21 Febbraio 2018 / / +deco

Parigi deve avere i più begli alberghi del mondo.

Ho scritto molti post su hotel parigini su +deco ma sembra esserci sempre qualche nuovo posto da farvi vedere, come l’Hotel National des Arts and Métiers, una vera gemma pensata da Raphael Navot.

L’albergo è elegante, intramontabile e maschile il che -in un periodo dominato da abusi di rosa e di oro- è piacevole.

L’uso dei colori -dagli azzurri ai rossi corposi e al verde- è magistrale.

La scala in marmo grigio è una scultura. Il disegno geometrico fa in modo che il pavimento di granito nella zona ristorante sembri quasi un tappeto morbido.

La tappezzeria in lino pitturata con inchiostro giapponese da Gael Davrinche è per me una poetica rappresentazoine degli umori del cielo.

Il resto è elegante e sobrio, creato per regalare un’esperienza rilassante.

E tu quali preferisci fra l’Hotel National des Arts and Métiers raffigurato qui, l’Hotel Henriette e l’Hotel Panache a Parigi?

Foto di  Eve Campestrini @thesocialitefamily

The post Elegante e maschile: l’Hotel National des Arts et Métiers appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

21 Febbraio 2018 / / Design

Gucci Hub - Piuarch

100 città nel mondo, 100 eventi nello stesso momento, 100 ambasciatori incaricati di raccontare, in un solo giorno, il talento tutto italiano di realizzare soluzioni innovative e dall’alto contenuto estetico. L’Italian Design Day 2018, che giunge il prossimo giovedì 1 marzo alla sua seconda edizione, è una vera e propria maratona della durata di sole 24 ore su uno dei settori volano nell’economia italiana: originalità, creatività, espressione culturale, competenza artigianale, cura della bellezza e soprattutto attenzione al consumo delle risorse e all’ambientesono i valori della nostra capacità produttiva, che i delegati dovranno trasmettere con efficacia in ogni angolo del pianeta.


A rappresentare l’eccellenza del comparto design ci sarà anche lo studio Piuarch, selezionato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e dalla Triennale di Milano, enti promotore dell’iniziativa, per trattare il complesso rapporto tra progetto e politiche sostenibili

Gucci Hub - studio PiuarchLa nostra architettura è da sempre legata a una comprensione del contesto, non solo fisico, ma anche culturale, storico, artistico, sociale, urbano. Iniziamo proprio dall’indagine delle costanti e delle singolarità del territorio nel quale operiamo per costruire la qualità ambientale, intesa non solo nell’accezione di risparmio energetico e delle risorse, ma soprattutto come strumento per migliorare le condizioni del vivere insieme” commenta Francesco Fresa, partner fondatore dello studio Piuarch e ambasciatore alla Giornata del Design Italiano nel Mondo 2018.


sede IDF Habitat a Parigi - studio Piuarch
interni sede IDF Habitat a Parigi - studio Piuarch
I progetti per il comparto Gucci Hub di Milano, per la sede IDF Habitat a Parigi e i cantieri attualmente in corso – la fabbrica Fendi in Toscana, la riqualificazione dell’ex complesso Unicredit in Piazza Cordusio a Milano, l’headquarters Techbau sul lago Maggiore – perseguono dunque l’obiettivo della qualità ambientale mediante una pluralità di fattori: scelta dei materiali, illuminazione naturale degli ambienti, gestione del comfort acustico, introduzione di aree di sosta e relax, organizzazione razionale dei percorsi, corretto dimensionamento degli ambientie dei servizi, relazione con il contesto urbano o naturale.


Porta Nuova Building - studio Piuarch
Porta Nuova Building - studio Piuarch
Porta Nuova Building - studio Piuarch

L’attitudine alla buona pratica dell’architettura e del design richiede dunque un’azione integrata e sarà questo il focus dell’intervento condotto da Piuarch, che vuole stimolare la riflessione sul dibattito “Broken nature – Design Takes on Human Survival”, scelto per la XXII Esposizione Internazionale della Triennale di Milano (1 marzo – 1 settembre 2019) e anticipato proprio all’Italian Design Day 2018.   

21 Febbraio 2018 / / Il Sottomarino a Pois


EVVIVA!!!!! Sono felicissima di esser riuscita a realizzare parte del mio sogno, in questo periodo mi sono sentita dire più volte “ma veramente vuoi fare la commerciante?! rispetto all’architetto non è un lavoro creativo!” etc etc.. io non la vedo proprio così, in mente ho tanti progetti da realizzare, con la speranza di essere in grado di non far morire subito questo negozio 😁, vorrei anch’io progettare e vendere i miei mobili, vendere illustrazioni, avere quindi contatti con artisti ma anche con realtà locali (ovviamente sempre del nord Europa o comunque che rispecchiano questo stile), e in più perché abbandonare la progettazione? io non ne ho assolutamente voglia, anzi! con un negozio di oggetti e mobili per la casa nordicstyle potrei finalmente dedicarmi a progetti di interni che somigliano il più possibile alle case che pubblico, con la fortuna di avere sempre sott’occhio le ultime tendenze… ma il sogno più bello e più grande è quello di avere vicino a me un team di persone con cui lavorare e scambiare opinioni ogni giorno… quindi non mi resta che dire:

BENVENUTO NORDDESIGN, IL DESIGN CHE TI FA STAR BENE!
                                         
Per festeggiare come si deve vi porto un’altra volta (infatti già l’avevo citata nel post “consigli instagrammosi”) nella meravigliosa casa di Liesbeth, vi starete sicuramente chiedendo chi sia!?: è la fondatrice dell’ etichetta Sloppop yeah, cliccate qui e scoprirete di cosa si tratta, ma scommetto che già lo sapete. Su instagram è seguitissima e se ancora non lo fate la trovate qui 😄 le sue foto e le ambientazioni per me sono proprio quello che corrisponde all’idea di vita che vorrei fare.. chiamatela come vi pare higgy, lagom: tranquillità, natura , uniti alla creatività del suo laboratorio ( sempre in casa) sono le cose che più si avvicinano a me e al mio modo di essere.
Lei vive in Olanda e la potete trovare anche sulla rivista 91magazine..




Se volete dare un’occhiata al sito questo è il link:norddesign
e ora musica… COMING HOME Mark Lanegan insieme alla danese Maggie Bijorklund (il pezzo lo trovate nell’omonimo album di Maggie)


21 Febbraio 2018 / / Decor

I dettagli in ottone o oro sono dappertutto. Una tendenza dichiarata da tempo quella delle superfici metalliche che aggiungono alla casa un pizzico di glamour. Dal mio punto di vista però intravedo in questa tendenza l’andare verso un utilizzo grafico di queste finiture, che si riallaccia all’art déco, ma con forme attuali. L’effetto è una nuova eleganza, contemporanea e fresca.

Come avevo già raccontato in un post dedicato a carte da parati con effetti metallizzati e 3d qualche tempo fa, se prima avevo quasi orrore per tutto ciò che scintilla, adesso non mi dispiace avere qualcosa che dia luce ma sempre a piccoli tocchi.

Dai più noti marchi di design alle grandi catene dell’arredo e della decorazione per la casa tutti propongono qualcosa che si allinea a questa tendenza, impossibile non trovare qualcosa che non ti faccia pensare: lo voglio! Anche perché oro e ottone si accordano a qualsiasi tipologia di stile, dai più minimal ai più eclettici, permettendoti di inserire qualche dettaglio chic in ogni stanza e in ogni situazione.

Tavola e cucina
Home decor
gold brass

SalvaSalva

SalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalva

21 Febbraio 2018 / / Interiors

Questo grande appartamento svedese ha una disposizione particolare dovuta alla sua planimetria irregolare con una camera da letto che si trova proprio sotto i tetti di un edificio costruito nel 1914. Sebbene sia atipico in termini di superficie, sono stati valorizzati i suoi elementi originali, mattoni e travi in ferro scopertein parte, che gli conferiscono un piccolo aspetto industriale.

21 Febbraio 2018 / / Design

Salone del Bagno Scavolini photo by Diego Ravier

Salone di riferimento a livello internazionale, la biennale dedicata al bagno si amplia e torna in Fiera Milano a Rho, dal 17 al 22 aprile, nei padiglioni 22-24, con tante novità che coniugano etica, tecnologia e relax.

Il Salone Internazionale del Bagno si conferma una fiera in crescita e dinamica che, alla sua 7a edizione, vanta 228 espositori distribuiti su 20.600 metri quadrati. In un’area espositiva ampliata rispetto alla precedente edizione, va in scena il meglio della produzione internazionale: dai mobili e accessori, alle cabine doccia e impianti sauna, dalla porcellana sanitaria ai radiatori, rivestimenti e rubinetteria, dalle vasche da bagno a quelle idromassaggio.

Le novità in mostra al Salone Internazionale del Bagno riflettono la continua evoluzione di questo spazio. Se, nel tempo, il bagno si è trasformato da luogo puramente funzionale e razionale a stanza del benessere e del relax, oggi assume ancora nuove connotazioni e si fa digitale e green oriented senza dimenticare tuttavia la componente emozionale.

Salone del Bagno Azzurra Ceramica photo by Diego Ravier
Salone del Bagno Azzurra Ceramica photo by Diego Ravier
Raccogliendo l’istanza ecologica oggi imprescindibile, si riflette sulla necessità di ridurre l’impatto verso l’ambiente. Etica e responsabilità diventano allora le nuove parole chiave del settore. Risparmio idrico, efficienza energetica, uso di materiali riciclabili e finiture antibatteriche che limitano l’uso di detergenti rappresentano uno scenario possibile perché le tecnologie per ottenerli sono già in atto. Le aziende del comparto guardano, dunque, a un futuro migliore e investono in innovazione. 

Lo testimonia l’uso sempre più pervasivo e invisibile della tecnologia, valido aiuto per migliorare l’esperienza domestica. Non solo soffioni e rubinetti intelligenti che aiutano a contenere il consumo di acqua e di energia, ma anche domotica e dispositivi digitali in grado di integrare e trasformare la stanza in base alle necessità, ad esempio, modificando la temperatura del bagno, la musica o le luci colorate, o l’altezza dei sanitari.


Salone del Bagno Antonio Lupi photo by Diego Ravier
Salone del Bagno 2016 Antonio Lupi photo by Diego Ravier

Il nuovo bagno tuttavia non perderà la sua componente emozionale: rimarrà la stanza dedicata al sé, dove ritrovare l’equilibrio tra corpo, mente e spirito. È un’evoluzione del concetto di spa, più riversata sulla dimensione olistica e su uno spazio privato, in cui design, materiali, colori e tecnologie sono studiati per  favorire l’effetto relax. 


21 Febbraio 2018 / / Decor

Chi è affezionato al mio blog già si sarà accorto di qualche cambiamento e novità.

To our beautiful independence!.jpg

Sono infatti apparse nel menù principale in alto tre nuove voci:  Printables , Login e Registrati.

Ho infatti inaugurato una ” rubrica” a cui tenevo particolarmente e che non vedevo l’ora di condividere con voi.

right at home!

Dopo il successo di due articoli( Stampe e Fiori Secchi ) mi sono decisa a creare un piccolo spazio dove posso racchiudere di volta in volta tutte le risorse stampabili che ho raccolto e continuo a raccogliere da anni.

Sono per lo più stampe botaniche ma ultimamente sto raccogliendo anche molti altri soggetti: il web ne è pieno zeppo ed è sempre interessante avventurarsi alla ricerca di nuove scoperte.

blend

Visto che comunque non sono stampe che creo io, ho pensato di tutelare in qualche modo chi li ha create salvaguardandole dal download selvaggio. Ho così pensato di inserire una registrazione ,che mi permette di vedere e salutare tutti coloro che ne approfitteranno.

THE

Che dire vi invito di cuore a usufruire di questo piccola Cosa Semplice!

A presto.