12 Febbraio 2018 / / Dettagli Home Decor

Din Design In 2018


Lambrate Design District, riconfermato anche quest’anno luogo cult per gli amanti del design di tutto il mondo, prosegue la tradizione che da sempre lo ha contraddistinto. Innovazione e creatività sono, infatti, sempre state le tematiche caratterizzanti del quartiere, definito come la nuova Brooklyn italiana.

Non poteva mancare quindi per questa edizione del Fuorisalone, che avrà luogo dal 17 al 22 Aprile, la presenza delle accademie e scuole di design internazionali, portatrici per antonomasia di freschezza e sperimentazione.


All’interno dell’evento Din – Design In 2018, organizzato da Promotedesign.it nella strategica location di via Massimiano 6 / via Sbodio 9, verrà dedicata un’ampia area all’esposizione di prodotti provenienti da importanti università di design.Negli oltre 2000 mq di questo hangar industriale troveranno spazio anche le ultime novità prodotte da aziende internazionali, brand e autoproduttori.


Riconferma la sua presenza nel Din – Design In anche per l’edizione 2018 NID, Nuovo Istituto di Design. L’accademia ha sede a Perugia ed è una scuola di formazione professionale attiva dal 1983 che si occupa di architettura d’interni, moda, grafica, web design, fotografia, illustrazione e fumetto. 


L’Accademia Umprum delle arti, dell’architettura e del design di Praga fondata nel 1885. Nel corso della sua esistenza si è classificata tra le migliori istituzioni educative del paese. Vanta una serie di laureati di successo che sono diventati professionisti di fama internazionale, raccogliendo consensi oltre la Repubblica ceca. Parteciperà a Din – Design In 2018 il dipartimento di Architettura. Gli obiettivi del corso di studi sono di esplorare incessantemente nuovi metodi di progettazione e strategie architettoniche, indagare la dualità dei termini “architettura” e “ambiente” e rivedere il pensiero architettonico per riflettere i nuovi inizi.


Partecipa alla Design Week milanese anche l’ Academie Artemis di Amsterdam. Accademia di scienze applicate per il design che ruotano attorno a moda, media, food e retail. La scuola prepara i suoi studenti nell’ambito commerciale e offre un’istruzione di alto livello nell’ambito Styling e Design: creativa, orientata al concreto e che spazia nei diversi ambiti. Si è distinta durante la sua ultima partecipazione alla Dutch Design Week 2017.


Promotedesign.it ha come obiettivo primario quello di avvicinare e sensibilizzare i destinatari e i produttori di design ad una sempre e più crescente offerta di creatività, stimolando i visitatori e gli esperti del settore a creare una solida rete commerciale con i propri designer.

Din – Design In

dal 17 al 22 aprile 2018

via Massimiano 6 / via Sbodio 9 – Milano

17/21 aprile 2018 dalle h. 10:00 alle 20:00

22 aprile 2018 dalle h. 10:00 alle 18:00

Apertura Straordinaria: mercoledì 18 aprile dalle 10:00 alle 24:00



12 Febbraio 2018 / / Blogger Ospiti

Passiamo in media 40 ore alla settimana a lavoro, se non di più, frequentiamo i nostri colleghi e i rispettivi clienti più della nostra famiglia e spesso le giornate sembrano non finire mai. Scadenze imminenti, squilli del telefono, voci alte che rompono l’armonia negli open space e orari spesso fuori controllo rendono l’atmosfera alquanto difficile. Qualcuno, di cui non si conosce con certezza il nome, ha avuto la brillante idea di lanciare una festa particolare: una giornata interamente dedicata al divertimento sul posto di lavoro chiamata “Fun at Work Day”, che si è appena svolta il 26 Gennaio. Dunque in ufficio non è proibito divertirsi, giusto?

Trascorrere una giornata con un pò di serenità aiuta a ridurre il livello di stress, ma pensiamoci, basta solo questo per farci vivere l’ambiente di lavoro nel modo corretto?

Il design secondo noi ha un ruolo preponderante, ecco tre esempi di luoghi di lavoro stimolanti con degli arredi pazzeschi:

1. Gli Uffici di Airbnb a San Francisco sono ricchi di colori vivaci e complementi di arredo vintage. La sala relax e la spaziosa cucina con isola è davvero affascinante, i dipendenti possono ritagliarsi una pausa e sentirsi praticamente a casa. Le ampie vetrate danno luce agli spazi e creano un collegamento immediato tra i reparti.

Uffici di Airbnb
Credits: MondoFox

2. Gli Uffici della Lego posizionati a Billund in Danimarca, danno spazio al puro divertimento, sono presenti degli scivoli, degli omini Lego (uno localizzato in reception), degli ampi tavoli dove sperimentare i differenti assemblaggi dei giochi. Un posto in cui ritornare bambini e condividere delle esperienze giocose con i colleghi.

Uffici della Lego
Credits: Mondo Fox

3. Infine osserviamo gli Uffici di Google che sembrano quasi location da film: si passa da Zurigo, che propone un atmosfera nordica “di montagna”, a Tel Aviv, dal taglio green, dove le piante e la natura sono preponderanti, fino ad arrivare a New York è presente anche una sala attrezzata per l’arrampicata.

Uffici di Google
Credits: MondoFox

Tutti questi luoghi hanno l’obiettivo di stimolare la creatività, che spesso viene ostacolata dall’inquinamento acustico, frequente negli open space. Alcune aziende optano per delle pareti divisorie per ufficio in grado di attutire i rumori, ma spesso da sole non bastano. Un clima accogliente, un bel divano colorato, qualche pianta, dei quadri divertenti sono delle piccole cose a basso budget capaci di trasformare un luogo infelice e dark in brioso e ludico.

12 Febbraio 2018 / / ChiccaCasa

Ogni tanto ho voglia di immergermi in un progetto craft. È un ottimo antistress e mi permette di distrarmi totalmente dalla vita reale almeno per qualche minuto. 

Per San Valentino non potevo risparmiarmi. Ho trovato dei cartoncini colorati di meravigliose tinte soft e ho deciso di acquistarli per farne una ghirlanda di cuori 3d.
Un DIY facilissimo che puoi copiare per allestire uno scenario festoso da abbinare ad una cena a lume di candela.



Ecco come si realizza.

Ingredienti:
– cartoncino 
– forbici
– matita
– formina per biscotti
– spago
– colla 


Per prima cosa ho disegnato alcune sagome su ogni foglio colorato. Ho quindi ritagliato i cuoricini.



Per ogni elemento della ghirlanda sono necessari due cuori. Per unirli l’uno con l’altro e creare l’effetto 3d basta praticare un taglio su ogni sagoma. Per ogni coppia, un cuore deve avere un taglio che va dalla punta fino al centro e l’altro, un taglio che vada dalla punto di congiunzione dei due semicerchi al centro.
Incrociando i due cuori, si fisseranno da soli l’uno all’altro grazie ai tagli.

Per legare tra loro i cuori tridimensionali, basta passare un po’ di colla stick sulla giunzione delle sagome ed appoggiare lo spago. Per assicurarti che i cuori non cadano, fai passare il filo dietro il taglio, come nell’immagine qui sotto.


Ho provato a sospendere il festone sia in orizzontale che in verticale. E devo dire che mi piace in entrambe le versioni. 


È semplice e carino. In più se, come me, soffri di A N S I A perenne, ti aiuterà a staccare la spina e rilassarti! 

P.s. Qual è la versione che preferisci? Sospeso in verticale o, come un festone in orizzontale? Scrivilo in un commentino qui sotto!

Project, pics and styling by ChiccaCasa, Federica Del Borrello
http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
12 Febbraio 2018 / / Dettagli Home Decor

vasca freestanding SHROPSHIRE

Dallo stile più tradizionale a quello più contemporaneo Victoria + Albert ha la soluzione per il tuo bagno, con 24 diversi modelli di vasche può soddisfare tutti i gusti e le silhouette.

Le tipologie di vasche Victoria + Albert sono tantissime: compatte, ampie, per accogliere un single o una coppia. Forme morbide, squadrate, ovali, asimmetriche che offrono soluzioni infinite per diversi progetti d’arredo.

Ad esempio, si può essere più affini con un design in stile Shropshire, o essere più in sintonia con la vasca York.

La prima trae ispirazione dalle vasche freestanding in tradizionale stile inglese, si distingue per l’ampio schienale che sostiene perfettamente spalle e capo, e per la dimensione ridotta, perfetta per ambienti bagno dagli spazi più contenuti.


vasca freestanding SHROPSHIRE

Leggera e flessibile, Shropshire è caratterizzata da linee slanciate e snelle, grazie ai classici piedini personalizzabili in 6 diverse finiture: cromo, metallo bianco, ottone lucidato, nickel spazzolato o lucidato, bianco.


vasca freestanding SHROPSHIRE

York invece colpisce grazie al suo un bordo ricercato ed elegante, e all’ampia e accogliente base, che garantisce all’utente un momento intimo ai massimi livelli, e allo stesso tempo nasconde tutti i sistemi di scarico.


vasca freestanding YORK

La vasca è profonda e capiente, infatti, può contenere fino a 273 litri di acqua.

Il doppio schienale permette, infine, di accogliere una sola persona per un bagno generoso e rilassante, ma è l’ideale per la condivisione di questa esperienza unica.


vasca freestanding YORK
Le vasche freestanding di Victoria + Albert, si possono toccare con mano nel suo spettacolare showroom di Milano, per capire i vantaggi di un materiale così unico come il QUARRYCAST®, (garantito 25 anni) costituito da roccia calcarea Volcanic Limestone™ naturalmente bianca e scientificamente provato che trattiene il calore più della ghisa e dell’acrilico.

Per conoscere di più sulle collezioni Victoria + Albert visita: www.vandabaths.com


12 Febbraio 2018 / / Nell'Essenziale

Nella mia lista di oggetti mai avuti e a cui non potevo rinunciare c’è il mio tappeto shabby rotondo. Ho sempre pensato che prima o poi ne avrei avuto uno da usare come tappeto scendiletto.

Il mio tappeto shabby scendiletto

Il tappeto scendiletto è un tappeto presente ai piedi del letto che protegge i nostri piedi dal pavimento freddo. Cio’ soprattutto nella stagione invernale.  Ormai si sa che pur lavando spesso la casa il pavimento non è  mai perfettamente pulito. Ed il tappeto scendiletto regolarmente lavato o pulito ci protegge anche da germi e batteri che si annidano sul pavimento.

Il mio tappeto shabby rotondo scendiletto

Il mio tappeto rotondo rigorosamente in stile shabby è in 100% lana di pecora, in colore naturale. Nessuna tintura è stata effettuata su questo tappeto. Mi è stato regalato ed arriva direttamente dal Marocco. E’ un tappeto Berbero Beni Ourain.

Il mio tappeto shabby rotondo Beni Ourain

Gli antichi e tradizionali tappeti berberi venivano realizzati da tribù Beni Ourain. Queste tribù Berbere erano originarie del Medio Atlante del Marocco. I colori di questi tappeti variano dall’avorio al beige ed hanno disegni geometrici con vari significati. Ogni tappeto è realizzato da una o piu donne diverse, e nelle geometrie dei disegni è rappresentata parte della loro vita e della loro spiritualità.

scendiletto shabby rotondo

Il mio tappeto proviene dalla collezione di tappeti Berberi Beni Ourain di Sukhi e mi è stato regalato, la donna che lo ha realizzato si chiama Mkelthoum. Vedere il bigliettino con il suo nome mi ha emozionata! Mi ha colpito davvero sapere il suo nome. I tappeti Sukhi sono fatti interamente a mano e sono realizzati su ordinazione con materiali di alta qualità.

tappeto scendiletto shabby

 

Il mio dubbio su questi tappeti a pelo lungo era la pulizia, la cosa che temevo di più era la perdita di pelo durante  il lavaggio. Infatti la prima cosa che ho fatto quando mi è stato consegnato è stata scrivere all’assistenza e chiedere informazioni su come pulirlo. Devo dire che pulirlo non è difficile e sul sito ci sono tutte le istruzioni necessarie per igienizzarlo alla perfezione.

Il mio tappeto rotondo come sfondo delle mie foto shabby

Un’altro motivo per cui desideravo uno di questi tappeti pelosi è quello di utilizzarlo come sfondo per le  foto delle mie creazioni. Alcuni soggetti che creo non riesco a fotografarli da nessuna parte… e guardate un po le mie bamboline Tilda che belle che sono fotografate su questo morbido tappeto shabby!!

scendiletto shabby

Ragazze che dire! vi consiglio acquisti creativi e orientati per più utilizzi! Io infatti penso sempre al lato creativo di ogni oggetto!

Ora vi saluto e vi auguro BUONA creatività!!!

 

L’articolo Il mio tappeto shabby rotondo scendiletto sembra essere il primo su Nell’Essenziale.

12 Febbraio 2018 / / Dettagli Home Decor

flagship store David Marc

In via del Corso a Roma, tra le vie commerciali piu importanti  d’Europa in un bellissimo palazzo signorile, David Marc ha aperto un nuovo negozio per presentare i suoi occhiali made in Italy.

Progettato e realizzato da Sestini  & Corti, in collaborazione con l’arch. Francesco Zarbano, il negozio ha uno stile tra l’industriale e l’elegante, grazie all’utilizzo di materiali come il legno di recupero e l’ottone grezzo, il tutto illuminato da luci a led.

Le pareti ed i soffitti bianchi, insieme al pavimento color grigio scuro, risaltano il lungo mobile realizzato su misura con legno di rovere e maniglie in cuoio, appese a parete 30 teche per esaltare i numerosi modelli di occhiali mentre al centro dello spazio due tavoli espositori con piano in vetro e struttura in ottone e legno.

Nella zona cassa è stata realizzata una parete con piante stabilizzate, inoltre, per creare un gioco di contrasti, la postazione pc è stata rivestita in ferro con finitura trasparente.

flagship store David Marc
flagship store David Marc
flagship store David Marc
flagship store David Marc

Un progetto che si è distinto per la complessità della lavorazione dei materiali, un allestimento completamente artigianale particolarmente attento ai dettagli.