13 Settembre 2017 / / Idee

patchwork

Patchwork di mattonelle di recupero per l’alzata della cucina

patchworkSelezione patchwork di 20 diverse pezze di carta da parati nei toni del turchese e del rosa, dimensioni 53x53cm disponibili QUI

patchwork

Carta da parati con motivo dio patchwork di piastrelle esagonali by Muriva disponibile QUIpatchwork patchwork

Tappeti effetto mattonelle patchwork….gioco di superfici! A sinistra Il tappeto Nani, disegnato dalle due designer belga di Atelier Blink, ricorda nel disegno i mosaici realizzati con frammenti di scarto di ceramiche e piastrelle. A destra tappeto da cucina a metraggio che imita le cementine viontage. Lo trovate QUI venduto a  multipli di 1 m

patchwork

Un patchwork di classici motivi vintage per un bellissimo bagno contemporaneo

patchwork

Pavimento composto da un incredibile mix&match di mattonelle tutte diverse tra loro ma di uguali dimensioni.

patchwork

Collezione block di Marazzi

patchwork

La serie di Mutina disegnata dalla grande Patricia Urquiola che, con la  nuova collezione Azulej, ripropone in chiave contemporanea le maioliche antiche a base di cemento idraulico. Anche i grandi architetti hanno amato cimentarsi con il mix&match del patchworkpatchwork patchwork

A sinistra aspetto vintage per il pavimento che trovate su tile.expert e a destra collezione Batik di Topps Tile entrambi siti su cui si può aquistare on line.

patchwork

Piastrelle di recupero per interni dal gusto boho chic

Vi ho già parlato della tendenza mix & match in questo blog, ma finora ci siamo limitati ad esempi di mix di elementi: mobili, oggetti, tessuti, soprattutto per realizzare interni dallo stile creativo ed eclettico. In realtà si possono mescolare anche gli elementi fissi della decorazione, come ad esempio i materiali utilizzati per rivestire gli interni, dalla carta da parati alle piastrelle in gres porcellanato.

Il patchwork a cosa vi fa pensare? Ad una trapunta colorata composta da tanti quadrati realizzati con stoffe decorate con disegni diversi? Esatto! Si può riproporre la stessa fantasia mixata anche su superfici di pareti, pavimenti e arredi con un mix di piastrelle e mattonelle.

L’effetto patchwork di pavimenti e pareti è salito alla ribalta da diverso tempo ormai, spesso imita le vecchie cementine o maioliche di un tempo, viste anche nelle cucine economiche dei film di Totò ed ha avuto grande successo grazie all’amore sconfinato che si è sviluppato in modo quasi incessante per il vintage.

Per realizzare pavimenti e pareti effetto patchwork possiamo dunque acquistare dei prodotti già confezionato per noi dalle aziende produttrici, che realizzano serie che mixano diversi decori in varie varianti di colore, stile e fantasia; ne esistono che si ispirano allo stile vietrese, allo stile marocchino, spagnolo o dell’epoca vittoriana oltre a reinterpretazioni contemporanee molto affascinanti.

patchwork

Piastrelle in stile azulejos (tipica lavorazione portoghese)per uno shabby (creativo patchwork

Piastrelle variopinte in stile brasiliano

patchworkpatchwork

bagno e cucina con pathcwork in stile morescopatchworkQUI potrete trovare un pacco da 50 mattonelle quadrate Talavera di 5x5cm fatte a mano, smaltate, realizzate nella città coloniale di San Miguel de Allende, decorate usando il processo della serigrafia con ombreggiature in blu, rosso, giallo, bianco e nero. Cinque diversi disegni di mattonelle sono compresi nel pacco. 

patchwork

14 bellissime cementine stile Liberty che potete trovare QUI a 44€
patchwork patchwork

Sono adesive le simpatiche piastrelle in stile portoghese per rinnovare le vecchie mattonelle senza impegno. Le trovate QUIpatchwork

collezione Macramè di Giovanni De Maio è un mix brioso del classico vietrese che diventa creativo ed originale.
patchwork

Macramè 24 è la collezione di Giovanni De Maio, che reinterpreta in chiave moderna alcuni dei decori classici della ceramica vietrese…bellissima

Possiamo scegliere anche in questo caso carte da parati e stickers che spesso riproducono in modo ironico e contemporaneo queste stampe variegate (o creare un vero e proprio patchwork con ritagli ed avanzi) o possiamo, grazie ad un lavoro certosino, realizzare da noi un vero e proprio patchwork di mattonelle di recupero da unire in un nostro personalissimo disegno, il segreto è quello di selezionare piastrelle di uguale dimensione (deliziosi i patchwork di 5×5) ma i più ardimentosi possono cimentarsi con maioliche di dimensioni diverse ed addirittura frammenti di coccio.

patchwork patchwork

Mattonelle adesive per rinnovare facilmente le vecchie piastrelle. Disponibili QUI nelle nuances del blu pastello

patchworkpatchworkpatchworkpatchwork

Effetto patcwork nella zona notte e nella zona giorno con carte da parate di design o creazioni artistiche con avanzi didiverse wallpaper.patchwork

Carta da parati patchwork Kismet colore indaco disponibile QUIpatchworkQuesto originale Colorwall consiste in una selezione di 20 diverse pezze di carta da parati da 53cm. Fiori e strisc di colore azzurro e rosa con ornamenti e stampe paisley. Questo pathwork da la possibilità di esprimere la propria creatività sulle pareti scegliendo a piacimento in quale ordine mettere le varie pezze . Disponibile QUI

patchwork

Un patchwork di frammenti di stoviglie per una decorazione davvero creativa.

patchwork

Frammenti di piastrelle per realizzare un portafoto.

Seguendo le indicazioni su questo TUTORIAL  potete imparare con poche mosse come realizzare un mosaico creativo con cocci di maioliche o stoviglie

Un mosaico artistico per le aiuole

Ghiaia creativa!

Per trovare la combinazione ideale, simulate delle prove di accostamenti sul tavolo o su un’altra superficie, prima di procedere con la posa definitiva delle piastrelle. Se optate per la posa fai-da-te, organizzate il lavoro formando pile di piastrelle uguali, a cui attingere in differenti combinazioni tutte le volte per creare un mix variegato ed armonico. Se scegliete piastrelle in colori differenti, assicuratevi che i colori si amalgamino bene e che non ci siano zone con “chiazze” di un unico colore. Come in tutti i casi in cui si mixano stili, fantasie e atmosfere bisogna fare molto attenzione a donare il giusto equilibrio. Questo tipo di realizzazioni sembrano semplici ma sono invece molto complesse, in quanto bisogna bilanciare correttamente forme, colori e fantasie.

Collage creativo alle pareti con gli avanzi delle carte da parati

Patchwork di fantasie nei colori del cielo e del mare.

Un’anonima cucina può diventare speciale grazie ad una parete patchwork

originale mix di forme e geometrie nelle sfumature del verde.

Commistione di stili per l’interno moderno con il mix & match di mattonelle alla parete.

patchwork in bianco e nero

Composizione di mattonelle della stessa dimesnione e colore con diversi tipi di ghirigori

Disposizione casuale delle mattoneline decorate sulla parete bianca

24 adesivi per piastrelle nei toni del verde  per rinnovare la parete dimensione 10 x 10 cmdisponibili QUI a 23.96€

Anche le Archistar non hanno saputo resistere alla tentazione di darsi alla moda del pathwork per dare corpo a pavimenti e rivestimenti fuori dal comune. E’ il caso di Philippe Starck che si è divertito a mixare diversi soggetti di formelle dal sapore retrò nel progetto per l’hotel La Co(o)rniche a Pyla-sur-Mer, dove le piastrelle in cemento si rincorrono tra le stanze disegnando motivi inattesi che segnalano i percorsi e delimitano le zone funzionali del progetto in modo estremamente decorativo.

Karina Wiciak ha realizzato per WamHouse questa serie della collezione XII che  ha come tema un grande patchwork effetto jeans .

 

L’hotel La Co(o)rniche a Pyla-sur-Mer progettato da Philippe Stark con i percorso in piastrelle  di cementi effetto tappeto Patchwork sia negli interni che in esterni.

Resort in Vietnam dell studio locale A21

Progetto a cura dello studio inglese Landmak Architecture per un appartamento all’undicesimo piano di un codominio vietnamita…ai quali a quanto pare piace molto il mix&match!

Locale progettato dall’architetto Simone Subissati

Pavimenti e pareti rivestiti da mattonelle patchwork un tempo erano segregati esclusivamente in bagno e cucina ma oggi li troviamo in ogni ambiente della casa e spesso anche in locali pubblici molto trendy.

Purtroppo quando le cose sono di tendenza tendono a diventare monotone e ripetitive e le persone, per essere alla moda, tendono ad omologarsi e a fare tutte le stesse cose… il bello del mix & match è che si può realizzare qualcosa sempre di diverso, quindi, anche se per semplicità doveste rivolgervi a prodotti di produzione disponibili sul mercato, cercate di essere originali, nella posa, negli abbinamenti, nella scelta dei colori, poiché purtroppo spesso capita di vedere solo copie di copie di copie…anche con un tema così creativo come il patchwork.

Interpretazione Patchwork contemporaneo di Villeroy Boch

Formato esagonale per il pavimento esagonale su tile expert

Originale mix & match su formato rettangolare sempre su 

Davvero unico il moderno patchwork di mattonelle in pietra lavica ceramizzata con diverse decorazioni ispirate alla cultra metropolitana by Masanomarmi

Total Patchwork!

Creativo il pavimento a schacchi patchwork

Insolito patchwork a soffitto

Molto affascinante e orginale il pavimento patchwork realizzato con cornici di mattonelline bianche

 

In bagno a destra Patchwork minimale e rigoroso in un loft by Cloud Studios;  a sinistra brioso, colorato e creativo.

Parete e pavimento in continuum

Una cucina allegra e collorata

Molto interessante è ad esempio l’abbinamento delle piastrelle mixate con altri materiali come cemento, legno o cotto.

Patchwork e cotto di  tile expert

Legno e mix colorato di mattonelle a pavimento

Effetto cemento

Ceramiche Keope presenta Cementine, un nuovo rivestimento in grés porcellanato perfetto per creare disegni sul pavimento in abbinamento al legno

Le mattonelle di ceramica vietrese di Cevi abinate ad un parquet

Anche nei locali pubblici è perfetto l’abbinamento patchwork e legno, questa in black & white

La collezione Cementine di Ceramiche Keope

Tappeto patchwork su fondo cemento

In fine per rinnovare i vecchi arredi e recuperare le vecchie maioliche, che spesso si trovano anche nei mercatini, possiamo scegliere, di rivestire tavoli, tavolini, muretti, sgabelli e piccole porzioni di muro (una nicchia, un riquadro) per creare pezzi speciali, unici e molto decorativi…vecchio+vecchio=nuovo, questo è il segreto del mix & Match!

Mattonelle recuperate per realizzare un’affascinante testata del letto

Mattonelline trasformate in appendini

Restyling di mobili realizzato con patchwork di mattonelle di recupero 

Bellissima l’idea di decorare l’alzata delle scale con piatsrelle di recupero

Bellissima realizzazione in esterno

Pannelli decorativi realizzati con ceramiche di recupero

Le mattonelle di recupero possono essere utilizzate per valorizzare una seduta in muratura, come in questo caso, in un grazioso stile mediterraneo

In un interno a Melbourne vengono utilizzate mattonelle di recupero per il piano di tavoli 

Cornice creativa per lo specchio

Mattonele di recupero utilizzate come vassoio e sottopiatti

L’articolo Mix & Match: Patchwork di piastrelle proviene da Architettura e design a Roma.

13 Settembre 2017 / / Idee

Ve lo ricordate Mercatopoli vero? Ve ne ho parlato qualche settimana fa. Lo sapete che anche noi abbiamo portato da loro alcune cose? Vi racconto come sta andando la nostra vendita.

……….

Qualche settimana fa vi ho parlato di decluttering, pulizie come momento catartico, sbarazzarsi di quello che non vi piace o serve più e di Mercatopoli.

Mercatopoli è la catena di negozi di compra-vendita dell’usato che trovate in tutta Italia (qui il link al post dell’altra volta, così vi rinfrescate la memoria); come vi raccontavo, vendere con loro è estremamente semplice e trasparente e infatti anche noi abbiamo deciso di affidarci a loro.

Eh si, perché le mie non erano solo chiacchiere al vento ma un vero consiglio da amica. Proprio come se stessi parlando con un caro caro amico. Il delcuttering è da quando siamo in questa casa che lo facciamo (!!) e non si finisce mai di eliminare oggetti.

Ma tra i tanti che abbiamo portato in discarica, ce ne sono molti che non meritano di venire eliminati. Molti di questi oggetti possono ancora trovare una seconda famiglia pronta ad accoglierli. E quindi ci siamo detti: perché non provare con Mercatopoli?

Vi racconto come sta andando.

LA NOSTRA VENDITA CON MERCATOPOLI: VELOCE E SEMPLICE

Cominciamo dall’inizio: facendo “repulisti” tra la vecchia cameretta del fidanzato, la cantina e casa nostra, un bel po’ di cose inutili e inutilizzate son saltate fuori. Ma oggetti improbabili, che non pensavamo di avere ancora il coraggio di conservare.

Quindi riacquistata sobrietà e orgoglio personale, abbiamo portato in discarica le cianfrusaglie più oscene e messo un attimo da parte le altre. Nella categoria “altre” ci sono ad esempio dei vecchi Topolino e i giochi della Xbox 360. 

A questo punto la domanda: si ma che cavolo ne facciamo? E la risposta: proviamo con Mercatopoli, visto che ne parliamo tanto.

Noi siamo andati al Mercatopoli di Cesano Maderno ma voi potete trovare quello più vicino a voi, perché le modalità di acquisto e vendita sono le medesime in tutti i punti vendita.

vendita

Mercatopoli Cesano Maderno

La prima spedizione si è conclusa un po’ con un nulla di fatto, nel senso che siamo andati nel negozio con i soli Topolino (nostro errore..). Contrariamente a quanto pensavano, i Topolino in questo momento non hanno grande vendibilità per cui non è facile riuscire a immetterli sul mercato. I giochi della Xbox 360 invece… si vendono con pochi problemi!

Non li avevamo con noi e non saremmo potuti tornare di lì a breve… come fare per non perdere altro tempo? Ed è qui che il fantastico personale del Mercatopoli di Cesano Maderno ci ha illuminati: “nessun problema, abbiamo un numero whatsapp!”.

E a questa frase, momento di gaudio. Mi si è aperto un mondo: avremmo potuto mandargli delle foto dei giochi per stabilire con i ragazzi quali potevano essere portati in negozio per essere valutati e venduti.

vendita

Mercatopoli Cesano Maderno

Se però gli oggetti che volete vendere voi sono ingombranti, potete chiedere al personale di venire a vederli a casa vostra per avere una valutazione di vendita. Se necessario, hanno anche servizio di smontaggio e consegna presso il punto vendita. Fantastico, direi.

Ma tornando a noi, ovviamente da bravi Millennials noi abbiamo usato al volo whatsapp e ci siamo accordati sul nostro ritorno in negozio. Il sabato seguente ci siamo presentati con la nostra bella cassettina piena rasa di giochi e siamo riusciti a lasciarli in negozio quasi tutti.

I vari giochi sono stati valutati secondo i prezzi correnti di mercato, ci è stata rilasciato un prospetto riassuntivo con prezzi  e condizioni di vendita.

E POI COME FINISCE?

A questo punto i vostri oggetti sono in gestione a Mercatopoli che cercherà di venderli entro 60 gg, al termine dei quali ci sono due possibilità. Se sono stati venduti potrete ricevere il 50% del prezzo di vendita, riscuotibile dopo 15 gg dalla vendita (ed entro 1 anno). Se invece non sono ancora stati comprati da nessuno, il prezzo di vendita viene scontato del 50% per altri 30 gg (se superiore ai €50, altrimenti è scontato del 25%).

Ma non finisce qui: finito il procedimento di valutazione, ci è stata rilasciata una card con la quale (previa registrazione sul sito) verificare lo stato della vendita dei nostri giochi. Così non c’è da fare avanti e indietro e telefonare per sapere come sta andando…

vendita

Mercatopoli Cesano Maderno

Se malauguratamente quello che avete portato non si dovesse vendere, nulla verrà buttato ma donato per beneficenza. Quindi un percorso virtuoso fino in fondo.

Mettiamo invece che cambiamo idea e non vogliamo più vendere nulla? Fino a che nessuno compra i vostri oggetti, potete andare a riprenderli.

C’è anche la possibilità di vendere online i vostri ex-compagni, oltre che nel punto vendita: sicuramente più visibilità rende più veloce la re-immissione sul mercato.

Davvero un percorso di vendita reso semplice e agevole da una rete di negozi al passo coi tempi, che si avvale di personale altamente qualificato e di una rete moderna e snella.

Vi tengo informati sulle nostre vendite 🙂

 

L’articolo La nostra vendita con Mercatopoli: da whatsapp alla card sembra essere il primo su VHD.

13 Settembre 2017 / / Dettagli Home Decor

mobili e complementi fai da te

Volete rinnovare la vostra casa spendendo poco e con originalità? Attraverso il fai da te e il riciclo creativo è possibile.

Con un po’ di ingegno, fantasia e una buona manualità, arredare casa con il fai da te è senza dubbio facile, divertente e poco costoso. Potete recuperare vecchi mobili e oggetti dimenticati in cantina rinnovandoli nel look, oppure realizzarne di nuovi riciclando qualsiasi materiale di scarto. In questo modo non solo sarà possibile personalizzare ogni ambiente della casa con soluzioni d’arredo uniche e originali, ma si eviterà di aumentare i tanti rifiuti che avvelenano il nostro pianeta.


Ecco per voi nuove idee da copiare per arredare casa con il fai da te e il riciclo creativo!


mobili e complementi fai da te
mobili e complementi fai da te
mobili e complementi fai da te
mobili e complementi fai da te
mobili e complementi fai da te
mobili e complementi fai da te
mobili e complementi fai da te
mobili e complementi fai da te
mobili e complementi fai da te
mobili e complementi fai da te
mobili e complementi fai da te
immagini via Pinterest


13 Settembre 2017 / / Decor

Come scegliere un orologio da parete

Se c’è una cosa da non trascurare quando si arreda casa sono i dettagli. Eh sì, potresti spendere molto tempo alla ricerca del mobile perfetto o del giusto pavimento, ma sono i dettagli che rifiniscono il tutto e decretano il successo o il flop del tuo arredo. Una lampada sbagliata, una mensola dove non dovrebbe stare o un orologio da parete assolutamente fuori luogo. 

Ebbene sì! Anche un orologio da parete può avere una valenza davvero importante. Se stai pensando ai classici orologi da parete che stanno in cucina, impersonali e talvolta davvero tristi a vedersi, sei fuori strada. In questo articolo voglio parlarti di quanto un orologio da parete possa cambiare l’aspetto della tua cucina o, perché no, del tuo living. Si tratta di veri e propri complementi di arredo, ricchi di design, che riescono a riempire e caratterizzare una stanza. 

Le nuove tendenze ci mostrano orologi da parete “giganti” che con le loro lancette riempono quasi tutta la parete. Si tratta di componenti che vanno attaccate al muro, ed è questo il bello: puoi decidere come disporrei vari elementi. Puoi optare per il “classico orologio rotondo” o per uno più astratto, dove le ore sembrano quasi sparpagliarsi sul muro a loro piacimento. 

Come scegliere un orologio da parete

I modelli minimal sono forse quelli che vanno per la maggiore: i dettagli in acciaio, che può essere cromato o spazzolato, spiccano sulla parete conferendo un aspetto elegante e sofisticato alla tua stanza. 
Non mancano poi orologi ornati da gatti, fiori o farfalle. Proprio grazie alle loro forme e ai loro colori, gli orologi da parete sembrano quasi voler sostituire un quadro.

Come scegliere un orologio da parete

Dove posizionarli? In cucina potresti metterlo proprio sula tavolo, mentre nel living è perfetto sul divano. Simmetria è la parola d’ordine! Per un effetto ancora più riempitivo l’orologio va posizionato al centro della parete e, di conseguenza, così anche il tavolo o il divano. 

E i materiali? Abbiamo parlato del “classico” acciaio, ma che dire degli orologi in vinile? Ricavati da vecchi dischi danno un tocco sicuramente particolare alla tua parete. Il vinile può essere lasciato originale o essere intagliato, per ricreare skyline, geometrie, planisferi… 

Come scegliere un orologio da parete


E che dire degli orologi ricavati da pezzi di scarto? Il legno è forse il materiale che meglio si presta per questo scopo. Listoni corrosi sono perfetti per un’orologio in perfetto stile industrial

Come scegliere un orologio da parete

E poi ci sono gli orologi specifici per ogni stanza: pasta e posate per gli orologi da cucina; personaggi cartoon per la cameretta dei tuoi bambini; dalle linee eleganti per il tuo living. Insomma, la scelta e davvero vasta. Trovare un’orologio che caratterizzi il tuo ambiente non è difficile. Internet è forse il luogo più adatto dove trovare i modelli più “estrosi”, ma anche per strada si possono trovare degli esemplari particolari, interamente lavorati a mano, realizzati con materiali di recupero o dipinti a mano. 

Il tempo, la risorsa più democratica, è un bene prezioso. Perché dunque non scandirlo con stile?Se stai cercando l’orologio giusto, prova a dare un’occhiata all’offerta proposta dal sito orologiodaparete.net .

A cura di Silvia Crimi

13 Settembre 2017 / / Idee

utensili da cucina strani e inutili

Non tutti gli utensili da cucina sono progettati pensando alla funzionalità; alcuni sono forse un po’ inutili ma non per questo meno desiderabili!

L’interesse per tutto ciò che riguarda il mondo food e ruota intorno all’ambiente cucina ha avuto un boom incredibile negli ultimi anni. Designer e produttori di accessori per la casa non sono rimasti a guardare, costantemente alla ricerca di originalità e innovazione. Spesso sono nati utensili da cucina di design, bellissimi e stilosi, ma che forse non hanno una vera e propria utilità anche se regalano comunque un tocco di eccentrica originalità alle nostre case.
D’altra parte, oltre alla mera funzionalità, quello che ci attira, spesso, è proprio la voglia di stupire con accessori strani mai visti prima… eccone alcuni!

Foodring di Alessandro Busana

Iniziamo ovviamente dagli antipasti. Il designer italiano Alessandro Busana ha disegnato Foodring uno stecchino multifunzione utilissimo per infilzare tartine, olive e finger food in generale. Si indossa al dito come un anello e ciò rende il suo uso assolutamente semplice e intuitivo, senza correre il rischio di perderlo o di asciarlo in giro distrattamente. Foodring, prodotto per STUF Design, è sempre a portata di mano per rendere gli aperitivi ancora più sfiziosi e può essere usato anche come segna bicchiere o per tenere la classica oliva nel Martini.

Vabene l’assaggiapasta di Alessi

utensile da cucina per testare la cottura della pasta

Vabene, l’utensile da cucina per testare la cottura della pasta

La classe non è acqua e lo stile si rivela soprattutto nei dettagli. Vabene di Alessi è un elegante accessorio per controllare la cottura della pasta disegnato dalla designer Miriam Mirri. Con la sua forma finemente cesellata è perfetto per impigliare gli spaghetti al primo colpo mentre l’acqua bolle in pentola ma anche per ripescare la pasta corta e controllarne la cottura. Dopo aver visto una cosa del genere, mica vorrete continuare a usare una banale forchetta, vero?!

The Dipr

The Dipr utensili da cucina per inzuppare i biscotti

Inzuppare i biscotti nel latte è un’attività da bambini… ma anche da grandi! E qualunque sia l’età è davvero frustrante vedere il biscotto sbriciolarsi fra le dita e piombare nel bicchiere, per sciogliersi miseramente. Ecco che finalmente ci viene in soccorso un utile accessorio: The Dipr, uno speciale cucchiaio per biscotti (quelli farciti tipo Oreo) che ci permette di inzupparli nel latte senza bagnarci le dita!

Klipy Cake Divider

utensili da cucina - accessorio per tagliare la torta in fette uguali

Cake Divider, l’accessorio per tagliare la torta in fette tutte uguali

Siete maniaci della precisione e vi piace che le vostre torte siano tagliate in fette tutte uguali?
Grazie al Cake Divider di Klipy potrete affidarvi alla geometria e alla tecnologia per ottenere sempre un risultato perfetto. Basta inserire Klipy al centro della torta, settare il numero di fette che volete ottenere (6, 8, 10 o 14) e ruotare le “lancette” dopo ogni taglio.
Voilà… e buon appetito! Nessun bambino verrà più a lamentarsi perchè la sua fetta di torta è più piccola delle altre!

• LEGGI ANCHE: Divertenti gadget in cucina!

Giro, l’affettamele di Mono

utensili da cucina - lama affetta mela

Sono tanti gli utensili da cucina che a un primo sguardo ci risultano misteriosi e incomprensibili. Giro è uno di questi: un semplice disco di acciaio con un foro centrale, un taglio radiale e una lama affilata. Con la sua forma essenziale e misteriosa potrebbe quasi sembrare un’arma Ninja, invece basta appoggiarlo su una mela e ruotarlo su se stesso facendo una leggera pressione, per ottenere un’ unica lunga e bellissima spirale. Utilissimo anche come passatempo se volete mettere alla prova i vostri amici e provare a fargli indovinare a cosa serve…!
Giro è disegnato da Christina Schäfer e Jessica Battram ed è prodotto dal brand tedesco Mono, specializzato in utensili da cucina di design.

Spremiaglio di Eva Solo

utensili da cucina - spremiaglio

Fra gli utensili da cucina lo spremiaglio non è poi così inutile: quantomeno ci evita di toccare l’aglio con le mani!
Questo è prodotto dal marchio di design danese Eva Solo, che mira a coniugare estetica, funzionalità e scelta dei materiali. E’ davvero bellissimo, composto da un contenitore in vetro trasparente e da una pressa in acciaio inox dalla forma ergonomica. Insieme hanno proprio l’aspetto di un bulbo d’aglio con le sue fogliette!

Cereus il sottopentola di Federico Arquint

Anche questo sottopentola ha l’aspetto di una piantina nel vaso, infatti prende il suo nome, Cereus, proprio da un genere di piante grasse. Cereus fa parte della linea Spicy di Legnoart ispirata alla natura. Oltre al sottopentola, composto da tre bracci richiudibili, si compone di un vasetto in ceramica nel quale riporre l’oggetto dopo averlo usato. Cereus è disegnato dal  fashion brand extension designer Federico Arquint, che ha cercato di trasformare le forme della natura in utensili da cucina, trasmettendo semplicità, spontaneità e spensieratezza.

utensili da cucina - sottopentola cereus

Bottle Light

utensili da cucina - tappo led per bottiglie luminose

Spesso abbiamo la casa invasa da decine di bottiglie vuote, in attesa di essere buttate nel cassonetto del vetro.
E se invece di gettarle potessimo riutilizzarle in modo creativo? Niente di più facile grazie a BottleLight di Suck UK, un semplice tappo dotato di una luce led colorata che trasforma le bottiglie vuote in suggestive lampade d’atmosfera. Sono perfette per “arredare” un giardino o una terrazza durante una serata estiva!

• LEGGI ANCHE: Accessori per la cucina, design creativo con un pizzico di umorismo