10 Ottobre 2017 / / Easy Relooking

READ IN ENGLISH

©EasyRelooking

L’idea di passare una notte nel deserto mi ha sempre affascinato.

Quando abbiamo scelto di fare tappa a Dubai per il nostro viaggio di nozze, non ci ho pensato due volte nell’inserire almeno una giornata con notte al Bab Al Shams Resort & spa!  è davvero un’esperienza affascinante poter ammirare il sole scendere sulle dune di sabbia.

Se passate da Dubai, non potete non soggiornare, anche solo per una notte, in questo lussuoso resort e vivere una magica esperienza araba!

Info utile: questo resort si può prenotare direttamente su booking, accedendo alle numerose offerte, fino al 50%! Infatti non fa parte di nessuna catena di hotel specifica.

Una notte nel deserto

Dopo più di 40 minuti sopra una Jeep (che viene usata per il Safari nel deserto) e dopo aver percorso chilometri lungo una strada dritta e senza auto,  arriviamo al Bab Al Shams Resort % spa.

bab-al-shams-desert-resort

©EasyRelooking

Ancora sulla jeep, veniamo accolti a destra e a sinistra da dune morbide e bianche. Inizi poi a intravedere la struttura della splendida oasi, con la sua straordinaria pietra color ocra. Si intona perfettamente con il deserto e il verde circostante, che non manca intorno al resort.

Possiamo finalmente entrare in questa cittadella di pietra che tanto avevo sognato! Le immagini sul web erano spettacolari: volevo vedere e fotografare tutto dal vivo!

bab-al-shams-desert-resort

©EasyRelooking

La nostra notte nel deserto ci attende.

Il Bab Al Shams Desert Resort & Spa è costruito nello stile di un tradizionale forte arabo. I cortili con fontane, i rigogliosi giardini e i vicoli in pietra conducono alle camere elegantemente arredate, progettate in stile rustico arabo.

Qui sotto puoi vedere le foto della nostra camera! Era fantastica, e anche il bagno era eccezionale!

DISPONIBILE SU BOOKING

Esperienza araba a 5 stelle

Dopo pochi minuti dall’arrivo, è subito chiaro il livello di servizio altissimo. In Europa noi non siamo abituati a questo tipo di attenzioni. Ogni persona è stata gentile e premurosa con noi, dall’inizio alla fine del nostro soggiorno.

L’aggettivo giusto è: impeccabile.

Tutti gli interni, spazi comuni e non, sono decorati con un elegante stile arabo: tappeti bordeaux, lampade a tema e cuscini.

bab-al-shams-desert-resort

©EasyRelooking

bab-al-shams-desert-resort

©EasyRelooking

Alla reception viene fornita una vera e propria cartina per potersi muovere al meglio all’interno del Resort. Essendo molto esteso è bene avere una piantina iniziale per orientarsi, ma poi è tutto molto a portata di mano.

La vera protagonista e bellezza di questo posto è l’acqua.

L’acqua azzurra della splendida piscina a fioro sul deserto contrasta con la piestra dorata con cui è costruita tutta la cittadella.

bab-al-shams-desert-resort

©EasyRelooking

 

bab-al-shams-desert-resort

©EasyRelooking

Intorno alla piscina, che è divisa in zone con diverse altezze, sono disposti lettini comodissimi.

Ma noi non riuscivamo a stare a lungo fuori dall’acqua! A inizio Settembre c’erano 42°C percepiti ed era un piacere stare nell’acqua della piscina. La temperatura all’interno era perfetta!

bab-al-shams-desert-resort

©EasyRelooking

Anche a livello di cibo, l’esperienza araba è a 360°. Il Bab Al Shams ospita 4 ristoranti di cucina tradizionale e internazionale. Il famoso ristorante all’aperto Al Hadheerah Desert propone un’esperienza araba unica e noi ci siamo stati!

bab-al-shams-desert-resort

©EasyRelooking

Pensavamo che fosse completamente all’aperto: invece solo la zona buffet è all’aperto, creata come se ci si trovasse in un antico mercato arabo! Si cena invece sotto un grande tendone, dove si può assistere a diversi spettacoli inclusi nel prezzo.

Primo consiglio: portatevi un maglioncino perché l’aria condizionata all’interno del tendone è devastante!

Secondo consiglio: chiedete il prezzo prima, non è economico! 

Il tramonto nel deserto

A seconda del periodo, puoi ammirare il tramonto nel deserto prima o dopo cena! Ti consiglio di salire al Sarab Rooftop Lounge.

Vista sul deserto e sulle dune di sabbia, senza nient’altro: solo il sole che tramonta e le inonda di arancione. 

bab-al-shams-desert-resort

©EasyRelooking

 

L’articolo Notte nel deserto, in un resort vicino a Dubai proviene da easyrelooking.

10 Ottobre 2017 / / VDR Home Design

Il mio sogno è quello di riuscire a ricavare in casa un angolo lettura confortevole e stupendo. Per questo ho cercato ispirazione in giro. Vi va di vedere cosa ho trovato? 

……….

Cominciamo subito dicendo che a me l’estate piace e quindi non dovete fraintendermi. Però io ho un animo da ghiro, dormo millemila ore ed è quindi ovvio che preferisca un pochino le stagioni fredde. Come si fa a dormire con mille gradi centigradi e il cento per cento di umidità?

Sarete d’accordo con me che se fosse estate tutto l’anno, praticamente vivremmo in costume e in riva al mare. Il caldo è fantastico, ma per quel che mi riguarda, mi distoglie dalle attività intellettuali (devo concentrare le energie per non sciogliermi come un budino).

Quindi quando l’autunno bussa per me è una festa: più ore da passare in casa, leggendo possibilmente (ma anche guardando film, ma questa è un’altra storia).

Però la lettura è un’attività seria e non è che si può leggere rannicchiati sulla sedia della cucina, che dopo un minuto ci è venuta la cervicale.

Dite un po’, voi ce l’avete un angolo lettura in casa? Io no ed ero in cerca di idee per farne uno anche a casina mia. Vi va di vedere le idee che ho trovato?

#8 IDEE PER UN ANGOLO LETTURA VIP

Cominciamo dalle idee più facilmente realizzabili, nel senso che basta avere una finestra e una poltrona. La luce è un elemento fondamentale degli angoli lettura per cui se avete un piccolo spazio sotto una finestra, avete il posto giusto.

Completate l’angolo lettura con una bella poltrona, magari un’ottomana, e ci siete. Dovete poter star comodi, senza avere mal di schiena dopo dieci minuti che siete seduti. Che ne dite anche di un poggia piedi?

angolo lettura

Avocado concept

Angolo lettura

Camille Hermand Architect | Lauriston

angolo lettura

Image credits: Ikea

angolo lettura

Photo credit: Ikea

Potete ricavarlo davvero dappertutto il vostro angolo lettura: in camera, in soggiorno, vicino al camino. Se lo spazio è poco basta anche una sedia ampia e l’angolo è risolto. Se però lo spazio non vi manca, allora regalatevi una chaise longue sulla quale riposare e sognare.


Non c’è piacere più grande della #lettura. – #JaneAusten
Condividi il Tweet


Mettiamo però che vicino alla finestra non abbiate spazio. Poco importa, se vi attrezzate con una bella lampada da terra il gioco è fatto. Anche un tavolino basso può essere utile ad appoggiare libri e tazze di tè, per cui se potete procuratevene uno.

angolo lettura

Apartment in Taipei | A Little Design | Photographer: hey!Cheese

angolo lettura

JPDA | East village studios

angolo lettura

Image credits: Ikea

angolo lettura

Kvartira | I am home

Ma non dovete limitare la fantasia, anche se avete poco spazio. Bastano davvero pochi centimetri, come dimostrano gli architetti dello studio JPDA che ricavano una zona lettura ai piedi del letto, in cima alla scala.

Oppure come gli architetti dello studio A Little Design, che sfruttano una rientranza della finestra per creare una comoda panca da adibire ad angolo lettura.

Basta davvero poco per creare un angolo effetto cocoon in cui ripararsi dal mondo e sognare un po’.

 

 

 

L’articolo Ricavare un angolo lettura in casa: tante idee per tutte le case sembra essere il primo su VHD.

10 Ottobre 2017 / / Baliz Room

Oggi vi porto a Pechino per scoprire questa piccola chicca, l’italian winebar Buonabocca dello studio italiano, con base a Pechino, Ramoprimo.
Bancone bar dell'italian wine bar boccabuona
Il punto di partenza è stata la richiesta dei clienti, una coppia italo-cinese, di giocare con la parola italiana “bocca” e di avere un pavimento in resina giallo. Lo studio ha così deciso di sviluppare il progetto sulla base di diversi contrasti: resina contro mattone, naturale contro pop, il tutto incorniciato da arredi su misura che mitigassero il colore brillante del pavimento.
Il protagonista di questo progetto è, senza dubbio,  il mattone, che diventa l’elemento decorativo centrale in questa atmosfera dai colori pop, con bocche stampate sui parati di carta di riso, disegnati apposta per il Buonabocca.
Dettaglio della parete in mattoni a spina di pesce dell'italian wine bar Boccabuona di Pechino
esterno dell'italian winebar Boccabuona di Pechino
Disposti a spina di pesce, infatti, disegnano un pattern che cattura l’attenzione nei diversi spazi del locale. Bellissimo l’uso di questa soluzione nei porta bottiglie dietro il bancone bar, così come molto originale è lo stencil del pattern su un grande pannello per farne un’opera d’arte d’impatto e multicolore.
Opera d'arte con stencil del pattern di mattoni a spina di pesce sulla parete dell'italian wine bar Boccabuona di Pechino
Per risaltare la tridimensionalità dello spazio, gli architetti hanno scelto due enormi lampadari dalle forti forme geometriche che evocano le luminarie delle feste di paese del sud Italia. Se di sera i punti luce ricordano un cielo stellato, di giorno funzionano come sculture dal fascino contemporaneo.
Vista dell'italian winebar buonabocca con lampadari geometrici
Il risultato è un ambiente composito, che rimane legato alla tradizione attraverso l’uso di materiali come il mattone e la carta di riso, ma che prende tutto il carattere contemporaneo di una metropoli come Pechino con l’aggiunta di elementi pop e un tocco di gusto industrial.
( photo images via Archdaily )


casa del futuro

La tecnologia al servizio delle persone è una delle cose più utili del vivere in quest’epoca e il futuro si prospetta ancora più brillante. Ogni giorno le aziende hi-tech presentano facilitazioni per le persone, supporti fondamentali per alleggerire la vita quotidiana o per garantire la sicurezza tra le pareti domestiche.

La casa del futuro si chiama Smart Home. E’ in un’abitazione così che tutti sogniamo di vivere, un posto accogliente in cui vivere e che ci aiuta nella gestione della quotidianità.

A darci i primi supporti ci pensa la domotica, l’automazione di processi spesso noiosi o la possibilità di programmare attività e scenari. E’ solo il primo passo verso un futuro in cui la casa sarà in grado di interagire con le persone, fare da sé molte più cose e decisamente cambiare la vita.

Tapparelle che possono essere alzate o calate con un click, scenari luminosi che aiutano a rilassarsi o creino la giusta atmosfera, videocamere di sorveglianza, elettrodomestici programmabili via smartphone e poi ancora televisori connessi ad internet, sistemi di illuminazione regolabili da remoto e via dicendo. Queste sono le prime applicazioni di casa intelligente che hanno iniziato ad alleggerire la nostra vita.

casa del futurocasa del futurocasa del futurocasa del futurocasa del futuro

Il futuro prevede in tempi non troppo distanti l’arrivo di televisori a scomparsa, che si integrano perfettamente negli arredi, o trasparenti realizzati con schermi OLED.

In cucina la modernità sarà assolutamente green, incentrata sull’auto-produzione delle materie prime con orti verticali biologici o posizionati nei pressi del piano cottura.

Nei prossimi anni quel che è certo è che risparmieremo sui consumi energetici ed idrici in modo efficiente. Sia per una questione di rispetto dell’ambiente che di contenimento dei costi. La tecnologia led, i sanitari a risparmio d’acqua, i controlli dei consumi in real time e il miglioramento delle già presenti tecnologie illuminotecniche. Anche il termostato che regola la temperatura in casa può essere programmabile e gestire in autonomia il  funzionamento dei termosifoni.
casa del futurocasa del futurocasa del futurocasa del futuro

casa del futuro

casa del futuro

Nella casa del futuro anche le noiose faccende quotidiane possono essere lasciate alla tecnologia. È in sviluppo un letto che si rifà da solo il mattino, ad un semplice comando da cellulare e sono in progetto sistemi che monitorano la qualità del sonno per migliorare  il riposo di ognuno di noi.

L’intrattenimento diventerà sempre più multisensoriale, accompagnando gli utilizzatori in un’esperienza via via più perfetta. Impianti home theatre integrati, controllabili wireless, schermi a scomparsa, proiettori, consolle di gaming e tante altre piccole accortezze che permettono di vivere le vere emozioni cinematografiche o musicali tra le pareti domestiche.

La programmabilità degli elettrodomestici è una manna dal cielo per l gestione della casa. Poter programmare la cena in forno per trovarla pronta al rientro, stabilire l’orario di avvio della lavatrice e della lavastoviglie, ricevere via sms la lista della spesa direttamente dal frigorifero, trovare i panni perfettamente stirati e piegati con le più moderne macchine da stiratura sono solo alcuni degli innumerevoli vantaggi della smart home.

In termini di sicurezza domestica i sistemi che si stanno sviluppando nelle maggiori aziende specializzate, offriranno una garanzia di serenità ottimale sia quando ci si trova in casa che quando si è fuori. Telecamere, rilevatori di movimento, sistemi di illusione della presenza di qualcuno in casa, allarmi connessi alle forze dell’ordine e tanto altro ancora.

Tutte queste tecnologie ci saranno di grande aiuto nei prossimi anni, alcune stanno già semplificandoci la vita, e cambieranno probabilmente le nostre esigenze in termini assicurativi o di manutenzione. Molte di queste tecnologie ci permettono di ottenere dei prezzi per le polizze casa ridotti, in quanto riducono i rischi in modo evidente. È possibile trovare tanti consigli utili online per ottimizzare costi e spese della casa, semplicemente sfruttando le migliori tecnologie a disposizione.

 

L’articolo La Casa del Futuro: le innovazioni da non perdere proviene da Architettura e design a Roma.

10 Ottobre 2017 / / Coffee Break

Colori e sapori d’autunno impreziosiscono questo piccolissimo appartamento di soli 34 mq.
Il legno degli arredi, vissuto, scuro, crea un piacevole contrasto con la parete di mattoni a vista e il restante total white della casa.

Autumnal flavors in an apartment of 34 sqm

Autumn colors and flavors embellish this tiny apartment of just 34 square meters.
The wood of the furnishings, lived in dark, creates a pleasant contrast with the exposed brick wall and the remaining total white of the house.

 

Via

_________________________
CAFElab | studio di architettura

10 Ottobre 2017 / / Dettagli Home Decor

Castello Sforzesco Suites è una formula di ospitalità unica e innovativa nel cuore di Milano. Eleganti, luminose, silenziose, Castello Sforzesco Suites ha ideato camere matrimoniali ampie e raffinate, con uno stile ricercato e dotazioni in linea con i migliori standard di qualità. Arredo dal gusto raffinato. Pavimento in parquet di quercia. Bagno con listelli in marmo bianco di Carrara. 

Tutto rientra in una scelta di stile all’insegna del design 100% Made in ItalySu progetto di SGS ArchitettiAssociati, le nuove prestigiose suites, possono ad esempio contare sulla scenografica presenza di Boutique Mast, la cabina armadio Porro di nuova concezione con cui creare soluzioni su misura completamente personalizzabili. Caratterizzato da montanti metallici a sezione circolare su cui è possibile applicare grandi mensole a sbalzo e specchiere, Boutique Mast è il sistema che consente massima libertà espressiva, da solo o in combinazione con il sistema di contenitori Modern.


Domina l’intera parete di fronte al letto un’ampia composizione con struttura in ottone brunito a cui sono agganciate mensole, piano scrittoio, cassetti e contenitori a giorno in mongoi, uno dei 18 legni Porro, a contrasto con gli interni laccati giallo zolfo, per intonarsi alle cromie della carta da parati retrostante e delle poltroncine per un’atmosfera decorativa, elegante e intima al tempo stesso. 


Punti luce, letti, armadi, poltrone e complementi per il bagno: ogni dettaglio è studiato per rendere Castello Sforzesco Suites il punto di riferimento per chi è alla ricerca di una sistemazione d’eccellenza nel cuore della città, a pochi passi dal Duomo.

·        LUCI Flos, Viabizzuno, Kristina Dam, Penta

·         LETTI Arflex

·         POLTRONE e POUF B&B Italia e Sancal

·         COMODINI B&B Italia, con piano in marmo bianco Carrara e base satinata

·         ARMADI Porro

·         LAVANDINI e SPECCHI Porcelanosa

·         RUBINETTERIE artigianali Flaminia

·         WALL PAPER di Phillip Jeffries

·         TESSUTI Dedar


10 Ottobre 2017 / / Things I Like Today

oggetti luminosi d'arredo

Design e un pizzico di umorismo in questi oggetti luminosi, perfetti per illuminare e arredare con personalità la casa o il giardino

L’illuminazione è fondamentale in qualunque ambiente, in casa, in un locale, in giardino perchè è la luce che definisce l’atmosfera di un luogo, regalando sensazioni più o meno piacevoli alle persone. Per creare l’atmosfera giusta si può ricorrere ovviamente alle lampade da terra, da tavolo o da parete oppure si può dare sfogo alla fantasia, utilizzando i tanti complementi d’arredo luminosi, perfetti per illuminare ma anche per arredare con personalità. Grazie alla fantasia dei designer la luce si trasforma in oggetti luminosi dalle forme più svariate per creare effetti sempre sorprendenti.

• LEGGI ANCHE: Le 10 lampade di design più famose, belle e sempre attuali

Rabbit Light di Stefano Giovannoni

Oggetti luminosi d'arredo - Lampada Rabbit

Oggetti luminosi d’arredo – Lampada Rabbit

Tanti teneri coniglietti luminosi a spasso per il giardino… non è un incanto? Sono le lampade Rabbit del designer italiano Stefano Giovannoni, disponibili in versione outdoor e da interni. La lampada Rabbit, come dice il nome stesso, ha la silhouette stilizzata di un coniglio ed è realizzata in polietilene traslucido bianco. Una volta accesa però può assumere 16 diversi colori di luce RGB.
La famiglia Rabbit è formata oltre che dalle lampade anche dalle divertenti sedie per adulti e bambini.

Lampada da terra Flash Led

Oggetti luminosi d'arredo - Lampada da terra Flash Led

Lampada da terra Flash

Una torcia e il suo cono di luce sono il motivo ispiratore della lampada da terra Flash di Studio Job.
Una lampada divertente e originale che trasforma un fascio di luce immateriale in un oggetto tangibile che emana luce colorata. Lo studio di design olandese Studio Job è condotto dalla coppia Job Smeets e Nynke Tynagel, pionieri del design contemporaneo che si concedono spesso incursioni e sconfinamenti nel mondo dell’arte.

45 di Tiokeefe

45 di Tiokeefe è una semplice struttura lineare in alluminio a forma di triangolo i cui lati sono dotati di luci led dimmerabili. La sua forma elementare e super minimalista è studiata per essere collocata a ridosso di due pareti e proiettare la sua luce verso il muro creando una cornice di luce dall’effetto tridimensionale.
E’ disponibile in tre misure, grande, media e piccola, e può essere disposta in modi diversi e con intensità luminose diverse per ottenere un risultato visivo sempre nuovo e particolare.

Peel Wall Light di YOY

Oggetti luminosi d'arredo - Lampada a parete Peel di YOY

Lampada a parete Peel di YOY

YOY è uno studio di design di Tokyo fondato nel 2011. Uno dei suoi primi progetti è stato Peel, una lampada da parete diventata ormai famosa grazie alla sua diffusione virale in rete.  Questa lampada infatti appare come se il muro venisse tirato via e lasciasse filtrare la luce del giorno dall’esterno.
Per rendere l’effetto più realistico possibile, la struttura di Peel è sottilissima grazie all’utilizzo della tecnologia OLED e il cavo elettrico, disposto lungo lo spigolo fra le due pareti, è praticamente invisibile. Una volta accesa, l’effetto è decisamente sorprendente!

Lettere luminose vintage

Oggetti luminosi d'arredo: lettere vintage a bulbi o neon

Lettere luminose vintage

Lettere, numeri o simboli si trasformano in oggetti di arredo luminosi da terra o da parete, perfetti per un ambiente originale e informale. Queste lettere luminose sono bellissime sia da sole sia abbinate insieme a formare una scritta. Sono prodotte da DelightFULL  e ciascuna di loro è basata su un diverso type font, con un suo particolare carattere: retrò, pop, decò, industriale… tanti stili per tutti i gusti, nella versione con lampadine a bulbo o a neon.

Oggetti luminosi d'arredo: lettere vintage a bulbi o neon

Oggetti luminosi d’arredo: lettere vintage a bulbi o neon

Scritte al neon personalizzate

Oggetti luminosi - Scritte Neon a parete per decorare e illuminare l'ambiente

Scritte Neon a parete per decorare e illuminare l’ambiente

Fra gli oggetti luminosi più diffusi ci sono sicuramente le scritte a parete. E se siete patiti del neon, l’idea giusta è quella di decorare e illuminare con una scritta personalizzata, nel testo, nella forma e nei colori.
NeonArt produce scritte neon da parete completamente personalizzate e realizzate a mano, per progetti unici, in casa o per ambienti e locali pubblici.

10 Ottobre 2017 / / La Gatta Sul Tetto

Buondì cari amici. Per la rubrica sulla storia della casa e dell’arredamento, oggi vi presento un interessante articolo, che spiega come sono cambiate le case dagli anni Cinquanta a oggi.

L’articolo, corredato da infografica, mette soprattutto in evidenza i motivi che spingono le persone a vivere in case sempre più piccole. Buona lettura.

Casa dolce casa, quanto sei cambiata negli anni?

Si può affermare con certezza che ogni generazione ha il proprio concetto di casa, ben rappresentato dalle scelte di arredo e dalla differente centralità che hanno assunto tutti gli ambienti di una casa ideale. Per approfondire l’argomento con maggiore accuratezza, è utile fare riferimento all’infografica Ho bisogno dei miei spazi – come sono cambiate le case nel tempo, realizzata da MAN Casa negozi per l’arredamento, perché presenta una timeline dello stile delle case dagli anni ’50 a oggi, ponendo in risalto anche i cambiamenti avvenuti in merito alla metratura degli appartamenti, costo al metro quadro e differenze fra le principali città italiane.

Cosa si evince da tutti questi dati?

Uno dei cambiamenti più rilevanti riguarda la funzione della cucina, evolutasi da ambiente dedicato solo alla preparazione dei pasti a spazio integrato con il soggiorno, dove si chiacchiera, si gioca e si lavora. Poi c’è la camera da letto, oggi più piccola rispetto al passato ma sempre arredata con cura, sempre più spesso è presente una cabina armadio e qualcuna è adiacente al bagno privato. Il soggiorno resta un ambiente importante, perché è qui che si ricevono gli ospiti e in genere occupa il 40-45% dello spazio totale dell’appartamento. Riguardo il bagno, oggi c’è molta più attenzione al proprio benessere, perciò si cerca di avere 2 bagni in casa oppure di rendere questo ambiente comodo e pratico, perché prendersi cura di sé dev’essere piacevole e rilassante. Ogni mutamento è la conseguenza di ciò che è avvenuto a livello sociale, basti pensare all’avvento della tv, che ha determinato una diversa concezione dello spazio disponibile in casa, con la presenza di un televisore in quasi tutte le stanze. Tuttavia, le case di oggi sono in genere più piccole di quelle in cui si abitava pochi decenni fa: si tratta di un peggioramento o c’è dell’altro?

I 3 motivi principali per cui si comprano case più piccole

L’infografica riassume le ragioni per cui si scelgono case di dimensioni ridotte in 3 punti: disponibilità economica, poiché è più difficile ottenere un mutuo o poter spendere grosse cifre per l’acquisto; famiglie meno numerose che in passato hanno necessità di dimensioni ridotte per poter vivere bene; infine c’è anche una maggiore consapevolezza ecologica, quindi si cercano soluzioni che abbiano un impatto minore sull’ambiente. I costi, però, non sono calati di pari passo alle metrature; per questo è interessante sapere quali sono le città più care e dove trovare case da comprare a prezzi più bassiSorprendentemente le case risultano più costose a Savona (in media 3670 € al mq) piuttosto che a Roma (2722 € al mq) o a Milano (2415 €). Sempre in Liguria, a Genova, le case costano 2385 € al mq e Trento ha il record di città più economica per l’acquisto, poiché qui il prezzo medio è 2279 € al mq. Grazie a questa panoramica sulla situazione immobiliare in Italia, possiamo avere idee più chiare su come investire risorse per la casa che abbiamo sempre sognato.

Le case in Italia: come sono cambiate dagli anni Cinquanta a oggi? infografica

 

The post Le case in Italia: come sono cambiate dagli anni Cinquanta a oggi? appeared first on La gatta sul tetto.

10 Ottobre 2017 / / ArtigianaMente

… bellissima, sarà che a crearla è stata Gabriella Palumbo. Per la figlia nata appena due mesi fa. Gabriella di mestiere fa l’interior stylist ed è fondatrice del blog di design Flat 15. Amo il suo stile, semplice, quotidiano, ma sempre speciale. Come la cameretta per la piccola Grace.

Una cameretta arredata con cura, nell’attesa della bambina. Durante la gravidanza Gabriella ha pubblicato uno o due post dove, a grandi linee, aveva tracciato il suo progetto.

Strada facendo, come poi ha spiegato a cameretta finita, la sua visione della stanza è cambiata leggermente rispetto alle idee iniziali.

Ha mantenuto però l’aspetto generale che aveva in mente:

  • i legni grezzi e toni di argilla e pesca
  • una tavolozza di decorazioni ispirata dal deserto
  • e un altro elemento che voleva davvero includere era un {non} arredamento per bambini.

Nella cameretta della figlia Gabriella desiderava aggiungere libri particolari e di arte astratta che solitamente non entrano nelle stanze per bambini. Avendo la sensazione che i bambini non se ne dispiacciono.

In effetti sono inusuali anche le stampe di Ferm Living che si inseriscono perfettamente nella palette dei colori. Anch’essi fuori dal comune per una cameretta {ma tanto trendy nel design}. A me piacciono moltissimo: sono toni riposanti, armoniosi ma non sdolcinati. I tocchi di nero deciso si contrappongono alla femminilità dei rosa con un effetto grintoso sull’intero ambiente.

La cameretta di Grace

culle e lettini neonati

Ecco la cameretta di Grace arredata con stile da mamma Gabriella: è una miscela di legno, il lettino da neonato è in legno lucido, il tappetto tribale in cotone, la decorazione di tessuto dall’aria boho appesa alla parete. E’ un bellissimo mix.

lettino camera neonato

cameretta bambini

cameretta neonato idee

Anche il tappeto di Ikea non è quello che esattamente quello che ci si aspetterebbe nella cameretta di un neonato.

cameretta neonato idee fai da te

La palette dei colori è bellissima, con quell’alternarsi di sfumature che partono dal rosa e si tuffano nel pesca, che dal pesca si traducono in nocciola. Tutti colori che si riassumono nelle stampe astratte di Ferm Living.

lettini per neonato

I cuscini color nocciola e pesca, in diversi materiali. Velluto, lana, cotone, pelliccia. A cui Gabriella ha abbinato il colore delle copertine dei libri.

Sotto la giostrina posta sopra il fasciatoio della piccola Grace. Anch’essa contiene i colori della cameretta.

decorazioni camerette neonato

fasciatoio neonato

Il wall hanging progettato da Juniper Weaves.

Vero che non si tratta della “solita” cameretta per bambini? che cosa copieresti?

Immagini di Flat 15 

The post La cameretta del neonato. Ispirata al deserto… appeared first on Artigianamente Blog – artigianato, stile & design.