Da Scandi a Japandi, la nuova tendenza interior 2017

La parola Scandi ormai è conosciuta e diventata praticamente un “classico” nel campo dell’interior design, ma tra i trend del 2017 ne sta emergendo una nuova versione leggermente diversa chiamata “Japandi“; già dal nome appare chiaro che questo stile nasce dalla fusione dello stile Scandinavo con l’interior design di ispirazione nipponica, per un risultato minimale ed elegante.

La differenza tra Japandi e Scandi si avverte soprattutto negli arredi: mobili in legno di rovere molto chiaro, palettes pastello e linee di design pulite derivano dallo stile Scandi, per Japandi invece i mobili sono di tonalità di legno più scure, ispirate agli interni tradizionali giapponesi, unite ai toni chiari di ispirazione nordica.

I toni di colore per lo stile Japandi derivano dall’attuale tendenza Scandi, le sfumature di blu, i grigi che tendono all’azzurro, tuttavia le differenze consistono nell’introduzione di tonalità come menta, verde smeraldo, rosa e avorio per una sottile differenza nei colori di accento.

Un tratto che invece accomuna il design di ispirazione giapponese e quello scandinavo è sicuramente il minimalismo, con le piante ed i fiori utilizzati come elementi d’accento; i tessuti sono grezzi, come già nello stile nordico, la decorazione preferita è quella in toni di blu dello Shibori.

Lo stile Japandi si presta a diverse reinterpretazioni stilistiche e ad esperimenti creativi, e può essere utilizzato come fonte di ispirazione per adattare facilmente i propri interni a questo stile; insomma Japandi, con il suo essere semplice ma sofisticato possiede il potenziale per diventare un nuovo classico, apprezzato anche negli anni a venire.

 

 

Via

_________________________
CAFElab | studio di architettura

Written by: