24 Ottobre 2017 / / Idee

La ricerca della nostra tanto sognata Casetta Paz da comprare, purtroppo per ora, si è dovuta arrestare ma siccome nel frattempo, per almeno due case a cui eravamo interessati, avevo già preparato progetti quasi esecutivi di ristrutturazione (a volte avere la mente affollata di immagini Pinterest può aiutare eccome 😉 credetemi), ho avuto modo di portarmi avanti con una bella dose di lavoro.
Soprattutto ho potuto fare una selezione incredibile delle cose che la mia casa dei sogni D E V E imprescindibilmente avere stanza per stanza.

Oggi quindi vi mostro, presa direttamente dalla cartella dedicata ai nostri Interiors dreams, la Moodboard del progetto Bagno, dove troverete tutte le scelte stilistiche e cromatiche che il mio (spero non troppo lontano nel tempo) Bagno avrà. 
Prima fra tutte un’ atmosfera retrò ed accogliente, dove si possa percepire subito la possibilità di rallentare e dedicarsi qualche minuto di esclusiva attenzione. Vasca da bagno in cima alla lista per godersi un vero momento di relax (non potete immaginare come soffro il fatto di non averla avendo vissuto da sempre in case dove c’è sempre stata) e piastrelle cangianti come tocco decor per rendere funzionale la pulizia senza tralasciare l’estetica ;-).
Il tutto ovviamente arricchito da elementi in legno artigianale e piante ovunque per portare un po’ di Giardino anche in questo angolo di Casa.

Io sogno senza sosta il momento in cui potrò rinchiudermi indisturbata in un Bagno così, e voi invece cosa ne pensate? Vi piace questa piccola anteprima di progetto?

p.s. Se invece siete alla ricerca di altre ispirazioni tutte dedicate al Bagno perfetto c’è sempre la mia cartella pinterest che vi aspetta. Enjoy it!!!

Photo via TALA Lights

Photo links 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8.
Photo via SANTA CLARA 1728


24 Ottobre 2017 / / Design

divani e divani letto dalla qualità made in italy

Autunno e inverno sono le stagioni ideali per godersi la propria casa, quale migliore occasione per rinnovare i nostri interni?

Dall’arredamento, ai complementi, fino agli oggetti decorativi, le nuove tendenze ci portano a sperimentare contaminazioni di classico e moderno, ma anche a stimolanti commistioni di stili per dar vita ad ambienti originali e personali.

Lo spazio living, in particolare il divano, è il luogo dove coccolarsi, rilassarsi e trascorrere il tempo in compagnia: quindi via libera a divani ampi, avvolgenti e rivestiti con morbidi tessuti, come il velluto, il tutto anche arricchito con motivi di ispirazione art déco, dettagli personali e carichi di stile, senza tralasciare materiali di qualità, funzionalità e qualche nota botanica.

Milano Bedding propone divani e divani letto attenti alle ultime tendenze d’arredo, coniugando forma e innovazione, per offrire un prodotto espressione della qualità del Made in Italy.

Grazie inoltre all’artigianalità della produzione, che avviene all’interno dello stabilimento in Brianza, la possibilità di creare un modello totalmente personale è garantita non solo dalla vastissima scelta di tessuti, ma anche dalle dimensioni e le finiture, tante possibilità di scelta per arrivare al divano che sia realmente adatto alle esigenze di ciascuno.

Seguendo quindi le tendenze del momento, vi segnaliamo i seguenti divani e divani letto: 
Douglas e Garrison, di Elena Viganò, e Jeremie, design Eric Berthes, caratterizzati da dettagli art déco. 
divano Douglas
divano Garrison
divano Jeremie

Joe, di Alessandro Elli, componibile e ricco di accessori 
divano Joe

e, infine, i modelli Groove, Retrohs e Parker, anch’esso ideato da Alessandro Elli, caratterizzati da linee morbide ed accoglienti.
divano Groove
divano Retrohs
divano Parker

Per maggiori informazioni visita www.milanobedding.it


24 Ottobre 2017 / / Decor

Di modi con cui usare l’autunno a nostro vantaggio per decorare ne abbiamo visti parecchi. Che ne dite di un po’ di decorazioni fai-da-te per concludere in bellezza il mese? 

……….

Ormai di come usare a vostro favore i frutti e i segreti dell’autunno, dovreste sapere tutto. Abbiamo parlato di come usare foglie e colori autunnali in casa, delle carte da parati a tema autunnale e di alcune idee per stivare la legna per il camino.

Insomma non ci siamo fatti mancare nulla. O quasi. Quasi perché se siete amanti del fai-da-te avrete sentito la mancanza dei progettini solleva umore per arredare casa.

Ho trovato in giro alcune idee davvero semplici ed economiche che sono perfette da realizzare, se siete a corto di tempo, soldi o tutt’e due come me.

DECORAZIONI FAI-DA-TE: DI OLI ESSENZIALI E QUADRI

Come vi dicevo, ho trovato tre tutorial irresistibili che volevo farvi vedere, anche perché penso proprio che qualcuno di questi lo farò anche io.

L’autunno è già inoltrato e le ore che trascorriamo in casa sono aumentate. Così come le cene e gli aperitivi in casa con amici e parenti. Pensateci un po’: qual è la sensazione peggiore che potete avere quando siete in casa o entrate in case altrui?

L’odore cattivo.  L’odore delle case spesso non è così favoloso. Magari l’aria viziata, l’odore del cibo cucinato o l’odore dei riscaldamenti fermi da un po’, creano un quadretto tutt’altro che idilliaco.

Questo problema è facilmente risolvibile grazie all’utilizzo degli oli essenziali. Ma non uno solo: bensì un blend di profumi, quasi a voler creare la fragranza perfetta. Mischiate insieme più aromi autunnali di fiori, frutti e spezie e sprigionatelo per casa.

Avrete una sensazione piacevolissima di fragranze autunnali, che vi aiuteranno a rilassarvi o a ritrovare le energie.

decorazioni fai-da-te

Mischiate 3 o 4 gocce di questi elementi qui sopra e versateli negli umidificatori per i caloriferi o nei bruciatori di essenze. Risultato garantito.

Oltre ai profumi, l’autunno è una stagione generosa di regali. Girando per parchi e strade alberate, è facilissimo trovare e raccogliere foglie e frutti di tutte le fogge. Portate a casa rami e foglie di diverse forme e colori e componeteli in quadri da esporre in casa.

Potete metterli su fondi bianchi o neri ma se tenete il fondo trasparente, il risultato è a dir poco romantico. Potete trovare due fogli di plastica rigida all’interno del quale disporre i vostri trofei. Vi assicuro che appesi alla parete avranno il loro perché.

decorazionni fai-da-te

Photo credits: www.decor8blog.com

E finiamo con le candele. Non è autunno senza le candele. Non si tratta di un tutorial in cui cominciare dalla paraffina, per arrivare alla candela finita. Molto più semplice. Bastano delle candele bianche già fatte e delle foglie finte.

Munitevi di candele bianche cilindriche, di tutte le forme. Appoggiate su ogni candela una foglia finta e legate attorno alla candela un nastro di spago.

Mettendo insieme 3 o 4 candele di varie forme e dimensioni su un vassoio, avrete ottenuto anche un bellissimo centrotavola.

Ve l’avevo detto che erano tutorial a budget ridotto: non ci sono scuse, non vi resta che cominciare.

decorazioni fai-da-te

www.thatswhatchesaid.net24

L’articolo Tre tutorial a budget limitato e super veloci per decorare in autunno sembra essere il primo su VHD.

24 Ottobre 2017 / / Easy Relooking

READ IN ENGLISH

Che cos’è l’Hoxton Hotel a Parigi

L’Hoxton Hotel a Parigi viene definito il più importante Boutique Hotel a Parigi e uno dei migliori Design Hotel in tutto il mondo. Si tratta della sede più rilevante del gruppo Hoxton ed è famosa non soltanto per la bellezza dei suoi interni e dell’arredamento, ma anche per la stessa posizione dell’edificio. Infatti è situato proprio nel 2° arrondissement, a pochi passi da ristoranti come Bambou e Frenchie e da tutti i grandi magazzini. Fin dal primo momento si capisce come questo hotel adotti uno stile molto vivace e raffinato, avvolgente e in grado di unire perfettamente design, funzionalità e bellezza estetica.

Ne è un esempio concreto l’hall, preziosamente decorata con la collaborazione di Soho House e pensata per far sentire gli ospiti come se fossero a casa propria.

L’atmosfera di questo Design Hotel

L’atmosfera del Design Hotel realizzato dalla Hoxton è davvero fantastica: l’albergo è ospitato all’interno di un edificio settecentesco di cinque piani e dispone di 172 camere. Le suite all’ultimo piano possono usufruire di una splendida vista direttamente sulla Torre Eiffel. La struttura stessa del palazzo è particolarmente affascinante in quanto era la dimora cittadina di Etienne Rivié, consigliere di Luigi XV, ed è stata costruita dal famoso architetto Nicolas d’Orbay.

Hoxton_Hotel Paris

L’impostazione dell’edificio e le sue caratteristiche sono state mantenute con cura, così da poter alloggiare in uno dei più begli esempi di architettura Rococò. Non per nulla l’edificio è stato dichiarato monumento storico dal governo francese. Particolarmente degni di nota sono la facciata decorata e i due pittoreschi cortili. Anche all’interni si respira un’atmosfera di prestigio che viene data soltanto dalla memoria storica palpabile: sia nel bar che nella hall dominano grandi scale a spirale risalenti al Settecento. Nel bar si può anche ammirare un magnifico mosaico.

Per rendere il contesto ancora più confortevole l’arredamento del ristorante risulta una piacevole commistione di classico e moderno, basato su divani in pelle e sedie in legno. Invece il cocktail bar viene reso particolarmente accogliente dai morbidi pouf e dalla carta da parati floreale verde alle pareti.

Le camere e lo stile d’arredo

L’Hoxton Paris mette a disposizione degli ospiti quattro tipologie di camere: si tratta delle categorie Shoebox, Cosy, Roomy e Biggy. Tutte le stanze sono studiate per essere particolarmente confortevoli e sono dotate di grandi finestre. Lo stile d’arredo è moderno, basato su colori caldi e avvolgenti che donano una sensazione di accoglienza e benessere.

Weekend mode: enabled (ph: @manmeetsfashion) #TheHoxtonParis

Un post condiviso da The Hoxton (@thehoxtonhotel) in data: 29 Set 2017 alle ore 13:13 PDT

Inoltre sono state adottate precise scelte stilistiche di sicuro impatto estetico, come quella di installare in tutte le camere parquet in prezioso legno di quercia con posa ungherese. Ogni stanza è dotata di un bagno urbano privato, abbellito da tocchi raffinati, ad esempio la rubinetteria color rame e gli splendidi rivestimenti in piastrelle di ceramica. Le camere da letto del quarto piano sfoggiano travi di legno esposte a vista che risalgono al XVIII secolo. La progettazione e la decorazione degli interni è stata realizzata dallo studio di design Humbert&Poyet sotto la supervisione dello studio creativo di Ennismore. Per rendere omaggio alla memoria storica del palazzo si sono istallati a parete pannelli in legno e cornici decorative. Al tempo stesso si è inserito un tocco di sapore locale utilizzando arredi realizzati dai più amati designer francesi.

Per me è un’atmosfera adorabile, non credi? Ed è disponibile anche su Booking!

 

L’articolo Hotel di Design: Hoxton Hotel a Parigi proviene da easyrelooking.

24 Ottobre 2017 / / Idee

Le nostre case diventano sempre più piccole ma le nostre esigenze sempre più grandi e ricercate. L’istallazione di varie tecnologie ed elettrodomestici può diventare alquanto invadente e difficile da armonizzare al resto del nostro arredamento. Con un po’ di fantasia, però, è possibile trasformare questo inconveniente in un’esperienza piacevole e costruttiva. Anche se lo spazio non ci manca, potremmo comunque avere la necessità di mimetizzare gli elettrodomestici e i vari accessori tecnologici.

Inizialmente, le strade sono due: cercare una caldaia o uno scaldabagno già piccoli e facilmente “nascondibili” come potrebbe essere questo scaldabagno sottolavello; oppure informarsi e scendere a compromessi trovando delle soluzioni alternative per mimetizzarli.

Parleremo qui di vari modi ingegnosi su come possiamo nascondere la nostra caldaia ottimizzando gli spazi e creando un ambiente più omogeneo e piacevole.

nascaondere la caldaia

Andris RS è lo scaldacqua elettrico compatto di Ariston conforme alla nuova normativa ErP

nascaondere la caldaia nascaondere la caldaia nascaondere la caldaia

Cartongesso

Questa soluzione potrebbe sembrare la più impegnativa, ma probabilmente la più comoda e versatile. Con il cartongesso si può non solo nascondere la caldaia, ma fare di più, costruire un intero piccolo ripostiglio per tutti quegli oggetti antiestetici ma tanto utili per la nostra casa. Se lo spazio non ce lo permette, possiamo costruire anche solo una parete divisoria dietro la quale si troverà la caldaia. Questa opzione è abbastanza economica e non richiede grandi cambiamenti strutturali, inoltre la nuova parete potrà essere usata come supporto per  mensole, luci particolari o semplicemente quadri.

nascaondere la caldaia

nascaondere la caldaia nascaondere la caldaia

nascaondere la caldaia nascaondere la caldaia

Credenze e armadietti

Uno dei metodi classici per nascondere uno scaldabagno o una caldaia è di installarli direttamente in uno scompartimento di una credenza. Questo metodo forse è quello che richiede meno impegno e meno risorse, ma può anche privarci di uno spazio consistente della nostra cucina o bagno, per questo non è sempre il più comune. Un modo per recuperare parte di questo spazio potrebbe essere quello di installare delle piccole mensole intorno alla caldaia o dei ganci sull’anta. Così possiamo trovare lo spazio perfetto per gli oggetti che magari usiamo meno, come attrezzi, detersivi, ombrelli ecc.

Se invece la nostra caldaia è stata già installata e abbiamo l’esigenza di nasconderla, possiamo costruirne intorno un armadietto su misura. Certo è che il fai da te non è da tutti, ma, con un po’ di volontà, di ingegno e magari anche un po’ di aiuto, lo si può facilmente costruire.

Se si ha la possibilità di ordinarlo su misura ancora meglio. Una volta presa questa strada ci si può sbizzarrire in mille modi.

Si può scegliere di creare più scompartimenti, creando così nuovi spazzi. Si può scegliere di accumulare e incastrare tutti gli elettrodomestici nello stesso mobile, in un punto meno utilizzato della casa, come angoli, ripostigli, terrazzi ecc.

Si possono riempire così gli angoli inutilizzati della casa, come il punto di incontro di una cucina ad angolo, oppure sotto il bancone di una cucina a isola, un’estremità di un corridoio, che non potremmo comunque utilizzare per altri scopi. Ci sono tantissimi tipi di armadi che si possono adattare a  questo tipo di situazioni, un occhio pratico ed esperto saprà consigliare e creare il mobile perfetto. nascaondere la caldaia nascaondere la caldaia nascaondere la caldaia nascaondere la caldaia

nascaondere la caldaia

Lavagna

Se invece il vostro scaldabagno o caldaia sono posizionati in cucina, un modo molto simpatico per nasconderli potrebbe essere una lavagna. Per fare questo abbiamo bisogno comunque di costruirgli intorno un armadietto, ma questa volta, invece dell’anta, possiamo installare una lavagna. Anche qui possiamo scegliere noi i colori, la grandezza e lo stile. Una soluzione del genere non solo recupera spazio, ma può anche facilitare la nostra organizzazione giornaliera. Un messaggio carino,  disegnato su una lavagna, per uno dei nostri famigliari, oltre che essere un upgrade dei post-it sul frigorifero, può essere anche più divertente e fantasioso.

Arte

Un altro modo per nascondere un armadio contenente i nostri elettrodomestici, per esempio in un corridoio, come suggerivo prima , è di appenderne un quadro. Usare quindi l’intera anta del mobiletto come superfice per il quadro, oppure, se l’armadio è neutro e a tutta altezza, coprite solo lo spazio che più vi aggrada.

nascaondere la caldaia

nascaondere la caldaia nascaondere la caldaia

Tende

In alcuni casi una buona soluzione potrebbe essere una tenda. Anche qui possiamo giocare con i colori, la lunghezza, il tipo di tessuto. In genere consiglierei un tessuto più pesante e non trasparente, in quanto è meglio nascondere completamente l’elettrodomestico e non rischiare di svelarlo con una ventata d’aria. Un punto positivo delle tende è la morbidezza e l’atmosfera che possono regalare alla nostra casa. Un bel tessuto dal colore adatto, accompagnato da ganci e accessori in armonia con il resto del nostro arredamento, può dare quel tocco in più che trasformerà il nascondiglio in un punto di forza.

nascaondere la caldaia

nascaondere la caldaia nascaondere la caldaia

nascaondere la caldaia

Separé e divisori

In mancanza di risorse o spazio, una soluzione che richiede molto meno tempo potrebbe essere l’utilizzo di un separé. Se ne trovano di tutte le misure e colori e può essere un’occasione anche questa per mettere a frutto la propria fantasia. Con pochi accorgimenti possiamo colorarli o creare un bel collage della nostra opera d’arte preferita, di un pattern particolare, o semplicemente con il colore dominante della nostra casa. Un punto molto positivo è la versatilità di questo oggetto, possiamo spostarlo o cambiarlo in qualsiasi momento.

nascaondere la caldaia nascaondere la caldaia nascaondere la caldaia

Visto che il freddo sta arrivando, per fare questo genere di lavori è anche utile sapere quando accendere il riscaldamento. Potrete trovare qui la lista delle regioni con tutte le date.

Arredare una casa può diventare qualcosa di molto divertente e stimolante. Con un pizzico di fantasia si possono trovare soluzioni molto originali, che renderanno le nostre giornate più comode e piacevoli. Non avete paura di sperimentare e lasciatevi portare dalla vostra fantasia!

L’articolo 7 modi per nascondere la caldaia proviene da Architettura e design a Roma.

24 Ottobre 2017 / / Design

La casa del futuro sarà smart eco-sostenibile e hi-tech

Quante volte ci siamo immaginati le case del futuro, pensando ad appartamenti dal design innovativo, accessori da fantascienza e servizi automatizzati?

In realtà, per sapere come saranno le case in cui abiteremo nei prossimi anni, è sufficiente dare un’occhiata all’infografica Come saranno le case del futuro, ideata da MAM Ceramiche, azienda specializzata in rivestimenti per interni, pavimenti e arredo bagno. Le caratteristiche essenziali di una casa adatta alle sfide del futuro sono tre: l’innovazione nella scelta dei materiali per i rivestimenti, il basso impatto sull’ambiente, ottenuto grazie ad accorgimenti sui consumi e sull’impiego delle materie prime, infine lo sviluppo delle smart home, le case intelligenti che aiuteranno a vivere meglio evitando sprechi.

La tecnologia al servizio dell’ambiente, in casa

Una parte dell’infografica è dedicata alla domotica, ovvero alle tecnologie che migliorano la qualità della vita in casa; questi dispositivi sono già in commercio e rappresentano una sorta di anteprima delle case in cui abiteremo in un futuro prossimo. Gli interruttori intelligenti, ad esempio, permettono di gestire al meglio l’illuminazione e l’uso degli elettrodomestici, mentre lo smart bed consente di aumentare la qualità del riposo, tramite la regolazione della consistenza del materasso, il riscaldamento del letto e la rilevazione dei movimenti durante il sonno. Il frigorifero con assistente personale è uno degli elettrodomestici evoluti più sorprendenti, perché grazie al display LCD touchscreen e al sistema connesso in Wi-Fi è possibile cercare ricette online, interpellare l’assistente vocale Alexa di Amazon e controllare cosa c’è all’interno del frigo senza aprirlo, una grande comodità che aiuta a risparmiare energia elettrica. Il mercato delle cosiddette smart home sta crescendo anche in Italia: il valore complessivo ammonta, secondo i dati del 2016, a 185 milioni di euro, un aumento del 23% rispetto al 2015. Da questo dato si evince che gli investimenti in questo comparto son o destinati a crescere e sempre più appartamenti diventeranno smart nei prossimi anni.

L’eco-sostenibilità non è un optional

C’è un aspetto che non può più essere trascurato nella progettazione di una casa: l’impatto sull’ambiente, poiché ridurre l’inquinamento è una missione a cui tutti siamo chiamati a partecipare. L’infografica mostra una selezione di materiali ideati proprio per rivestire pareti, tetti o pavimenti e accomunati dalla lunga durabilità e dalla grande versatilità. Esistono pannelli in legno massiccio a strati incrociati chiamati X-LAM, perfetti per l’isolamento termico e per le doti antisismiche; si possono impiegare ceramiche riciclate, come le Ecotech, derivate dal riutilizzo di materiali di risulta e ottime per tutti gli ambienti; si può scegliere la bio-pietra Stone Veneer, composta da una resina di poliestere e una fibra di vetro, un materiale adatto soprattutto per cucine e bagni. Non è necessario attendere a lungo per vedere questo tipo di case, poiché molti di questi materiali innovativi sono Made In Italy e alcune soluzioni di interior design sono già applicabili in specifici contesti. Le smart home, in altre parole, saranno molto più comuni di quanto si pensi.

