26 Giugno 2017 / / Tea Stylist

E’ tanto tempo che volevo scrivere un post sul designer belga Filip Janssens, un artista oserei dire. Le sue geometrie si rifanno alle avanguardie artistiche del primo ‘900 e la sua ricerca lo porta a sperimentare le potenzialità espressive delle stesse geometrie e dei materiali che utilizza, legno e acciaio su tutti.

I suoi lavori affrontano la combinazione di diversi temi: linee che disegnano volumi, il gioco dei pieni e dei vuoti, il contorno, l’asimmetria e la modularità. Il risultato è eccezionale, volumi erosi che sembrano mettere in evidenza una struttura nascosta; linee e rettangoli che disegnano pezzi eleganti e minimali; pezzi lineari ma scomposti.
La produzione di Filip Janssens è senza dubbio originale, una produzione fatta di pezzi perlopiù unici. La loro presenza determina un dinamismo particolare che apre lo sguardo a prospettive sempre diverse, e allo stesso tempo non si può apprezzare la composizione del pezzo guardandolo da un solo punto di vista. 
Godiamoci questa piccola galleria delle produzioni di Filip Janssens e per approfondire vi invito a visitare direttamente il suo sito. 

Chiara  

Via delle foto: www.filipjanssens.be

26 Giugno 2017 / / Dettagli Home Decor

Visita al noto store Atelier Sukha

In occasione di un recente viaggio nella capitale olandese non potevamo non visitare il notostore dedicato alla casa.


Situato in una zona centrale di Amsterdam, a poca distanza dalla stazione centrale, Atelier Sukha  si distingue per i suoi prodotti decorativi rigorosamente ecofriendly, scanditi da un design semplice e ricercato, dove prevalgono materiali naturali come legno, bamboo, carta, ceramica, cotone e lana, tinte neutre e delicate, texture morbide, in grado di rendere caldo e accogliente ogni ambiente domestico.


All’interno dello store si possono acquistare originalissimi complementi d’arredo, accessori per la tavola e la cucina, originali decorazioni realizzate handmade, saponette e olii per il corpo, oltre ad un ricco assortimento di bellissimi capi d’abbigliamento dal look fresco e di tendenza.


Lo spazio si presenta come un ampio open space total white dal carattere unico, con soluzioni espositive che rispecchiano perfettamente la filosofia del brand.

Visita al noto store Atelier Sukha
Visita al noto store Atelier Sukha
Visita al noto store Atelier Sukha
Visita al noto store Atelier Sukha
Visita al noto store Atelier Sukha
Visita al noto store Atelier Sukha
Visita al noto store Atelier Sukha
Visita al noto store Atelier Sukha
Visita al noto store Atelier Sukha
Visita al noto store Atelier Sukha
Visita al noto store Atelier Sukha

Atelier Sukha

Haarlemmerstraat 110,

1013 EW Amsterdam



26 Giugno 2017 / / La Gatta Sul Tetto

Arredare piccoli spazi: la mobilhome shabby chic di Rachel Ashwell soggiorno

Buon inizio settimana. Avete voglia di fare un salto in California, a Malibu? Oggi per la rubrica arredare piccoli spazi vi porto a casa della designer più amata dai fan dello stile Shabby Chic: Rachel Ashwell.

Rachel ha scelto nientemeno che una mobilhome per trascorrervi tranquilli week end sulle rive dell’oceano, ed è riuscita a ricavare un piccolo angolo di paradiso affrontando la sfida di arredare in modo funzionale e gradevole i piccoli spazi della sua casa mobile.

Seguendo il motto “less is more”, la designer ha scelto pochi mobili e una palette freschissima di bianchi e azzurri, in linea con il suo stile e in armonia con il paesaggio marino.

“Un giusto equilibrio tra elementi usurati e chic permette di ottenere un ambiente bello, funzionale e confortevole” spiega Rachel, che ha utilizzato mobili e complementi che portano la sua firma, come bellissimo divano letto angolare del soggiorno, o come la biancheria dai delicati motivi floreali.

Personalmente adoro il suo stile, che negli anni non è mai cambiato, sordo alle sollecitazioni delle varie mode del momento; amo la sua attenzione per i dettagli e l’atmosfera fresca e pulita che traspare dai suoi interni.

Cominciamo dal living che contiene l’angolo relax e la cucina:

Arredare piccoli spazi: la mobilhome shabby chic di Rachel Ashwell before soggiorno

BEFORE

Arredare piccoli spazi: la mobilhome shabby chic di Rachel Ashwell soggiornoArredare piccoli spazi: la mobilhome shabby chic di Rachel Ashwell divano lettoArredare piccoli spazi: la mobilhome shabby chic di Rachel Ashwell soggiornoArredare piccoli spazi: la mobilhome shabby chic di Rachel Ashwell

Arredare piccoli spazi: la mobilhome shabby chic di Rachel Ashwell before cucina

BEFORE

Arredare piccoli spazi: la mobilhome shabby chic di Rachel Ashwell cucinaArredare piccoli spazi: la mobilhome shabby chic di Rachel Ashwell cucina


Ecco la zona notte, in cui si trovano un bagno, una camera e un disimpegno fornito di una nicchia in cui Rachel ha posizionato un letto:

Arredare piccoli spazi: la mobilhome shabby chic di Rachel Ashwell before camera

BEFORE

Arredare piccoli spazi: la mobilhome shabby chic di Rachel Ashwell camera

Arredare piccoli spazi: la mobilhome shabby chic di Rachel Ashwell cameraArredare piccoli spazi: la mobilhome shabby chic di Rachel Ashwell before camera

BEFORE

Arredare piccoli spazi: la mobilhome shabby chic di Rachel Ashwell camerettaArredare piccoli spazi: la mobilhome shabby chic di Rachel Ashwell cameretta

Infine, uno sguardo al piccolo spazio esterno, semplice ma accogliente:

Arredare piccoli spazi: la mobilhome shabby chic di Rachel Ashwell before esterno
BEFORE

Arredare piccoli spazi: la mobilhome shabby chic di Rachel Ashwell esternoArredare piccoli spazi: la mobilhome shabby chic di Rachel Ashwell esterno

Idee salva spazio:

L’isola della cucina serve allo stesso tempo da piano di lavoro, tavolo e porta oggetti.

Utilizzare la base dei letti come ripostiglio.

Source: My domaine

Ph before: Sarah Pankow

Ph after: Christofer Patey

VISITA ALTRI PICCOLI APPARTAMENTI

The post Arredare piccoli spazi: la mobilhome shabby chic di Rachel Ashwell appeared first on La gatta sul tetto.

26 Giugno 2017 / / Dettagli Home Decor

Casa Buda di Tisselli Studio

Una villa ricevuta in eredità da una cara zia e la volontà di mantenere vivi i ricordi e gli affetti che ad essa lo legano guidano il committente alla scelta di una ristrutturazione che la restituisca a vita nuova, adeguandola alle esigenze della propria famiglia.
Da questa premessa parte il progetto di ristrutturazione realizzato da Tisselli Studio che punta all’espressione di tutte le potenzialità di una bella villa degli anni ’50, ormai invecchiata e sbiadita.


La casa, distribuita su tre livelli e circondata da un ampio giardino, sorge sulle primissime pendici delle colline cesenati, appena fuori dalle mura cittadine in posizione privilegiata.

Esternamente la casa si presenta di un colore distante dall’omogeneità cromatica del vicinato: un grigio carico e caldo, in netto contrasto col candore delle banchine e delle soglie, che scivolando lungo il muro, rivedono le proporzioni di una composizione volumetrica originale complessa, riordinandola e slanciandola. Un riproporzionamento delle volumetrie originali a cui partecipa anche l’elegante disegno del parapetto del piccolo terrazzino angolare, riproposto nelle inferriate sulle aperture del retro.

L’accesso principale all’edificio attraversa un sistema di cancelli in legno fresato e verniciato bianco, che richiamano il disegno del portoncino di ingresso originale, completamente restaurato. Cancelli e portoncino sono i due estremi di un percorso pedonale articolato, una sequenza di gradoni che sfrutta la particolare morfologia precollinare del lotto, fiancheggiati da vasche di verde che emergono dal suolo con altezze e dimensioni differenti: il progetto nega il tradizionale accesso frontale, in asse con l’ingresso, privilegiando una visuale di scorcio, un approccio più graduale, che consenta anche di godere dei colori e dei profumi del giardino.

L’accesso carrabile, necessariamente più lineare, si innesta tra il fabbricato e il muro di contenimento, confine con la proprietà vicina, ingentilito nelle proporzioni da piccole “fresature” verticali opportunamente posizionate e dosate. Muro e vasche ripropongono lo stesso colore della casa, accompagnando così l’avvicinamento.

L’ingresso è al piano rialzato, e si accede con una scala esterna rivestita in pietra, un limestone crema oriente, come le banchine. Si attraversa un ampio porticato, un filtro tra esterno e interno, che nel disegno della pavimentazione in legno e pietra e delle eleganti inferriate in ferro verniciato bianco anticipa il mix di modernismo e contemporaneità che è stato il filo conduttore di tutto il progetto.


Casa Buda di Tisselli Studio
Casa Buda di Tisselli Studio
Casa Buda di Tisselli Studio
Casa Buda di Tisselli Studio

Varcata la soglia si apre lo spazio a tutta altezza dell’androne. Dominano il grande scalone, che collega il piano rialzato al piano primo, e la pavimentazione in rovere a spina di pesce, che corre senza soluzione di continuità attraverso tutti gli ambienti della casa, e prosegue il disegno di posa, attraverso i gradini, al piano superiore.
Il contrasto tra il sapore del passato e il nuovo intervento è subito posto in evidenza dal sinuoso corrimano in cartongesso, laddove tradizione proponeva un tipico parapetto in ferro e legno: la sua linea continua protegge e accompagna lo sguardo, incorniciando ed esaltando la texture del rivestimento in legno della scala.
Attraversando i vari ambienti non mancano continui rimandi al design degli anni ’50, reinterpretato in chiave contemporanea. Conduttori discreti del gioco di richiami sono porte e battiscopa, i cui profili, disegnati e realizzati ad hoc, costantemente presenti in ogni stanza della casa, ripropongono le linee dell’epoca.

Si tratta di presenze rassicuranti, così come le strombature interne delle finestre, strenuamente conservate, o il disegno mite e familiare della nuova cucina, che convivono con episodi più intensi e graffianti. Il nuovo camino del soggiorno, angolare anziché frontale, una scultura oltre il focolare, o le composizioni di arredo dei due bagni al piano superiore, rivendicano e marcano, tra linee spezzate e superfici scomposte, il passaggio generazionale.


Casa Buda di Tisselli Studio
Casa Buda di Tisselli Studio
Casa Buda di Tisselli Studio
Casa Buda di Tisselli Studio
Casa Buda di Tisselli Studio
Casa Buda di Tisselli Studio
Casa Buda di Tisselli Studio