15 Maggio 2017 / / Idee

Questa la domanda che ci pone Oikos durante il Salone del mobile 2017 e noi accettiamo la sfida e ci ragioniamo con voi.

Il primo elemento che ci sottopone Oikos è il sempre fedele bianco, un colore che non ti tradisce mai, ma che troppo spesso è visto come una soluzione facile per chi ha poca fantasia. Ebbene Oikos risponde a questa affermazione con ben 187 tipi di bianco con diverse finiture materiche che modificano l’esperienza percettiva.

Ancora sicuri che il banco sia banale? Allora vi portiamo a scoprire il percorso White in the city creato da Oikos per il Fuorisalone di quest’anno. Diverse le location che sono state scelte, da Claudio Balestri, presidente di Oikos e del celebre designer Giulio Cappellini. Alla Pinacoteca di Brera con White Architecture il bianco viene raccontato attraverso installazioni architettoniche dei grandi nomi del design internazionale.

Nella Sala della Passione di Brera, invece, Marco Piva racconta il bianco in rapporto al lusso attraverso le mille declinazioni che questo colore permette.

Passando per i corridoi dell’Accademia di Brera sono invece gli studenti dell’istituto che utilizzano il bianco per illustrare il ben-essere attraverso la creazione di diverse opere. I 187 bianchi di Okios sono stati esposti nell’ex chiesa di San Carpoforo, dove una spettacolare installazione ha raccontato la personale visione di Oikos di White Ben-Essere.

A Palazzo Cusani invece importanti architetti e designer hanno realizzato diverse installazioni attraverso i piani del palazzo per dare la loro personale interpretazione di questo importante colore. All’ultimo piano è lo stesso Cappellini che con White Icons racconta il bianco attraverso prodotti e materiali che sono diventati punti di riferimento e che si sono caratterizzati proprio per l’uso di questo colore. La voce viene poi passata ai giovani designer e progettisti che con White Young Innovative utilizzano il bianco per presentare oggetti innovativi per il benessere degli ambienti.

Benessere in senso ampio, perché se è vero che i colori influenzano lo stato d’animo, altrettanto importante è la nostra salute e quella del nostro Pianeta. La giusta scelta del colore non va quindi fatta solo per esprimere la nostra personalità, ma dobbiamo anche pensare all’aria che respiriamo all’interno della nostra casa. Oikos ci aiuta nella scelta grazie alle sue tinte ecologiche dal 1984.

Per noi di Non ditelo all’architetto le tinte del benessere sono quelle che ci ricordano la natura, il mondo naturale ci dona sensazioni positive anche solo attraverso i suoi colori. Le tinte verdi il bruno della terra, come l’azzurro del cielo ed il bianco dell’aria ci possono donare benessere e tranquillità, sfruttiamoli quindi al meglio negli spazi che viviamo di più.

E per voi, qual’è il colore del benessere?

L’articolo Che colore ha il benessere? proviene da Architettura e design a Roma.

15 Maggio 2017 / / Idee

Non è che tutti hanno a disposizione un terrazza da film. C’è anche chi, come me, ha a disposizione balconi e cortili micro. Come gli ridiamo gloria? 

……….

È bello parlare di terrazzi stile Hollywood, grandi come piazza di Spagna. A una certa però bisogna tornare coi piedi per terra ed affrontare la realtà: la maggior parte di noi (se è così fortunello) ha un balcone microscopico con cui fare i conti.

Lo so che ci immaginiamo a cenare sulle poltrone tonde color tortora che ci sono sul catalogo di Maison du Monde, ma dove le mettiamo?

È già tanto se riusciamo a metterci un tavolo e due sedie. E allora vi chiederete voi: come si fa a far diventare uno sputo di balcone, uno spazio all’aperto degno di questo nome?

Voglio provare a darvi qualche dritta, sulla base del relooking del piccolo balconcino di casa VDR.

BALCONI E CORTILI DA VIVERE, ANCHE IN POCHISSIMO SPAZIO

Ogni spazio all’aperto merita di avere dignità e di essere vissuto durante la bella stagione. Lo so, il vostro balcone è piccolo e vi passa la voglia, ma sbagliate. Bastano piccoli dettagli per farvi guadagnare centimetri preziosi da dedicare a pouf, sedie e tavoli.

Noi ad esempio, abbiamo un balcone trapezoidale. Lo spazio per cenare non è molto, quindi per sfruttarlo al massimo abbiamo eliminato tutti i vasi a pavimento.
Saranno anche belli, ma ingombrano e portano via spazio per muoversi. Molto meglio quindi sfruttare le pareti verticali e appendere i vasi a rastrelliere (a breve ci sarà un bel tutorial per creare una rastrelliera porta vasi) oppure optare per piante rampicanti.

balconi e cortili

In questo modo lo spazio al centro rimarrà libero e potrete dedicarlo ad altro. Studiate bene la forma del vostro balcone o cortile: avete angoli abbastanza grandi da ospitare panche e sedie?

Allora sfruttateli! Trovate delle panche (magari contenitore) o dei pouf che potrete incastrare in questi angoli quando non usati. Al momento della festa si trasformeranno in sedie di emergenza e tavolini da caffè. Noi vogliamo fare lo stesso con un angolo (anche un po’ irregolare) del nostro balcone.

Evitiamo cosi di comprare altre sedie ingombranti anche se pieghevoli, sfruttando anche le parti più impensate.

BALCONI E CORTILI STILOSI CON I GIUSTI ACCESSORI

Avete un cortile lungo e stretto? Sfruttatene la forma e attrezzatelo con sedute e tavoli ad hoc, che ne valorizzino lo sviluppo.

Se poi ci sono delle nicchie, potreste attrezzarle con librerie a giorno su cui appoggiare tutto quello che serve e schermarle con delle tende a rullo.

balconi e cortili

Designed by mrsiraphol / Freepik

Scegliete arredi da esterno di piccole dimensioni e trasformabili: sedie pieghevoli senza braccioli, tavoli apribili. In questo modo quando non in uso potranno essere riposti in un angolo in attesa dei tempi migliori.

Siate originali e pensate fuori dagli schemi: non abbiate timore di osare, anche con gli accessori. Come vi raccontavo nel post della scorsa settimana (qui il link se ve lo siete perso), i vostri spazi esterni devono essere il prolungamento di quelli interni. Per cui si agli stessi arredi dentro e fuori, via libera a tappeti e cuscini.

In questo modo vi sembrerà di entrare nel vostro piccolo angolo di paradiso, perché tutti meritiamo dieci minuti (almeno) di pace.

balconi e cortili

Designed by mrsiraphol / Freepik

L’articolo #7 semplici segreti per trasformare balconi e cortili in vere rockstar sembra essere il primo su VHD.

15 Maggio 2017 / / Non Solo Arredo

Il gusto per l’arredamento moderno non conosce limiti alla fantasia, e pur contenendola entro dei “canoni” di fattibilità, riesce ancora e sempre a sorprendere. Se sei curioso, se ami la sperimentazione e vuoi delle idee realmente originali, continua a leggere per scoprirle tutte insieme a noi!

Lampada Bolle di Giopato & Coombes

Immagina di illuminare la tua zona living con un incredibile gioco di bolle di sapone. Ti sembra impossibile? Allora non hai mai incontrato il catalogo di Giopato & Coombes, un team anglo-italiano che nella lampada a sospensione Bolle ha trasformato la lucentezza e la magica leggerezza delle bolle di sapone in una perfetta metafora della luce!

È un progetto intriso di magia secondo noi, il sottile vetro trasparente che compone i diversi elementi si manifesta in migliaia di riflessi che appaiono sospesi nel vuoto, sostenuti solo dal corpo luminoso in ottone. La luce è inconsistente, lo sappiamo bene, eppure fa sentire la sua presenza, esattamente come fanno le bolle di sapone: nasce da questo confronto un progetto che sfrutta tutta la maestria dei più grandi artigiani del vetro al mondo, i soffiatori veneziani!

Tavolino Bresson di Minotti

Se poi la tua passione è proprio per le forme circolari, ti proponiamo un abbinamento perfetto: tra i complementi di arredo Minotti, e firmato da Rodolfo Dordoni, troverai il tavolino Bresson: un’elegante proposta di arredo contemporaneo dal segno stilistico inconfondibile e leggero.
In Bresson sono combinati diversi materiali, il piano di cristallo è montato su una struttura in black-nickel tagliato al laser in un accostamento di prestigio che pur enfatizzando il valore estetico fa della funzionale versatilità il tratto dominante, perché può essere inserito in qualsiasi contesto.

Per completezza dobbiamo riportare che di Bresson è disponibile anche la versione con il piano in cristallo quadrato, tuttavia noi preferiamo questa “a tutto tondo” perché la sua curvatura lo rende ancora più elegante!

I nostri due protagonisti di oggi sono indubbiamente degli oggetti senza tempo che premiano ed esaltano la tecnologia applicata al design!

ShareThis

15 Maggio 2017 / / Dettagli Home Decor

Scopri come organizzare un armadio perfetto

Con l’arrivo della bella stagione è il momento di dedicarsi al cambio degli armadi, occasione giusta per rivedere l’organizzazione degli spazi al fine di mantenere tutto sempre in perfetto ordine. 
Quante volte vi è capitato di aprire l’armadio e rimanere insoddisfatti alla vista di tanto disordine? Tra i vari impegni lavorativi e familiari, siamo sempre di corsa e non abbiamo mai tempo di mettere in ordine l’armadio.

Grazie ad una buona organizzazione degli spazi, alla corretta sistemazione dei capi d’abbigliamento e con i giusti accessori, finalmente potremo avere un armadio sempre in ordine!


Ma vediamo nel dettaglio come organizzare un armadio perfetto.

Per una maggior praticità i capi della stagione in corso devono essere riposti in modo da essere sempre a portata di mano e divisi per tipologia: pantaloni, gonne, abiti, camicie e giacche.  Di norma è consigliabile appendere un solo capo a ogni gruccia per evitare che si possa stropicciare.  Scegliete delle grucce della stessa tipologia e appendetele con il gancio rivolto all’interno.  


Scopri come organizzare un armadio perfetto

Da un lato appendete tutti i pantaloni, le camicie, gli abiti e per finire le giacche. A seconda di come è strutturato il vostro armadio, per quanto riguarda magliette, canotte, felpe e maglioni, meglio sfruttare ripiani o cassetti. Nel caso vi mancasse lo spazio per appendere tutte le camicie, potete sempre piegarle e sistemarle all’interno dei cassetti.  


Scopri come organizzare un armadio perfetto

Per quanto riguarda gli accessori, come calze, calzini, cinture, guanti e sciarpe, utilizzate delle praticissime e comode scatole per armadi, in questo modo la mattina sarà più facile trovare quello che vi occorre.

Semplici, colorate e proposte in diversi formati e dimensioni, le scatole per armadi sono la soluzione ottimale per tenere tutto sempre in ordine e quando non servono le potrete sempre chiudere oppure riporle una dentro l’altra sistemandole altrove.

In commercio si trovano scatole in tessuto, cartone e plastica. Naturalmente quelle in plastica, essendo trasparenti, sono le più pratiche in quanto ci permettono di vedere cosa contengono senza doverle necessariamente aprire. 

