1 Giugno 2017 / / Interiors

Dormire nelle case più belle di Londra autentico stile country in città cucina

Oggi torniamo a Londra per visitare una casa nel tranquillo quartiere residenziale di Clapham, “Boys just want to have fun“, un nome che evoca, oltre alla famosa canzone di Cindy Lauper, la predisposizione ad accogliere ragazzi in vena di divertirsi.

La casa, di epoca vittoriana, è arredata in modo semplice in stile country, un vero gioiellino per chi ama questo stile particolare: tende con delicati motivi floreali, plaid di lana a quadrettoni, pareti dipinte in verde e crema, mobilio rustico. 
La casa si sviluppa su tre piani: al piano terra una spaziosa cucina, resa luminosa dalle finestre aperte sul tetto dell’ampliamento, si affaccia sul giardino attrezzato con un’area giochi, tra cui un divertente tavolo da calcetto. Accanto si trova il soggiorno, con il tipico bow-window, il camino e i soffitti decorati da eleganti stucchi. 
Ai due piani superiori si trovano ben quattro camere da letto, la stanza padronale e quelle per i ragazzi, servite da tre bagni e arredate in modo semplice ma con impeccabile buon gusto: una casa adatta ad una famiglia numerosa, o a un gruppo di amici o coppie, visto che conta ben 8 posti letto. In una città come Londra, dove il pernottamento non è certo a buon mercato, queste grandi case aiutano a condividere le spese abbattendo notevolmente il costo del soggiorno. Senza contare sul fatto che, avendo la cucina a disposizione, molti pasti si possono preparare in casa.
E ora vediamo qualche immagine: questa casa non mi ha colpita per particolari tocchi di raffinatezza o aderenza ai trend del design più attuali, ma per il calore e la misurata eleganza che ne fanno una degna rappresentante dell’autentico stile inglese.
Dormire nelle case più belle di Londra autentico stile country in città cucinaDormire nelle case più belle di Londra autentico stile country in città salotto
Dormire nelle case più belle di Londra autentico stile country in città caminoDormire nelle case più belle di Londra autentico stile country in città camera letto
Dormire nelle case più belle di Londra autentico stile country in città cameraDormire nelle case più belle di Londra autentico stile country in città camera
Dormire nelle case più belle di Londra autentico stile country in città bagnoDormire nelle case più belle di Londra autentico stile country in città libri
Dormire nelle case più belle di Londra autentico stile country in città cameraDormire nelle case più belle di Londra autentico stile country in città cameraDormire nelle case più belle di Londra autentico stile country in città camera
Cosa vedere nei dintorni
Il quartiere di Clapham si trova a sud del Tamigi, a circa 40 minuti di metropolitana dal Big Ben; è ben collegato con il centro e offre molte aree verdi, come i parchi di Clapham Common e Battersea Park. L’architettura è molto interessante, e riflette pienamente lo stile elegante dell’epoca Vittoriana: vale la pena camminare per le vie di Clapham, ammirando le facciate dei palazzi, visitare le piccole boutique e fermarsi nei numerosi locali dall’aria “easy” e famigliare.
Essendo lontano dai maggiori flussi turistici, Clapham offre numerosi locali e ristoranti autenticamente londinesi, sia tradizionali che di tendenza.
Breakfast and brunch
Non perdetevi il brunch da No32 The Old Town, servito sulla terrazza del primo piano (è necessario prenotare, visto che è molto gettonato).
Il mondo intero si ritrova a Brixton Village, uno dei tipici mercati coperti da arcate che popolano Londra: qui la specialità è il cibo, voi dovete solo decidere quale cucina del mondo assaggiare…
Mangiare e bere come veri londinesi
Cominciamo con The Avalon, adatto per famiglie e con una vasta area all’aperto,  perfetto per trascorrervi una tranquilla domenica, meglio se soleggiata.
Menù con prodotti di stagione al May The Fifteenth, dalla colazione alla cena.
Menù raffinato con qualche eccellenza italiana, come le olive Nocellara del Belice, da gustare con un Campari Bellini all’aperitivo, cena dai piatti elaborati che promette meraviglie a seguire…Al The Dairy.
Altro locale da non mancare, il Counter Culture – The Dairy’s naughty little brother, uno snack bar che offre, in piccolo, le stesse delizie del fratello maggiore ci cui sopra.
Recensioni stellari su tripadvisor anche per il Trinity Restaurant: abbinamenti fantasiosi nei piatti, arredo raffinato e dehor da provare in una giornata di sole.
Spero che Boys just want to have fun vi sia piaciuta. Se volete saperne di più fate un giro qui: The Plum Guide. Noi ci vediamo presto con un’altra bellissima casa londinese.

1 Giugno 2017 / / Design

pannelli solari

 

Con l’arrivo dell’estate aumenta la voglia di trascorrere del tempo all’aria aperta, prendere il sole al parco, fare una passeggiata e rigenerarsi approfittando delle belle giornate.

È il momento giusto anche per ripensare all’arredamento della propria casa, per renderla più luminosa e in armonia con la natura circostante.

Attraverso l’ecodesign è possibile portare la natura in casa propria e contemporaneamente contribuire alla salvaguardia del pianeta, grazie all’utilizzo di materiali ecologici, riciclabili e rispettosi dell’ambiente in tutto il loro ciclo di vita, dalla produzione allo smaltimento.

pannelli solari

Questa nuova corrente nasce negli anni ‘90 ma tuttora stimola le aziende ad investire in proposte eco-friendly, senza però trascurare l’estetica e la funzionalità degli oggetti.

Come materiale, è tornato ad essere di tendenza il cartone ondulato e alveolare, che è leggero ma resistente, malleabile, facilmente reperibile e a basso costo.

pannelli solari

Il primo a servirsi di questo materiale è stato l’architetto Franc O.Gehry negli anni ‘70 con la Wiggle Chair. Guardando la sedia, si fa fatica a credere che sia davvero stata realizzata in cartone. È infatti molto resistente e solida, grazie ai numerosi strati presenti.

 

Gli arredi di questo tipo di solito hanno anche una pellicola resistente all’umidità e all’acqua, per cui se entrano a contatto con sostanze liquide non subiscono danni.

Si trovano senza problemi in commercio, con soluzioni anche per i più piccoli, come la culla o la sedia che i bambini possono colorare e decorare con i loro disegni.

pannelli solari

Per quanto riguarda i tessuti, uno dei pezzi di ecodesign più accessibili economicamente è la poltrona con la fodera in rafia, resistente all’acqua e con un’imbottitura in poliuretano.

 

pannelli solari

Un elemento biocompatibile relativamente nuovo è il kirei, che in giapponese significa “bello”, ideato da un’azienda statunitense a partire dalla lavorazione della paglia di saggina. Un altro pannello ecologico è quello in fibra a media densità formato dagli scarti del legno, pensato in modo da non dover tagliare ulteriori alberi.

eco design

Con le prime giornate soleggiate, viene voglia di ripensare anche alla progettazione della casa, in modo da sfruttare al massimo la luce naturale.

Una fonte di ispirazione può essere il progetto di abitazioni eco-friendly PATH (Prefabricated Accessible Technological Homes), che segue i nove principi chiave della bioedilizia.

eco design

In questi prototipi abitativi, in particolare, viene garantita una grande efficienza energetica senza emissione di carbone e un design durevole nel tempo. Ogni prototipo è dotato di una tecnologia integrata con un sistema di pannelli solari, una tripla vetratura e uno spessore di isolamento fatta di fibre di legno.

Le tegole fotovoltaiche sono sempre più integrate nel tetto, in modo da non intaccare l’estetica esterna.

Può essere utile approfittare del bel tempo, anche per alleggerire la casa di tutti gli elementi superflui, attraverso il decluttering o più banalmente con le pulizie di primavera, riciclando o reinventando tutti gli oggetti inutilizzati.

eco design

Un esempio di arredo che potete realizzare da soli con materiali riciclati, è lo sgabello formato da vecchi giornali, fissati ad una base in legno e legati con cinghie di cuoio ad un cuscino d’appoggio.

eco design

Un’altra soluzione divertente è la lampada derivata dal riciclo del cartone della pizza, da assemblare e personalizzare.

eco design

Anche se non ami il “fai-da-te” puoi comunque dare carattere agli ambienti interni attraverso arredi unici realizzati con materiali di scarto.

La comunità di San Patrignano, ad esempio, ha prodotto mobili ed oggetti ricavati da piccole botti usate per far fermentare i vini.

eco design

Il desginer Piet Hein Eek, invece, ha ideato mobili con legni di recupero, presentando anche una collezione a buon mercato.

eco design

Una delle proposte più interessanti, che unisce i materiali eco-friendly alla produzione di energia pulita, è la sedia a dondolo di Rochus Jacob, collegata ad una lampada, che sfrutta il movimento per produrre energia elettrica.

eco design

Ci sono tante idee da cui prendere spunto per rinnovare la propria casa e renderla il più possibile eco-friendly.

Non si tratta solamente di scegliere un arredamento rispettoso dell’ambiente, ma anche

di un investimento a lungo termine, perché i materiali utilizzati sono più resistenti e durevoli.

Lo stesso vale per l’installazione dei pannelli solari, che permettono di essere autonomi nella produzione di energia elettrica con un grande risparmio sulla bolletta nel lungo termine, con costi di manutenzione molto bassi.Ide

L’articolo Idee di Eco design per la tua estate. proviene da Architettura e design a Roma.

1 Giugno 2017 / / Interiors

Ma che eleganza questo piccolo appartamento nel centro di Goteborg. 50 mq in perfetto stile nordico e sapete quanto adoro questo stile. Pulito, essenziale, accogliente.

Il mood di questo appartamento è qualcosa da far restare a bocca aperta, l’atmosfera è rilassante, il colore bianco è, logicamente, il padrone indiscusso ma le interferenze del legno, del nero, e delle piante rendono la casa unica e con una identità speciale. 
Due sole stanze con molteplici funzioni che coesistono in un grande equilibrio: l’angolo letto con l’area living e la cucina con l’area pranzo sono le principali.
Ecco una galleria di foto che raccontano la bellezza dell’abitare …

Giuseppe

Le foto sono di Anders Bergstedt. Via delle foto: Entrance

1 Giugno 2017 / / Design

Stress, ritmi frenetici e impegni incalzanti lasciano il segno soprattutto durante le ore serali, quando si fa rientro a casa e si posa la borsa da lavoro. A fine giornata, quando si è alla ricerca di un po’ di relax, uno dei modi più immediati per trovare ristoro e sciogliere le tensioni è sicuramente quello di fare una bella doccia. La stanza da bagno, infatti, rappresenta l’ambiente della casa più adatto per trovare un lungo momento di intimità, durante il quale rigenerarsi e distogliere la mente dalla giornata appena trascorsa, concedendosi un momento tutto per sé. Tutti hanno sperimentato la sensazione di benessere che si prova dopo aver lavato via di dosso una giornata densa di problemi e grattacapi, quando l’acqua calda scioglie la tensione accumulata su collo, spalle e schiena. Naturalmente, per massimizzare gli effetti di questo piccolo rituale domestico, occorre creare la giusta atmosfera e avere a disposizione un bagno non solo confortevole e funzionale, ma anche in linea con i propri gusti. Del resto è ben noto che il bagno, più di ogni altra stanza della casa, sia l’ambiente più intimo che abbiamo a disposizione tra le mura domestiche. Come fare, quindi, a creare il nostro piccolo angolo di pace e serenità? Sarà sufficiente qualche piccola attenzione e, naturalmente, la scelta del giusto arredamento.

Sanitari, accessori, complementi, illuminazione: tutto contribuisce a creare la giusta atmosfera all’interno della stanza da bagno. Da stanza secondaria, nella quale trascorrere il minor tempo possibile, il bagno si è infatti trasformato in uno spazio sempre più curato. Oggi, nella maggior parte delle case moderne, è proprio questo lo spazio dedicato al relax e alla cura di sé. Punto focale di questo ambiente, specialmente quando l’intento è quello di renderlo confortevole, sarà proprio la doccia: la scelta di un piatto comodo e antiscivolo, di pareti resistenti e facili da pulire e di rubinetteria di alta qualità sono solo alcuni degli aspetti da prendere in considerazione nell’arredo. Le opzioni a disposizione sul mercato sono davvero numerose e offrono una risposta a esigenze strutturali ed estetiche di ogni tipo. Dalla necessità di sfruttare un angolo vuoto della stanza – per esempio – fino a quella di combinare in un unico spazio doccia e vasca, i designer hanno pensato a ogni specifica problematica legata allo sfruttamento dei volumi a disposizione. La scelta di una doccia e di complementi d’arredo di buona qualità, quindi, potrà fare davvero la differenza tra un ambiente qualsiasi e uno studiato per garantire il massimo comfort a chi lo vive.

Per trasformare il tuo bagno in un angolo dedicato al relax non ti resta che dare un’occhiata alle proposte che designer ed esperti di wellness hanno formulato, coniugando tecnologia e ricerca estetica. Uno dei trend del momento è quello di mescolare materiali tradizionali – come il vetro e la ceramica – a materie prime più naturali: il legno non laccato e in tonalità neutre, per esempio, regalerà subito l’impressione di trovarsi in una sofisticata spa. Tra i colori più indicati per favorire il relax e il riposo si annoverano proprio le tonalità capaci di evocare i paesaggi naturali: tutta la palette degli azzurri, per esempio, sarà in grado di valorizzare la stanza da bagno e l’acqua, elemento che costituisce il vero protagonista di questo ambiente. Tra le scelte più moderne, adatte alle case di design, si annoverano anche le tonalità del bianco e del nero, anche accostate con l’intento di creare un contrasto tra luci e ombre. Accessori in alluminio, dall’estetica intramontabile, si sapranno adattare alla perfezione in qualsiasi tipologia d’arredo ma avranno lo svantaggio di apparire un po’ freddi e impersonali: se si è alla ricerca di maggiore calore meglio optare, quindi, per finiture opache e tonalità meno anonime.

Se l’arredamento del bagno funge da cornice per i propri momenti di relax, la doccia è l’elemento al centro del quadro. Dimensioni, materiali, colori e tipologia del getto contribuiscono, infatti, a creare un piccolo spazio nel quale abbandonarsi al piacere dell’acqua che scorre sulla pelle. Piatti di grandi dimensioni o su misura per gli spazi a disposizione permetteranno di sfruttare al meglio le potenzialità della superficie a disposizione, massimizzando il volume della cabina e non ostacolando i movimenti all’interno. La scelta di cristalli perfettamente trasparenti o – viceversa – di materiali semi-opachi, permetterà inoltre di decidere il grado di luminosità della cabina. Tra le opzioni più moderne a disposizione, inoltre, si annoverano docce con getti coordinati a diverse illuminazioni led, perfette per chi vuole praticare la cromoterapia e massimizzare i benefici della doccia anche a casa, come se ci si trovasse in un vero centro benessere.

Arredare la stanza da bagno è una vera arte e non sempre è semplice scegliere tra le numerose proposte sul mercato. Per trasformare il proprio bagno in un luogo dedicato alla cura di sé, però, sarà sempre importante preferire elementi d’arredo di alta qualità. https://www.selfitalia.it/ racchiude in un ricco shop online moltissime soluzioni dedicate all’arredo del bagno e al fai-da-te, tra le quali sarà semplice trovare la risposta perfetta alle proprie necessità. Piatti e cabine per la doccia, rubinetterie, sanitari e complementi d’arredo selezionati avranno in comune la scelta di materiali resistenti e design all’avanguardia.

Se vuoi arredare il tuo bagno o lo stai ristrutturando puoi guardare questa mia raccolta di spunti della mia bacheca di Pinterest, troverete tantissime idee per il bagno. Se invece aspiri ad avere qualcosa di unico e personalizzato allora scrivimi a progetti@maydaycasa.it e lo progetterò su misura per te.

progetto-bagno-idee

1 Giugno 2017 / / Dettagli Home Decor

Restauro conservativo di una casa antica

L’intervento di restauro, che porta la firma degli architetti Flore & Venezia, ha interessato un’antica casa del 1787, posta nella piazza della Cattedrale di Ostuni, con l’obbiettivo di trasformarla in una luxury home in grado di accogliere ospiti da tutto il mondo.


Il progetto ha comportato un iniziale approccio di consolidamento delle strutture.
Sono presenti due accessi, uno principale caratterizzato da un portale di ingresso situato sulla piazza, l’altro, di servizio, posto su una stradina laterale.


Il piano terra, accessibile dall’ingresso di servizio ha mantenuto la sua funzione originaria di cucina, si apre su un piccolo giardino-aranceto che funge da patio ombreggiato, con la reinterpretazione del tema delle vecchie scale usate per la raccolta delle olive trasformate in brise soleil.

Il piano primo accoglie invece una serie di ambienti posti in sequenza: living con camino, relax room, camera da letto con vasca idromassaggio, con una serie di porte allineate e corrispondenti alle due finestre, una rivolta verso la piazza e l’altra con affaccio sul mare.


Restauro conservativo di una casa antica
Restauro conservativo di una casa antica
Restauro conservativo di una casa antica
Restauro conservativo di una casa antica
Restauro conservativo di una casa antica
Restauro conservativo di una casa antica
Restauro conservativo di una casa antica
Restauro conservativo di una casa antica
Restauro conservativo di una casa antica
Restauro conservativo di una casa antica

Le linee semplici, tanto nel progetto degli elementi fissi che degli arredi conferiscono alla casa un carattere allegro e disinvolto, nonostante i 230 anni di età.

1 Giugno 2017 / / Idee

Urban Jungle: ma che vuol dire? E’ uno stile d’arredamento di super tendenza in questo ultimo periodo. Continuate a leggere se volete capirci un po’ in più.

……….

Se ne sente parlare ovunque, si legge in ogni giornale, anche il più scarso: arredate casa in stile Urban Jungle. Ma che piffero vuol dire?

Mi devo portare una giungla e una città in casa? Ma se vivo in un buco di 40 mq? A mala pena ci vivo io, direte voi. Innanzitutto diamo un freno all’acidume e allo scetticismo, che ora vi spiego tutto.

L’Urban Jungle, cioè la giungla urbana, altro non è che uno stile d’arredo di tendenza negli ultimi mesi; da quando poi Pantone ha nominato il colore dell’anno, apriti cielo. Se ci fate caso in giro si vedono solo cuscini, coperte e carte da parati che ritraggono piante tropicali megagalattiche e palme mastodontiche.

Ma in cosa consiste questo stile? Vediamo insieme qualche esempio.

URBAN JUNGLE: COS’E’ E COME OTTENERLO

Come dicevamo, si tratta di una tendenza d’arredo più che di uno stile vero e proprio. Ormai è un dato di fatto che gli spazi verdi nelle nostre città sono sempre meno. Il verde è stato combattuto per molti anni, ma per fortuna negli ultimi decenni la tendenza è al contrario. Una rinnovata sensibilità ci ha fatto realizzare che senza la piante non andiamo da nessuna parte.

Ma come si fa, visto che la cementificazione aumenta? E se ci portassimo quante più piante possibili in casa ?

urban jungle

urban jungle

 Ecco quindi che i nostri soggiorni, le nostre camere e i nostri bagni si riempiono di piante che riempiono gli spazi di ottimismo e buon umore. Non abbiate paura di esagerare: il bello di questo stile è proprio questo. Riempire le stanze di verde (qui un post per scegliere le piante giuste).

Mi raccomando scegliete delle specie che hanno bisogno di poche attenzioni se siete spesso fuori casa, o comunque piante adatte alla vostra casa. Sbizzarritevi a creare una piccola giungla nella vostra città, all’interno di casa vostra.

Urban Jungle

Urban Jungle

Non devono per forza essere piante giganti, bastano anche tante piccole piante distribuite con criterio per casa; l’importante è creare un polmone verde che crei un’atmosfera da foresta pluviale 🙂 .

E se proprio non avete il pollice verde, perché tutte le piante vi muoiono, bé, consolatevi con cuscini e carte da parati: da Ikea e Maison du Monde ci sono delle collezioni incredibili!

L’articolo Urban Jungle: una guida che vi trasformerà in addetti ai lavori sembra essere il primo su VHD.

1 Giugno 2017 / / Design

Una tendenza che ci riporta al passato, esattamente ai mitici anni ’50. Si tratta delle famose fantasie a quadretti, proposte nel classico bianco e rosso o bianco e nero, ma anche in tante varianti di colore, la stampa Vichy è attuale, giovane, allegra e fa tendenza.

Un ritorno ad una fantasia del passato, dal carattere vintage protagonista della moda del momento, infatti sono tanti gli stilisti che hanno proposto la stampa Vichy per la collezione Primavera/estate 2017. Si sa, ciò che coinvolge la moda poi inevitabilemnte diventa tendenza anche per tutto ciò che riguarda l’arredamento e il design. Così, come possiamo trovare tanti abiti che ripropondgono la fantasia Vichy, così troviamo tessuti e oggetti d’arredo.

Lo stile Vichy vestirà le nostre tavole, sono tanti gli oggetti e i complementi in vendita per l’ambiente cucina che ripropongono questa fantasia. Infatti è possibile trovare anche online complementi, tessili e accessori per la tavola, piatti, bicchieri, centrotavole e tovaglie con dettagli e stampe vichy, uno stile evergreen e di grande tendenza.
Ecco le romantiche ceste, con rivestimenti in lino o cotone quadrettati, adatti sia per riporre la frutta ma anche come centrotavola per il pane. Troviamo anche tovaglie, strofinacci, tovagliette americane, tutti colorati con la classica stampa vichy, che ben si adatta a cucine in legno, ma anche ad ambienti arredati in stile nordico e minimale.
Una fastasia del passato che arricchisce le tavole delle cucine più attuali e moderne, senza sembrare mai banale, io amo il rosso e vi propongo una serie di oggetti e complementi con stampa vichy in questo colore, ma è possibile osare con tantissime fantasie, dal fuxia al giallo, blu, azzurro, arancio, fino al classico bianco e nero.

Ecco una selezione di oggetti e complementi interessanti, nella variante rosso/bianco, la mia preferita!

sacchetto essential's

1.Sacchetto pic nic Essential’s

boccale vetro

2.Boccale vetro Maiuguali

piatti

3.Piatti Vichy Bitossi Home

bicchieri

4.Bicchieri Froisse rosso di Bestshopping

caffettiera

5.Caffettiera Dots and Checks Rossa di Angelica Home

 

 

Fonti:

http://www.essent-ial.com

http://www.maiuguali.it

http://www.bitossihome.it

https://it.bestshopping.com

http://www.angelicahomecountry.com/home.html

 

 

1 Giugno 2017 / / Coffee Break

E’ sempre affascinante assistere al recupero di vecchi edifici e vedere come nascono a nuova vita una volta finiti i lavori; è il caso di questa fattoria nei Paesi Bassi, una vecchia casa colonica con imponenti soffitti in legno e pareti in mattoni. Si è riusciti a mantenere un piacevole mix tra vecchio e nuovo, con pareti di acciaio e vetro accostate ad elementi tradizionali e la creazione di spazi aperti che si compenetrano nel nuovo layout funzionale.

A new life for a renovated farm in the Netherlands

It is always fascinating to assist in the recovery of old buildings and see how they are born again when the work is over; this is the case of this farm in the Netherlands, an old farmhouse with imposing wooden ceilings and brick walls. The architect have been able to maintain a pleasant mix between old and new, with steel and glass walls adjoining traditional elements and creating open spaces that intertwine in the new functional layout.

Via

_________________________
CAFElab | studio di architettura

1 Giugno 2017 / / ArtigianaMente

Guest post by Silvia Crimi.
Arredare casa ha una doppia funzione: renderla bella da vedere, ma anche pratica e funzionale.
Capita spesso e volentieri che però, dopo un lungo lavoro, rimanga sempre qualche angolo vuoto, che non ci comunica nulla e che, soprattutto non serve a niente.
Cosa fare? Per quanto difficile possa sembrare trovare la soluzione giusta, in realtà è letteralmente a portata di mano: una lampada da tavolo!


Ho avuto questo problema a casa mia, fino a che sono arrivata alla soluzione di creare un piccolo angolino tutto mio dove, tornata dal lavoro, potessi rilassarmi leggendo un buon libro e gustandomi un buon tè.

lampada da tavolo

Realizzare il tuo angolo lettura è facile ed economico

La cosa divertente di realizzare un tuo angolo lettura è che è davvero semplice ma, soprattutto economico. Oggigiorno è facile trovare delle soluzioni a poco prezzo. Personalmente ho realizzato il mio angolo relax aggiungendo una poltrona, un piccolo comodino e una lampada da tavolo.

Si potrebbe optare anche per una piantana, ma ho preferito ci fosse anche il comodino perché mi dà la possibilità di poggiarci il libro o la tazza di tè caldo. In più, l’ho scelto con un piccolo cassetto, al cui interno posso tenere anche il lettore Mp3 e le cuffiette.

Chiaramente l’angolo lettura è solo un esempio. Potresti semplicemente arricchire anche un mobile che ti sembra vuoto o un determinato punto della casa che riceve poca luce.

lampada da tavolo

Per quale stile optare?

Lo stile della lampada dovrà essere in linea con il tuo arredamento. L’offerta è vastissima e si può scegliere per una lampada dal design moderno o classico.

Per il mio angolo lettura ho voluto una lampada molto lineare, con un collo lungo e snodabile che posso spostare nel posto dove ho più bisogno di luce. Se decidi di posizionare la lampada su un mobile TV o una consolle, potresti optare per una lampada più particolare, che abbia un paralume, o per una lampada dalla forma astratta.

lampada da tavolo design

Se per le lampade classiche la forma rimane quella “standard” con piede e paralume, per le lampade moderne si può scegliere tra modelli che perdono il concetto di lampada tradizionale, diventando vere e proprie sculture.

Le forme e i materiali talvolta contribuiscono a creare giochi di luce che donano alla stanza un’atmosfera particolare.
I materiali giocano un ruolo importante. Solitamente i modelli classici sono in legno e ottone con paralumi in tessuti pregiati, le lampade moderne invece prediligono acciaio, legno o materiali sintetici.

Se un patito del risparmio, puoi scegliere lampadine a led o lampade già progettate con questo tipo di illuminazione.

Prima di scegliere la lampada, valuta bene quale sarà la destinazione d’uso. Per un angolo lettura scegli una lampada che ti dia la giusta intensità di luce affinché gli occhi non si affatichino.

Infine, se preferisci una lampada che ti permetta di ottenere diversi gradi di luminosità, opta per una lampada dimmerabile. Cosa significa? che nella lampada è contenuto un particolare componente elettronico che riduce progressivamente la luminosità della lampada.

lampada

Qualsiasi sia lo stile della tua casa e le tue esigenze, sul sito lampadadatavolo.net, trovi una vasta gamma di modelli.

Immagini Annelli Bush, On Kings Lane,

The post Lampada da tavolo: i consigli di Silvia per scegliere quella giusta appeared first on Artigianamente Blog – artigianato, stile & design.

1 Giugno 2017 / / Decor

Le Calcine di Wilson & Morris: dalla tradizione al design

Le Calcine di Wilson & Morris: dalla tradizione al design. Una ricerca nel passato per offrire una pittura carica di effetti e in grado di caratterizzare anche gli ambienti più moderni.

Matericità e colori tenui sono le voci distintive di questa linea di pitture che ha una palette cromatica di 60 sfumature delicate e neutre. Ciascun colore poi si declina in tre diverse finiture: Tinteggio, Mantova e Stucco.


Wilson & Morris torna alla tradizione con un materiale tra i più antichi: la calce, un elemento naturale per uno stile materico e contemporaneo.

Le Calcine sono pitture a base di grassello stagionato, rinforzi acrilici e colorato con terre e ossidi naturali. La finitura più richiesta di questa linea è il Tinteggio. Idoneo per essere applicato sia su vecchi intonaci, ad esempio in edifici di particolare interesse artistico, che su nuovi di natura minerale. Consente di ottenere colori morbidi e rendere il supporto su cui è applicato unico. Possiede un gradevole aspetto estetico, unito a resistenza nel tempo e facilità di applicazione.


Le Calcine di Wilson & Morris: dalla tradizione al design
Le Calcine – finitura Tinteggio
La pittura finitura Tinteggio della linea Le Calcine, che prende il nome dalla base con cui viene realizzata, si stende a pennello e può essere applicata su tutte le superfici interne previo trattamento con speciale primer di Wilson & Morris (SILOX PRIMER WM) e dopo aver rimosso le tinteggiature precedenti. 

Le Calcine di Wilson & Morris: dalla tradizione al design
Le Calcine – finitura Mantova
Le Calcine di Wilson & Morris: dalla tradizione al design
Le Calcine – finitura Stucco

Per maggiori informazioni www.wilsonmorris.it