31 Agosto 2017 / / Amerigo Milano

Le cose non succedono. Le cose vengono fatte succedere
John Fitzgerald Kennedy

IL TUO SPAZIO LIVE by Amerigo Milano nasce per assecondare il mercato digitale, lo stesso che assieme ai nuovi strumenti di comunicazione sta trasformando radicalmente la nostra società. Parliamo di innovazione digitale da incentivare e assecondare ma soprattutto di una casa, un tetto ben fatto, dei mezzi all’avanguardia per chi si trova a scendere in campo in quella che dai più è conosciuta come la quarta rivoluzione industriale. Un luogo che dà forma alla comunicazione contemporanea, attraverso, per chi lo richiederà, la possibilità di vivere una vera e propria esperienza digitale, in uno spazio polifunzionale, che parla ai giornalisti con i loro servizi da realizzare, ai blogger presi dallo scatto giusto da produrre per quell’ora precisa, ai designer che non vogliono più perdersi nelle vie di Milano, ai creativi arrivati in Italia per ritrovarsi nel bello che parla rigorosamente italiano, alla gente comune che vuole sentirsi parte di un sistema anche solo per una serata.

Si parla alle aziende, ai professionisti, alle multinazionali e a chi rete non l’ha mai fatta. Si parla di qualcosa che vuole essere inclusivo e in quanto tale connesso, sempre, in ogni sua parte. ON-AIR ma anche ON-LINE.

Casa dicevamo, ma anche ufficio. Dovere, ma anche tanta passione. Da manifestare con un sorriso in camera ben riuscito o una storia da raccontare attraverso quel #digitale che oramai ci appartiene, pur non essendo noi dei nativi digitali. L’Italia sconta un ritardo culturale che Amerigo Milano vuole provare a colmare stimolando tutti coloro che decideranno di varcare la soglia di quella porta: creare e scambiare contenuti on line è una preziosa opportunità aziendale, che spesso non viene sfruttata anche perché manca uno spazio fisico e reale che faccia da collante e da sfondo alla sperimentazione.

Lavorare con gli altri è un’arte, richiede predisposizione e voglia di condividere non solo la scrivania ma anche la connessione internet, il wi-fi, l’angolo relax, la sala riunioni, le aree dedicate alle video conferenze. È qualcosa di smart, che ti porta ad ingranare la quarta, per farti subito dopo rilassare davanti ad un bicchiere di Franciacorta, mentre sullo sfondo la musica di Ezio Bosso crea suggestioni senza tempo. Pensate ad uno sfondo, ad una texture per prendere in prestito un termine della moda. Ma partite da un concetto chiaro, una parola d’ordine ben precisa: produrre stile.
Il design è di moda e dopo anni in cui si è visto di tutto, anche troppo, è diventato anche bello. Utile. Potrebbe essere una soluzione temporanea ma si può anche decidere di continuare a far parte di un pezzo di cielo in cui non bisogna pensare a niente, perché i dispositivi, le stampanti, il wi-fi, i servizi da gestire non saranno mai affar vostro.

È sul digitale che dobbiamo costruire il nostro futuro ma è attraverso la realizzazione di una rete di contatti reali, tangibili e immediati che si arriva alla meta. Incontrando persone, condividendo idee, attraverso una flessibilità spazio-temporale che non ha nulla di tradizionale ma della quale non si può fare a meno. Qui le idee circolano liberamente. Solo una cosa, non chiamatelo coworking. Si potrebbe offendere.

Per info:
AMERIGO MILANO Srl
Via Carlo Alberto 35, 20900 Monza (MB)
Mail: store@amerigomilano.com

31 Agosto 2017 / / Idee

Avete mai sentito parlare di Mercatopoli? Sono una catena di negozi di usato presenti in tutta Italia. Volete sapere com’è facile vendere con loro?

……….

Ad un certo punto dell’anno dovrete fare i conti con le grandi pulizie di casa, quelle che consistono nel rivoltarla come un calzino e fare l’inventario di quello che serve ancora e quello che non serve più.

Il tanto temuto decluttering in realtà potreste considerarlo come un momento di riflessione, per fare una scelta oculata di quello che ha senso tenere e di quello che invece ha finito il viaggio con voi.

Il fatto che questi oggetti (che siano vestiti o mobili) abbiano finito il percorso con voi però non significa che dobbiate buttarli: se sono ancora in buono stato, perché non venderli?

Ci avete mai pensato che magari a voi non vanno più bene, ma per qualcun’altro potrebbero essere perfetti? Una lampada che tanto vi piace ma con gli arredi nuovi non centra: potrebbe essere perfetta per qualcun’altro.

In questo vi può venire in aiuto Mercatopoli, una catena di 100 negozi dediti all’acquisto e alla vendita dell’usato, distribuiti in tutta Italia. Volete sapere perché vi voglio parlare di Mercatopoli? Per la loro trasparenza e la facilità con cui si può collaborare con loro.

VENDERE CON MERCATOPOLI: FACILE E SICURO

Ma rivendere gli oggetti che non ci servono più oltre a essere vantaggioso per noi è anche eco. Ci permette di evitare gli sprechi, rimettendo in circolo oggetti che altrimenti andrebbero in discarica.

Mercatopoli

Mercatopoli Bergamo

Se vi state chiedendo cosa possa essere venduto con Mercatopoli, la risposta è tutto (ovviamente che sia in ottime condizioni). Quei vestiti anni ’90 che avete tenuto per nostalgia ma che non potete mettere più? Si.

La centrifuga per i succhi di frutta che volevate a tutti i costi, ma che non avete mai usato? Anche. Vecchi libri trovati nella soffitta dei nonni? Ci siamo.

Ora che avete quello che vi serve, non vi resta che andare dal Mercatopoli più vicino e far vedere i vostri oggetti: troverete personale qualificato e gentile che controllerà il materiale che avete portato, per assicurarsi che tutto sia in ottime condizioni. In questo modo sia chi compra che chi vende può essere sicuro dell’alta qualità della merce in vendita e della trasparenza di tutto il processo. 

I prodotti vengono venduti entro 60 gg, per cui ad alta rotazione; è davvero facilissimo trovare un lampadario all’ultima moda, di fianco ad un breviario di fine ottocento!

Mercatopoli

Mercatopoli Gallarate

Mercatopoli

Mercatopoli Castelfranco

Una volta al negozio col vostro quasi ex compagno di vita, il collaboratore Mercatopoli stabilirà con voi il prezzo di vendita (se sono oggetti recenti, si può arrivare al 50% del valore di acquisto); vi verrà rilasciata una tessera con la quale potrete controllare online lo stato della vendita, in tempo reale.

Che succede quando il vostro oggetto viene adottato da qualche altra famiglia? Vi viene dato il compenso sotto forma di denaro: quindi non un buono sconto da utilizzare esclusivamente da Mercatopoli.

Mercatopoli

Mercatopoli Rubano

Visto come è semplice, veloce e smart vendere con Mercatopoli? Cosa volete di più? Farete spazio in casa, guadagnando qualcosa o magari trovando quel complemento che da tanto cercavate.

 

L’articolo Trasparenza, velocità e sicurezza: la vendita smart con Mercatopoli sembra essere il primo su VHD.

31 Agosto 2017 / / Idee

Tendenze 2017 camerette come campi gioco

Le camerette sono sempre più al centro dell’attenzione dei designer, che negli ultimi anni stanno proponendo soluzioni innovative per uno spazio da troppo tempo trascurato.

In un precedente post dedicato al tema, avevo già inserito esempi di come le camere dei ragazzi si stiano trasformando in veri e propri campi gioco, dotati di scivoli, altalene, tappeti elastici, reti per arrampicarsi: non più letto e scrivania dunque, ma arredi di design che integrano gli elementi ludici ai letti e agli armadi, studiati per offrire ai piccoli, soprattutto se costretti a lunghe giornate chiusi in un appartamento, uno spazio in cui giocare in libertà e sicurezza. I bimbi sono così stimolati a muoversi, a esplorare, a immaginare avventure

La soluzione più gettonata è quella del letto sospeso che si trasforma in rifugio segreto, come una casa sull’albero: il semplice letto a castello si trasforma in una mini casa dotata di finestre, piccoli mobili, scalette spesso formate da cassettiere per sfruttare tutto lo spazio disponibile. Molto interessanti anche i blocchi che integrano tutti gli elementi della camera con le aree giochi, solitamente costruiti su misura adattando pezzi prefabbricati.

Queste soluzioni sono utili soprattutto se la cameretta ospita due o più bambini, visto che i letti sospesi permettono di guadagnare spazio. Scegliete letti e strutture di qualità, solide e dotate di dispositivi di sicurezza certificati secondo la normativa europea.

