7 Aprile 2018 / / ArtigianaMente

Un post per animi forti, amanti del design. Dal carattere maschile e deciso come lo sono le figure geometriche quando le contrapponiamo alla delicatezza e alla sensualità dei fiori. Amo le une e gli altri, la scelta tra geometrie e motivi floreali dipende soltanto dall’umore. E dallo stile da conferire alla stanza.

Con il gioco dei disegni geometrici puoi caratterizzare un ambiente richiamando epoche precise – come gli anni ’60 oppure determinati ambienti {per esempio alcuni hotel berlinesi, nel restauro, hanno mantenuta intatta l’atmosfera della vecchia DDR}.

Dal retrò senza nostalgia, si massa serenamente alla contemporaneità. I disegni geometrici, meno nostalgici dei fiori anche in versione vintage, hanno una maggiore propensione al tempo presente e al tempo futuro.

design

interior design

disegni geometrici

Geometria e colore si abbinano benissimo. Le immagini che ho scelto mi sono piaciute anche per questo motivo. E poi sono varie: mostrano differenti possibilità interpretative. Con un pizzico di coraggio, creando stanze fuori dal comune.

interni

Pur strizzando l’occhio al passato, i disegni geometrici hanno sempre un piglio moderno che ci aiuta a svecchiare gli ambienti rendendoli più maschili.

L’ultima immagine mi ha fatto impazzire. La semplicità dei colori, disposti però geometricamente rendono tutto particolare mentre il “goldtouch” dà un tocco di eleganza.

… tu preferisci i fiori oppure le geometrie?

Le immagini AD Spagna

 

The post I disegni geometrici ad alto tasso di design appeared first on Artigianamente Blog – artigianato, stile & design.

7 Aprile 2018 / / Case e Interni

casa-stile-boho-chic-industriale (1)

In questo appartamento situato nel centro storico di Madrid, scopriamo un affascinante mix & match di stili tra boho chic e industriale.

La ristrutturazione di Paco Ruiz-Nicoliet ha avuto l’obiettivo di creare ambienti piacevoli, rispettando le caratteristiche originarie dell’edificio storico. La costruzione ha mantenuto tutto il fascino e l’autenticità, grazie alla salvaguardia degli elementi architettonici originali ed all’inclusione di elementi nuovi perfettamente integrati. E’ così che troviamo travi di legno invecchiate combinate con tubi metallici lasciati a vista.

La progettazione architettonica si è basata su una distribuzione pratica e funzionale. Senza dubbio, uno dei risultati migliori è stato quello di incrementare la luminosità e la sensazione di ampiezza. L’unione degli ambienti ha giocato un ruolo decisivo.

Lo studio-camera, ad esempio, è separato dalla zona giorno solo da una parete vetrata con grande porta scorrevole, che ne permette l’indipendenza e la privacy (grazie ad una tenda), consentendo allo stesso tempo il passaggio della luce. Abbiamo già visto in altre dimore, come le pareti vetrate rendano lo spazio unico, senza soluzioni di continuità.

Sia i pavimenti, che le porte, che le persiane (usate come porte) sono stati tutti recuperati da altri edifici storici. Questi elementi hanno in comune il fascino e la bellezza del legno invecchiato naturalmente dal tempo.

Per copiare questo stile, la prima cosa da fare è andare a caccia di arredi e complementi proveniente da epoche differenti a cui donare nuova vita.

L’arredamento comprende, infatti, numerosi pezzi vintage, come il tavolo dei primi novecento recuperato per creare la penisola in cucina, le sedie della sala da pranzo o le lampade a soffitto. A questi elementi si affiancano arredi contemporanei, come i mobili funzionali della cucina e del bagno, ma anche grandi fotografie colorate e moderne.

L’uso dei tessili e delle ceramiche tradizionali contribuiscono a creare la giusta atmosfera, calda ed accogliente.

Infine, il colore si va a fondere sapientemente con luci e texture nell’ambiente, dando vita a contrasti e a giochi cromatici tipici della tendenza Boho Chic.

Provaci anche tu mixando stili e colori: infondere personalità ai tuoi ambienti sarà più semplice di quanto pensi.

casa-stile-boho-chic-industriale (2)

casa-stile-boho-chic-industriale (3)

casa-stile-boho-chic-industriale (4)

casa-stile-boho-chic-industriale (5)

casa-stile-boho-chic-industriale (6)

casa-stile-boho-chic-industriale (7)

casa-stile-boho-chic-industriale (8)

casa-stile-boho-chic-industriale (9)

casa-stile-boho-chic-industriale (10)

casa-stile-boho-chic-industriale (11)

casa-stile-boho-chic-industriale (12)

casa-stile-boho-chic-industriale (13)

Imprimir

[Fonte: micasa ; Foto: YellowKorner Hermosilla]

Anna e Marco – CASE E INTERNI

7 Aprile 2018 / / ArchitettaMI

In una delle zone più vitali di Milano sorge Tenoha, un nuovo concept store giapponese. Ce ne sono solo due al mondo, uno in Giappone e un altro adesso a Milano, nella capitale mondiale del design.

A pochi giorni dal via del Salone Internazionale del Mobile, Tenoha ha inaugurato il 4 aprile il suo spazio polivalente. Uno shop; un ristornate con cucina che mixa la tradizione giapponese con la cultura degli aperitivi milanese; un coworking e un’area “Discover” dove inventare situazioni sempre nuove.

Come è raccontato anche sul sito “In giapponese “te” significa mani mentre “ha” significa foglie. TENOHA, quindi, è un progetto che tende le mani a chi si lascia coinvolgere, dare vita a nuove sinergie e possibilità di interazione”.

Il giorno dell’inaugurazione ero lì e sono rimasta affascinata dall’eleganza giapponese sia nella scelta degli articoli presenti nello store, sia in quella degli arredi minimal per il resto degli spazi, ad opera dello studio Park Associati.

Ciò che si respira è essenziale, equilibrato e infonde un senso di pace e armonia.

Un luogo da non perdere per chi ama la cultura giapponese in via Vigevano 18 a Milano!

 

 

 

7 Aprile 2018 / / Le Cose Semplici

Chi mi segue da anni forse si ricorderà di un mio vecchio post in cui vi raccontavo, entusiasta, la scoperta di questo bellissimo brand inglese.

LGR-Logo-1

Little Green Radicals mi conquistò fin da subito per due motivi: la sua filososfia etica e i suoi capi super colorati.

Baby-Tops

Tutti i loro capi sono 100% organici, viene utilizzato il cotone biologico della massima qualità.

Organic-Cotton-S18038

Little Green Radicals realizza abbigliamento etico, tutto certificato Fairtrade.

Organic-Cotton-S18046-Detial-3

L’obiettivo dichiarato dalla azienda stessa è di creare capi che durino, da passare da fratello a fratello.

Summer-Stripes-Banner

La nuova collezione primavera-estate 2018 è un tripudio di fantasie calde, solari e simpatiche: uccelli migratori, rane saltatrici, soli brillanti. E poi ancora stampe botaniche, il blu del cielo che si confonde con il blu del mare.

Organic-Cotton-S18064-Detail-1

Organic-Cotton-S18062-DetailSS18-Lookbook-7

Una allegria che invade il cuore a vedere questi capi bellissimi!

SS18-Lookbook-10

SS18-Lookbook-16

7 Aprile 2018 / / Dettagli Home Decor

Flagship Store Unopiù Milano

Consulenze personalizzate e gratuite per individuare soluzioni d’arredo in grado di trasformare ambienti outdoor in spazi di design accoglienti e raffinati: durante la Milano Design Week, Unopiù apre le porte del suo store in Brera per permettere al pubblico di incontrare designer di consolidata fama.

Alla Design Week 2018 Unopiù accoglie il pubblico nel proprio flagship store di via Pontaccio 9 a Milano. Nelle giornate organizzate in concomitanza con il Salone Internazionale del Mobile, dal 17 al 20 aprile, alcuni tra i più prestigiosi nomi del design italiano e internazionale, partner di Unopiù, saranno a disposizione per offrire consigli e idee per arredare balconi, terrazzi, verande e in generale di tutti gli spazi outdoor, con la stessa cura degli ambienti interni.

I designer protagonisti dell’iniziativa collaborano con Unopiù, affiancando i professionisti interni all’azienda nella progettazione degli arredi per esterno e per interno, come verande e patii. Alcuni di questi sono diventati nel corso degli anni delle vere e proprie icone di design, come il divano Les Arcs e la collezione Tweed dello studio Meneghello Paolelli, che nel 2017 ha vinto il premio “Eccellenze del Design” di ADI Lazio, e la lampada Aton di Marco Acerbis. Tutti i designer coinvolti hanno realizzato per Unopiù linee o singoli prodotti secondo le più moderne tendenze di progettazione: tra le novità 2018, il salotto Hugo firmato da Jamie Durie, le sedute modulari Manhattan di Alessandro Andreucci e Christian Hoisl e il tavolo Ravello dello Studiomartino 5.

Gli orari in cui il pubblico potrà incontrare i designer per le consulenze gratuite sono i seguenti:

– martedì 17 aprile, dalle 16 alle 18 Alessandro Andreucci & Christian Hoisl

– mercoledì 18 aprile, dalle 16 alle 18 Jamie Durie e dalle 18 alle 20 Marco Acerbis

– giovedì 19 aprile, dalle 16 alle 18 Carlo Martino

– venerdì 20 aprile, dalle 16 alle 18 Sandro Meneghello e Marco Paolelli

Flagship Store Unopiù Milano