Scopri come organizzare un armadio perfetto

In alternativa alla plastica, possiamo sceglierle di cartone. In questo caso il vantaggio è certamente quello che possono facilmente essere smontate e risposte ovunque occupando pochissimo spazio e quando servirà nuovamente basterà rimontarla in pochi secondi. Per chi invece desidera un prodotto più raffinato, la soluzione ideale sono le scatole in tessuto. Leggere e facili da spostare, sono disponibili in cotone e altri materiali, in tinta unita o fantasia. Le scatole in tessuto sono perfette anche da lasciate a vista.

Scopri come organizzare un armadio perfetto

Oltre alle scatole contenitive, per sfruttare al meglio lo spazio all’interno dell’armadiopotete sfruttare dei pratici portatutto pensili dotati di più scomparti, perfetti per ospitare accessori leggeri come ad esempio le sciarpe, i foulard. Esistono anche contenitori a più scomparti da appoggio utili per le cinture, l’intimo o più semplicemente per riporre la bigiotteria.  Nel caso in cui si disponga di un armadio poco capiente e quindi in grado quindi di ospitare solo l’abbigliamento della stagione in corso, le scatole diventano estremamente preziose per riporre i capi invernali altrove, ma ricordate di collocarli in un luogo asciutto e privo di umidità. 

15 Maggio 2017 / / Blogger Ospiti

Il montascale è una soluzione facile e comoda ai problemi di mobilità. È la soluzione ideale per chi ha problemi di mobilità, come per esempio persone anziane e disabili. La funzione dei montascale o servoscale è garantire lo spostamento a persone con difficoltà motorie, o a chi non possiede più la padronanza completa dei propri arti. Si tratta quindi di soluzioni molto importanti per non perdere l’autonomia nella propria abitazione, ma anche soluzioni sicure perché devono essere garantiti e perfettamente funzionanti. Possono anche essere studiati e personalizzati in base alle esigenze di chi andrà ad utilizzarli.

I montascale

I montascale si adattano a tutti i tipi di scale: curve, dritte e per esterni.
Tutti i montascale racchiudono i comandi in un solo bracciolo e possiedono la garanzia e la qualità necessarie per far sentire l’utente il più sicuro possibile. Possono essere montati anche senza aggiunte murarie, quindi senza modificare la struttura della casa.
Ci sono 3 tipi di montascale: a piattaforma, a poltroncina e a soffitto.

I servoscala

I servoscala a piattaforma per scale curvilinee sono particolarmente indicati per installazioni in spazi molto stretti. Il modello Slim della Extrema, ad esempio, è caratterizzato dall’assenza del gruppo di trazione a bordo macchina: questo permette di limitare al massimo lo spazio occupato dalla pedana. Questo lo rende tra i servoscala meno ingombranti che ci sono in commercio.
I servoscala con piattaforma per il trasporto di persone su carrozzina sono studiati per lo più per il superamento di scale rettilinee. Sono adatti anche all’installazione in ambienti esterni.
La pedana è motorizzata e possiede delle barre di protezione, che ne assicurano la chiusura e l’apertura in maniera totalmente automatica e particolarmente semplice.

Montascale a poltroncina

I montascale a poltroncina effettuano una rotazione che permette all’utilizzatore di sedersi o alzarsi comodamente in piena sicurezza. I sensori di sicurezza determinano l’arresto immediato dell’impianto, in modo da garantire la sicurezza del trasporto, in caso di urto.

Servoscala con guida a soffitto

I servoscala con guida a soffitto sono sia per il trasporto di una persona su poltroncina, sia su carrozzina. Questa rappresenta la soluzione scelta da chi non intende ingombrare la scala con guide laterali fissate a muro o a pavimento e avere libero accesso a porte e finestre senza limitarne la funzionalità. I due servoscala (per poltroncina o per carrozzina) sono intercambiabili poiché utilizzano il medesimo tipo di guida.

L’avanzamento della tecnologia permette oggi di usufruire inoltre di speciali montascale progettati interamente per persone con disabilità, a pedana (o piattaforma) e alimentati a batterie, con dispositivi di sicurezza anti schiacciamento e abbassamento e sollevamento automatico della piattaforma.

I montascale, con i loro impianti di sollevamento delle persone che sono impossibilitate a salire autonomamente le scale o a superare tutti quelle caratteristiche comunemente presenti negli ambienti e che però per alcuni si sono trasformati in ostacoli sia nelle abitazioni private che nei luoghi pubblici, costituiscono oggi delle soluzioni comuni per abbattere le barriere architettoniche, soprattutto in casa, grazie all’ausilio di soluzioni domestiche confortevoli in tutta sicurezza per persone con disabilità e persone anziane.

15 Maggio 2017 / / Decor

La pittura effetto lavagna viene utilizzata per realizzare pannelli su cui apportare decorazioni e comunicazioni creative con il gesso.
Tali pannelli vengono solitamente effettuati su pareti o su varie superfici dando un stile particolare e trandy alla tua casa.
Tra i vantaggi è sicuramente da tener presente la lavabilità, inoltre, essendo una lavagna, potrai ogni volta cancellare ciò che scrivi o disegni dando ogni volta libero sfogo alla tua creatività.

La pittura lavagna esiste anche nella variante magnetica così da poter appendere tutto ciò che più ti piace evitando di bucare le mura con i chiodi o di sporcare con la colla.
La pittura effetto lavagna si applica come tutte le altre pitture, semplicemente con pennello o ancora meglio con un rullo, così da ottenere un effetto uniforme; per un metro quadro sarà avrai bisogno di circa 125 ml di pittura. Ricorda, prima di applicare la pittura, la zona dovrà essere liscia e trattata con una base acrilica. Nel caso in cui la tua parete è già liscia e ben tenuta potrai direttamente applicare la pittura effetto lavagna e iniziare a scatenare la tua fantasia.

Solitamente viene utilizzata di colore nero proprio allo scopo di dare l’effetto originale e anche elegante della lavagna, anche se le aziende ormai propongono varie colorazioni. Potrai acquistare questa pittura innovativa in qualsiasi negozio di bricolage a prezzi modici.

10 idee per utilizzare la pittura effetto lavagna

1) La pittura effetto lavagna sembra essere perfetta per la cameretta dei tuoi bambini così che potranno utilizzarla ogni volta sia per disegnare sia nel periodo scolastico per imparare a scrivere e a leggere in modo divertente
2) La cucina è un altro ambiente che può tranquillamente ospitare la pittura lavagna, può essere infatti utilizzata come base per scrivere il calendario o come taccuino per appuntare lista della spesa o messaggi per i tuoi figli
3) Sempre in cucina può essere utilizzata vicino ad un mobile o al frigo così da scrivere il menù del giorno o una ricetta vista in tv
4) In cucina, o anche in altri ambienti, puoi usare questa pittura per ricoprire vecchie superfici come un mobile malandato, un tavolo o un frigo vecchio, dunque superfici usurate e graffiate, così da rendere l’ambiente piacevole eliminando i difetti visibili

5) La pittura lavagna può essere utilizzata anche su piccoli oggetti per evitare di imbrattare l’intera parete o una superficie vistosa, ad esempio: portapenne, lampade, vasi, tazze così da renderli particolari e originali con i vostri disegni
6) Tale pittura può essere utilizzata anche per creare etichette o targhe su portadocumenti e scatole cosi da ricordarne il contenuto
7) In giardino può essere usata per ricoprire i vasi delle piante o dei fiori per scrivere vicino ad ognuno di essi il tipo di pianta o fiore contenuto
8) La pittura lavagna può essere anche il rivestimento della cuccia del tuo amico a 4 zampe, potrai così rendere la sua piccola casetta unica e diversa da tutte le altre
9) Realizzare quadri e decorazioni direttamente su muro, ottima soluzione per famiglie di artisti che amano vivere in un ambiente originale e connotato dal proprio estro
10) Con la pittura effetto lavagna potrai inoltre ricoprire i tuoi portafoto cosi da annotare dietro o sui bordi la data e luogo in cui sono state scattate le foto

Adorabili non credi? L‘idea delle mensole con le macchine fotografiche è la mia preferita in assoluto! 😀 La tua qual è?

L’articolo 10 idee per utilizzare la pittura effetto lavagna proviene da easyrelooking.

15 Maggio 2017 / / Arredamento Perfetto

L’acquisto di un divano è sempre una scelta molto difficile poichè le varianti da tenere in considerazioni sono parecchie.

Come scegliere il divano in pelle

Sia che si tratti di un ambiente domestico che lavorativo, lo stile del divano deve essere coerente all’ambiente che lo ospita. Deve essere comodo e confortevole, deve avere un rivestimento il cui colore si addisce all’ambiente dove va collocato e all’uso che se ne deve fare.

Divano in pelle in stile contemporaneo con poggiatesta reclinabile

Dopo la comodità, gli aspetti più importanti da considerare sono la forma e il rivestimento del divano:
un divano può essere lineare, angolare, con penisola, componibile, fisso, ma in assoluto a caratterizzare il divano sono la forma del bracciolo, l‘altezza dello schienale e la tipologia di piedini.

Il bracciolo squadrato è tipico dello stile moderno; il bracciolo arrotondato è tipico dello stile classico; il bracciolo inclinato è tipico di uno stile contemporaneo, ma secondo il tipo di inclinazione anche moderno.

Uno schienale alto caratterizza un divano dallo stile classico, mentre uno schienale basso identifica un divano moderno.

Alla fine arriva la scelta del rivestimento: in tessuto o in pelle.

Le caratteristiche del divano in pelle

Sia che si tratti di un divano classico che di un divano moderno il rivestimento in pelle identifica un divano di pregio.

Sebbene molti considerano un divano in pelle esteticamente freddo oppure adatto ad ambienti classicheggianti o studi professionali, un buon divano in pelle è adatto a tutti gli stili e a tutti gli ambienti. Semmai è il modello del divano che fa la differenza e che distingue un normale divano in pelle, dalle linee classiche o scatolate, da un divano in pelle tutto di manifattura artigianale e con design del tutto personalizzabile e non di facile reperibilità nei comuni spazie espositivi.

Divano in pelle pieno fiore con bordure a contrasto e piede in acciaio inclinato

Un sifatto divano oltre ad essere bello esteticamente è anche un divano di qualità perché la manifattura artigianale ne certifica l’alta qualità della struttura e delle pelli utilizzate.

Per chi vuole investire nell’acquisto di un divano in pelle, la durata nel tempo del divano è una caratteristica imprescindile. Quindi i veri amanti del divano in pelle desidererano forme ricercate e ottima qualità dei materiali: caratteristiche che si possono trovare solo nei divani dal cuore artigiano.

Per esempio, per un ambiente moderno, dai colori neutri, invece del classico divano bianco con schienale basso, piedini metallici, braccioli inclinati bassi e ampi schienali, esistono diverse alternative artigianali piuttosto accattivanti e che delineano un divano importante e di pregio, come per esempio i divani con bordature in contrasto con l’uniformità della pelle o con piedi in acciaio vistosi e inclinati.

Arredamento Perfetto consiglia i divani artigianali in pelle bicolore

Per un ambiente classico, oltre all’inglese chesterfield, esistono diversi alternative artigianali che rievocano le sofisticate atmosfere dei primi del ‘900, quando possedere un mobile in legno pregiato era quasi un obbligo e indicativo di benessere. E’ il caso dei divani scorniciati in cui piccoli, ma evidenti dettagli in legno, creano una sorta di cornice intorno al divano, mentre lo schienale alto ed avvolgente ne garantisce il massimo comfort.

Arredamento Perfetto consiglia i divani scornicati di VAMA divani