Tendenze 2017 camerette come campi gioco letto a castello con scivolo

Andrew Howard design

Tendenze 2017 camerette come campi gioco per bambine

bailey mc carthy

Tendenze 2017 camerette come campi gioco letto sospeso Lago

Letto Lago linea Weightness

Tendenze 2017 camerette come campi gioco blocco integrato

Blocco integrato Leroy Merlin

Tendenze 2017 camerette come campi gioco blocco integrato letto armadio gioco

Van Staeyen Interieur

Tendenze 2017 camerette come campi gioco reti altalena

Flat White

Tendenze 2017 camerette come campi gioco blocco integrato

home-designing.com

Tendenze 2017 camerette come campi gioco stile marinaro

Chango & Co.

Tendenze 2017 camerette come campi gioco tappeti elastici e reti

archdaily.com

 

Tendenze 2017 camerette come campi gioco casa sull'albero

905architects.com

tendenze arredo 2017 camerette come campi gioco letto sospeso su mobili

ÂM DECO

The post Tendenze 2017: camerette come campi gioco appeared first on La gatta sul tetto.

31 Agosto 2017 / / Design

COCO-MAT, conosciuta per i suoi sistemi letto senza molle, nè metallo, naturali ed ecosostenibili, propone la nuova gamma di elementi d’arredo outdoor destinati all’arredamento di ambienti privati e ricettivi.


COCO-MAT investe costantemente alla produzione di elementi d’arredo biocompatibili realizzati nella fabbrica di Xanthi, nel nord della Grecia. Qui, un intero team di artigiani specializzati crea, con la massima attenzione ai dettagli, prodotti di alta qualità in grado di soddisfare ogni specifica esigenza dei clienti. 

Tante le collaborazioni di successo con centinaia di hotel e relais in tutto il mondo. Sono infatti quasi 4000 le strutture ricettive che utilizzano i prodotti eco compatibili firmati COCO-MAT.

La collezione artigianale ILIOS presentata in anteprima allo scorso Salone del Mobile di Milano, include un tavolo da caffè e un tavolo da pranzo oltre a diverse sedie di design. 



I principali materiali utilizzati sono il legno di teak e il mogano. Il primo, (Teak Wood) è un legno tropicale con un colore tipicamente “dorato”, la cui tinta varia a seconda della qualità e dalla zona di provenienza. 

Il secondo materiale, il legno di Mogano (Niangon Wood) di alta qualità, è caratterizzato da un colore marrone che arrossisce leggermente con la tendenza a scurire dopo l’esposizione al sole. 

Entrambi i legni hanno una durezza moderata e sono facili da trattare oltre ad essere molto resistenti all’umidità. 



Arredi durevoli, pratici ed esteticamente curati e belli per gli spazi esterni e interni e anche ingegnosi per il contract, sempre in linea con le tendenze del momento! La collezione ILIOS di COCO-MAT arreda ogni ambiente con eleganza e sobrietà. Resistente agli agenti atmosferici è facile da manutenere e da pulire Ideale in veranda, dehors e bordo piscina per ospitare cene tra amici.Tutti i prodotti sono certificati con FSC. 


www.coco-mat.com

30 Agosto 2017 / / Blogger Ospiti

Che cos’è l’intonaco per esterni?

L’intonaco per esterni è un vero e proprio rivestimento minerale delle murature di ogni edificio, è la parte più esterna del rivestimento delle varie strutture. Ha una funzione protettiva ed una decorativa. L’intonaco per esterni è la finitura per pareti, soffitti, pilastri e altri vari elementi architettonici, una finitura che protegge tutto igenicamente ed aiuta a non disperdere calore. Può essere applicato con uno spessore variabile e di solito viene scelto soprattutto per il suo costo limitato e per la possibilità di restringere i tempi di lavorazione. Preparare un amalgama per intonaco per esterni, nei vari cantieri edili, è estremamente semplice e veloce. Come se non bastasse, infine, i tempi di posa sono davvero esigui e si può procedere con estrema rapidità con i lavori senza che vi siano intoppi o quanto altro.

Quali sono i vantaggi offerti dall’intonaco per esterni?

Quali sono i vantaggi dell’intonaco per esterni? Sicuramente quelli già menzionati. E’ un vantaggio il fatto che l’intonaco per esterni abbia un costo molto basso e sia quindi alla portata di tutti, o meglio sia la soluzione giusta per qualsiasi tipo di lavoro edile, e, inoltre, un vantaggio che i tempi di lavorazione siano ristretti e che gli operai possano procedere con estrema rapidità. Oltre a questi, però, ve ne sono anche altri. L’ intonaco per esterni ha una determinata impermeabilità, resistenza e durata nel tempo ed offre la possibilità di poter essere decorato a piacimento.

Intonaci diversi per usi diversi

Ci sono intonaci diversi per usi diversi e che offrono quindi svariati vantaggi. Si possono usare intonaci per esterni premiscelati oppure no, l’importante però rimangono i materiali che compongono l’amalgama. Di solito, infatti, l’intonaco base è composto da calce idraulica e malta. Se però serve proteggere un palazzo dal fuoco si può usare gesso e vermiculite, se, invece, bisogna insonorizzarlo nell’amalgama andranno messi: vermiculite, leganti inorganici, resine e additivi specifici. L’intonaco per esterni può essere creato ad hoc anche per contrastare l’umidità grazie alla presenza, nella sua composizione, di alcuni specifici solfati . L’intonaco, infine, utilizzato come un isolamento esterno, ma anche interno, delle pareti, ha componenti chimici in grado di trattenere il caldo e offre innumerevoli vantaggi oltre al fatto di ridurre i costi di riscaldamento.

30 Agosto 2017 / / Amerigo Milano

La vita è come andare in bicicletta. Per restare in equilibrio devi muoverti
Albert Einstein

La bicicletta la si usa per fare attività fisica, come mezzo di trasporto o di semplice svago. Non inquina e mai come negli ultimi anni è diventata il simbolo di una nuova generazione di uomini e donne che scelgono con attenzione ogni dettaglio di uno stile che si fa carattere e poi tendenza di moda. Moda che la strada amplifica e ispira.
Ma oggi si vuole fare anche altro, aggiungere un pezzo di strada in più in pratica, incorporare la bicicletta nell’arredamento di casa, farla uscire da una eventuale soffitta in inverno o dal garage quando rientrate a casa dall’ufficio. Pensate di attaccarla al soffitto, o in primo piano con dietro un muro di mattoni bianchi. Parcheggiatela in corridoio, fatele assumere delle funzioni anticonvenzionali e sarete entrati nel nostro mondo.

Nasce con queste premesse la linea di bici firmate da Amerigo Milano e declinate in tre varianti capaci di andare incontro a tutti i palati, anche i più fini e difficili, ecco perché sarà possibile scegliere tra la classica con il cambio automatico o la variante con pedalata assistita.

Leopoldo è la versione base da uomo, con i guanti in pelle in coordinato e la borsa per il pc, Leopolda è quella studiata per la donna, con la tracolla abbinata e il porta iphone con relativa cassa armonica abbinata. Dopo, molto dopo è arrivata in casa Amerigo Milano, Isidoro: quanto di più bello sia mai stato concepito intorno ad una bici. E’ una speciale edition, perché brilla come l’oro che la riveste.

Ma facciamo un passo indietro, non certo fino ai capelli del buon vecchio Einstein spettinati e al vento, lui che amava quell’attrezzo con due ruote, quasi quanto i numeri e le formule. Andiamo indietro fino alla ricerca costante e incessante intorno ad un prodotto, le bici Amerigo, che si fannoaccessorio, che restano made in Italy, e diventano speciali perché artigianali e belle perché concepite per piacere a chi del buon gusto ha fatto la sua ragion di vita. Biciclette personalizzate e personalizzabili con il nome del proprietario, impresso in un dettaglio in pelle ricamato a mano. Perché è ciò che da valore, quel nome. L’essersi scelti.

Dove ci troviamo? L’alba di ogni singolo pezzo di quelle bici è in Brianza, a pochi km dal lago di Como. Dietro c’è un team di professionisti ma anche di storici dell’arte della bici e poi c’è lei, la passione, come quella incondizionata di Isidoro, 67 anni di vita alle spalle e un amore per le bici che non dovrete neppure provare a definire mestiere: è nato tutto facendo la manutenzione della sua bicicletta, il tempo ha fatto di lui un meccanico della bici. "Assemblo pezzi" sentenzia – maneggia telai, racconta dei bravi telaisti che hanno portato in alto i nostri colori e poi aggiunge: "A me piace la bici non il mondo del ciclismo, oggi ti diverti anche a giocare con tanti nuovi materiali che ai miei tempi non c’erano, o semplicemente erano considerati troppo nobili per usarli per una bici, parlo del carbonio, del titanio, di un certo tipo di legno o pelle. Ricordate però che una buona bici è una geometria ben riuscita, nient’altro."

Un tempo erano solo bici, l’idea ci riporta all’infanzia, oggi sembrano delle piccole macchine da corsa, i limiti sono alti, come la cura nel dettaglio, come i vestiti che le andremo a cucire addosso: pensate alla cartella CYCLE BAG realizzata in pelle intrecciata, utile porta MacBook , al cestino multifunzione sfoderabile, al porta MacBook in pelle. Pensate al tempo passato a scegliere il modello da portare a casa, nella propria vita. Perché infondo è di quello che stiamo parlando, di un pezzo della nostra vita. Futura.

Amerigo Milano con la sua proposta di biciclette vuole così provare a regalare un’emozione, attraverso l’unicità di un pezzo che si fa accessorio moda e componente inscindibile di uno stile senza tempo.

30 Agosto 2017 / / Coffee Break

Questo loft, ricavato da una vecchia scuderia, si trova a Gouda, nei Paesi Bassi. Legno invecchiato e metallo a vista, con tanto verde, regalano a questi ambienti uno stile industriale dal sapore jungle.

A jungle style loft

This loft, obtained from an old stable, is located in Gouda, the Netherlands. Aged wood and exposed metal, with very green, give these rooms an industrial style with a jungle flavor.

Via

_________________________
CAFElab | studio di architettura

30 Agosto 2017 / / Design

La pittura di Ryan Jones è fatta di atmosfere retrò e location glamour sotto una luce abbagliante che accende la voglia di viaggi e di avventura

Ryan Jones è un giovane pittore californiano classe 1981 che vive nell’area della San Francisco Bay.
Ha studiato arte alla Stanford University e ha lavorato come Matte Painting Supervisor pressso la Lucasfilm prima di dedicarsi a tempo pieno alla pittura e trasmettere attraverso l’arte la sua grande passione per i viaggi.

Nelle sue tele, atmosfere retrò, location glamour, piscine, motoscafi e macchine di lusso riflettono l’immaginario classico della California, sotto una luce abbagliante che accende la voglia di viaggi e di avventura.
I suoi quadri sono grandi, esuberanti, vivaci: composizioni audaci e colori sgargianti fra cui domina il blu del cielo e del mare, scenari da favola, lusso e avventura raccontano l’ebbrezza del viaggio e la voglia di esplorazione.

Lo stile di Ryan Jones è un mix di temi classici e moderni. L’artista porta lo spettatore in una dimensione sospesa con una tecnica pittorica al limite del fotorealismo e un’estetica che richiama i vecchi film di Hollywood, il noir e la grafica anni ’50 e ’60 dei poster vintage.

La mia arte è fortemente ispirata dal passato ma vista attraverso la lente del presente. Attraverso il mio lavoro aspiro a rivitalizzare temi classici e mostrarli in un modo moderno e contemporaneo. La continua esplorazione di nuovi modi per incorporare l’astrazione nel mio lavoro e creare un dialogo fra il realismo tradizionale e il modernismo, mi tiene ispirato.

Ryan Jones, Island Hopping

Ryan Jones – Island Hopping, Olio su tela, 153 x 183 cm

A cavallo fra realismo e fantasia

Lavorando con la tecnica classica della pittura ad olio si rifà ai maestri fiamminghi per ottenere superfici perfette e una resa fotorealistica dei suoi soggetti. Donne e uomini, eleganti e bellissimi, spesso con il viso nascosto, rivelano la loro storia attraverso una posa del corpo o un gesto, suscitando nello spettatore curiosità ed emozioni.

Ma l’artista gioca anche con la nostra percezione, inserendo nei suoi quadri mappe geografiche, elementi geometrici e collage per ottiene un risultato visivo originale e unico a cavallo fra realismo e fantasia.
L’uso di forme geometriche costituisce una sorta di cornice per focalizzare meglio l’attenzione sul soggetto. L’inserimento di mappe nei suoi quadri è un elemento “vintage” che trasporta immediatamente lo spettatore in una dimensione diversa, in un passato idealizzato di svago, libertà, lusso e avventura.

Si crea così il senso di una storia, di un racconto, di un viaggio fra realtà e immaginazione, l’aspirazione di una fuga verso la fantastica dimensione del sogno.

LEGGI ANCHE: Jack Hughes, un illustratore in passerella

Ryan Jones - Extended Vacation

Ryan Jones – Extended Vacation, Olio su tela, 183 x 172 cm

30 Agosto 2017 / / Design

Restauro appartemento su due livelli

Il progetto di ristrutturazione di un appartamento situato all’interno di un immobile di pregio a firma dello studio depaolidefrancesibaldan.

L’appartamento, suddiviso su due livelli, dispone di un piano terra accessibile dalla strada ed un altro, a livello del fiume, che è stato riportato alla luce dopo un complesso lavoro di scavo archeologico.

Questo ha permesso di sottolineare la forte connotazione storica dell’immobileandando a scoprire e valorizzare quei particolari dettagli che ne hanno determinato l’attuale conformazione. In questo contesto gli elementi progettuali, composti da volumi materici semplici in acciaio e pietracontenenti rispettivamente il blocco servizi e lo spazio cucina, si integrano in maniera discreta e armonica.


Restauro appartamento su due livelli
Restauro appartamento su due livelli
Restauro appartamento su due livelli
Restauro appartamento su due livelli
Restauro appartamento su due livelli
Restauro appartamento su due livelli
Restauro appartamento su due livelli
Restauro appartamento su due ilvelli
Restauro appartamento su due livelli


30 Agosto 2017 / / ArtigianaMente

Dello stile parigino ho sempre subìto il fascino. Sarà per la capacità di unire in modo perfetto pezzi antichi e moderni, di richiamare il passato senza nostalgia, sarà per il risultato sempre elegante, senza eccessi. In questo periodo lo stile parigino mi interessa ancora di più, forse condizionata {positivamente} dal progetto di mio marito che ha tutte le caratteristiche di un’abitazione parigina. E, poi, di sognare tante case non ne ho mai abbastanza. Una di queste è parigina di sicuro.

Arredare in stile parigino

L’eleganza non costruita, naturale e innata, quasi imprevedibile. Nulla sembra fatto di proposito. L’essenza dello stile francese è più in come vengono mescolati arredi, arte, oggetti trovati nei mercatini e ricordi di viaggio, più che nelle tendenze del momento. E in regole fisse.

Sono le piccole cose a fare la differenza in una casa parigina. In Francia non si usa mostrare griffe ed etichette, è ritenuta una cosa pacchiana. Estranea allo stile.

La libertà e la leggerezza dello stile stile parigino sono uniche ma possiamo tratteggiare delle linee per capirlo almeno un po’. Il blog di Constance Gennari, giornalista di moda, è stato provvidenziale in questo. Si chiama The Socialite Family e lo ha lanciato per condividere la sua passione per gli interni.

Le abitazioni del blog- dislocate tra Parigi, Londra, Milano e New York – sono scelte da Constance con grande cura e colgono un aspetto dell’abitare molto interessante: mette in relazione l’home design con lo stile di vita delle famiglie contemporanee. Queste famiglie condividono la loro visione unica su come armonizzare la vita familiare e l’interior design. E tutto hanno in comune l’allure parigina.

La casa che ho scelto è quella di Constance Baudeau. Sposata, 2 figli, dopo un’esperienza in Oriente, Constance si è trasferita a Parigi dove ha fondato la piattaforma Gallery DemocraticL’idea è di rendere più accessibili sia la vendita che l’acquisto di mobili di design e di antiquariato. Tessili, mobili, illuminazione e piccoli oggetti decorativi: i pezzi sono numerosi, autenticati e firmati Pierre Paulin, Ettore Sottsass o Nathalie du Pasquier. In pieno spirito parigino. 

La casa parigina di Constance e lo stile parigino nelle sue 5 caratteristiche-base

bagno stile parigino

1.Pareti

Di solito le pareti di una casa parigina sono ricche di modanature, cornici, boiserie.

2.Parquet

Un pavimento in parquet è d’obbligo: solitamente la spina di pesce è il disegno geometrico più comune.

3.Porte e finestre

Di solito bianche, spesso ornate con le inglesine o dotate di scuretti interni.

4.Arredo

L’arredo in stile parigino riproduce lo charme dei palazzi antichi e nobiliari che mescola pezzi di antiquariato con pezzi di design. Poltrone imbottite e librerie stracolme di libri non possono mancare.

5.Accessori

Specchi, caminetti, accenti d’oro, quadri d’autore, cornici sono gli accessori di una casa in perfetto stile parigino.

arredare in stile inglese

 

The post Arredare in stile parigino: 5 suggerimenti utili appeared first on Artigianamente Blog – artigianato, stile & design.