Detrazioni fiscali 2018: le novità

Il disegno di legge di bilancio 2018 iniziato il suo iter approvativo, vediamo quali sono le detrazioni possibili e quali le novità:

Bonus verde

Per il 2018 tutte le spese per la sistemazione a verde delle aree private di edifici esistenti, ovvero: la fornitura e messa a dimora di piante o arbusti, la riqualificazione di tappeti erbosi, il restauro e recupero del verde relativo ai giardini di interesse storico e artistico, la realizzazione di giardini pensili, le recinzioni, gli impianti di irrigazione, i pozzi, compresa la progettazione e la manutenzione connesse saranno incentivati con una detrazione fiscale del 36% fino ad un massimo di 5mila euro.
E’ interessnate notare che la detrazione sarà riconosciuta anche per gli interventi eseguiti sulle parti comuni di edifici condominiali, in questo caso il limite di spesa sarà di 5mila euro per unità immobiliare.

Ecobonus

E’ confermata la detrazione del 65% per gli interventi di riqualificazione energetica che riguardano l’involucro degli edifici, come per esempio l’isolamento a cappotto, ma rispetto agli anni passati, la detrazione fiscale scende al 50% per le spese di acquisto e posa in opera di finestre, schermature solari e sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione o a biomassa.
Ricordiamo che il bonus per gli interventi di riqualificazione energetica delle parti comuni degli edifici condominiali, incentivati con detrazioni dal 65% al 75% è stabilizzato fino alla fine del 2021

Attenzione, per quanto riguarda i pannelli solari, attenzione, c’è  differenza fra l’installazione di pannelli fotovoltaici e pannelli solari termici:
esistono infatti due tipologie d’impianto che utilizzano il sole come fonte energetica sostenibile
gli impianti fotovoltaici che trasformano direttamente la radiazione solare in energia elettrica,
e i pannelli solari termici che utilizzano l’energia termica del sole per riscaldare l’acqua da utilizzare per uso igienico sanitario o per il riscaldamento degli ambienti,
per qualche strano motivo i due impianti si detraggono in maniere diverse!

I pannelli fotovoltaici non rientrano nelle detrazioni per il miglioramento energetico ma in quelle per la ristrutturazione edilizia e sono quindi detriabili al 50%
I pannelli solari termici, invece, sono detribili al 65%

Cessione del credito d’imposta

Un’altra novità è che la cessione del credito di imposta corrispondente alla detrazione fiscale, finora applicabile non solo per i lavori sulle parti comuni degli edifici condominiali, sarà estesa agli interventi eseguiti sulle singole unità immobiliari. L’impresa o il fornitore che acquisirà il credito potrà a sua volta cederlo ad altri soggetti.

Fondo di garanzia per l’eco-prestito

La bozza prevede la creazione di un fondo per offrire garanzie a quanti intendano chiedere un prestito per pagare gli interventi di riqualificazione energetica del proprio immobile.
Il Fondo avrà una dotazione complessiva di 150 milioni di euro (50 milioni all’anno dal 2018 al 2020 ripartiti tra Ministero dell’Ambiente e Ministero dello Sviluppo Economico).

* post sponsorizzato *
_________________________
CAFElab | studio di architettura

Written by: