18 Ottobre 2017 / / Picsilli

M&A sono una coppia cha ha acquistato un appartamento e che ha deciso di ristrutturarlo chiedendo il mio aiuto. 

CHI SONO: Coppia senza figli, tra i 40/50 anni, acquisto prima casa

TIPOLOGIA DI APPARTAMENTO: appartamento distribuito su due piani: soggiorno cottura, camere e bagni al piano primo e locale unico al piano sottotetto.

COSA VOGLIONO: sfruttare la camera da letto in più e creare un piccolo locale in ingresso come guardaroba.



Come puoi vedere qui sopra, la camera da letto è stata trasformata in cabina armadio. All’interno della stanza è stato ricavato un piccolo ripostiglio/guardaroba con pareti chiuse verso la cabina armadio e con l’accesso dal soggiorno.

Qui sotto puoi vedere il cantiere. Nella prima immagine vedi la porta del nuovo ripostiglio invece nella seconda vedi l’interno della nuova cabina armadio con le pareti del nuovo ripostiglio.

Così quando M&A entrano in casa possono appendere giacche e riporre scarpe negli appositi mobiletti. Lasciare chiavi e oggetti che usano spesso.


Le pareti sono state costruite in carton gesso ed è stata scelta una porta scorrevole per non rubare ulteriore spazio al locale, già di dimensioni ridotte. La nicchia che si viene a creare all’interno della cabina armadio ospiterà un armadio con mensole adibito a scarpiera.

Ho arredato il tutto in modo semplice, rispettando il budget e i gusti di M&A, comunque personalizzandola con una carta da parati in stile jungle, dipingendo alcune pareti di sfondo color sabbia, lasciando gli arredi bianchi.

Nell’immagine sopra ho inserito un pouf di un colore che stacca da quelli neutri degli arredi e delle pareti, ma per un TOCCO VINTAGE puoi personalizzare con la poltroncina originale vintage danese che vedi qui sotto. 

M&A hanno scelto armadi a tutt’altezza e chiusi da ante scorrevoli. In questo modo l’ambiente risulta sempre in ordine e più lineare.

cassettiera, specchio, lampada da soffitto, poltroncina, armadio, carta da parati

E per il locale ripostiglio/guardaroba in ingresso? Pezzi semplici con un tocco di vintage, ovvio.

Ho scelto una struttura componibile che permette a M&A di appendere giacche e cappotti e, come da loro richiesta, di riporre le scarpe. Ho aggiunto anche delle mensole per appoggiare chiavi o piccoli oggetti e riporre qualsiasi cosa in scatole magari colorate. Ho inserito uno specchio sopra alle mensole e una panca contenitore con cuscini; così sarà possibile sedersi per infilarsi le scarpe.

struttura componibile, panca, cuscini, specchio (sotto),  applique

Il racconto della trasformazione dell’appartamento di M&A continua perchè oltre che a questa stanza, li ho aiutati a ristrutturare l’intera casa.

Se anche tu vuoi fare delle modifiche sostanziali con abbattimento muri di casa (demolizioni/costruzioni), ricordati di verificare sempre la fattibilità dell’intervento e di chiedere i permessi necessari. 

L’articolo Come ricavare un ripostiglio in ingresso | (E trasformare una stanza in cabina armadio) proviene da Picsilli.

18 Ottobre 2017 / / Dettagli Home Decor

Concept diversi che raccontano l’arte dell’ospitalità

Dall’atmosfera dorata del ristorante di Dolce & Gabbana, all’appeal da loft newyorkese di Maxim, sino al tempio della nuova tradizione gastronomica russa a San Pietroburgo e al mood internazionale della sala panoramica dell’M89 Hotel: luoghi affidati a concept diversi, dove raccontare l’arte dell’ospitalità di altrettanti protagonisti. 

La progettazione dei luoghi della ristorazione deve rivelare lo stile della cucina e dei proprietari ed è proprio questo lo spirito con cui Piuarch ha realizzato l’interior design delle location indicate. A ogni ristorante corrisponde una chiara identità, che asseconda il carattere della committenza e interpreta, allo stesso tempo, il contesto fisico di riferimento.

Ideato per Dolce & Gabbana e completato nel 2007 a Milano, Goldè stato improntato ai valori della celebre maison per proporsi come destinazione “di moda”: un gioco di sfaccettature oro definisce, insieme a inseriti in specchio e superfici preziose in marmo, gli spazi del locale. Candelabri, lampade scultoree a sospensione fatte da una nuvola di piccole sfere di vetro soffitato a mano, teche a vista dove collezionare il vino delle migliori annate, tavoli con top riflettente e quinte fatte da fili metallici comunicano la tendenza decorativa tipica del marchio, con un’enfasi di dettagli.


Ristorante Gold a Milano, ©Andrea Martiradonna
Ristorante Gold a Milano, ©Andrea Martiradonna
Ristorante Gold a Milano, ©Andrea Martiradonna
Ristorante Gold a Milano, ©Andrea Martiradonna                                              

Al contrario, il ristorante Mansarda presso il quartier generale Gazprom di San Pietroburgo e il ristorante all’ultimo livello di M89 Hotel a Milano, ultimato nel 2017, sono caratterizzati da uno stile rigoroso: l’arredo è essenziale e lascia spazio, in entrambi i casi, alla complessa geometria del soffitto e alle ampie vetrate perimetrali attraverso le quali è possibile ammirare il panorama. Entrambi, inoltre, sono valorizzati da una terrazza esterna, completata da un attento studio sulla vegetazione.

Ristorante Mansarda San Pietroburgo  ©Andrea Martiradonna
Ristorante Mansarda San Pietroburgo  ©Andrea Martiradonna
Ristorante Mansarda San Pietroburgo  ©Andrea Martiradonna
Ristorante Mansarda San Pietroburgo  ©Andrea Martiradonna
Ristorante di M89 Hotel a Milano, ©Andrea Martiradonna
Ristorante di M89 Hotel a Milano, ©Andrea Martiradonna
Ristorante di M89 Hotel a Milano, ©Andrea Martiradonna
Ristorante di M89 Hotel a Milano, ©Andrea Martiradonna
Maxim invece, situato all’ultimo piano di un lussuoso centro commerciale di Mosca, si propone come una destinazione “cult”, dove far rivivere l’atmosfera metropolitana newyorkese: lo spazio, fluido, è quello di un loft strutturato su più livelli, con finiture di cemento faccia a vista, grandi doghe di legno scuro a pavimento, vetro, metallo e divani in stile Chester, banconi dove si preparano i cocktail, dettagli in pelle invecchiata e tessuti tartan.


Ristorante Maxim a Mosca, ©Andrea Martiradonna
                 Ristorante Maxim a Mosca, ©Andrea Martiradonna                                     

Ristorante Maxim a Mosca, ©Andrea Martiradonna
        
Ogni ristorante offre un diverso viaggio sensoriale – tra menù innovativi, sperimentali o internazionali – cui corrisponde un analogo percorso estetico tra materiali, luci e colori, accuratamente scelti da Piuarch per interpretarne la particolare filosofia.  

18 Ottobre 2017 / / GiCiArch

Uno degli elementi che influisce sulla determinazione dello stile e dell’arredamento della casa sono le tende. Spesso vengono scelte alla fine, un piccolo tocco che dona carattere e colore agli ambienti della casa. Esistono tantissimi modelli, in base al colore, alla tipologia ed al tessuto hanno un peso molto importante sulla luminosità e l’aspetto delle stanze. La scelta non va lasciata al caso, deve essere consapevole e ponderata perchè le tipologie di tende in commercio sono varie ed è facile sbagliare.

gani-tende-scegliere-le-tende-doppie

Il primo passo da fare per scegliere le tende per la casa è decidere la tipologia o il modello. Le tende per l’arredamento della casa si dividono in:

-arricciate

-a pacchetto

-a pannello

Poichè parliamo di tende per la decorazione della casa non prendo in considerazione i modelli in tessuto tecnico, per esempio le veneziane o le tende a rullo, tendaggi più utilizzati in ambienti ad uso ufficio.

prodotti-107664-rel3f3f354f063e40b7b6f2ff5cb66d9010

Le tende arricciate

doppie-tende-arricciate-classiche-colore-contrasto-gani-tende-blog

E’ il modello più diffuso ed amato, elegante, facile da installare. Si adatta in diversi ambienti della casa, in soggiorno, in camera da letto, in cucina. Possono essere montate  su binari, che verranno nascosti completamenete dal telo della tenda, oppure con bastone che contribuisce al design, con il materiale (ferro, legno, ottone) e con il colore. La tenda arricciata permette di far filtrare la luce e ciò è determinato dal tessuto scelto, per esempio il lino, la seta, l’organza sono tessuti leggeri. L’abbinamento di tende pesanti e leggere è possibile con il doppio bastone, accostando in maniera creativa tessuti e colori differenti, sovrapponendo più teli.

Le tende a pannello

tende-a-pannello-sintesi-tende-orbasssano

Le tende a pannello si stanno diffondendo negli ultimi anni, sono perfette in ambienti dal design moderno e minimale. Si tratta di un sistema di pannelli in tessuto più o meno leggero, irrigiditi con delle stecche alle esteremità, che scorrono un un sistema a binari. Si tratta di tende che vengono utilizzate anche come elemento di separazione tra gli ambienti, oppure per schermare l’ingresso ad un ripostiglio o alla cabina armadio. In commercio si possono trovare tende a pannello di vari colori e tessuti, sicuramente i migliori fornitori sono i paesi nord europei. Anche i binari vengono prodotti in diversi materiali e colori, i più chic sono quelli cromati.

Le tende a pacchetto

soggiorno-con-tende-pacchetto-2

Per ultime le mie preferite, le tende a pacchetto. Le adoro perchè sono funzionali, semplici ed eleganti allo stesso tempo, facili da smontare e lavare. Proprio per questo aspetto vengono utilizzare come elemento di arredo in cucina, bagno ma anche nelle camerette e nelle camere da letto. E’ possibile acquistarle in diversi tessuti e fantasie, per questo possiamo adattarle perfettamente anche ad ambienti più eleganti come il soggiorno.

Il secondo passo importante per scegliere le tende dela casa è la scelta del colore e del tessuto. Ovviamente un fattore da tenere in considerazione è la luminosità e la tipologia di stanza. Infatti alcuni tessuti, più pesanti, sono più adatti nelle zone notte, dove è necessario mantenere più privacy e schermare maggiormente la luce. I colori andranno scelti in base agli arredi ma in generale consiglio tinte chiare o la gamma dei blu per la zona notte.

In sala ed in cucina è meglio optare per tessuti filtranti, che aiutino il passaggio della luce. Il colore perfetto anche in questo caso dipenderà dagli arredi e dallo stile, in generale va bene il bianco, il crema ed il giallo. Se la tenda dovrà anche essere oscurante meglio optare per tonalità fredde, quindi perfetti blu, grigi, tortora.La cucina è l’ambiente più semplice ed anche quello dove poter dar sfogo alla propria fantasia, poichè si possono adattare perfettamente svariate geometrie, disegni e colori che rendono vivace e fresco l’ambiente.

Spero che questa piccola guida vi abbia chiarito un pò le idee su come scegliere le tende per la casa!

fonti:

http://www.mottura.com

http://www.ganitende.com

http://www.sintesitende.it

http://www.zagaratendaggi.it

 

 

18 Ottobre 2017 / / Dettagli Home Decor

l'iconica lampada Zettel'z 5 di Ingo Mauer

Il designer Ingo Maurer ha deciso di festeggiare questo importante anniversario proponendo l’iconica lampada con un 20% di sconto fino al 31 dicembre 2017, salvo esaurimento scorte. Occasione giusta per uno speciale dono di Natale!

Zettel’z 5 è senza dubbio una delle lampade più conosciute di Ingo Maurer, che invita l’utente a usare la propria creatività. I fogli possono essere disposti a piacere, inoltre, i fogli bianchi in dotazione possono essere utilizzati a proprio piacimento per schizzi o messaggi personali.


l'iconica lampada Zettel'z 5 di Ingo Mauer

Zettel’z 5 viene fornita con 31 foglietti prestampati e 49 foglietti bianchi delle dimensioni DIN A5. La carta giapponese è molto sottile e traslucente. Due lampadine generano un’ottima luce molto piacevole. Prendetevi il tempo necessario per disporre le aste e selezionare i foglietti! Una bella Zettel’z richiede tempo e tanta creatività!

Un set di foglietti di 80 foglietti è disponibile su ordinazione e può essere usato per creare versioni uniche e personalizzate della lampada.

l'iconica lampada Zettel'z 5 di Ingo Mauer

Per maggiori informazioni e acquistare la tua lampada Zettel’z 5 usufruendo di questa interessante promozione vai su www.ingo-mauer.com/it/

18 Ottobre 2017 / / Decor

Ed eccomi nuovamente ad affrontare questo tema…avevo già scritto un post dove descrivevo i materiali delle varie carte da parati, dove era meglio inserirle, come inserirle, parlando anche delle fantasie ( se volete potete cliccare sul link), ma ultimamente una vocina dentro, mi dice che forse per rendere più accogliente il mio sottomarino, dovrei scegliere una carta da mettere in sala o ancora meglio in cucina; il fatto che si vive in queste zone dove il terremoto è di casa, ormai siamo entrati nell’ordine delle idee che bisogna mettere sulle pareti meno cose possibili, quindi pochi quadri, poche mensole con pochi oggetti sopra, ma così facendo le case risultano prive di personalità e spoglie. 

E allora vediamole insieme queste meravigliose carte, così magari mi aiutate a sceglierne una 😅; le dividerò per temi cercando di essere ancor più precisa ed esauriente del primo post.

Per eterni romantici, ma anche per chi ama la natura e vuole circondarsi di piante e fiori anche dentro la propria casa, per chi adora lo stile barocco, pop o l’art nouveau, consiglio questo tipo di fantasia potendo realizzare ambienti veramente magici.


ed ovviamente la designer di questa meraviglia non poteva che essere lei…se avete letto l’altro post, avrete sicuramente capito che parlo di ORLA KIELY, motivo floreale degli anni ’60 color giallo miele, ma vediamone altre con questa fantasia.

Questo tipo di carta piena di forme astratte, e colori decisi, trova la sua origine nell’Op Art (Optical Art) , movimento artistico nato negli anni ’60 e fondato da Victor Vasarely che con il suo motivo “Tri Vega” ha ispirato i designer di queste meravigliose carte. Le pareti trattate in questo modo catturano lo sguardo, cambiando a volte anche la percezione della stanza.


Carte degli anni ’70, gli anni del movimento hippy, del post-Woodstock, gli anni delle ribellioni, delle conquiste, gli anni in cui tutto stava cambiando. Le case rispettano la filosofia di quel periodo, in linea con le idee ecologiste e di conservazione dell’ambiente, materiali come il legno, il vimini o le pelli sintetiche, sostituiscono la plastica e anche le carte da parati, di colori accesi, con disegni geometrici e surreali rispettano quel nuovo modo di vivere. Viste mille volte in case dei telefilm di quegli anni tipo Happy Days 😁



i colori più usati erano l’arancione, il giallo senape, il marrone, il lilla, il rosa, il viola, e il beige, come dimostrano anche queste fotografie, colori ispirati alla natura, come appunto i toni color terra che riflettono questa ricerca di pace, e l’incontro con le diverse radici.

Sono le più divertenti e fantasiose, ci si possono rivestire le pareti di intere camerette o giocare a inserirle per creare finte boiserie o singole testate. Ce ne sono per tutte le età, dai piccini agli adolescenti. Magari si è restii a mettere le carte da parati per paura di stancarsi, e rimuoverle pare un problema insormontabile, in realtà basta bagnare in abbondanza tutti gli strati e toglierla utilizzando una spatola.

se volete dare un’occhiata alle mille carte in commercio vi consiglio questo sito cartadaparatideglianni70, io qui ho trovato tantissime ispirazioni ( e fotografie 😁) 
Ed ora vi svelo quale tipo di carta ho pensato per casa mia… si tratta di un modello floreale,  e nello stesso tempo geometrico, proprio come sono io: razionale ( deformazione professionale)  e naturale… infatti se dipendesse totalmente da me, trasformerei il mio sottomarino in una giungla 😅mettendo piante ovunque, sono indecisa ma le mie preferite sono queste:

Non dirò nulla sulla designer, tanto avete capito chi è 😄 ma anche quest’altra molto più vintage non è niente male.


ok si accettano suggerimenti! 
buon proseguimento di giornata e vi lascio con un po’ di musica anni ’70 
-Led Zeppelin- Black Dog-

sottotitolo del video: voglio la giacchetta di Jimmy Page! 😄




18 Ottobre 2017 / / Idee

Questa settimana vi proponiamo una palette di colori creativa e inusuale: il 
verde petrolio, colore di punta della stagione autunno inverno 2017/2018 é 
facilmente abbinabile a colori come il giallo acido, il corallo e il fucsia. 
Contrasti cromatici decisi e coraggiosi, tonalità profonde e intense, ideali 
per case avvolgenti e dalla forte personalità. 

pinterest.com /glamourushousewife
www.cecilehalleydesfontaines.fr
www.architecturaldigest.com
pinterest.com

desiretoinspire.net
www.etsy.com
pinterest.com
apartmenttherapy.com

pinterest.com
2/3 sofa.com
archiproducts.com

18 Ottobre 2017 / / Idee

Giornate calde che invogliano a passeggiare nei boschi  per ammirare il 
foliage d’autunno e le sfumature più classiche della stagione: ruggine, 
senape e  malva. Colori e luci soft, voglia di relax e di ispirararsi 
come sempre alla natura.

www.coolchicstylefashion.com
delta-breezes.tumblr.com
www.tumbrl.com autumn leaves
matteobianchessiphotographer.tumblr.com

ljo-s.blogspot.com
pinterest.com
oldmansea.tumblr.com
pinterest.com

pinterest.com
pratos-e-travessas.blogspot.pt
pinterest.com
fancitaste.tumblr.com

18 Ottobre 2017 / / Idee

Un biglietto d’auguri è sempre gradito, che si tratti di accompagnare un regalo o un semplice omaggio poco importa.

Purtroppo però spesso chi li utilizza tende a non avere idee originali e quindi sfrutta le classiche frasi già prestampate al loro interno, limitandosi a firmare con il proprio nome. Perché un biglietto d’auguri diventi un regalo vero e proprio, difficile da dimenticare, è importante metterci un poco più di impegno.

Cosa scrivere in un biglietto d’auguri

È capitato a tutti: ci si trova all’ultimo minuto a comprare il biglietto d’auguri e lo si firma velocemente, perché non ci viene in mente nulla di originale. Un segreto da sfruttare in queste situazioni consiste nel pensare intensamente alla persona a cui doneremo il biglietto. Se ci ricordiamo un momento trascorso con questa persona, una sua passione, un hobby, siamo a cavallo. Potremo infatti inserire una frase che parli proprio di queste cose, in modo da farle capire che il biglietto è stato scritto con il cuore e pensando a lei. Se all’interno del biglietto è già presente una frase simpatica, possiamo aggiungere una riga, approfittando dell’ispirazione data dal biglietto stesso. Se proprio siamo in crisi e non abbiamo veramente alcuna idea originale allora possiamo approfittare delle frasi che si possono trovare sui siti internet dedicati a questo argomento. Certo, non è il massimo dell’originalità, ma di certo è molto meglio rispetto a limitarsi a firmare il biglietto, senza aggiungere altro. Ricordiamoci anche che nel caso in cui il biglietto sia di accompagnamento ad un regalo fatto “a più mani” tutti i mittenti dovranno firmare, nessuno escluso.

Biglietti personalizzati

Una buona idea sta nell’acquistare dei biglietti totalmente personalizzati, magari con fotografie che ritraggono il festeggiato, o tratte dalle vacanze o da giornate trascorse con gli amici. Una bella fotografia ci evita di dover scrivere una frase carina e simpatica: in questo caso potremo approfittare delle classiche frasi fatte, perché già la “copertina” del biglietto è originale. Certo, resta la questione della scelta della foto, che deve avere un certo significato. Possiamo preparare biglietti personalizzati con una fotografia evocativa sia per gli auguri di Natale, magari scegliendo un’immagine di una montagna innevata, sia per altre occasioni. Ad esempio per il compleanno di un amico possiamo preparare un biglietto con una foto che abbiamo scattato a  sua insaputa, che lo ritrae sorridente, o in una particolare occasione. Questo tipo di biglietti si possono anche sfruttare per occasioni di altro genere, ad esempio per gli inviti a un battesimo o a una festa di compleanno.

I biglietti d’auguri: come scegliere quello giusto personalizzato con foto cewe

Come preparare i biglietti di auguri con fotografia

Perché i biglietti di auguri personalizzati siano di buona qualità è importate che non siano totalmente autoprodotti, soprattutto nel caso in cui si tratti di materiale che utilizzeremo per un invito, ad esempio per il battesimo di nostro figlio. In queste situazioni è consigliabile rivolgersi a professionisti del settore, come ad esempio Cewe, un’azienda specializzata nella produzione di biglietti personalizzati di ogni tipo, con fotografie di alta qualità, durevoli nel tempo. In questo modo avremo la certezza di consegnare ad amici e  parenti non un semplice biglietto, ma un ricordo che li accompagnerà negli anni.

The post I biglietti d’auguri: come scegliere quello giusto appeared first on La gatta sul tetto.

18 Ottobre 2017 / / Le Cose Semplici

Ottobre e Novembre sono i mesi per antonomasia più autunnali !

9f8ecb602c89ed5df8811d7e730014aa.jpg

Anche se questo tempo pazzerello ci sta regalando giornate bellissime,da ottobrata romana, siamo pur sempre nel mese dei colori aranciati, delle pigne, castagne e zucche!

727fb58efda0af7a4b76290c668b87f1

5403089fc28f9d45fdd9a833ef779567

807206d24c847717f5db9024c51cd59e

Non so voi ma a me piace stravolgere un po’ casa di stagione in stagione decorandola a tema, creando delle mise en place ah hoc.

8e93138cacc147e01d032ab1f8e1f9dd

5b8e5288f2b47cf1cef61bb86537e30b

fall-mantle-2-683x1024

Come vi dicevo in casa non possono di certo mancare elementi come zucche, castagne, pigne, foglie secche ma anche coordinati arancio, giallo ocra e rosso mattone.

b73bbb52ef47d76e28332f67422f6a43

cd5c07438ccea670ae307883cbed7df6

8b4b17b37e7bc49e691a5b8e4ec26916

bee83f3e05f5b6adfba1357504750d19

0540257638fdea1b9bb193ddfd591b19

E poi eriche, ciclamini , crisantemi e dalie.

d537b65538bd831d02aa3c24916f2c65

c46e034e3e2dbb47132bea5d2d4d3b8f

Libri ambientati nelle fredde stagioni, candele dalle profumazioni speziate e un buon tè sono il giusto modo per calarsi nella stagione autunnale.

e72e8c27e87ec07a2e1d7caa98505a9d

df9b6d69b83e0d31eeff40193a227409

dc9e968b54a835ce701fff67631072f1

Su Pinterest si trovano tantissime ispirazioni, queste sono le mie preferite.

E buon autunno a tutti!

 

L’articolo Una casa autunnale. proviene da le cose semplici.

18 Ottobre 2017 / / Dettagli Home Decor

Lasciati ispirare dal fascino delle pareti di mattoni a vista in cucina

Terracotta, bianchi, neri o grigi, i mattoni a vista si adattano a diversi stili e sono perfetti per decorare ogni ambiente della casa. Lasciati ispirare dal fascino delle pareti di mattoni a vista in cucina.

Una parete di mattoni a vista regala all’ambiente un effetto rustico, industriale e chic. Per dare maggiore carattere e personalità alla cucina si può mantenere a vista una sola parete di mattoni, parte di essa oppure tutte.

A seconda dello stile dell’arredamento, i mattoni possono essere lasciati nel tradizionale  color terracotta oppure pitturati di bianco, grigio, nero, insomma del colore che meglio si adatta all’interno, ma sempre mantenendo la superficie irregolare che li caratterizza.

Se avete deciso di rimuovere l’intonaco dalle pareti, ricordate che non occorre ripulire alla perfezione l’intera parete. Se desiderate dare alla cucina un look industriale, potete infatti lasciare a vista solo alcune porzioni di mattoni, alternandoli a parti intonacate, così facendo l’effetto sarà d’impatto.
Qualche idea? Ecco per voi le immagini di fantastiche cucine tutte caratterizzate da pareti di mattoni a vista.
Lasciati ispirare dal fascino delle pareti di mattoni a vista in cucina
Lasciati ispirare dal fascino delle pareti di mattoni a vista in cucina
Lasciati ispirare dal fascino delle pareti di mattoni a vista in cucina
Lasciati ispirare dal fascino delle pareti di mattoni a vista in cucina
Lasciati ispirare dal fascino delle pareti di mattoni a vista in cucina
Lasciati ispirare dal fascino delle pareti di mattoni a vista in cucina
Lasciati ispirare dal fascino delle pareti di mattoni a vista in cucina
Lasciati ispirare dal fascino delle pareti di mattoni a vista in cucina
Lasciati ispirare dal fascino delle pareti di mattoni a vista in cucina
immagini via Pinterest