22 Settembre 2017 / / Decor

Foto: Eticamente

Ricordo benissimo quando da bambina rubavo i cesti in vimini di mia nonna per farne fantastiche cullette per le mie bambole. Ne è passato di tempo ma è rimasto in me quel legame con gli oggetti che un tempo colonizzavano le case dei nonni: cesti in vimini, damigiane giganti (…viste con gli occhi di una bambina 😉 ) in vetro, cassette di legno, contenitori in terracotta, utensili in ferro battuto e tanto altro. Oggetti da mercatino oggi, oggetti indispensabili che scandivano il quotidiano ieri. 

Ma sono oggetti che oggi possono essere ri/utilizzati per dare personalita’ agli spazi interni, parlo ad esempio dei cesti in vimini, veri capolavori dell’artigianato sempre più presenti in tanti angoli della casa e in giardino. Quindi, carissime amiche e amici, riapriamo le cantine dei nonni e rimettiamo a nuovo cesti e contenitori in vimini e utilizziamoli dove ci pare, perchè in fondo sono così flessibili che possono trovare posto in cucina, dispensa, in bagno, nel soggiorno. 
Possiamo affidare ad essi un compito funzionale, ad esempio contenere, nascondere, oppure semplicemente una funzione decorativa. 
Vi assicuro che utilizzati in un senso o nell’altro, i cesti in vimini saranno un elemento decor di grande personalita’ perfetti per una casa in stile shabby, ma anche country, rustico, eclettico e ci aggiungo lo stile nordico per il suo amore per i materiali naturali.

22 Settembre 2017 / / Design

Anticipazioni dal Salone Internazionale della Ceramica per l’architettura e dell’arredobagno

Dal 25 al 29 settembre 2017 si rinnova l’appuntamento con Cersaie 2017, il Salone Internazionale della Ceramica per l’Architettura e dell’Arredobagno.

Per gli addetti ai lavori e non solo, si tratta di un appuntamento importante per conoscere tutte le novità e le tendenze che riguardano ceramiche, rivestimenti e arredobagno.


Protagonisti indiscussi di questa manifestazione sono proprio i rivestimenti, esteticamente sempre più belli e resistenti, che completano e donano carattere alle nostre case.

Nel corso di Cersaie 2017 si potranno osservare e toccare con mano rivestimenti in ceramica, marmo, pietra naturale, legno, laminati, vetro e carta.

Siete curiosi? Ecco per voi alcune anticipazioni da Cersaie 2017!

Anticipazioni dal Salone Internazionale della Ceramica per l’architettura e dell’arredobagno
Neutra 6.0, la collezione Florim che ha segnato l’origine del marchio Casamood
Anticipazioni dal Salone Internazionale della Ceramica per l’architettura e dell’arredobagno
Alcune delle nuove proposte firmate Ceramica Globo
Anticipazioni dal Salone Internazionale della Ceramica per l’architettura e dell’arredobagno
Anticipazioni dal Salone Internazionale della Ceramica per l’architettura e dell’arredobagno
In occasione di Cersaie 2017, Cotto D’Este rivela la nuova esclusiva collezione Cement Project, un sistema di superfici e colori che riprende con estrema fedeltà estetica e sensoriale gli effetti del cemento, tra cui il tradizionale cassero a doghe in legno

Anticipazioni dal Salone Internazionale della Ceramica per l’architettura e dell’arredobagno
Il noto brand Flaminia in occasione di Cersaie debutta nell’ambito dell’illuminazione con il marchio Flaminia Lighting

Anticipazioni dal Salone Internazionale della Ceramica per l’architettura e dell’arredobagno
PONTE GIULIO al CERSAIE lancia il progetto HUG Life Caring Design. La verà novità è che Ponte Giulio sta cambiando pelle. E inizia con HUG, un progetto disegnato da Daniele Trebbi destinato a far vedere il bagno con i nuovi occhi. 


Anticipazioni dal Salone Internazionale della Ceramica per l’architettura e dell’arredobagno
Ceramica Vogue presenta la nuova collezione di piastrelle rettificate in gres smaltato GRAPH.
Anticipazioni dal Salone Internazionale della Ceramica per l’architettura e dell’arredobagno

I nuovi rivestimenti Ornamenta al Cersaie: decorati, effetto legno o cotto
www.cersaie.it

22 Settembre 2017 / / Interiors

Dimenticatevi i supermarket vecchio stampo, tutti grigiume e caos. Ve ne faccio vedere uno in cui andreste anche senza dover comprare nulla.

English version here

……….

I supermarket per come li conosciamo noi sono l’emblema della depressione. Quando penso che devo andare a fare la spesa faccio di tutto per metterci meno tempo possibile, perché mi viene l’ansia solo ad immaginarmi tra le corsie dei supermercati.

Ma questo perché sono progettati senza personalità, privi di originalità e creatività. Meri luoghi consumistici, con pochissima filosofia. Eppure ne è appena stato progettato uno in Germania che è assolutamente fuori dal coro.

Colorato e coraggioso, è un faro nel panorama della progettazione della grande distribuzione. I progettisti sono Ana Milena Hernández Palacios e Christophe Penasse, della pluripremiata agenzia creativa e di design Masquespacio (ve ne avevo già parlato in questi due post).

UN SUPERMARKET SPAGNOLO IN GERMANIA

Tutto in realtà comincia molto indietro negli anni, quando l’imprenditrice di Siviglia Pepa Bascon si trasferisce in Germania in cerca di nuove avventure. Dopo molte esperienze nel campo dell’ospitalità, dieci anni fa decide di aprire un piccolo negozio di prodotti spagnoli nel cuore di Colonia. 

I prodotti spagnoli vengono accettati meravigliosamente in terra tedesca, tanto che Pepa decide di aprire un negozio più grande, per dare sostegno ai ristoratori italiani e spagnoli in cerca dei suoi prodotti.

supermarket

Solera Outside | Photography: Luis Beltran (http://www.luisbeltran.eu)

supermarket

Photography: Luis Beltran (http://www.luisbeltran.eu)

supermarket

Solera inside | Photography: Luis Beltran (http://www.luisbeltran.eu)

I prodotti spagnoli venduti da Pepa diventano così richiesti che nel 2016 decide di aprire un supermercato “cash & carry” con lo scopo di offrire servizio ai clienti di Colonia, non del settore ristorazione.

Ed è qui che entrano in gioco i ragazzi di Masquespacio: chiamati a progettare i 500 mq a disposizione, realizzano un progetto unico nel suo genere.

Un tocco mediterraneo, irrinunciabile, che si mixa perfettamente ai necessari requisiti tecnici che un luogo del genere richiede.

supermarket

Photography: Luis Beltran (http://www.luisbeltran.eu)

Supermarket

Solera interior | Photography: Luis Beltran (http://www.luisbeltran.eu)

supermarket

Photography: Luis Beltran (http://www.luisbeltran.eu)

Il colore dominante è il nero, che conferisce serietà all’ambiente. Ma questa seriosità è contraddetta dai colori saturi presenti, che ricordano la Spagna. Il ricordo della Spagna è presente anche in altri elementi, senza però ricadere nei luoghi comuni e nei cliché. Le piastrelle e le tende che fanno tanto mercato della Boqueria, ne sono un esempio.

Tutto è stato progettato da Masquespacio, anche la grafica e la segnaletica; ogni dettaglio è stato studiato per trasmettere un po’ del calore della bella terra spagnola.

Non da ultima la cucina: un luogo in cui fare degustazioni e seminari, a testimoniare la natura accogliente di questo supermarket di nuova concezione.

 

L’articolo Un pezzo di Spagna nel cuore della Germania sembra essere il primo su VHD.

22 Settembre 2017 / / Design

Bentrovati Pazzerelli… finalmente riesco a scrivere questo Post che ho scolpito nel cuore da quando insieme ad Anabella, e ad altre favolose amiche e colleghe creative, ormai più di un anno fa, abbiamo cominciato a pensare che fosse giunto il momento giusto per iniziare a C R E D E R E in un Sogno.
Leggere in italiano la nostra rivista del cuore F L O W MAGAZINE.
Ricordo di aver provato una gioia incredibile, di quelle che ti fanno elettrizzare il cuore, al solo pensiero di poter leggere senza tradurre più dall’inglese, dall’olandese etc. il mio magazine preferito, scoperto per caso alla stazione di Amsterdam.
Era il 2009 e, se ci penso adesso, quello che ho comprato quel giorno era solo il n° 7.
Uno dei loro primissimi numeri che però ha saputo subito catapultarmi in un mondo meraviglioso.
Rapita dalle illustrazioni, senza capire niente di tutte quelle parole in olandese, scoprire tutti i regalini racchiusi all’ interno da vera paper and craft addicted 😉 è stata un’ emozione indescrivibile ancora oggi ve lo giuro.
Poi ad ogni viaggio qualche numero in più nelle varie lingue. Poi gli acquisti online. Poi la voglia sempre più impellente di avere un’ edizione casalinga tutta per noi italiane.

E’ stato anche per tutti questi motivi che è nato il nostro progetto #flowmagazineday e #flowintaliano. Insieme ad Anabella e tutte le incredibili creative che so molti di voi conoscono già, abbiamo lanciato un sassolino nell’acqua, sperando di smuovere qualcosa anche qui in Italia.
Telefonate lunghissime, collaborazioni, idee e cassetti che si aprono, illustrazioni da condividere, viaggi e tantissimo altro è successo da allora grazie a voi che avete iniziato a crederci fidandovi di noi.
Oggi l’ illustrazione da condividere è frutto di un doppio lavoro, manuale (quello della mia amica Lucia che ha realizzato appositamente tanti timbri a tema autunnale) e digitale (ovviamente mio!!!)
Su Instagram, e ovunque volete sui Social che amate di più, l’ obiettivo è far sapere a quanti più contatti possibili che esiste un Magazine speciale, che farebbe veramente la differenza nel mondo dell’ Editoria italiana.

Flow Magazine non è solo un giornale bello e ricco di idee, spunti creativi e contenuti di altissimo livello, ma anche…

… riappropriarsi di quella parte profonda di noi stesse che molto spesso lasciamo da parte, bloccate nella routine delle nostre vite sempre di corsa.
… festeggiare quello che si è davvero, sapendo di non essere sole a provare certi sentimenti ed emozioni, libere da ogni geografia che ci ha fatto credere di essere nate nel posto sbagliato.
… posters di illustratori da appendere, quaderni, tags, carte regalo, set per snail mail, ghirlande, materiale creativo da far venir voglia di non usarlo per quanto è bello (mi capite vero???).
… leggere le interviste a gente ispirata che vive in tutto il Mondo ma che senti subito vicino a te, perchè in ognuno di loro ritrovi un pezzo di te e delle tue passioni.

Flow è Colore, Passione, Ispirazione. Un mondo fatto di Carta e Persone speciali. 
Persone creative e romantiche che amano le piccole cose belle che ognuno di noi, quasi sempre, ha la fortuna di possedere già e lo dimostrano raccontandole mettendo a frutto ognuno, in modo diverso ed unico, i propri talenti.
Amo davvero con tutto il cuore Flow perchè in ogni sua singola pagina e anche in ognuno di quegli sguardi leggo quello che brilla in tutte le persone ispirate da qualcosa di più grande, di più ambizioso, di più appassionato.
Leggo lo sforzo che ci vuole ad essere diversi, ad accettare le cose imperfette della Vita riuscendo a guardarle con una tale forza e consapevolezza da riuscire a coglierne solo il Bello, trasformandolo in opere d’arte o meravigliose esistenze fatte di creatività e condivisione di valori davvero importanti.
Leggo la determinazione di non arrendersi alle prime difficoltà, l’ umiltà con la quale si condivide ogni traguardo o successo, e la speranza che se non è facile almeno è possibile.

E’ un gruppo incredibile di Menti e Mani che creano e condividono, ricercando una bellezza autentica ed imperfetta, ritrovandosi tra le sue pagine anche per sentirsi a Casa.

Perché Casa, lo sappiamo ormai, non è un posto fatto di Cose, ma un Luogo del Cuore dove ritrovare chi siamo sempre stati e quello che vorremmo diventare, sentendoci sempre accolti, sempre capiti.

Sentirsi a Casa è sentire il cuore battere forte per l’Emozione, quella che non potremo comprare mai, di essere radicati nel posto giusto che è stato scelto per noi.

Credere vuol dire essere talmente convinti di qualcosa da ritenere che qualcosa E S I S T E e che fino alla fine quella cosa accadrà, si manifesterà, succederà per davvero.
Noi dobbiamo, solo, avere la Forza e la Pazienza di aspettare.
Ma siamo tantissime ormai ed ogni volta che condividete un pezzo del nostro Sogno, lui diventa più grande, reale e possibile.

Io credo che ci riusciremo, unite insieme siamo una Forza incredibile e possiamo davvero arrivare molto, molto lontano.

Grazie sempre per essere qui.

P.S. QUI invece trovate il video della diretta che Anabella ha girato dalla Redazione di Flow dove è importante che inseriate almeno un commento per dimostrare che siete tantissimi a desiderare l’edizione italiana e a convincere la casa editrice che anche qui in Italia i numeri per partire con il progetto ci sono!!!

22 Settembre 2017 / / ArtigianaMente

Ho sempre fatto così. Dopo un po’ mi prende la voglia di rivoluzionare tutto. La stessa cosa è successa anche per la camera da letto ma {c’è sempre un ma in ogni storia che si rispetti} mi sono sempre trattenuta. Soprattutto per mio marito che non ama vivere in una casa che muta eccessivamente. Però durante l’estate, l’incontro virtuale con Lechler mi ha decisa a cambiare il colore della camera da letto. 

Non ho accettato su due piedi. Prima di tutto mi sono informata sull’azienda e ho appreso che Lechler è un’azienda italiana, di Como, che crea prodotti vernicianti dal 1885 nei settori IndustryRefinishDecorativeYachting e Habitat.

Poi ho saputo che proprio con Lechler collabora Francesca Valan, designer del colore veramente competente e ciò è bastato per farmi accettare la proposta.

Lechler mi ha inviato tre guide scritte da Francesca Valan affinché potessi scegliere, successivamente, il colore più adatto alle mie esigenze.

Le guide colore

Finalmente ho avuto l’occasione per trasformare, con qualche piccolo accorgimento, la mia stanza. Ero troppo contenta, anche perché è coinciso con le vacanze di agosto, quando la mente è sgombra da impegni.

Non volevo sbagliare il colore della camera da letto. Ho cercato di studiare le guide per decidere da sola ma consapevolmente la cromia più adatta.

colore pareti

colore

 

Come dicevo le guide che ho ricevuto {e fanno parte del programma Color Trainer} sono tre:

  •  Nuove Decorazioni: dedicata alla decorazione cromatica attraverso geometria, forme, proporzioni
  • Interni: dedicato alle tecniche, ai trend e agli strumenti per realizzare un progetto colore in casa
  • Young Casa: guida alla scelta dei colori per camerette e spazi gioco

La guida che ho usato in realtà è stata una sola, quella degli interni. Poca teoria e tanti esempi pratici, come i colori selezionati per ogni ambiente – dalla camera da letto all’ingresso – con il cerchio cromatico per sceglierli velocemente e abbinarli secondo le tre coordinate di tinta, chiarezza e lucentezza.

Credo sia fondamentale avere una base, una guida, per orientarci nella scelta del colore. Poi naturalmente entra in gioco l’ispirazione e la nostra propensione al colore, alla tinta che più ci fa stare bene, il colore fa parte della sfera delle emozioni. Ma non solo.

La mia camera da letto

Perciò ho letto e riletto la guida: alla fine ho scelto un rosa ben preciso {ci sono infinite sfumature della stessa tinta}, con caratteristiche definite. In particolare con una punta di rosso in modo tale da restare in linea con i rossi della mia camera da letto.

Di questo colore vorrei parlare nel dettaglio il mese prossimo, quando terminerò il piccolo progetto di rinnovo della camera da letto. Infatti la parete rosa è stata l’occasione per un passo di ulteriore cambiamento {piccolo, così mio marito non si arrabbia ;-)} in camera cominciato lo scorso anno con la messa in posa della carta da parati sull’altra parete.

colore parete camera

colore camera da letto

parete colorata in camera

Guide Colore: Color Trainer
Carta da parati: Nina Campbell
Lenzuola: Zara Home
Vaso artigianale rosa: Sarté
Testa del letto: Designers Guild

The post Ho cambiato il colore della camera da letto con Lechler appeared first on Artigianamente Blog – artigianato, stile & design.

22 Settembre 2017 / / ArtigianaMente

Ho sempre fatto così. Dopo un po’ mi prende la voglia di rivoluzionare tutto. La stessa cosa è successa anche per la camera da letto ma {c’è sempre un ma in ogni storia che si rispetti} mi sono sempre trattenuta. Soprattutto per mio marito che non ama vivere in una casa che muta eccessivamente. Però durante l’estate, l’incontro virtuale con Lachler mi ha decisa a cambiare il colore della camera da letto. 

Non ho accettato su due piedi. Prima di tutto mi sono informata sull’azienda e ho appreso che Lachler è un’azienda italiana, di Como, che crea prodotti vernicianti dal 1885 nei settori IndustryRefinishDecorativeYachting e Habitat.

Poi ho saputo che proprio con Lachler collabora Francesca Valan, designer del colore veramente competente e ciò è bastato per farmi accettare la proposta.

Lachler mi ha inviato tre guide scritte da Francesca Valan affinché potessi scegliere, successivamente, il colore più adatto alle mie esigenze.

Le guide colore

Finalmente ho avuto l’occasione per trasformare, con qualche piccolo accorgimento, la mia stanza. Ero troppo contenta, anche perché è coinciso con le vacanze di agosto, quando la mente è sgombra da impegni.

Non volevo sbagliare il colore della camera da letto. Ho cercato di studiare le guide per decidere da sola ma consapevolmente la cromia più adatta.

colore pareti

colore

 

Come dicevo le guide che ho ricevuto {e fanno parte del programma Color Trainer} sono tre:

  •  Nuove Decorazioni: dedicata alla decorazione cromatica attraverso geometria, forme, proporzioni
  • Interni: dedicato alle tecniche, ai trend e agli strumenti per realizzare un progetto colore in casa
  • Young Casa: guida alla scelta dei colori per camerette e spazi gioco

La guida che ho usato in realtà è stata una sola, quella degli interni. Poca teoria e tanti esempi pratici, come i colori selezionati per ogni ambiente – dalla camera da letto all’ingresso – con il cerchio cromatico per sceglierli velocemente e abbinarli secondo le tre coordinate di tinta, chiarezza e lucentezza.

Credo sia fondamentale avere una base, una guida, per orientarci nella scelta del colore. Poi naturalmente entra in gioco l’ispirazione e la nostra propensione al colore, alla tinta che più ci fa stare bene, il colore fa parte della sfera delle emozioni. Ma non solo.

La mia camera da letto

Perciò ho letto e riletto la guida: alla fine ho scelto un rosa ben preciso {ci sono infinite sfumature della stessa tinta}, con caratteristiche definite. In particolare con una punta di rosso in modo tale da restare in linea con i rossi della mia camera da letto.

Di questo colore vorrei parlare nel dettaglio il mese prossimo, quando terminerò il piccolo progetto di rinnovo della camera da letto. Infatti la parete rosa è stata l’occasione per un passo di ulteriore cambiamento {piccolo, così mio marito non si arrabbia ;-)} in camera cominciato lo scorso anno con la messa in posa della carta da parati sull’altra parete.

colore parete camera

colore camera da letto

parete colorata in camera

Guide Colore: Color Trainer
Carta da parati: Nina Campbell
Lenzuola: Zara Home
Vaso artigianale rosa: Sarté
Testa del letto: Designers Guild

The post Ho cambiato il colore della camera da letto con Lachler appeared first on Artigianamente Blog – artigianato, stile & design.

22 Settembre 2017 / / Design tra le Righe

22 Settembre 2017_Primo giorno di autunno.

Inizia una stagione che personalmente amo tantissimo, che giustifica la pigrizia e il letargo. Eh si, perché appena cambiano le temperature la prima cosa a cui penso è di aggiungere peso e calore al timido lenzuolo che finora aveva vestito il mio letto. Una fase di trasformazione della camera da letto che diventa nella stagione più fredda una vera alcova, un nido dove trascorrere al caldo ore a leggere, a scrivere e ovviamente a dormire…

Prima di utilizzare il mio adorato bianco, candido e super morbido piumone (che userò più avanti) in questo periodo estraggo dal baule la mia fidata trapunta in piuma che forse avrebbe bisogno di essere sostituita da una degna collega. Così nella ricerca di soluzioni “belle & buone”, ovvero con una fantasia che si abbina bene allo stile della mia camera da letto e soprattutto di qualità certificata, ho trovato delle meravigliose proposte di un’azienda tutta italiana dalla storia lunghissima. Si tratta di Cinelli Piume e Piumini. Un marchio che ha fatto storia e continua a farla dalla moda all’arredo fino alla produzione di articoli da letto.

Trapunta Fantasia collezione 2017_2018 Cinelli Piume e Piumini 05

Tornando alle nostre amate trapunte, focus del mio articolo, ho individuato due modelli sui toni del grigio che potrebbero fare al caso mio con una super imbottitura in 100% piumino d’oca bianca siberiana. Praticamente perfette!

Trapunta collezione 2017_2018 Cinelli Piume e Piumini 03

Trapunta Fantasia collezione 2017_2018 Cinelli Piume e Piumini 04

Ora devo solo convincere l’altra metà che la spesa sia “necessaria e doverosa”…ma ogni tanto sognare non guasta e comunque W il Made in Italy e i prodotti controllati!

22 Settembre 2017 / / ChiccaCasa

I mobili in rattan sono utilizzati sia per arredare la zona outdoor che per completare quella indoor.

Non hanno tempo e non rispettano tendenze: sono elementi eterni. 
Il rattan è un materiale leggero e robusto. Gli intrecci e le lavorazioni che ne derivano sono perfette per aggiungere texture ad un ambiente.
Hai mai visto una sedia da esterni con lo schienale a coda di pavone in un mercatino dell’usato? Quei disegni tridimensionali sono resi possibili dall’alta malleabilità di questa fibra naturale.

Non è mai passato di moda grazie alle sue qualità. Puoi lasciarlo all’esterno senza preoccuparti delle temperature o dell’umidità, puoi spostarlo senza sforzi ed utilizzarlo per anni di fila, non si scheggerà né subirà altre grosse alterazioni.

Se hai dei mobili in rattan in terrazzo o in cantina, corri a recuperarli! Sono tornati in voga, tanto da essere anche nella nuova collezione IKEA!
Puoi sistemarli indoor e renderli attuali semplicemente collocandoli in un mood urban jungle.

Cos’è l’urban jungle? L’urban jungle è uno stile di vita che consiste nel condividere gli spazi abitativi urbani con molte piante (da qui il termine jungle), di diverse specie e varietà. Ne deriva un contrasto tra luoghi antropici e atmosfera selvatica che si rivela esso stesso la chiave vincente di questo stile.

Il rattan dà il meglio di sé quando accostato al green.
Otterrai un ambiente fresco e naturale con un tocco boho-etnic.

Puoi usare un sacco di piante di piccole e medie dimensioni o due o tre piante grandi e scenografiche a contorno del tuo complemento in rattan. Crea un bel display, avendo cura di scegliere con criterio i vasi e di disporre le piante in modo armonioso.

Se non hai il pollice verde puoi inserire solo poche piantine, facili da coltivare (puoi consultare questa guida per coltivare le piante più trendy del momento) e fare di poster, tessuti e carte da parati a tema botanico il punto focale del tuo styling.

Vedrai, non ti pentirai di aver conservato il tuo mobile in rattan!
http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
21 Settembre 2017 / / Decor

L’impiego della carta da parati non ha più limiti: impermeabili e resistenti all’umidità diventano ideali ed eclettici rivestimenti anche per l’ambiente bagno, spazio doccia compreso, e nel tempo possono facilmente essere sostituite per rinnovare con semplicità anche la stanza da bagno.

Instabilelab, brillante azienda veneziana dall’inesauribile creatività, propone tutte le collezioni anche per gli ambienti umidi in due versioni di texture: Fibra Glass (fibra di vetro+appretto) e Fibra Tex (tessuto di vetro). Entrambe esulano dai comuni parati lisci al tatto, infatti la parete sembra rivestita da tessuto per un risultato sorprendente.

Innumerevoli sono le grafiche che vedono protagonisti elementi naturali, architetture stilizzate, soffuse sfumature, infiniti disegni, foto e creazioni uniche realizzate da un’azienda vera e propria “interprete” della parete che propone soluzioni differenti per ogni stile.

Di seguito una selezione fra le innumerevoli collezioni proposte anche per il bagno, tutte declinabili in diverse tonalità.

Abissi: un disegno ironico e spregiudicato per animare e sorprendere anche nella stanza da bagno.

Icona: atmosfere eleganti per questo motivo dalla creatività e dai toni ricercati e soffusi.

Ecrù: cromie giocate sui toni del bianco – nero – grigio che ricordano le pennellate di un pittore ritraenti l’immagine di un sottobosco.

Cespico: il motivo di un’ariosa pineta stilizzata è il protagonista di questa carta da parati capace di creare atmosfere suggestive.

Canopo: un vortice di fiori appena accennati, un disegno leggero e movimentato dall’effetto raffinato.

Markab: gusto etnico-dark per la seducente carta da parati dallo stile unico.

Luigi XII: carta da parati dal sapore retrò reinterpretata in chiave contemporanea.

The Birds: originale e romantica, la creatività di The Birds ricorda un affresco dai contorni sfumati.

Treccia: la reinterpretazione del motivo a treccia diventa un interessante effetto optical.

Salva