La casa del futuro sarà smart eco-sostenibile e hi-tech infografica

The post La casa del futuro sarà smart, eco-sostenibile e hi-tech appeared first on La gatta sul tetto.

24 Ottobre 2017 / / Decor

Scopri le novità H&M home 2017per un Natale magico

E’ arrivata la collezione di Natale di H&M home 2017, una carrellata di idee che vanno dal rosso tradizionale al verde, fino al raffinato bianco e oro.


Decorazioni, addobbi per l’albero e tantissimi accessori, dalle candele ai candelabri, ma anche vasi, cuscini d’arredo e plaid: H&M home ha pensato proprio a tutto per ricreare una calda e accogliente atmsfera di Natale dentro le nostre case.

Rosso tradizionale, verde o dorato: come decorerai la tua casa per un Natale magico?


Scopri le novità H&M home 2017 per un Natale magico
Scopri le novità H&M home 2017per un Natale magico
Scopri le novità H&M home 2017per un Natale magico
Scopri le novità H&M home 2017per un Natale magico
Scopri le novità H&M home 2017per un Natale magico
Scopri le novità H&M home 2017per un Natale magico
Per conoscere tutte le novità della collezione di Natale 2017 di  H&M home clicca qui

24 Ottobre 2017 / / ChiccaCasa

Scrivo dal divano, da sotto la copertina grigio scuro che mi accompagna da un po’ nella stesura dei post. Fuori diluvia e si è fatto sentire anche il primo freddo.
Sembra davvero che il clima autunnale abbia fatto la sua comparsa!

Quale momento migliore per un bel DIY di stagione?



Sentivo da un po’ il richiamo di questo progetto fai da te. Non vedevo l’ora di testarlo per verificare se il risultato era davvero affascinante come nelle foto che avevo trovato su Pinterest.

Si tratta dello sbiancamento delle pigne: un procedimento che porta a far sbiadire il tipico colore bruno facendole sembrare naturalmente decolorate.
Pitturarle di bianco è assolutamente diverso. Il candore delle pigne, dopo essere state trattate sembra del tutto spontaneo e non artefatto.
Puoi utilizzare le pigne per delle composizioni autunnali o delle ghirlande con cui decorare casa. Sono davvero molto scenografiche!

Ecco cosa ti occorre per sbiancare le pigne: pigne, olio, candeggina, un contenitore, un mattone, della carta di giornale e, se vuoi risparmiare tempo, anche un asciugacapelli.

Per prima cosa, lava bene le pigne. Usa dell’olio per eliminare eventuali gocce di resina, poi sciacqua ed asciuga
Una volta pulite le pigne, mettile nel contenitore. Versa lentamente la candeggina fino a coprirle del tutto.


Fai in modo che ogni pigna sia totalmente sommersa nella candeggina. 
Io le ho spinte giù appoggiando sulla superficie della candeggina un mattone e dei suoi frammenti. Puoi fare lo stesso anche tu, ma puoi anche coprire il contenitore con un piatto ed appoggiare su di esso un oggetto pesante.


Noterai che, immerse nella candeggina, alcune zone perderanno la loro tipica pigmentazione.
Trascorso un giorno, anche se il risultato non ti sembra essere soddisfacente, tira fuori le pigne e lasciale all’aperto, sulla carta di giornale per qualche ora.


 Il bianco apparirà in seguito, quando le pigne saranno tutte asciutte. Se vuoi accelerare i tempi, usa un asciugacapelli.

Voilà eccole, le tue nuove decorazioni tutte naturali.


Il bianco sporco che le veste ora è davvero poetico.

Non ti resta che scegliere come utilizzarle nell’allestimento di angolini decorativi domestici per celebrare questa stagione!

Progetto e foto di Federica Del Borrello
http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss