Elogio dell’ozio nella pittura figurativa di Michael Carson

Michael Carson pittura figurativa contemporanea

Colti in momenti di ozio e relax i soggetti Michael Carson trasmettono emozioni attraverso le espressioni, le pose e la tecnica pittorica

Michael Carson è un pittore contemporaneo americano nato a Minneapolis nel 1972, dove si è laureato al College of Art and Design. Attualmente vive a Phoenix, Arizona ed è uno dei pittori figurativi contemporanei più attenzionati negli Stati Uniti.

Soprannominato il “post-millennial Toulouse-Lautrec“, Michael Carson si ispira effettivamente al lavoro dei grandi artisti del passato e del presente, come Toulouse Lautrec, John Singer Sargent, Norman Rockwell, Malcolm Liepke e Milt Kobayashi, mescolando post impressionismo, realismo e immaginazione. I suoi quadri figurativi spessono ritraggono donne sole o in piccoli gruppi su sfondi indistinti e ambientazioni ridotte al minimo, anche se la moda e l’architettura sono fondamentali per la sua ispirazione.

Glamour e stilosi, eleganti e sfrontati, i suoi modelli oziano languidamente su una spiaggia o su un divano, sorseggiando un drink o leggendo una rivista, rispecchiando la quotidianità contemporanea. Colti in momenti qualsiasi, appaiono inerti nella loro apatia ma l’azione è interiore, è quello che si muove nei loro cuori e nella loro mente la storia che vuole raccontare l’artista attraverso le espressioni e le pose dei suoi protagonisti.

“Sono molto interessato alle sottigliezze dell’espressione facciale e trascorro la maggior parte del mio tempo su visi e mani perché per me raccontano la storia. Le altre cose che mi guidano sono la sperimentazione della tecnica e del materiale. Trovare nuovi modi per manipolare la vernice o la superficie per cambiare la sensazione e l’umore di un pezzo. È la cosa che mantiene il lavoro in studio fresco ed emozionante. Se mi annoio durante il processo di creazione, è la morte di quel pezzo. Si tratta di costante evoluzione e sperimentazione.”
Resident.com

Michael Carson è molto attento che il suo tratto sia immediatamente riconoscibile; ritiene che la tecnica pittorica sia una specie di impronta digitale per un artista, ciò che differenzia un pittore da un altro. Il modo in cui combina lo sfondo e il soggetto, in cui sovrappone alla pittura pattern a tinta piatta, il modo in cui schizza gocce di colore sul dipinto o in cui striscia via parti di materia per ottenere effetti traslucidi. Tutte cose che definiscono uno stile unico per un’opera d’arte.
Ma quello che colpisce maggiormente nei suoi dipinti è la grande maestria nell’uso di luci e colori attraverso i quali l’artista riesce a tirar fuori l’anima dei personaggi. Nei suoi dipinti il senso del colore è particolarissimo grazie ai contrasti che ottiene alternando campiture di colore saturo a zone di grigio desaturate, appositamente sbiadite per ottenere un effetto di fumosa distanza fra noi e i personaggi nel quadro.

• LEGGI ANCHE: La pittura figurativa di Costa Dvorezky fra barocco e impressionismo

Michael Carson pittura figurativa contemporanea

Michael Carson pittura figurativa contemporanea

Michael Carson pittura figurativa contemporanea

Michael Carson pittura figurativa contemporanea - Mick Jagger Portrait

Michael Carson – Mick Jagger Portrait

Michael Carson pittura figurativa contemporanea

Michael Carson pittura figurativa contemporanea

Michael Carson pittura figurativa contemporanea

Michael Carson pittura figurativa contemporanea

L’articolo Elogio dell’ozio nella pittura figurativa di Michael Carson proviene da Things I Like Today.

Written by: