7 Luglio 2017 / / Design

Poco tempo fa sono stata chiamata dal team di TOGO360 per rispondere ad alcune domande in merito all’utilità della realtà virtuale nel lavoro di architetto e sopratutto quanto questa possa essere utile nel progetto Carta da Parati Artistica. Ma facciamo un passo indietro, cos’è la realtà virtuale?

La realtà virtuale è una ricostruzione, una simulazione della realtà ed il nostro cervello, nonostante sappia che si tratta di una finzione, viene coinvolto emotivamente dalle immagini e vive le esperienze come reali.

v3

Per poter sfruttare al massimo ciò che la realtà virtuale può offrire servono:

-un visore con display

-un computer (una console o uno smartphone)

-un controller o comunque un dispositivo che permetta di interagire con questa dimensione.

La nostra mente sa perfettamente che si tratta di qualcosa di irreale, ma i sensi reagiscono come se tutto fosse vero.

Dal punto di vista tecnico possiamo dire che la realtà virtuale è il risultato del lavoro integrato di dispositivi hardware e software che, lavorando combinandosi, creano uno spazio virtuale in cui è possibile muoversi in maniera libera e autonoma. Per poter far ciò è indispensabile il visore VR, anche se è possibile trovare in commercio tantissimi accessori adatti alla VR quali guanti, scarpe, ecc… Essi permettono di poter vedere la realtà alternativa, definita virtuale, e poterla vivere come se fosse reale, esporando l’ambiente a 360 gradi, offrendo immagini realistiche.

vr2

Le potenzialità della realtà virtuale sono tantissime, tali da poter rivoluzionare tantissimi settori. Siamo abituati ad associarla quasi esclusivamnete ai videogiochi ma è davvero una grande scoperta tecnologica che può migliorare ed innovare tanti mondi lavorativi come per esempio quello turistico. E’ proprio in questo settore che si colloca il lavoro di TOGO360, basterà indossare un visore VR per visitare musei, siti archeologici o intere città! Scegliere la meta delle vacanze sarà decisamente più semplice e consapevole.

vr4

Una delle applicazioni più interessanti e utili è quella che riguarda l’interior design. Infatti grazie alla realtà virtuale è possibile poter visionare a 360 gradi il progetto di ristrutturazione di un appartamento potendo osservare in anteprima finiture, arredi, illuminazioni come se ci si trovasse realmente dentro casa. Immaginate di poter vedere tutto prima che i lavori siano realmente inizati, è davvero stupefacente! Inoltre riduce al minimo il margine di errore.

E’ possibile, grazie alla VR, poter vedere in anteprima come può integrarsi un divano, delle tende, un tessuto, un quadro o una carta da parati!

La realtà virtuale è una grande ricoluzione che, applicata in settori quali la progettazione e l’interior design, può davvero migliorare la qualità del lavoro e la resa.

 

 

 

 

7 Luglio 2017 / / Idee

Lavorare da casa è una pratica sempre più comune al giorno d’oggi suffragata da un centinaio di motivi e bisogni diversi.

Tempo fa vi avevo parlato di come ricavare all’interno del vostro appartamento un angolino da dedicare esclusivamente al lavoro. Sottoscala rivisitati, parte di un soggiorno o di un corridoio trasformati……

Vi sono attività che richiedono appunto piccoli spazi per archivi, materiale, ecc. ed ecco che con pochi accorgimenti cromatici e la scelta giusta degli arredi si otterranno degli ottimi risultati anche con budget limitati.

Salva

7 Luglio 2017 / / Design

Creare un nuovo equilibrio tra l’eleganza tradizionale e il bello contemporaneo

“Creare un nuovo equilibrio tra eleganza tradizionale e stile contemporaneo”. Questa è la filosofia alla luce della quale Dornbracht ha invitato gli architetti Neri & Hu di Shanghai e Rafael de Cárdenas di New York a sviluppare un ambiente architettonico per la nuova serie di rubinetti Vaia.
Le architetture progettate combinano elementi tradizionali e contemporanei in un modo nuovo e progressivo: interpretazioni individuali del transitional style a cui si ispira anche Vaia, con il suo linguaggio formale morbido e ben equilibrato.

Con moodboard, schizzi, collage di materiali e bozze di progetti per il bagno, Cárdenas e Neri&Hu si sono avvicinati in modo indipendente al soggetto. Le loro idee e ispirazioni hanno costituito la piattaforma per le architetture da bagno che sono state poi sviluppate dall’agenzia Meiré und Meiré.

Creare un nuovo equilibrio tra l’eleganza tradizionale e il bello contemporaneo
Creare un nuovo equilibrio tra l’eleganza tradizionale e il bello contemporaneo
Il centro del concetto architettonico di Neri&Hu è l’atrio. Come collegamento tra le camere e tra l’esterno e l’interno che riflette la psicologia delle azioni in bagno.  

Per noi, in Asia, l’acqua rappresenta una grande fonte di guarigione emotiva e fisica“, spiega Lyndon Neri. “Fare il bagno e lavarsi diventano un percorso emozionale, una profonda connessione con il proprio mondo interiore ma anche con il mondo esterno“. Dall’aspetto aperto dell’architettura si crea un’interazione dei materiali utilizzati con l’ambiente. Il cemento, la pietra, i metalli e persino l’acqua, che Neri&Hu considerano un “materiale da costruzione“, cambiano in continuazione a seconda delle condizioni di luce e della stagione. 
Credits: Neri&Hu

Creare un nuovo equilibrio tra l’eleganza tradizionale e il bello contemporaneo
Collage di materiali “Healing effects“, ispirato ai disegni architettonici di Neri&Hu: Vaia in platino opaco viene inscenato come marmo e cemento, ottone e legno in luce naturale. Le influenze della tradizione asiatica sono percepibili come la spinta di creare qualcosa di nuovo: un equilibrio progressivo ma salutare. 
Credits: Dornbracht, Fotografo: Thomas Popinger, Direzione Creative: Mike Meiré

Creare un nuovo equilibrio tra l’eleganza tradizionale e il bello contemporaneo
Creare un nuovo equilibrio tra l’eleganza tradizionale e il bello contemporaneo
Eleganza tradizionale e nuove idee si fondono nel concetto architettonico di de Cárdenas in modo stravagante. La cupola trasparente mantiene l’architettura letteralmente aperta al ritmo ricorrente del giorno e della notte e crea un gioco di luce sempre cangiante.  

Credits: Rafael de Cárdenas, Architecture at Large


Creare un nuovo equilibrio tra l’eleganza tradizionale e il bello contemporaneo

Il collage di materiali “From past to present” offre l’ispirazione ai disegni architettonici di Rafael de Cárdenas: mattone, corian, vetro colorato e muschio, roverella, marmo, cuoio color cognac e un tappeto viola formano uno sfondo emozionante per le nuove finiture dei rubinetti opachi Dark Platinum
Credits: Dornbracht, Fotografo: Thomas Popinger, Direzione Creativa: Mike Meiré

Creare un nuovo equilibrio tra l’eleganza tradizionale e il bello contemporaneo
Creare un nuovo equilibrio tra l’eleganza tradizionale e il bello contemporaneo
L’architettura da bagno con Vaia Dark Platinum opaco è legata a elementi centrali del progetto di Rafael de Cárdenas e alla gamma abbozzata nel collage di materiali nelle superfici e nei colori. Nelle nicchie tonde, Vaia va in scena su un lavabo apparentemente monolitico fatto di cubi di materiali diversi. 
Credits: Dornbracht, Fotografo: Thomas Popinger, Direzione Creativa: Mike Meiré

7 Luglio 2017 / / Decor

Collezione Blue & White di tessili per tavola e cucina Vallesusa
Il blu, luminoso ed energetico, si accosta con eleganza al bianco nella nuova collezione Blue & White di Vallesusa, valorizzando un binomio che ha fatto storia sia nella moda che nell’arredamento.


