10 Ottobre 2017 / / Room by Room

ROOM nasce dalla collaborazione con un’eccellenza del Made in Italy, Besana Carpet Lab, azienda storica ma dallo spirito giovane, che vanta progetti e collaborazioni di prestigio nel mondo dell’interior design nazionale ed internazionale.
Per noi è stata una vera e propria sfida… disegnare un tappeto, immaginarcelo attraverso l’abbinamento delle diverse cromie, che potesse rispondere ai gusti contemporanei di un mercato sempre più esigente e raffinato.

ROOM cartelletta colori Stardust 28 + 29 +  Silk 39
La scelta cromatica si è basata su Stardust e Silk, per via dei suoi colori splendenti e il suo effetto cangiante che dona luce a qualsiasi spazio della casa.
Le geometrie di una stanza e del suo spazio, costruite su un piano creato appositamente per rendere dinamico un semplice pavimento. L’obiettivo è quello di creare uno spazio pittorico, mobile e tridimensionale. Tuttavia, esso si configura solo come un’illusione, in quanto non si tratta dell’ambiente effettivo che lo spettatore abita… ma di un semplice tappeto che ti porta a viaggiare in spazi astratti.
Vieni ed entra in ROOM!!
10 Ottobre 2017 / / Arredamento Perfetto

Stai per ristrutturare il bagno e vorresti fare qualcosa di particolare, ma non sai cosa?
Tutto ciò che ti piace, di un po’ più sofisticato, è fuori budget?
Nessun problema, possiamo consigliarti una semplice alternativa che renderà la tua sala da bagno unica e funzionale.

Nella ristrutturazione bagno al momento della posa delle piastrelle il consiglio è quello di colorare le fughe, ma non con i soliti colori tenui, ma trovare tonalità che possano stare bene con l’ambiente circostante, risultando un bel particolare inaspettato e inusuale.

Ritrutturazione bagno con fughe colorate

Per far sì che il risultato si noti, bisogna osare e utilizzare colori sgargianti, ma rimanendo comunque in linea con l’arredamento bagno. Una soluzione molto interessante è sicuramente quella di dipingere le fughe dello stesso colore del soffitto in modo da creare continuità ed armonia nella stanza. Una volta che si è stufi, basterà riverniciare tutto di bianco oppure scegliere nuove tinte.

Utilizzare questo tipo di ristrutturazione bagno in ambienti di piccole dimensioni è sicuramente un lavoro molto carino da tenere davvero in considerazione. Creare dei giochi di colore permette di ottimizzare la luce e far sembrare lo spazio più grande. Attenzione a non esagerare, in questo modo decorazioni troppo appariscenti non funzionano!

Per i più discreti, optare per colorazioni molto delicate che si discostano leggermente dal colore della piastrella; scegliere tonalità quasi impercettibili, ma che donano un’aria curata ed elegante alla vostra stanza relax.

Un’idea molto forte, per una ristrutturazione bagno fuori dagli schemi, è quella della tinteggiatura a contrasto: bianca e nera. Se abbiamo scelto delle piastrelle bianche, scegliere il nero per le fughe e viceversa. Questo permetterà di far risaltare molto di più il formato della piastrella e conferire un’aria attuale e sempre moderna.

Esistono infinite combinazioni tra il colore delle piastrelle bagno e le tonalità delle pareti, basta solo scegliere quella più adatta a voi!

10 Ottobre 2017 / / Easy Relooking

READ IN ENGLISH

©EasyRelooking

L’idea di passare una notte nel deserto mi ha sempre affascinato.

Quando abbiamo scelto di fare tappa a Dubai per il nostro viaggio di nozze, non ci ho pensato due volte nell’inserire almeno una giornata con notte al Bab Al Shams Resort & spa!  è davvero un’esperienza affascinante poter ammirare il sole scendere sulle dune di sabbia.

Se passate da Dubai, non potete non soggiornare, anche solo per una notte, in questo lussuoso resort e vivere una magica esperienza araba!

Info utile: questo resort si può prenotare direttamente su booking, accedendo alle numerose offerte, fino al 50%! Infatti non fa parte di nessuna catena di hotel specifica.

Una notte nel deserto

Dopo più di 40 minuti sopra una Jeep (che viene usata per il Safari nel deserto) e dopo aver percorso chilometri lungo una strada dritta e senza auto,  arriviamo al Bab Al Shams Resort % spa.

bab-al-shams-desert-resort

©EasyRelooking

Ancora sulla jeep, veniamo accolti a destra e a sinistra da dune morbide e bianche. Inizi poi a intravedere la struttura della splendida oasi, con la sua straordinaria pietra color ocra. Si intona perfettamente con il deserto e il verde circostante, che non manca intorno al resort.

Possiamo finalmente entrare in questa cittadella di pietra che tanto avevo sognato! Le immagini sul web erano spettacolari: volevo vedere e fotografare tutto dal vivo!

bab-al-shams-desert-resort

©EasyRelooking

La nostra notte nel deserto ci attende.

Il Bab Al Shams Desert Resort & Spa è costruito nello stile di un tradizionale forte arabo. I cortili con fontane, i rigogliosi giardini e i vicoli in pietra conducono alle camere elegantemente arredate, progettate in stile rustico arabo.

Qui sotto puoi vedere le foto della nostra camera! Era fantastica, e anche il bagno era eccezionale!

DISPONIBILE SU BOOKING

Esperienza araba a 5 stelle

Dopo pochi minuti dall’arrivo, è subito chiaro il livello di servizio altissimo. In Europa noi non siamo abituati a questo tipo di attenzioni. Ogni persona è stata gentile e premurosa con noi, dall’inizio alla fine del nostro soggiorno.

L’aggettivo giusto è: impeccabile.

Tutti gli interni, spazi comuni e non, sono decorati con un elegante stile arabo: tappeti bordeaux, lampade a tema e cuscini.

bab-al-shams-desert-resort

©EasyRelooking

bab-al-shams-desert-resort

©EasyRelooking

Alla reception viene fornita una vera e propria cartina per potersi muovere al meglio all’interno del Resort. Essendo molto esteso è bene avere una piantina iniziale per orientarsi, ma poi è tutto molto a portata di mano.

La vera protagonista e bellezza di questo posto è l’acqua.

L’acqua azzurra della splendida piscina a fioro sul deserto contrasta con la piestra dorata con cui è costruita tutta la cittadella.

bab-al-shams-desert-resort

©EasyRelooking

 

bab-al-shams-desert-resort

©EasyRelooking

Intorno alla piscina, che è divisa in zone con diverse altezze, sono disposti lettini comodissimi.

Ma noi non riuscivamo a stare a lungo fuori dall’acqua! A inizio Settembre c’erano 42°C percepiti ed era un piacere stare nell’acqua della piscina. La temperatura all’interno era perfetta!

bab-al-shams-desert-resort

©EasyRelooking

Anche a livello di cibo, l’esperienza araba è a 360°. Il Bab Al Shams ospita 4 ristoranti di cucina tradizionale e internazionale. Il famoso ristorante all’aperto Al Hadheerah Desert propone un’esperienza araba unica e noi ci siamo stati!

bab-al-shams-desert-resort

©EasyRelooking

Pensavamo che fosse completamente all’aperto: invece solo la zona buffet è all’aperto, creata come se ci si trovasse in un antico mercato arabo! Si cena invece sotto un grande tendone, dove si può assistere a diversi spettacoli inclusi nel prezzo.

Primo consiglio: portatevi un maglioncino perché l’aria condizionata all’interno del tendone è devastante!

Secondo consiglio: chiedete il prezzo prima, non è economico! 

Il tramonto nel deserto

A seconda del periodo, puoi ammirare il tramonto nel deserto prima o dopo cena! Ti consiglio di salire al Sarab Rooftop Lounge.

Vista sul deserto e sulle dune di sabbia, senza nient’altro: solo il sole che tramonta e le inonda di arancione. 

bab-al-shams-desert-resort

©EasyRelooking

 

L’articolo Notte nel deserto, in un resort vicino a Dubai proviene da easyrelooking.

10 Ottobre 2017 / / Non Solo Arredo

Ci occupiamo generalmente di oggetti che nascono per arredare la casa, progetti di design, persino di soluzioni architettoniche. È ovvio quindi che il settore immobiliare, in una accezione più ampia relativa proprio alla compravendita di una casa o alla sua locazione, possa facilmente rientrare tra i nostri temi di interesse, perché trattasi della cornice che tanto ci appassiona riempire e personalizzare!

Home staging, una nuova strategia di marketing

Ricerche mirate e basate su precise statistiche hanno dimostrato, numeri alla mano, quali sono gli immobili che restano per minor tempo nelle vetrine delle agenzie o tra gli annunci, ed il risultato ci ha sorpresi perché abbiamo scoperto una figura professionale che ci era del tutto sconosciuta, quella dell’Home Stager!

Questa particolare fase di recessione economica ancora in corso ha infatti reso più problematica la collocazione degli immobili, ed in questa sorta di incontro e contaminazione tra i mestieri si trova uno strumento dalle enormi potenzialità: per mettere in atto un efficace Home Staging, infatti, vanno conciliate le peculiarità dell’agente immobiliare, colui che deve conoscere le migliori tecniche persuasive per vendere, con le competenze e la creatività di un interior designer, l’unico in grado di organizzare e riorganizzare gli spazi per farli apparire più appetibili.
L’occhio critico permette di valorizzare e mettere in risalto gli angoli migliori, i punti di forza di una casa, e di rendere al tempo stesso ininfluenti quelli male in arnese.

A volte bastano piccoli e semplici tocchi come una nuova disposizione del mobilio, ove presente, o la rimozione degli elementi di disturbo che possono comunicare sensazioni di disordine o o di trasandato abbandono.
Un trucco evergreen è rappresentato dagli specchi, che moltiplicano gli spazi quasi con un effetto ottico, e possiedono una luce intrinseca!
L’ambiente deve apparire rilassante, accogliente, invitante: spazio e luminosità giocano un ruolo chiave, e per questo non è tanto consigliabile aggiungere quanto togliere, e soprattutto riordinare.

Trucchi per un efficace home staging

Ogni stanza deve possedere specifiche peculiarità: comfort e relax per la camera da letto; calore e comodità, intesa come praticità d’uso, per la cucina; luminosità e senso di intimità per la zona living.
È l’occhio esperto ma estraneo a quegli ambienti il vero miglior organizzatore, ed in molti casi le soluzioni sono facilmente praticabili ed anche economiche. Raramente si deve intervenire con ristrutturazioni, ma non vanno escluse: a volte una rapida tinteggiatura delle pareti può fare miracoli nel trasformare una stanza, o in casi più estremi anche l’abbattimento di pareti tra stanze troppo anguste, separandole magari con muretti bassi divisori, aiuta ad enfatizzare la metratura a disposizione.
Non va dimenticato che, dopo un intervento di Home Staging, anche qualsiasi servizio fotografico restituirà sensazioni di una casa migliore, e più desiderabile!

Se state pensando di vendere casa, iniziate allora subito da questi segreti prima di metterla in scena in una giusta dimensione, valorizzandola!

 

ShareThis

10 Ottobre 2017 / / VDR Home Design

Il mio sogno è quello di riuscire a ricavare in casa un angolo lettura confortevole e stupendo. Per questo ho cercato ispirazione in giro. Vi va di vedere cosa ho trovato? 

……….

Cominciamo subito dicendo che a me l’estate piace e quindi non dovete fraintendermi. Però io ho un animo da ghiro, dormo millemila ore ed è quindi ovvio che preferisca un pochino le stagioni fredde. Come si fa a dormire con mille gradi centigradi e il cento per cento di umidità?

Sarete d’accordo con me che se fosse estate tutto l’anno, praticamente vivremmo in costume e in riva al mare. Il caldo è fantastico, ma per quel che mi riguarda, mi distoglie dalle attività intellettuali (devo concentrare le energie per non sciogliermi come un budino).

Quindi quando l’autunno bussa per me è una festa: più ore da passare in casa, leggendo possibilmente (ma anche guardando film, ma questa è un’altra storia).

Però la lettura è un’attività seria e non è che si può leggere rannicchiati sulla sedia della cucina, che dopo un minuto ci è venuta la cervicale.

Dite un po’, voi ce l’avete un angolo lettura in casa? Io no ed ero in cerca di idee per farne uno anche a casina mia. Vi va di vedere le idee che ho trovato?

#8 IDEE PER UN ANGOLO LETTURA VIP

Cominciamo dalle idee più facilmente realizzabili, nel senso che basta avere una finestra e una poltrona. La luce è un elemento fondamentale degli angoli lettura per cui se avete un piccolo spazio sotto una finestra, avete il posto giusto.

Completate l’angolo lettura con una bella poltrona, magari un’ottomana, e ci siete. Dovete poter star comodi, senza avere mal di schiena dopo dieci minuti che siete seduti. Che ne dite anche di un poggia piedi?

angolo lettura

Avocado concept

Angolo lettura

Camille Hermand Architect | Lauriston

angolo lettura

Image credits: Ikea

angolo lettura

Photo credit: Ikea

Potete ricavarlo davvero dappertutto il vostro angolo lettura: in camera, in soggiorno, vicino al camino. Se lo spazio è poco basta anche una sedia ampia e l’angolo è risolto. Se però lo spazio non vi manca, allora regalatevi una chaise longue sulla quale riposare e sognare.


Non c’è piacere più grande della #lettura. – #JaneAusten
Condividi il Tweet


Mettiamo però che vicino alla finestra non abbiate spazio. Poco importa, se vi attrezzate con una bella lampada da terra il gioco è fatto. Anche un tavolino basso può essere utile ad appoggiare libri e tazze di tè, per cui se potete procuratevene uno.

angolo lettura

Apartment in Taipei | A Little Design | Photographer: hey!Cheese

angolo lettura

JPDA | East village studios

angolo lettura

Image credits: Ikea

angolo lettura

Kvartira | I am home

Ma non dovete limitare la fantasia, anche se avete poco spazio. Bastano davvero pochi centimetri, come dimostrano gli architetti dello studio JPDA che ricavano una zona lettura ai piedi del letto, in cima alla scala.

Oppure come gli architetti dello studio A Little Design, che sfruttano una rientranza della finestra per creare una comoda panca da adibire ad angolo lettura.

Basta davvero poco per creare un angolo effetto cocoon in cui ripararsi dal mondo e sognare un po’.

 

 

 

L’articolo Ricavare un angolo lettura in casa: tante idee per tutte le case sembra essere il primo su VHD.

10 Ottobre 2017 / / Baliz Room

Oggi vi porto a Pechino per scoprire questa piccola chicca, l’italian winebar Buonabocca dello studio italiano, con base a Pechino, Ramoprimo.
Bancone bar dell'italian wine bar boccabuona
Il punto di partenza è stata la richiesta dei clienti, una coppia italo-cinese, di giocare con la parola italiana “bocca” e di avere un pavimento in resina giallo. Lo studio ha così deciso di sviluppare il progetto sulla base di diversi contrasti: resina contro mattone, naturale contro pop, il tutto incorniciato da arredi su misura che mitigassero il colore brillante del pavimento.
Il protagonista di questo progetto è, senza dubbio,  il mattone, che diventa l’elemento decorativo centrale in questa atmosfera dai colori pop, con bocche stampate sui parati di carta di riso, disegnati apposta per il Buonabocca.
Dettaglio della parete in mattoni a spina di pesce dell'italian wine bar Boccabuona di Pechino
esterno dell'italian winebar Boccabuona di Pechino
Disposti a spina di pesce, infatti, disegnano un pattern che cattura l’attenzione nei diversi spazi del locale. Bellissimo l’uso di questa soluzione nei porta bottiglie dietro il bancone bar, così come molto originale è lo stencil del pattern su un grande pannello per farne un’opera d’arte d’impatto e multicolore.
Opera d'arte con stencil del pattern di mattoni a spina di pesce sulla parete dell'italian wine bar Boccabuona di Pechino
Per risaltare la tridimensionalità dello spazio, gli architetti hanno scelto due enormi lampadari dalle forti forme geometriche che evocano le luminarie delle feste di paese del sud Italia. Se di sera i punti luce ricordano un cielo stellato, di giorno funzionano come sculture dal fascino contemporaneo.
Vista dell'italian winebar buonabocca con lampadari geometrici
Il risultato è un ambiente composito, che rimane legato alla tradizione attraverso l’uso di materiali come il mattone e la carta di riso, ma che prende tutto il carattere contemporaneo di una metropoli come Pechino con l’aggiunta di elementi pop e un tocco di gusto industrial.
( photo images via Archdaily )

10 Ottobre 2017 / / Nook Twelve

Ibiza restaurants – a topic always open for discussions.

The isla blanca changes every season and so many great restaurants are there waiting for you to try them. However there are also places that can not be find in the tourist guides and the locals adore. Check out my Ibiza guide for other delicious suggestions such as Can Berri Vell and Amante.      

Ibiza-Restaurants-Sa-Caleta-©Nook-Twelve

Sa Caleta – The good food

Sa Caleta is a historic sailor refuge where you can enjoy the one of the best Mediterranean Ibizan cuisine. Very good the paella, bullit de peix (typical ibizan fish soup) and the grilled fish. Also try the homemade desserts such as the typical flaò.

Price range: $$

Ibiza-Restaurants-La-Brasa-©Nook-Twelve

La brasa – The secret garden

It’s seriously one of the best places to eat in Ibiza city, but it’s absolutely necessary to book a table in advance. Otherwise you can make the hours-long line at the bar and wait for a table. The interior is chic and simply amazing with ginormous bougainvillea trees and sparkling crystals hanging like little stars. The food is mediterranean, if you are still wondering where to eat paella, this is the place. And be sure to check out the shop next door – Oliver.

Price range: $$ / $$$

Ibiza-Restaurants-Peyotito-Nobu-Ibiza-Bay-©Nook-Twelve

Peyotito – The modern mexican

One of the two in house restaurants at Nobu Hotel offers a well chosen variety of margharitas to accompany the delicious mexican food. Be sure to leave space in your belly for dessert and try the Tres leches and Churros.

Price range: $$ / $$$

Ibiza-Restaurants-Sa-Brisa-©Nook-Twelve

©Sa Brisa

Sa Brisa – The best culinary experience

Since my first visit, when it was newly opened, I’ve been dreaming to return. A restaurant recommended in the Michelin guide with innovative presentation and fusion of spanish, asiatic an southamerican flavors. Try the tasting menus or just order some tapas and you won’t be able to think of anything else for days.

Price range: $$

Ibiza-Restaurants-El-Olivo-Mio-©Nook-Twelve

©El Olivo Mio

El Olivo Mio – The old town’s gem

Located right in the heart of Dalt Vila, this stylish restaurant offers a great selection of dishes and wines. A place to enjoy in a hot summer night in the city. The ribeye and the beef filet tartare are soo good!

Price range: $$/$$$

Ibiza-Restaurants-Aiyanna-©Nook-Twelve

Aiyanna – The beach restaurant

The team behind Amante have smashed it with this modern and understated approach. Aiyanna is an idyllic spot for a perfect day at the beach. Every dish is not only delicious but also so well presented. Sometimes you feel like just taking pictures.

Price range: $$ / $$$

Ibiza-Restaurants-Hostal-La-Torre-©Nook-Twelve

Hostal La Torre – The best sunsets

A rough sea and strong sun lend an epic aspect to its terrace, a key place for enjoying afternoons in Ibiza. At La Torre you will discover music and vibes that you can’t find anywhere else in Ibiza. Book a table in advance during the high season, it’s open for breakfast or dinner. However you can stop for a drink and watch the sunset from the rocks below the restaurant.

Price range: $$

Ibiza-Restaurants-Can-Pilot-©Nook-Twelve

C’an Pilot – The meat spot

I’ve eaten way too many times to not mention it. No innovation, just great food. Meat dishes cooked at the moment and fresh vegetables. Another favorite of both the locals and mine.

Price range: $/$$

The post is not in collaboration with any of the mentioned Ibiza restaurants. These above are personal favorites of mine.

All photos ©NookTwelve unless otherwise specified

The post Ibiza restaurants: The newest, the best and the local secret appeared first on Nook Twelve.


casa del futuro

La tecnologia al servizio delle persone è una delle cose più utili del vivere in quest’epoca e il futuro si prospetta ancora più brillante. Ogni giorno le aziende hi-tech presentano facilitazioni per le persone, supporti fondamentali per alleggerire la vita quotidiana o per garantire la sicurezza tra le pareti domestiche.

La casa del futuro si chiama Smart Home. E’ in un’abitazione così che tutti sogniamo di vivere, un posto accogliente in cui vivere e che ci aiuta nella gestione della quotidianità.

A darci i primi supporti ci pensa la domotica, l’automazione di processi spesso noiosi o la possibilità di programmare attività e scenari. E’ solo il primo passo verso un futuro in cui la casa sarà in grado di interagire con le persone, fare da sé molte più cose e decisamente cambiare la vita.

Tapparelle che possono essere alzate o calate con un click, scenari luminosi che aiutano a rilassarsi o creino la giusta atmosfera, videocamere di sorveglianza, elettrodomestici programmabili via smartphone e poi ancora televisori connessi ad internet, sistemi di illuminazione regolabili da remoto e via dicendo. Queste sono le prime applicazioni di casa intelligente che hanno iniziato ad alleggerire la nostra vita.

casa del futurocasa del futurocasa del futurocasa del futurocasa del futuro

Il futuro prevede in tempi non troppo distanti l’arrivo di televisori a scomparsa, che si integrano perfettamente negli arredi, o trasparenti realizzati con schermi OLED.

In cucina la modernità sarà assolutamente green, incentrata sull’auto-produzione delle materie prime con orti verticali biologici o posizionati nei pressi del piano cottura.

Nei prossimi anni quel che è certo è che risparmieremo sui consumi energetici ed idrici in modo efficiente. Sia per una questione di rispetto dell’ambiente che di contenimento dei costi. La tecnologia led, i sanitari a risparmio d’acqua, i controlli dei consumi in real time e il miglioramento delle già presenti tecnologie illuminotecniche. Anche il termostato che regola la temperatura in casa può essere programmabile e gestire in autonomia il  funzionamento dei termosifoni.
casa del futurocasa del futurocasa del futurocasa del futuro

casa del futuro

casa del futuro

Nella casa del futuro anche le noiose faccende quotidiane possono essere lasciate alla tecnologia. È in sviluppo un letto che si rifà da solo il mattino, ad un semplice comando da cellulare e sono in progetto sistemi che monitorano la qualità del sonno per migliorare  il riposo di ognuno di noi.

L’intrattenimento diventerà sempre più multisensoriale, accompagnando gli utilizzatori in un’esperienza via via più perfetta. Impianti home theatre integrati, controllabili wireless, schermi a scomparsa, proiettori, consolle di gaming e tante altre piccole accortezze che permettono di vivere le vere emozioni cinematografiche o musicali tra le pareti domestiche.

La programmabilità degli elettrodomestici è una manna dal cielo per l gestione della casa. Poter programmare la cena in forno per trovarla pronta al rientro, stabilire l’orario di avvio della lavatrice e della lavastoviglie, ricevere via sms la lista della spesa direttamente dal frigorifero, trovare i panni perfettamente stirati e piegati con le più moderne macchine da stiratura sono solo alcuni degli innumerevoli vantaggi della smart home.

In termini di sicurezza domestica i sistemi che si stanno sviluppando nelle maggiori aziende specializzate, offriranno una garanzia di serenità ottimale sia quando ci si trova in casa che quando si è fuori. Telecamere, rilevatori di movimento, sistemi di illusione della presenza di qualcuno in casa, allarmi connessi alle forze dell’ordine e tanto altro ancora.

Tutte queste tecnologie ci saranno di grande aiuto nei prossimi anni, alcune stanno già semplificandoci la vita, e cambieranno probabilmente le nostre esigenze in termini assicurativi o di manutenzione. Molte di queste tecnologie ci permettono di ottenere dei prezzi per le polizze casa ridotti, in quanto riducono i rischi in modo evidente. È possibile trovare tanti consigli utili online per ottimizzare costi e spese della casa, semplicemente sfruttando le migliori tecnologie a disposizione.

 

L’articolo La Casa del Futuro: le innovazioni da non perdere proviene da Architettura e design a Roma.

10 Ottobre 2017 / / Voglia Casa

Casa…dove la parola eclettismo si adatta alla perfezione al gusto di chi la abita.

Uno stile apparentemente confusionario dove mobili e complementi sembrano inseriti a caso nei vari ambienti.

Nulla di più sbagliato. Colori, arredi e accessori sono stati ben scelti e ponderati. Tutto si sposa alla perfezione.

Ogni elemento richiama la sensazione che aleggia per tutto la casa: un retrò costruito con oggetti vintage e d’epoca abbinati a soluzioni contemporanee che creano un look sorprendente e accogliente.

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

10 Ottobre 2017 / / Coffee Break

Colori e sapori d’autunno impreziosiscono questo piccolissimo appartamento di soli 34 mq.
Il legno degli arredi, vissuto, scuro, crea un piacevole contrasto con la parete di mattoni a vista e il restante total white della casa.

Autumnal flavors in an apartment of 34 sqm

Autumn colors and flavors embellish this tiny apartment of just 34 square meters.
The wood of the furnishings, lived in dark, creates a pleasant contrast with the exposed brick wall and the remaining total white of the house.

 

Via

_________________________
CAFElab | studio di architettura