desidera esprimere sono bellezza e mistero e Jasmine dipinge tutto quello che la attrae, perchè dipinge essenzialmente per se stessa. La sua è una pittura tradizionale: di solito lavora su pannelli di legno o compensato, con colori acrilici e pennelli e non c’è alcun intervento digitale sulle sue opere.

Jasmine Becket Griffith fantasy paintings

Le Principesse Disney di Jasmine Becket Griffith

Il duro lavoro e la determinazione l’hanno portata a collaborare con brand importanti come la Disney che le ha commissionato l’intera galleria di Principesse Disney nel suo inconfondibile stile. Jasmine ha ritratto Alice (la sua preferita), Biancaneve, Cenerentola, Rapunzel, Ariel… e persino la Principessa Leila di Star Wars.
Ma le sue fonti di ispirazione sono molteplici e fra le opere di Strangeling troviamo anche riproduzioni di quadri famosi come “La ragazza con l’orecchino di perla” di Vermeer o “Il Ritratto dei coniugi Arnolfini” di van Eyck.

“Stilisticamente i miei lavori sono un mix di tutto ciò che mi ha influenzato da ragazzina: i cartoni animati, le lezioni di storia dell’arte, Dungeons & Dragons, i fumetti, i pittori preraffaelliti, il movimento surrealista contemporaneo, Hieronymus Bosch, ecc… tutto mischiato insieme e riversato sulla tela.”

Se vi piace la sua arte potete incontrare dal vivo Jasmine Becket Griffith a qualche evento o convention sui fumetti di genere fantasy o, più facilmente, seguirla su uno dei tanti social network in cui è presente e dove ha migliaia di fan.

LEGGI ANCHE: Principesse Disney come Pin-Up!

Jasmine Becket Griffith – Principesse Disney

Jasmine Becket Griffith surrealismo pop gotico

Jasmine Becket Griffith – Poissons Les Yeux Globuleux (dalla serie Poissons Volants)

Jasmine Becket Griffith gothic pop surrealism

Jasmine Becket Griffith - Marie Masquerade

Strangeling, Jasmine Becket Griffith – Marie Masquerade

Jasmine Becket Griffith - Alice in a Van Gogh Nocturne

Jasmine Becket Griffith – Alice in a Van Gogh Nocturne