13 Aprile 2018 / / Design

collezione arredo bagno Tulip di Arblu

Tulip è un sistema arredo bagno completo dal design originale e made in Italy, che offre soluzioni funzionali e di facile installazione.

Una linea in continua evoluzione, composta da vasca, lavabi, consolle, specchiere e interessanti complementi d’arredo come la colonna girevole e il pratico carrello su ruote.
I materiali utilizzati sono il metallo verniciato e il Tecnoblu, molto resistenti, antigraffio e facili da pulire, mixati al calore delle varie finiture legno Arblu.
A completare, arricchire e personalizzare l’arredo bagno, tanti pratici e sfiziosi accessori  bagno interamente realizzati in metallo verniciato e disponibili nei colori Arblu.




Arblu Salone del Mobile di Milano, Hall 24 – Stand E01-E05

13 Aprile 2018 / / Design

Arredare la casa introducendo degli elementi in rame o in color rame è una delle ultime tendenze, ideale se si tratta di contesti moderni e dallo stile industrial.

Metti-in-bellavista-le-pentole-di-rame

Foto: http://www.designmag.it

Si tratta di un materiale resistente, facilmente abbinabile con arredi moderni, dalla colorazione calda, per questo dona agli ambienti un tocco chic e personale.  Esistono diverse tonalità, una delle più comuni è quella del “rosa”, ed è semplice trovare un equilibrio tra questa finitura ed il resto dell’arredo.

Accostare il color rame in modo equilibrato non è difficile, inoltre è una finitura che si presta a tutti gli ambienti della casa, quindi sia nella cucina e nella sala living che nella zona notte. Certo, non bisogna esagerare! Cosiglio di introdurre il rame solo ed esclusivamente nei complementi e nelle illuminazioni.

Dalani-Arredare-con-il-rame-03

Foto: http://www.westwing.it

Quali materiali affiancare al color rame?

Possiamo affiancare il marmo, sopratutto nelle tonalità del grigio e del bianco. Il mix sarà sicuramente elegante e di grande effetto.

Marmo-10

Foto: http://www.donnaclick.it

Altro materiale è il cemento, sopratutto se grezzo, un contrasto di caldo-freddo molto interessante ed equilibrato.

a-richard-vindfall_MGbig

Foto: http://www.livingcorriere.it

Sicuramente si abbina i maniera eccellente al legno, toni caldi e lucentezze differenti rendono questo abbinamento attuale e moderno.

Tavolo-bar-tavolo-moderno-vitage-stile-in-legno-acacia-e-metallo-rame-231941070667-300x300

Foto: http://www.mobiliarredoline.it

Quali colori abbinare al color rame?

Il rosa e le sue varianti, sicuramente è un colore che si adatta perfettamente perchè si avvicina moltissimo al color rame.

Schermata 2018-04-11 a 15.14.57

Palette estratta dalla cartella Supercolor Oikos

Il grigio, sopratutto nelle tonalità che tendono al blu, è uno dei colori che esalta le caratteristiche del rame. Perfetto, per esempio, per una camera da letto in cui vengono inserite lampade in rame.

Schermata 2018-04-11 a 15.15.51

Palette estratta dalla cartella Supercolor Oikos

Il verde, luminoso e intenso, è uno dei colori che si abbina meglio al rame. Crea un forte contrasto che mette in risalto le sfumature intense del rosa e del marrone tipiche del color rame.

Schermata 2018-04-11 a 15.15.17

Palette estratta dalla cartella Supercolor Oikos

Si tratta di un materiale che si presta ad accostarsi a tanti materiali e colori, che regala calore a chi decide di utilizzarlo all’interno di arredamenti industrial.

Spero che questa piccola guida vi sia di aiuto per utilizzar e abbinare al meglio i vostri arredi e complementi color rame!

 

Colori consigliati:

http://www.oikos-group.it

 

 

 

 

 

 

 

13 Aprile 2018 / / Decor

Primo Post di questo Aprile dolce e, insieme inaspettatatmente, denso di nuove emozionanti situazioni che aspettavo di vivere da tantissimo tempo.
Nuovi Styling, consulenze di decorazione e anche Shooting speciali insieme a professioniste bravissime… insomma sto facendo delle esperienze stupende che mi riportano sempre di più al centro del lavoro che sognavo di poter fare tantissimi anni fa.
Ora ci sono proprio dentro, a volte pensando di non esserne all’altezza lo ammetto, ma comunque pronta ad imparare come poter fare meglio, stressandomi meno e cercando di bilanciare tutto al meglio per assecondare anche i ritmi lenti che ho scelto di voler concedere a me e alla mia famiglia.

E a proposito di Less is More… vi presento oggi MLEKO LIVING un negozio online che però è anche uno studio di Design essenziale e leggero, fondato nel 2017 da Katarzyna Załuska e Michał Załuski a Cracovia, in Polonia.
Oggi 13 Aprile festeggiano il loro primo anno di attività e io sono molto felice per come hanno saputo dar vita ad un progetto che vuole ispirare una nuova estetica del quotidiano.
Minimale ma ricco di bellezza semplice, lo studio Mleko Living affonda le sue radici nell’architettura che è la materia principale di studio dei suoi fondatori. La sua attività principlae è quella di aggiungere alla funzionalità degli oggetti anche l’arte di ricercare nel quotidiano uno stile di vita più semplice e consapevole, lo stesso lifestyle insomma che può fare la differenza rendendoci sicuramente più liberi dal superfluo e dal troppo.
Mleko infatti significa Latte, volendo richiamare con il suo nome il senso di un elemento naturale e di uso quotidiano, quasi puro nella sua semplicità.
Le loro collezioni sono fatte di linee essenziali, quasi eteree e includono persino una piccola linea stationery davvero bellissima… io me ne sono perdutamente innamorata, si vede vero?

All the photos are a property of MLEKO LIVING

Comprare sempre meno e comprare meglio credo che sia il nuovo must del momento.
Io personalmente lo trovo giusto e condivisibile. Possiamo sempre scegliere che direzione etica dare ai nostri acquisti, ma soprattutto possiamo come acquirenti finali decidere quale pensiero o filosofia rendere vincente per gli anni che verranno.
Che ne dite, siete anche voi fan dello shopping consapevole?

13 Aprile 2018 / / Design

Vestire la casa è da sempre il motto del mio blog, il Pay Off, come direbbero gli esperti di comunicazione, il modo migliore di vivere e far vivere gli spazi in cui abitiamo.  Per questo motivo non potevo non suggerirvi di partecipare ad un interessante seminario organizzato Lucia Palmas, fashion & textile designer e Barbara Borello, architetto ed esperta di feng shui, dal titolo:

“Vestire la casa”- Architettura, design, tessile e moda

  in collaborazione con l’ Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Milano

VESTIRE-LA-CASA

Quando? A Milano Lunedì 23 e martedi 24 Aprile presso la Fondazione Floriani.

Per maggiori informazioni:

Lucia Palmas – luciapalmas@rocketmail.com – cell:  328 6517576

Barbara Borrello- info@babo-design.it – 3391310737

13 Aprile 2018 / / Filò

E’ da un po’ che ci penso.
Molti dei miei interventi sono richiesti non solo per desiderio di rinnovamento o necessità di ristrutturazione ma anche per porre rimedio a situazioni ‘trovate’, difficili da gestire.
Mi spiego meglio.
Al momento di acquistare o scegliere la casa in cui vivere si pone l’attenzione su molti aspetti che dipendono chiaramente dai desideri e dalle necessità di ognuno; ci sono però degli ‘elementi base’ -così mi piace chiamarli – a cui spesso non si da’ troppo peso ma che una volta entrati diventano fonte di disagio.
Ecco perchè ho deciso di scrivere questi post: vorrei mettere in evidenza questi elementi per sensibilizzarti al momento della scelta di casa tua.
Magari durante le diverse visite che farai porrai un attenzione in più agli ‘elementi base’ in modo da non trovarti successivamente a dover sostenere nuove spese per sopperire a delle mancanze basilari.
Dopo questa lunga premessa arrivo a parlarti del primo elemento: 
l’INGRESSO
Ci accoglie.
E’ qui che avvengono le presentazioni ufficiali.
E’ qui che ti senti improvvisamente a casa.
E’ un segno, un gesto, il varcare la soglia per restare.
E’ un filtro, definisce il dentro e il fuori.
E allora? Perchè rinunciarci?
Purtroppo nelle case di oggi quest’ambiente non viene minimamente considerato.
Facci caso.
La maggior parte degli appartamenti di nuova costruzione di accolgono direttamente in soggiorno, a volte capita addirittura di avere la porta d’ingresso accanto alla parete attrezzata della cucina.
E’ entrare senza rispetto nel cuore della casa, nella sua intimità.
L’ingresso è uno spazio molto importante, un filtro e proprio per questa definizione è un luogo carico di funzioni.
Lo consideri inutile? Allora ti faccio qualche domanda:
– dove ti togli le scarpe una volta entrata?
– dove appoggi le chiavi, la posta, la borsa’
– e il cappotto? Lo abbandoni sempre sulla solita poltrona vicino alla porta d’ingresso?
Ecco, queste e molte altre sono funzioni che anche un piccolo corridoio o disimpegno in prossimità della porta d’ingresso possono svolgere.
Non considerare dunque come spazio sprecato quello che può anticipare l’accesso alla zona giorno di una casa, consideralo sempre un valore aggiunto. L’ideale sarebbe poterlo attrezzare con degli appendini, una piccola seduta ed una mensolina o altro elemento d’appoggio.
Ecco qualche esempio che dimostra quanto carattere può avere anche un ambiente così di passaggio.
Quindi occhi aperti, non lasciarti ammaliare da finiture e grande finestre, quando visiti una potenziale casa da acquistare osserva subito in che tipo di spazio stai entrando!
L’ingresso di casa mia è storto, stretto e lungo – insomma un incubo! – ma sono riuscita a trasformarlo in un piccolo studiolo oltre alle funzioni principali, sono bastati un mensolone sagomato su misura, uno sgabello, un carrellino per la stampante e lunghi ripiani trasformati in libreria!

Se ti sei proprio innamorata di quella casa dove l’ingresso è assolutamente inesistente non disperare, gli arredi, se usati sapientemente, possono fare miracoli! Un esempio lo puoi trovare nel progetto che descrivo in questo POST .
Alla prossima!
M.
13 Aprile 2018 / / Dettagli Home Decor

Loft 9B Sofia

Tendenza degli ultimi anni è lo stile industriale, uno stile che nato negli anni Cinquanta per utilizzare i grandi spazi di spoglie fabbriche dismesse, oggi assume la garanzia di vestire la propria casa di eleganza.

Ispirato all’affascinante arte dei grandi artisti della Pop Art come Andy Warhole David Hockney, fondatori dell’arte popolare in America, lo stile Industriale, oggi più che uno stile è un concept di esclusività.

Contaminazioni di stile; vintage, shabby e industrial si possono incontrare


In questo stile sono stati arredati splendidi loft stile Americano, ma anche ville e appartamenti unici nel loro genere. Il tema del recupero (insito nell’originario stile industriale) viene rielaborato come modo per creare da oggetti antichi, complementi del tutto originali. Nello stile Industriale si possono inserire contaminazioni vintage o addirittura Shabby Chic per creare ambienti caldi e romantici.
Il bello dello stile industriale è che è essenziale; quindi permette di mostrare cose che altrimenti andrebbero coperte. Sì, quindi a mostrare travi, tubi, mattoni.. ovviamente nulla toglie di avere dei piccoli accorgimenti come sbiancare travi in legno o rinnovare il loro colore naturale. E’ possibile inoltre, creare dei particolari decori in una parete costituita da mattoncini; ad esempio si potrebbe accostare ad una parete in mattoni o pietre, delle piastrelle in gres porcellanato (magari di un formato originale – ovale, esagonale, maxi o mini formato- )oppure colorare la parete di mattoni con colori pastello per un effetto più glamour.


Loft 9B Sofia

Colori, oggetti e decori stile industriale


Considerando che, se c’è un colore che non dovrebbe mai mancare nella casa in stile industriale è il grigio, i mobili potrebbero essere colorati per creare un contrasto di stile.
In questo contesto, i mobili possono diventare dei veri oggetti di design. Un frigo bombato color pastello può essere un perfetto tocco di colore in una casa dalle linee estremamente pulite ed essenziali. I mobili possono poi essere trattati; ad esempio un mobile in legno scuro potrebbe essere decapato in modo da rinnovarne l’aspetto e renderlo raffinato ed esclusivo.


Loft 9B Sofia

Illuminazione industrial style


L’illuminazione gioca un gioco del tutto fondamentale. Lo stile industriale vuole grandi vetrate e ambienti decisamente luminosi. Questo per alleggerire un pò l’atmosfera creata da mobili in metallo e materiali di recupero. Inoltre, lampadari di design possono essere oltre che punti luce, degli oggetti chic. Per arredare questa tipologia di spazi, possono essere perfetti dei lampadari in ferro battuto e ceramica;due materiali tanto diversi che vanno a creare un lampadario scenografico, impossibile da nascondere!
Un’azienda italiana, del tutto Made in Italy, che crea e produce dei lampadari in ferro battuto e ceramica è la ditta Ferroluce. Ecco qualche esempio di lampadari perfetti per un appartamento stile industriale.


illuminazione industrial style Ferroluce
illuminazione industrial style Ferroluce
illuminazione industrial style Ferroluce
illuminazione industrial style Ferroluce
illuminazione industrial style Ferroluce

Per qualsiasi altro approfondimento sullo stile industriale non perderti gli articoli nella nostra sezione apposita!
Autore Gloria Gargano

13 Aprile 2018 / / Design

Salone Mobile di Milano qualche anteprima VG lampade MUN

 

Buondì cari amici! Mancano ormai pochi giorni all’appuntamento con il Salone del Mobile 2018: inutile dire che sto facendo il countdown e che sono impaziente di partire per quella che è stata la mia città fino a pochi anni fa.

Continua la serie dei post dedicati all’evento: oggi vediamo qualche anteprima delle aziende che esporranno nello al Salone del Mobile a Rho fiera.

Quest’anno il Salone si articola, oltre che nelle manifestazioni annuali (Salone del Mobile e del Complemento d’arredo e il Salone Satellite dedicato ai giovani designer) nelle edizioni biennali dedicate alla cucina e al bagno (Eurocucina -Technology For the Kitchen e Salone Internazionale del Bagno). In questi giorni ho ricevuto moltissime comunicazioni e sto ancora selezionando i prodotti e le proposte che mi intrigano, quindi questo post potrebbe essere modificato nei prossimi giorni se riterrò opportuno aggiungere altri elementi. Pronti per scoprire alcune anteprime?

Cominciamo con il lusso, lo stile e la tradizione delle vetrerie di Murano che caratterizzano i prodotti di VG Newtrend: il catalogo di questa azienda è un po’ troppo opulento per i miei gusti, ma queste lampade da sospensione, interamente fatte a mano in Italia, con il paralume in vetro soffiato, sono davvero incantevoli. (Padiglione 03 – STAND L 27). 

Salone Mobile di Milano qualche anteprima VG lampade MUN

lampade MUN by VG Newtrand

Ancora lusso e tradizione artigianale veneta per l’azienda L’Ottocento, che presenterà in anteprima assoluta a Eurocucina ”Le nuove forme dell’abitare”, un progetto di arredi per la cucina di altissimo livello qualitativo ed estetico. La funzionalità e la tecnologia si coniugano perfettamente con il design ricercato: richiami alle forme elementari care ad Aldo rossi (il parallelepipedo e il cilindro), sintesi tra classicità e contemporaneità, colori nelle tonalità pastello come il rosa cipria e il grigio celadon, accostamento di finiture lucide e opache. Un gioco di contrapposizioni dal quale è scaturito un vero gioiello. (Padiglione 13 – STAND F 02/F 06)

Salone Mobile di Milano qualche anteprima l'ottocento cucina

L’Ottocento cucina

Ancora Made in Italy di qualità, questa volta per le sedute che  SCAB Design (Padiglione  08 -Stand B33/C32) presenterà al salone: disegnate da Simone Miceli, Me e YOU, rispettivamente sedia e poltroncina,  reinterpretano le forme classiche del design scandinavo in una versione elegante, grazie ai materiali e alle finiture ricercate e all’abbinamento tra materiali e finiture contrastanti, come l’imbottitura vellutata e opaca da una parte e le gambe metalliche brillanti.

Salone Milano qualche anteprima sedie me e you scab design

Sedia e poltroncina Me e YOU by SCAB Design

Sempre nel settore delle sedute, Calia Italia, la più antica azienda del Distretto del Mobile Imbottito di Matera presenta in anteprima assoluta il divano Paride, dalla struttura leggera come vuole la tendenza del momento, poggiato su esili ed eleganti piedini in metallo: l’azienda, da sempre attenta alla qualità artigianale e al design ha affidato il progetto al centro studi interno di Calia Italia, per ideare il sistema di spalliere ribaltabili e braccioli regolabili che assicurano una grande comodità di utilizzo e un confort a tutto tondo.

Salone Mobile di Milano qualche anteprima

divano Paride by Calia Italia

Passando all’ambiente bagno, guardate che simpatici i lavabo a forma di secchiello della collezione Bucket by Scarabeo Ceramiche e disegnati da Giovanna Talocci e Marco Pallocca: sulla base i designer hanno riprodotto lo skyline di città famose, un razzo o dei pesciolini, rendendo questo prodotto ancora più divertente alla rispetto versione classica in ceramica bianca.

Salone Mobile di Milano qualche anteprima lavabi scarabeo ceramiche collezione bucket

Lavabi Bucket by Scarabeo Ceramiche

Per ora mi fermo qui: ci rivediamo a Salone concluso con un bel reportage!