La casa è di chi la vive

Le case sono fatte per viverci, non per essere guardate.
Francis Bacon, Saggi, 1597/1625
Dopo il trasloco è facile che la casa si trasformi in un magazzino pieno di scatoloni, dovrà passare del tempo prima che la sentiate davvero vostra. Un minimo di confusione è inevitabile, soprattutto i primi giorni, dopo che la ditta di traslochi a terminato di scaricare, ma con qualche consiglio sarà facile renderla da subito accogliente. Innanzitutto, la casa dovrebbe essere adattata in base alla personalità di chi la abita, in modo che ci si possa sentire totalmente a proprio agio. Deve essere anche uno spazio che ci completi e sia funzionale. Quando scegliete i mobili e le decorazioni, seguite il vostro gusto personale ma tenete anche a mente che cosa vi serve realmente e che cosa potrete utilizzare tutti i giorni.

Partite dagli elementi di base delle singole stanze e poi pensate al resto, scegliendo magari un paio di elementi più particolari ma facili da abbinare dare un tocco in più. Cercate di recuperare il più possibile i mobili che già avete, adattandoli al nuovo ambiente.
Si può ottenere una valutazione abbastanza approfondita del carattere di una persona individuando la proiezione della sua personalità negli oggetti di cui si circonda e nel modo in cui organizza il suo spazio.

Gli ambienti, infatti, influenzano i nostri pensieri e sentimenti. Il design, la disposizione degli oggetti, i colori e l’illuminazione nelle diverse zone ci suscitano sentimenti positivi o negativi e sono uno specchio della nostra personalità.

Una persona efficiente e ordinata opterà per uno stile minimalista, caratterizzato da toni tendenzialmente freddi. In questo caso, il trucco è concentrarsi su pochi ma ben selezionati elementi utili, mentre tutto il resto sarà a scomparsa. Less is more quindi, ma sempre senza rinunciare ad un ambiente accogliente, da ricreare ad esempio con il legno, magari di recupero e cuscini morbidi per il divano.

Chi ha un atteggiamento vivace e allegro, invece, di solito sceglie colori vivaci e tende a riempire ogni spazio. In questo caso non si deve esagerare, magari partendo da una gamma di colori da applicare a tutta la casa e limitare i colori vivaci ad una sola parete per stanza.

Sempre per questo motivo, una persona molto attiva preferirà uno spazio molto luminoso, mentre chi è più tranquillo opterà per un ambiente caratterizzato da luci soffuse, tende e persiane. La distribuzione dei punti luce negli ambienti della casa richiede un’adeguata analisi, in particolare nel soggiorno e camera da letto è preferibile una luce non troppo forte che non disturbi.

Le lampade sono un importante elemento dell’arredamento, che contribuiscono a ricreare l’atmosfera della stanza. Per avere un effetto più rilassante e caldo si possono utilizzare materiali come il legno o il bamboo.

Infine, per stabilire da subito un senso di appartenenza con la nuova abitazione dopo aver traslocato, tieni a portata di mano qualche elemento a cui sei particolarmente legato, come una foto di famiglia o un ricordo di un momento molto felice e trovargli subito un posto. Tendiamo, infatti, a mettere in bella vista dettagli che suscitano sentimenti ed emozioni gradevoli.

Un’idea creativa può essere ricavare uno spazio scrivibile attraverso una vernice ad effetto lavagna da personalizzare con messaggi personali, pensieri e frasi. Puoi anche scegliere una mensola speciale in cui raccogliere tutti i ricordi oppure sistemarli in punti strategici della casa, magari all’ingresso o vicino ad una finestra. In questo modo, già pochi giorni dopo il trasferimento ti sembrerà di aver vissuto da sempre nella nuova casa.

Written by: