17 Gennaio 2018 / / Nook Twelve

The Lisboans Apartments  is a collection of 15 design apartments located in Lisbon, Portugal.

The Lisboans opened just 12 months ago in a restored 19th century canning factory in Baixa district. Conceptualised and designed by two former ad industry art directors Isaac and Tania, Marta – an architect, and Marisa – a lawyer.

The Lisboans Apartments - Portugal - Nook Twelve

Their design synchronicity makes these apartments the perfect home away from home. A sense of family is carried throughout the guest experience at The Lisboans. The team were determined to create a place with a strong sense of home, somewhere to share their passion and love for Lisbon. From the minute you arrive in the lobby – where the team have a small office, and where music is spinning on vinyl – you are made to feel instantly welcome. The young, creative, dynamic team is super fun, friendly and passionate about the city they call home.

The Lisboans Apartments - Portugal - Nook Twelve

Whether you’re seeking a short or long term stay, The Lisboans’ light-filled and self contained apartments make them a perfect choice. With endless thoughtful and carefully considered design touches throughout, their apartments are simple yet beautiful. Art has been sourced from all over the world. Furniture has been designed especially by the team and made locally in the north of Portugal. Antique Portuguese tiles (azulejos) line the floor of each bathroom, each a different colour and print. Handwoven blankets adorn each of the beds – each with a unique colourway and custom made in the oldest and most renowned wool factory in Portugal’s Alentejo region.

The Lisboans Apartments - Portugal - Nook Twelve

The best bit though? The breakfast bag that is left on your door each morning filled with a bottle of freshly squeezed orange juice and some fresh bread and pastries. There is already milk and butter and jam in the fridge, and granola in the pantry. Nothing has been forgotten here. Every single tiny detail here has been thought of.

The Lisboans Apartments - Portugal - Nook Twelve

And soon The Lisboans’ team will be opening their very own farm-to-table restaurant and grocery store next door. The boutique grocery store is filled with dark-wooded and green interiors, and an incredible green/white printed wallpaper from England. Sharing the same name, ‘Prado’ (meaning meadow), these two new additions will make The Lisboans one of the city’s hottest places to be right now.

The Lisboans Apartments - Portugal - Nook Twelve

The Lisboans Apartments - Portugal - Nook Twelve

The Lisboans Apartments - Portugal - Nook Twelve

The Lisboans Apartments - Portugal - Nook Twelve

Words Georgia Hopkins | Photography The Lisboans | For bookings click here

The post The Lisboans Apartments, Portugal appeared first on Nook Twelve.

17 Gennaio 2018 / / Decor

Cuscini per sedie in stile romantico

Oggi ho cominciato a riflettere su quali cuscini scegliere per le sedie della mia cucina neo country. Come modello ho scelto questo con il quale ho realizzato tempo fa dei cuscini per sedie in stile romantico per una cameretta da sogno!

La mia cucina sarà uno stile misto, infatti ho scelto una Cucina Country di Zappalorto, in particolare “Sogno di Oggi“, nei colori bianco e cappuccino (ma di questo vi parlerò più avanti). Queste delicate cromie di colori neutri mi permetteranno di giocare in futuro con dettagli in colori più decisi. Per iniziare ho deciso di utilizzare per i tessuti il total white, per ora quindi solo bianco, forse nocciola (ma non credo).

Cuscini per sedie in stile romantico

Cuscini per sedie in stile romantico

Cuscini per sedie in stile romantico per una casa da sogno

Questi cuscini per sedie in stile romantico sono stati realizzati tempo fa per una stanza di una bimba, ma il modello mi è piaciuto talmente tanto che l’ho riadattato per la mia cucina. I cuscini hanno una base di tessuto panama robusta in tinta unita e dei volant bianchi a cuoricini. I fiocchi sono stati realizzati con tessuto rosso che ha cuoricini bianchi stampati. Tutto è in cotone.

Questo modello andrà per la maggiore quest’anno, perché oltre che adattabile ad ogni stanza e ad ogni sedia è estremamente personalizzabile nei colori.

Cuscini romantici per la mia casa

Il total white mi è sempre piaciuto, ma nella mia casa questo tipo di arredamento non sarebbe stato l’ideale per via dei molti elementi rustici scuri. Ho optato quindi per l’utilizzo di tessuti tutti bianchi alternati a dettagli amovibili, in modo da poter cambiare in base al periodo e all’umore. Immaginate che belli i dettagli rossi a Natale e Azzurri a Pasqua! o ancora in giallo arancio in estate e grigio in inverno! Ma come sapete il calzolaio va sempre con le scarpe rotte… chissà quando finirò… ma il durante sarà fantastico!

Cuscino per sedie in stile romantico

Cuscino per sedie in stile romantico

Ora care amiche vi invito a guardare tutti i cambiamenti che realizzerò nella mia casa da sogno neo country!

Questo è solo uno scorcio, ma prometto che presto arriverà la visione d’insieme!

L’articolo Cuscini per sedie in stile romantico sembra essere il primo su Nell’Essenziale.

17 Gennaio 2018 / / Dettagli Home Decor

 Il tappeto è tra i complementi d’arredo più importanti

Il tappeto è tra i complementi d’arredo più importanti in quanto completa l’arredamento della casa donando comfort e stile all’ambiente. Ma come scegliere il tappeto giusto?


Tra i fattori da valutare, in fase di scelta del tappeto, sicuramente la superficie a disposizione, i colori con i quali dovrà essere abbinato, il budget e, naturalmente il proprio gusto personale.

In commercio si trovano diverse tipologie di tappeti, il cui costo e qualità dipendono principalmente dai materiali impiegati e dalla tecnica utilizzata per la realizzazione. Il tappeto più pregiato resta quello annodato a mano, il cui numero dei nodi determina il valore dello stesso. Proveniente da India, Iran, Pakistan e Turchia, è realizzato in lana 100%, ma anche cotone e seta. I tappeti confezionati a macchina sono molto resistenti ma di minor pregio, inoltre sono spesso realizzati con fibre sintetiche.

Ecco qualche consiglio per non commettere errori in fase di acquisto del vostro nuovo tappeto
Partiamo dall’ingresso, la zona di casa con maggior passaggio e per la quale si consiglia un tappeto resistente in grado di resistere all’usura. Per garantire la giusta stabilità consigliamo di applicare un supporto antiscivolo sotto il tappeto. 
tappeto per ingresso e corridoio

Per quanto riguarda le dimensioni tutto dipende dalla grandezza e forma dell’ingresso. Spesso l’ingresso è seguito da un corridoio per cui la soluzione più indicata è una passatoia lunga e stretta.
tappeto per il corridoio

Il living è l’ambiente della casa dove non può assolutamente mancare il tappeto, scelto per completare l’angolo relax che ospita divani e poltroneSe il tappeto viene posto davanti ai divani, la misura ideale è  di 160×220 cm ma per chi necessita di una dimensione maggiore può optare per la misura di 200×300 cm, posizionando il lato più lungo parallelo al divano. Se invece lo spazio a disposizione è piuttosto ridotto, meglio scegliere una dimensione più piccola, ad esempio 120×170 cm.
tappeto per la zona divani
tappeto per il living
tappeto per il living

Nel caso il vostro living sia concepito come un open space e suddiviso tra zona relax e sala da pranzo, la soluzione più indicata è quella di acquistare due tappeti. Non occorre scegliere due tappeti uguali, è sufficiente che siano simili nel formato e in armonia con lo stile. Per il tappeto che andrà sistemato sotto il tavolo da pranzo, ricordate che dovrà essere di almeno 60cm più grande rispetto alla dimensione del tavolo in modo da includere anche le sedie.

tappeti per living open space
tappeti per living open space

Naturalmente, qualsiasi sia l’ambiente, il tappeto va sempre scelto in base allo stile che caratterizza l’arredamento. Per una casa dal sapore classico meglio optare per tappeti a pelo raso, dal design sobrio e monocromatico, scegliendo una tonalità neutra.
Se invece l’interno è decisamente moderno, allora possiamo valutare l’acquisto di un tappeto più vivace, in tinta unita o fantasia, l’importante è scegliere dei colori che siano in sintonia con le tonalità già presenti nella stanza.

Nella scelta cromatica del tappeto è importante considerare anche il colore del pavimento, con il quale deve creare un piacevole connubio fra chiaro e scuro, e della luminosità dell’ambiente. Per gli spazi poco luminosi è sempre buona cosa scegliere un tappeto chiaro al fine di rendere meno cupa la stanza.
tappeto moderno

Per la camera da letto si può scegliere per il classico scendiletto, oppure un tappeto grande da posizionare in fondo al letto o in parte sotto di esso. 
tappeto camera da letto
tappeto camera da letto

Nella cameretta dei bambini il tappeto può assolvere la funzione di area giochi per i più piccoli e può essere scelto in diverse forme e colori. In questo caso un tappeto a pelo corto è la scelta più idonea in quanto più facile da mantenere sempre pulito. 
tappeto cameretta
tappeti colorati cameretta
tappeto cameretta

Per quanto riguarda invece la cucina e la stanza da bagno, il tappeto non ha solo una funzione estetica, bensì ci permette di proteggere il pavimento da graffi, acqua e macchie difficili da eliminare. In questo caso l’ideale è scegliere un tappeto di cotone, pratico e funzionale, da mettere in lavatrice ogni volta che occorre. Per quanto riguarda le dimensioni, dipende dallo spazio a disposizione, dalla forma della stanza e dalla disposizione dell’arredamento.
tappeto cucina

In cucina la posizione tradizionale del tappeto è sotto il lavabo e i fuochi. Se i due elementi sono vicini basterà inserire un solo tappeto, altrimenti sarà necessario prevederne due, in questo caso meglio se uguali nella dimensione e nel colore.

tappeto cucina

Nella stanza da bagno il tappeto va posizionato sotto il mobile con lavabo, un secondo dovrà essere collocato vicino alla doccia o vasca da bagno, in alcuni casi è sufficiente un solo tappeto al centro della stanza.
tappeto bagno
tappeto bagno


17 Gennaio 2018 / / Dettagli Home Decor

Yota è un sistema flessibile e personalizzabile

HI-MACS® è un solid surface di ultima generazione composto da minerali, materiali acrilici e pigmenti naturali. Armony Cucine, invece, è un’azienda italiana dinamica e versatile, che da oltre quarant’anni coniuga qualità, design e funzionalità per un programma generale di cucine dalle elevate qualità performanti

Dall’incontro tra le due realtà è nato Yota, un sistema flessibile e personalizzabile, pensato per arredare gli ambienti di matrice contemporanea. Yota è infatti la risposta concreta alle nuove tendenze che vedono uniti il soggiornoe la cucina in un solo grande ambiente, dove convivialità, relax e cibo ruotano attorno a pochi, sofisticati e funzionali elementi.

Yota ha forme minimali, ordinate, pulite, e finiture calde impreziosite dalle differenti essenze di legno.


Yota è un sistema flessibile e personalizzabile

Nella versione cucina, prevista con una zona lavoro su isola e una zona dispensa a colonne, Yota è proposta con top in HI-MACS®, che senza segni di giunzione alla vista e con un aspetto continuo e fluido, integra nella struttura principale anche un comodo tavolo per gli sgabelli. Abbinato agli altri materiali finemente lavorati, HI-MACS® crea un effetto visivo sorprendente, in grado di coniugare vintage e contemporaneo, vecchia e nuova generazione.

Yota è un sistema flessibile e personalizzabile

La sua superficie priva di pori, che impedisce a sporco e batteri di annidarsi, lo rende poi ideale per l’utilizzo in cucina, anche a diretto contatto con i cibi. Resistente e longevo, HI-MACS® ha poi la possibilità di essere termoformato per assumere qualunque forma e dimensione, garantendo la massima libertà creativa. Grazie alle proprietà di HI-MACS®, infine, la zona cottura e la zona lavaggio sono integrate perfettamente all’interno del piano, senza giunzioni che permettano allo sporco di accumularsi rendendo complicate le operazioni di pulizia.

Yota è un sistema flessibile e personalizzabile

Yota è un progetto globale del vivere la casa, in bilico tra simmetria e calore, ordine ed emozione.  A renderlo unico, anche HI-MACS®.


17 Gennaio 2018 / / Coffee Break

In collaborazione con Ello, noi di cafelab, sempre alla ricerca di nuove esperienze e sperimentazioni, siamo entusiasti di lanciare la capsule collection su Mod Thread, una piattaforma online con sede in California, che permette ad artisti e creatori di collaborare con chi realizza capi alla moda. 

cafelab and Mod Thread, a new collaboration

In collaboration with Ello, always looking for new experiences and experiments, we’re excited to launch the capsule collection on Mod Thread, an online platform based in California, which allows artists and creators to collaborate with those who make garments at the fashion.

Shop at Mod Thread
_________________________
CAFElab | studio di architettura

17 Gennaio 2018 / / Home Lacò

Oggi voglio parlarvi del bagno di Chiara e dei suoi mosaici di piastrelle. Chiara è una creativa insegnante friulana, che ha voluto decorare da sola, attraverso la tecnica del mosaico (tecnica molto costosa) il proprio bagno, divertendosi e risparmiando notevolmente sui costi. Io sono rimasta davvero colpita dal risultato ed è per questo che voglio proporvi la sua intervista.

In una ristrutturazione, il bagno è sicuramente l’ambiente più costoso della casa ma volte basta avere un’idea ben definita, tanta voglia di mettersi in gioco per creare un ambiente unico, che parli di sè e con budget ridotto.

Ecco l’intervista che se avrete voglia di leggere vi lascierà senza fiato.

Ciao Chiara, allora cominciamo:

Come ti è venuta l’idea?

L’idea l’ho sempre avuta e poi le circostanze me l’hanno permesso: quando c’è stato da sistemare il bagno di mia madre mi son detta: “perché no?”. Avevo visto in giro dei mosaici fatti con piastrelle spezzate a caso e poi assemblate tra loro per dare un effetto stilistico, e poi avevo scoperto Hundertwasser in un viaggio a Vienna e la sua maniera di utilizzare inserti di ceramica, pasta di vetro etc. sulle facciate dei palazzi creando degli “spot di mosaici”. Per me che sono di Trieste rappresenta un po’ il “Gaudì mitteleuropeo”.

Quanto tempo ci hai messo?

Quindici giorni lavorando circa tre ore al giorno. Non avevo steso alcun progetto: per cui mi fermavo spesso per controllare l’effetto e cercare l’ispirazione per tradurre in pratica l’idea che mi portavo dentro.

Come li hai fatti?

Ho cominciato rompendo le piastrelle a caso e inserendo i frammenti nella fascia a parete. Ma volevo un risultato che fosse anche armonico, meno “tagliente”. Quindi con un taglia-piastrelle mi sono ritagliata dei lunghi listelli di piastrelle, che ho cominciato a spezzettare “a mano” con una tenaglia, per far tutto a pezzetti irregolari. Quindi ho cominciato a comporre delle file di tasselli, componendoli a mosaico. Con la pratica, ho cominciato a dar forma a motivi tondeggianti, con un andamento a spirale: è bastato che spezzettassi i listelli in forma un po’ trapezioidale, per poterli accostare dando forma a delle volute.

Quanto hai speso?

Le piastrelle che ho usato per il mosaico erano le stesse che il piastrellista ha posato per il rivestimento a parete e il pavimento. Quindi il costo sta tutto nei metri quadri di piastrelle che ho acquistato calcolando la superficie del bagno, e anche quel “pacco in più” che i rivenditori ti fanno sempre acquistare per ogni evenienza. Poi c’è qualche inserto di quadrettini tipo mosaico già pronti, che derivano da campionari o residui di magazzino che ho chiesto qua e là in regalo dai rivenditori.

Che materiali hai usato?

Attrezzi (taglia piastrelle da piastrellista e tenaglia manuale. Un impasto di colla per piastrelle Kerakoll con lattice elasticizzante Mapei e acqua come mi è stato consigliato dal piastrellista, per far aderire meglio dei pezzi piccoli. Ma si può utilizzare anche senza lattice, non è indispensabile. Bisogna preparare poco materiale per volta, solo quel che serve per quella sessione di lavoro: altrimenti si secca e diventa inutilizzabile.Quali difficoltà hai incontrato?

La stesura della miscela preparata: bisogna “farsi la mano”. E quello che si stende sulla parete va ricoperto coi pezzetti, altrimenti restano macchie antiestetiche che vanno grattate via a secco. Se si vuole aggiungere un motivo in più, meglio disegnarlo e applicare con piccoli utensili la quantità di miscela che serve per far aderire i pezzi. Inoltre, per non creare dislivelli ad opera ultimata, controllate che le piastrelle che utilizzate abbiano tutte lo stesso spessore: io ho qualche sbalzo di mezzo millimetro, e ci ho steso sopra una vernice trasparente all’acqua per ridurre il dislivello. Così semplifica la pulizia ordinaria, soprattutto in zone come la doccia e i fornelli.

Quali imprevisti?

Dato che non avevo steso alcun progetto, mi sono accorta solo al momento di stendere la boiacca (il riempitivo finale tra piastrelle) che il colore prescelto, cioè bianco, non faceva risaltare i tasselli di mosaico bianchi: in pratica diventava tutto un’amalgama indistinta di colore bianco. Così mi son ritrovata a dipingere la boiacca bianca con tempera acrilica di colore verde acqua, per ricreare l’effetto contrasto che avevo perso (vedesi foto).

Lo consiglieresti?

Lo consiglierei per piccole superfici: ad esempio per fare un inserto su una parete troppo “piatta” e monotona, o che magari si riflette in uno specchio per amplificare l’effetto decorativo. O per creare una fascia sulla parete della cucina, tra i pensili. In questo caso, meglio boiacca scura per evitare che si vedano troppo con gli schizzi dei fornelli. E chi non si sente troppo “artista” può sempre creare una specie di cartamodello prima con un semplice motivo da ricalcare poi sulla paret

 

L’articolo I mosaici di piastrelle di Chiara: idee per creare da soli un bagno unico dai costi contenuti proviene da .

17 Gennaio 2018 / / Dettagli Home Decor

piante grasse

Sono in molti a pensare che le piante grasse siano così resistenti da non aver bisogno di cure particolari. Nonostante siano abituate a crescere in ambienti ostili, sono infatti originarie delle zone aride e desertiche, quando le coltiviamo in vaso il loro habitat naturale cambia e pertanto anche le piante grasse necessitano di alcune cure per sopravvivere al meglio.

La cura delle piante grasse è piuttosto semplice e non richiede competenze particolari, ecco alcuni accorgimenti da non sottovalutare:
5 accorgimenti per una crescita sana e rigogliosa
Terreno e concimazione
Le piante grasse necessitano di un terriccio specifico. La scelta ideale è un terriccio che contenga in percentuali adeguate potassio per stimolare la fioritura, azoto per favorire una crescita rigogliosa e fosforo che incrementa lo sviluppo delle radici. Durante la primavera e l’estate occorre somministrare del fertilizzante durante i processi di innaffiatura.


Esposizione

Le piante grasse necessitano di tanto solein quanto l’esposizione diretta ai raggi solari facilita il loro metabolismo e le pone nelle condizioni ideali di crescita. Se durante l’inverno le piante grasse vivono dentro casa, è importante sistemarle nel punto maggiormente luminosoe al caldo. Quando in casa lo spazio è poco e le piante grasse sono molte, d’inverno si possono riporre all’interno di una serra mantenendole all’esterno, in giardino o sul balcone.

piante grasse: esposizione

Innaffiature
Come per qualsiasi altra pianta, prima di procedere con l’innaffiatura è sempre opportuno toccare il terriccio per verificare che sia asciutto, le piante grasse troppo bagnate corrono il rischio di marcire. In primavera e nei mesi estivi occorre bagnarle una volta alla settimana, mentre in inverno sarà sufficiente innaffiarle una volta al mese.

Quando rinvasare


Il momento del rinvaso arriva quando ci accorgiamo che la dimensione della pianta grassa supera o quasi, quella del vaso. Il rinvaso deve essere effettuato in estate che, come detto prima, coincide con la fase di crescita. Durante la rinvasatura è opportuno verificare le condizioni generali delle radici, controllare l’eventuale presenza di insetti nocivi che potrebbero compromettere la sopravvivenza della pianta.


piante grasse: quando rinvasare


Potatura


Generalmente le piante grasse non necessitano di potatura, se non per eliminare parti malate o danneggiate, oppure nel caso si desideri moltiplicare la specie per talea. In questo caso occorre scegliere un fusto o una foglia in perfetta salute, tagliare vicinissimo alla base e inserire le talee singolarmente in un terriccio. Il periodo più indicato per la moltiplicazione delle piante grasse è l’estate inoltre è indispensabile che le piante grasse abbiano raggiunto uno sviluppo tale da fornire il giusto quantitativo di materiale vegetale per la moltiplicazione.

5 accorgimenti per una crescita sana e rigogliosa


17 Gennaio 2018 / / Le Cose Semplici

Sono molto contenta oggi di potervi parlare di nuovo brand per bambini.

capsalcentrat.gif

C * joli  nasce dall estro di Joana Cortès , mamma di due bimbi, che ha trasformato un hobby, il cucito, in un vero e proprio lavoro.

20151106-cjoli-14

IMG_7830punts_outfit

C * joli  che in francese vuol dire ” è carino ” nasce nel 2015. Dopo anni passati nel mondo della moda e del design come direttore di marketing di  profumi per designer e marchi di moda, Joana decide di dare vita a questo progetto che da molto tempo le frullava in testa.

20151106-cjoli-60

P1090922+23

Creare una collezione di vestiti per bambini da zero a sei anni, fatta al 100% a mano, una vera rarità al giorno d’oggi, soprattutto a prezzi contenuti!

20160314-cjoli-ss16-025

P1050033IMG_0870

Ispirandosi alla sua Maiorca, alla natura ed ai fiori crea questi meravigliosi capi, utilizzando tessuti  come cotone e lino,con texture morbide dai colori sobri : perché chi lo ha detto che i bambini non possano vestire capi sobri?

20160314-cjoli-ss16-026

IMG_6326IMG_4096

In effetti seguendo la sua filosofia, Joana crea capi  dalle linee semplici, che potrebbero essere indossati tranquillamente anche dagli adulti.

20160314-cjoli-ss16-030

IMG_7789IMG_6132

E li crea a mano, da zero, partendo dal modello che lei stessa disegna, per poi scegliere il materiale e assemblarlo. Un lavoro prezioso , lento e attento. Persino le etichette sono fatte a mano!

20160314-cjoli-ss16-048

Questi sono vestiti unici, la produzione è molto limitata ed è personalizzabile al 100%: ogni abito è quasi sempre fatto su misura, adattandolo ad ogni singolo bambino.

20160314-cjoli-ss16-055

IMG_0890IMG_0892

C * joli mi ha letteralmente conquistato, sia per il design, sia per la realizzazione dei capi, sia anche per il prezzo: assolutamente onesto.

20161112-cjoli-053

Oltre alla collezione di vestiti sono presenti anche alcuni complementi molto carini, come i porta ciucci, le stelle da appendere o le clip per i capelli.

20161112-cjoli-058

FullSizeRender_23IMG_0813

C * joli la trovate solo on line: vi consiglio di andare a vedere e curiosare , perché ha veramente dei capi deliziosi.

20161112-cjoli-134