Questa combinazione di colori viene declinata in diversi stili, tante quante sono le anime di questa collezione, che raccontano una storia fatta di molte sfumature, perfetta per ambienti classici così come per case più moderne, accontentando proprio tutti.


Collezione Blue & White di tessili per tavola e cucina Vallesusa
Collezione Blue & White di tessili per tavola e cucina Vallesusa

Capace di caratterizzare ogni ambiente con uno stile elegante e raffinato che non stanca mai, la collezione è composta da tovaglie, set cucina, set americani e runner, tutti realizzati con materiali pregiati e prodotti interamente in Italia.

Collezione Blue & White di tessili per tavola e cucina Vallesusa
Collezione Blue & White di tessili per tavola e cucina Vallesusa

La realizzazione sartoriale del prodotto e la certificazione Oeko-tex, costituiscono la garanzia dell’impegno dell’azienda nella creazione di prodotti di qualità e privi di sostanze nocive.


Collezione Blue & White di tessili per tavola e cucina Vallesusa
Collezione Blue & White di tessili per tavola e cucina Vallesusa
Collezione Blue & White di tessili per tavola e cucina Vallesusa

7 Luglio 2017 / / La Gatta Sul Tetto

torre d'avvistamento stile marinaro ultimo piano

Per la rubrica “arredare piccoli spazi” oggi vi propongo un’abitazione molto particolare: una torre in stile marinaro. Costruita nel 1943 in un villaggio sulla riva della Massachusetts Bay, vicino a Boston, serviva come torre d’avvistamento contro i temuti U-boot tedeschi.

Gli attuali proprietari hanno deciso di trasformarla in una piccola dependance per ospitare figli e nipoti. Vista da fuori, la torre non sembra poi così piccola, ma in realtà gli spazi interni sono piuttosto limitati, visto che la costruzione non era stata progettata per abitarvi. L’architetto Thad Siemasko, che si è occupato del progetto, ha suggerito ai proprietari di immaginare uno yacht costruito in verticale: in effetti gli interni sono arredati come una lussuosa barca, e grazie anche alla vista superba sulla baia, sembra quasi di navigare nell’oceano.

torre d'avvistamento esterno

I progettisti sono riusciti a trasformare gli 11 vani, ognuno di circa 16 mq e disposti uno sull’altro, in altrettante deliziose stanze dotate di ogni confort per accogliere gli ospiti. Gli architetti hanno curato ogni dettaglio, dalla distribuzione degli spazi all’arredo, costruito su misura, fino ad ogni minimo dettaglio, ispirato alle attrezzature delle barche: galloccie (piccole bitte per fissare le cime) al posto delle maniglie, oblò, acciaio e pavimenti in teak lucidissimi, blu marine e bianco con qualche tocco rosso e turchese, letti a cuccetta e sedili su panche. Ogni piano ha una funzione specifica, proprio come in una barca, e ogni spazio è sapientemente sfruttato. Dal piano terra fino al settimo piano si accede con una scala, mentre gli ultimi quattro piani sono collegati da scalette a pioli fisse: ogni piano è contrassegnato con un numero in acciaio, che richiama il materiale con cui è stato fatto il corrimano.

torre d'avvistamento dettagli

Al primo piano si trova uno snack bar con una piccola toilette, dove gli ospiti possono fermarsi per una sosta al ritorno dalla spiaggia. Al secondo piano, invece, è stato collocato un confortevole living, dotato di caminetto a gas, televisione e soffici sedute.

torre d'avvistamento snack bartorre d'avvistamento living room

Ai piani superiori si trovano le camere da letto: quella padronale al terzo piano, è bellissima: la struttura che sostiene il letto, dotata di cassetti, è in mogano come i comodini che si allungano ai due lati. Un pannello in acero alto fino al soffitto al posto della pediera separa la camera dal vano scale, assieme alle due tende ispirate alle cuccette dei treni degli anni ’40. La stanza dei ragazzi, al quarto piano, è dotata di letti a castello costruiti su misura. Tra le due camere, al terzo piano, i progettisti hanno collocato il bagno, una specie di piccola SPA dotata di tutti i confort: bellissima idea quella di appendere lo specchio rotondo davanti alla finestra!

torre d'avvistamento camera da lettotorre d'avvistamento camera ragazzi

torre d'avvistamento camera ragazzi

torre d'avvistamento bagno

Ora mancano solo i piani più alti, che godono di una vista spettacolare: all’ottavo si trova un piccolo bar con il banco che richiama lo scafo di una barca dal nome Indian Princess (ispirata al nome della padrona di casa). Gli ultimi tre piani hanno la pianta ottagonale, e l’ultimo e il penultimo sono dotati di ballatoi pensili esterni che circondano la struttura, come nella la stanza di avvistamento, dove nel 1943 i militari sorvegliavano l’oceano in cerca di nemici.

torre d'avvistamento bar

torre d'avvistamento panorama

Agli ultimi due piani si trovano due deliziosi salottini con le pareti vetrate e panche di legno costruite tutto attorno, con cuscini bianchi e blu e una bottiglia di champagne per premiare i coraggiosi che hanno percorso le undici rampe. Qui i fortunati ospiti della torre potranno godersi lo spettacolo della baia in tutta la sua quieta bellezza.

torre d'avvistamento salottinotorre d'avvistamento salottino

Sources: Boston Globe //Northshore Mag

Credits Ph: 1-2-4-6-7-9 Dan Cutrona // 3-5-8-10-11-12 Lea St. Germain

VISITA ALTRI PICCOLI APPARTAMENTI

 

 

The post Arredare piccoli spazi: una torre in stile marinaro appeared first on La gatta sul tetto.

7 Luglio 2017 / / Easy Relooking

READ IN ENGLISH

Se vuoi trascorrere del tempo all’esterno con l’arrivo della bella stagione, puoi cogliere l’occasione per valorizzare e arredare piccoli balconi per l’estate. Trasformare un semplice spazio esterno inutilizzato in una zona vivibile e adatta a rilassarti è molto facile: rinnovando la superficie a disposizione con attenzione non dovrai rinunciare a nessuna comodità.

Poco spazio ma ottimizzato

L’arredamento per i piccoli balconi da utilizzare d’estate è ben pensato per offrirti tutti ciò di cui hai bisogno senza occupare troppo spazio. Per questo motivo puoi acquistare un tavolino e due sedie per goderti una piacevole colazione al mattino all’aria aperta, oppure una cena romantica col tuo partner. Molti brandi quest’anno propongono un arredo dal sapore vintage a tratti parigino, ovviamente tutto esclusivamente piegabile e riponibile. E’ il caso ad esempio della sedia Melissa di Unopiù. Avere poco spazio non significa che devi rinunciare al piacere di mangiare all’aperto, anzi puoi anche optare per cuscini e centrotavola magari realizzato con fiori freschi o con delle candele. Altrimenti puoi valutare l’acquisto di un divanetto, ovviamente devi decidere tra quest’ultimo e il tavolino con le sedie, per esterni e, magari, e di un soffice tappeto per una perfetta area relax.

Un po’ di ombra

Nell’arredare piccoli balconi per l’estate bisogna tener conto dell’esposizione dell’edificio: se posto verso Sud è utile creare una zona d’ombra. A questo proposito puoi scegliere se oscurare con una tenda, magari realizzata in materiale vegetale, oppure acquistare un ombrellone. Attualmente sono prodotti dei modelli compatti, adatti a poggiare sulla parete rinunciando alla famosa forma rotonda e optando per il semicerchio. E’ proprio il caso dell’ombrellone di Ikea!

Rinnovare la superficie

L’occasione è perfetta per rinnovare i piccoli balconi con una pavimentazione moderna e piacevole da vedere. Se il tuo terrazzo mostra qualche segno dell’età oppure avrebbe bisogno di una sistemazione ma non vuoi iniziare una ristrutturazione, puoi prendere in considerazione le mattonelle di legno da poggiare senza bisogno di cemento. Utili e pratiche, ti permettono di rinnovare completamente uno spazio senza interventi edilizi e, in qualsiasi momento lo desideri, puoi toglierle ad esempio per pulire o per riporle durante l’inverno. Esistono diverse forme e geometrie tra cui puoi scegliere in base ai tuoi gusti personali e al colore che più si adatta all’ambiente da ricreare. E’ il caso del pavimento da esterni Runnen di Ikea.

Arredare con la luce

Non devi dimenticare l’importanza nella luce quando vai ad arredare i balconi per l’estate: la presenza di fonti luminose decorative rende l‘atmosfera più accogliente e curata. Se non ti piacciono le candele naturali, puoi valutare l’acquisto di quelle innovative a led, una soluzione pratica ed economica per dare dinamismo al tuo balcone. Oppure, ultimamente sono molto utilizzate le catene luminose a luce chiara o gialla per vivacizzare alcuni elementi come l’ombrellone o una parete. Sorseggiando un cocktail ti sembrerà di trovarti in qualche zona modaiola tipica dell’estate.

Un armadietto: semplice comodità

Nell’arredare i tuoi piccoli balconi per la stagione estiva è consigliabile scegliere un giusto armadietto compatto per riporre ciò che deve essere riparato come i cuscini o le luci. Ci sono molte soluzioni più o meno eleganti secondo le tue preferenze. Non è necessario che contenga molte cose, tuttavia può esserti molto utile e, inoltre, vengono prodotti dei modelli interessanti in legno o, se ti piace il design industriale, in acciaio verniciato. Oppure puoi verniciarlo tu stesso come ha fatto un utente di Instagram, con la pittura Farrow&Ball!

 

L’articolo Arredare piccoli balconi per l’estate proviene da easyrelooking.

7 Luglio 2017 / / ChiccaCasa

Udite, udite: è ufficiale! 

La Casetta presto avrà un nuovo inquilino: la mia dolce metà!

Mentre io sono qui a gongolare pensando a come la mia vita cambierà, ci sono tantissime cose a cui pensare.
In primis, l’arredamento di gran parte della Casetta che, anche se abitata dalla sottoscritta, è ancora incompleta (c’è addirittura una stanza vuota!).
Inoltre le zone già arredate verranno perfezionate e modificate, per essere più belle e funzionali.

Mi piacerebbe vivere insieme a te le scelte, i lavori in corso e i cambiamenti. Per questo ho deciso di scrivere tutto in un diario online: “CASETTA PREP”, che sarà la storia di questo percorso di preparazione e restyling della Casetta.



Tu, se vorrai, potrai seguire gli aggiornamenti sul blog e sui social e potrai dire la tua sulle novità della Casetta.
->Alla fine della rubrica, ci sarà un concorso attraverso il quale lascerò scegliere a te il nuovo nome proprio della Casetta. <-

Inizio subito mostrandoti la moodboard della nuova zona giorno, già approvata dalla dolce metà.
Qui puoi trovare delle immagini recenti della zona giorno, che faranno da “prima” nel confronto finale.

Vorremmo che il primo spazio che si vede entrando in casa sia accogliente, calmante ed equilibrato.
Per questo abbiamo scelto una palette fatta di contrasti grigio-bianchi spezzati dal calore di dettagli in legno e dall’armadietto verde.
Divano, mensola e tavolini da caffè ci sono già. 
Per tutto il resto, abbiamo optato per sedie comode, un tavolo tondo più piccolo di quello attuale, ma estensibile, un comodo porta tv sospeso in una tenue sfumatura di verde.
Lo sfondo sarà grigio. Pitturerò le pareti, lasciando delle zone bianche, affinché l’ambiente risulti più arioso.

Lo stile? Nordic – vintage (ma, avevi dubbi?). Elementi tipicamente scandinavi come le gambe di sedie e tavolini da caffè, si fonderanno con l’aspetto retrò del tavolo e della lampada da terra, per un effetto pulito e caldo allo stesso tempo.

Ecco l’elenco dei prodotti:


Ora tocca a te: scrivimi cosa ne pensi della moodboard in un commento. Cambieresti qualcosa o ti piace così com’è?
http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss