27 Aprile 2018 / / Decor

E’ un dei trend più in voga degli ultimi anni, arredare con il rame. Un metallo prezioso e delicato, che si adatta ad ambienti romantici ma anche un po’ rustici. Qualche consiglio per usarlo in camera da letto.

……….

Il rame è un metallo antichissimo, che ha attraversato tutte le epoche storiche, senza mai davvero passare di moda. In questi ultimi anni poi, è tornato prepotentemente in voga, declinato in mille modi diversi. Trova applicazione dalle lampade, ai complementi d’arredo, alle brocche.

Basta un piccolo dettaglio in rame per dare quel non so che alla stanza: un’allure romantica, un’atmosfera quasi sospesa nel tempo. Ma la cosa più bella di questo metallo è la sua versatilità: sta bene davvero dappertutto.

Dalla cucina ovviamente, alla camera da letto. E infatti quando vi ho fatto scegliere tra la stanza da pranzo e la camera da letto, la scelta è stata praticamente ovvia. Avete votato in maggioranza per l’immagine di questa camera così semplice, eppure così raffinata.

Ho provato a darvi la mia interpretazione, per avere un risultato simile ma comunque sempre con il mio stile.

ARREDARE CON IL RAME IN CAMERA: UN TREND INTRAMONTABILE

arredare con il rame

Image credits: westwing

Ed eccola qui l’immagine che vi ha scaldato il cuore e l’immaginario. Vi piacerebbe avere una camera così a casa? E’ molto femminile è vero, ma non necessariamente vuol dire che sia solo per le donne. Ci sono dei dettagli rustici che fanno adattare lo stile anche agli uomini. Il parquet quasi grezzo, le pareti spoglie e dai toni grigi. Il materasso puro sul pavimento. Quello che da dolcezza sono i colori del rosa e il nostro amico rame, appunto. Ma dove li troviamo degli arredi così? E quando spenderemmo?

Bisogna dedicare un po’ di tempo alla ricerca, ma il risultato ne vale sempre la pena. Ed eccola qui la mia versione, con la moodboard riassuntiva.

arredare con il rame

arredare con il rame

Ed eccoli in elenco a partire dall’alto, gli arredi che ho trovato per voi:

1- Lampada da terra in metallo rosso rame, con pedana in legno, JYKJ, € 143,50

2- Kare 80199, tavolino Wire copper (2 pezzi), Kare, € 202,63

3- Completo per letto matrimoniale in lino, rosa polvere, Iconic Linen, € 66,92

4- Brocca vintage in rame, UKAmobile, € 50,97

5-Specchio tondo con bordo in rame, diametro 39 cm, Beldyparis, € 62

6- Oneisall, teiera con 4 tazze in ceramica bianca, € 28,99 

 

L’articolo Trend alert: arredare con il rame, per il look del mese sembra essere il primo su VHD.

27 Aprile 2018 / / Design

Quando si compra una casa oppure si è in procinto di farlo, si inizia a pensare anche a come arredarla e renderla accogliente: stile moderno o gusto classico, shabby chic o un tocco country? Si iniziano a sfogliare, allora, riviste di arredamento e cataloghi, si visitano centri di esposizione e megastore dei marchi più grandi, alla ricerca di qualcosa che rispecchi i propri gusti e, soprattutto, il proprio budget a disposizione. La scelta del giusto arredamento e dei mobili da acquistare non è mai semplice perché è sempre legata alla struttura della casa, se per esempio è oppure ha una mansarda, se ha particolari sporgenze e divisioni degli spazi e degli ambienti, se ha piccole dimensioni oppure grandi. Nonostante tutte le particolarità che può presentare la struttura di una casa, però, esistono tantissimi modi per arredarla come più si desidera. Rivolgersi ad una falegnameria artigianale per realizzare un arredamento su misura, per esempio, potrebbe essere la soluzione a questo tipo di problema. 
   
Molto spesso non si prende in considerazione l’idea di rivolgersi ad una falegnameria artigianale, poiché si è portati a pensare che la realizzazione di mobili su misura possa richiedere un investimento troppo cospicuo e non adatto alle “proprie tasche”. Certamente un mobile realizzato da un falegname può comportare a volte un costo anche elevato, ma la qualità che lo caratterizza lo rende anche un investimento per il futuro, data la sua lunga durata nel tempo.
Arredare la casa con mobili su misura realizzati da una falegnameria artigianale significa esprimere il proprio gusto: l’arredamento su misura va ad esaltare, infatti, l’identità unica della casa con colori, forme, stili e design personalizzati. Un mobile su misura è un pezzo unico di arredamento, un risultato difficile da realizzare con i mobili prodotti in serie dai grandi marchi e dalle fabbriche.


Un arredamento su misura consente di sfruttare ogni angolo ed ogni ambiente della casa in modo pratico e funzionale. Per il salone, per esempio, si possono realizzare pareti attrezzate come librerie su misura, boiserie su misura e di varie tipologie e altri elementi di arredo; se non si ha molto spazio a disposizione nella zona notte, invece, si può optare per un armadio su misura che riesca a sfruttare ogni centimetro dell’ambiente, oppure si può realizzare una camera da letto su misura, a ponte oppure a scomparsa. Poi, ancora, se la casa si presenta con scale interne oppure con tetto a spiovente, si possono creare dei vani ripostiglio, dove sistemare oggetti vari che non siano di uso quotidiano.


Un mobile su misura realizzato da una falegnameria artigianale, realizzati quindi da veri artigiani, è un mobile che prende vita da una semplice idea e si sviluppa in base alle esigenze del committente. Si può scegliere qualsiasi elemento, il tipo di legno, il colore e persino le sfumature di colore, la foggia, lo stile, le finiture o anche l’abbinamento a materiali diversi dal legno come vetro, ferro, marmo. Si può ottenere, insomma, una personalizzazione a 360°. Scegliendo un mobile su misura si possono realizzare anche le forme più insolite, si possono arredare gli spazi difficili della propria casa, per sfruttare al meglio anche gli angoli più angusti delle stanze. Ovviamente la qualità sarà superiore a quella dei mobili prefabbricati e l’arredamento sarà più duraturo negli anni.


Tutte le immagini sono splendide realizzazioni di Bucefalo Arredamenti, falegnameria a Roma, che valorizza la cultura artigiana del made in Italy realizzando mobili su misura, librerie, armadi, boiserie, camere da letto e complementi di arredo, frutto di una lunga tradizione, di professionalità, qualità e una particolare attenzione “al centimetro”.

27 Aprile 2018 / / Blogger Ospiti

Cappellini è l’azienda con sede a Milano specializzata nella realizzazione di mobili di design dalle caratteristiche uniche ed inimitabili. Fantasia, originalità, gusto e attenzione certosina per il dettaglio sono le peculiarità di un’azienda che ha stupito e ammaliato migliaia di appassionati in tutto il mondo.

Cappellini: una vasta scelta di mobili di design per la tua abitazione

Affidarsi alle creazioni Cappellini per impreziosire il proprio soggiorno, le camere da letto, la cucina e lo studio è una scelta che fa la differenza e che traccia un taglio netto tra la forza evocativa e l’energia dell’arredamento di design e tutte le altre soluzioni esistenti. Cappellini propone un’ampia selezione di divani, tavoli e sedie di design utili ad arredare ogni spazio con lo stile inconfondibile dello storico marchio italiano fondato nel 1946 in quel di Carugo. L’azienda venne creata da Enrico Cappellini, appassionato di arredamento e oggetti di design: alcuni dei prodotti realizzati dai designer che collaborano e che hanno collaborato con l’azienda sono stati persino esposti presso alcune delle gallerie di arte moderna e contemporanea più importanti al mondo, quali la Galleria comunale d’arte moderna e contemporanea di Roma, il MoMa di New York, il Philadelphia Museum of Art, il Centre Pompidou di Parigi e il Museo delle arti applicate di Colonia.

 

Sedie, divani, specchi, lampade e tavoli di design: oggetti che si distinguono grazie alla loro raffinata semplicità

Cappellini è sinonimo di qualità, ma anche di originalità, sperimentazione e contemporaneità. Il brand italiano produce da oltre 70 anni elementi d’arredo mai banali, capaci di imprimere una sferzata di eleganza e buon gusto a qualsiasi spazio residenziale, piuttosto che attività commerciale, ente pubblico o ufficio. Nata come piccola azienda familiare, ben presto Cappellini è riuscita con le proprie collezioni ad attirare l’attenzione dei tanti amanti di design italiani e non. Gli oggetti realizzati si caratterizzano per la spiccata personalità e, al contempo, per una piacevole e raffinata semplicità, valori dettati e sviluppati da alcune delle più grandi firme del design internazionale, adocchiate e coinvolte nel progetto Cappellini da Giulio Cappellini, talent scout di fama mondiale. I nomi dei professionisti che hanno contribuito a far diventare grande questo brand sono quelli di Jasper Morrison, Marcel Wanders, Tom Dixon, Marc Newson, dei fratelli Nendo e Bouroullec. Appartengono a loro molte delle opere più note esposte presso i punti vendita e le grandi mostre internazionali cui ha partecipato Cappellini nel corso del tempo. Tra queste Cloud, Pylon Chair, Embryo Chair, Knotted Chair e tantissime altre, diventate icone di un brand il cui valore è riconosciuto in tutto il mondo.

Il fascino e i dettagli della collezione Cappellini

La collezione Cappellini è attualmente formata da tre diverse sezioni: Sistemi, Collezione e Progetto Oggetto. Ogni divisione traduce nella maniera più flessibile possibile le esigenze dell’arredamento contemporaneo, cercando di colmare il divario esistente tra i mobili tradizionali e l’arredamento di design. Le funzionalità, le caratteristiche, la comodità delle poltrone, dei tavoli, dei divani e delle sedie di design proposti da Cappellini sono identiche a quelle degli elementi d’arredo tradizionali, pur conservando uno stile, un carattere e una vocazione artistica completamenti diversi. Le proposte di Cappellini consentono di arredare qualsiasi spazio abitativo migliorandone la fruibilità e il fascino. Non mancano le soluzioni ideate appositamente per le stanze da letto, comprese quelle dei bambini, piuttosto che per il soggiorno, la cucina, il giardino, la veranda e gli altri ambienti esterni. Specchi, poltrone, librerie, cassettiere, mensole, lampade, comodini e tavoli di design griffati Cappellini sono oggetti esclusivi, non replicabili, caratterizzati da una grande qualità dei materiali e da un’eccezionale ricerca in fatto di stile.

 

27 Aprile 2018 / / Design

arredi e complementi di tendenza nel 2018

Nel settore dell’interior design, il 2018 è caratterizzato da un significativo ritorno al passato, con il boom di tendenze che guardano indietro e un gusto vintage di straordinario valore. Il recupero di oggetti antichi e di mobili risalenti a vari decenni fa, magari trovati in un mercatino dell’antiquariato o nella soffitta di nonna, viene valorizzato grazie all’inserimento di queste soluzioni in un contesto contemporaneo. Che cosa ci si deve aspettare per i prossimi mesi, dunque? Ecco quel che vedremo nei negozi e negli showroom.

Il trionfo dell’ultra violet

Il colore protagonista del 2018 è senza alcun dubbio l’ultra violet, ma chi preferisce optare per soluzioni un po’ meno appariscenti può comunque vedere assecondate le proprie esigenze, per esempio puntando sul verde, ideale per una casa green non solo in senso metaforico ma anche in senso letterale. Una variante da non perdere è il rosso, consigliato soprattutto per le imbottiture delle poltrone e delle sedie. Sbirciando nel catalogo dell’arredamento Cappellini, è possibile scoprire un vasto assortimento di mobili di design: chissà che non si possa trovare qualche spunto interessante da mettere in pratica nella propria abitazione. Coloro che non vogliono rinunciare all’eleganza, magari condita da un pizzico di lusso, hanno la libertà di scegliere finiture in oro o in ottone anticato: quest’ultimo è raccomandato specialmente negli angoli della casa che sono più vissuti e frequentati, come per esempio il soggiorno, che in questo modo può essere impreziosito da un tono più ricercato.

finiture in oro nel living

Lo stile industrial

In alternativa ai mobili di design più contemporanei ci si può lasciar sedurre dai materiali grezzi dello stile industrial, che nel 2018 non può che seguire la scia delle tendenze dominanti e, quindi, essere declinato in versione vintage. Il matrimonio che si consuma tra il gusto retrò e gli elementi tipici dello stile industriale è senza dubbio inedito e fuori dal comune, ma l’effetto che ne deriva è tutt’altro che disprezzabile, in virtù di un’atmosfera old style resa ancora più piacevole dal ricorso ai materiali antichi. Specialmente la cucina è un ambiente che può trarre grande vantaggio dai canoni e dalle soluzioni caratteristiche dello stile industrial, tra tubi in vista e utensili in rame che fanno venire in mente gli arredi di un loft di New York.

cucina stile industrial

I dettagli in cucina

Non solo tubi in vista ma anche mattoni, in grado di offrire un clima rustico e una piacevole sensazione di accoglienza; sempre a proposito di materiali, vale la pena di valutare le chance offerte dal ricorso al metallo e al legno, anche per assicurare un effetto minimal. Il tutto senza rinunciare alla comodità degli elettrodomestici più moderni, ormai connessi al resto della casa con il Bluetooth e tutte le altre funzionalità che ci hanno proiettato nell’era della domotica. Il tuffo verso il futuro che deriva da tecnologie all’avanguardia può essere compensato, comunque, dall’utilizzo di oggetti del passato: è sufficiente un tagliere in legno a questo scopo.

cucina stile industrial Boffi

Passando alla camera da letto, i trend del 2018 offrono una notevole libertà di scelta; diverso è il discorso per il bagno, dove il richiamo al vintage si può concretizzare attraverso l’impiego di piastrelle recuperate o con una vasca da bagno di ispirazione classica. Oggi va molto di moda posizionarla al centro del bagno, ma come si può facilmente intuire questa opzione può essere presa in considerazione solo se si ha a disposizione spazio a sufficienza. In caso contrario, ci si può concentrare su altri elementi, come il cromo dorato per i rubinetti o la carta da parati. Come, la carta da parati in bagno? Nessun timore: ormai la tecnologia permette di prevenire i problemi legati all’umidità.

rubinetti bagno finitura cromo dorato
carta da parati in bagno

27 Aprile 2018 / / La Gatta Sul Tetto

Impianto elettrico a vista in stile industrial tubi rame

Lo stile industrial nell’arredamento non accenna perdere colpi:

nato a New York sulla scia del recupero di edifici industriali dismessi, si è diffuso anche grazie a film e serie tv ambientati in loft e openspace che hanno saputo conquistare il pubblico delle metropoli di mezzo mondo. Delle caratteristiche peculiari di questo stile ne avevo già parlato in questo post del 2012, a dimostrazione della sua longevità tra i top trend.

Le finiture e gli arredi

Lo stile industrial è perfetto per arredare spazi ricavati in fabbriche e depositi dismessi, ma può essere impiegato anche in normalissimi appartamenti, a patto di riuscire a creare un ambiente abbastanza grezzo. Pareti con mattoni a vista o trattate con speciali finiture effetto cemento o effetto metallo; pavimenti in cemento o in grès porcellanato effetto pietra o legno grezzo; una palette di colori sobria basata su colori scuri, dal nero al bronzo, il grigio, ma anche tocchi di luce con il rame, l’acciao, il beige, il bianco “sporco”. Per gli arredi, ormai quasi ogni azienda ha in catalogo pezzi in questo stile; se siete degli instancabili frequentatori dei negozi e dei mercatini dell’usato, privilegiate pezzi autentici, magari provenienti da vecchie fabbriche o uffici, che hanno il vantaggio di essere spesso pezzi unici, così da dare al vostro arredo un tocco di originalità.

Gli impianti

Nello stile industrial gli impianti hanno un alto valore decorativo; di conseguenza, ove possibile, è consigliabile lasciarli a vista. Le tubature dell’impianto di riscaldamento e dell’impianto idrico si possono valorizzare con finiture che li mettano in risalto e possano contribuire a creare soluzioni originali.

Impianto elettrico a vista in stile industrial tubi idraulici a vista

Anche la rubinetteria in stile industriale ha ormai conquistato un posto di primo piano nelle proposte di designer e aziende, molto ampie per quanto riguarda le finiture in metallo e le forme, con rubinetti che richiamano le valvole dei vecchi impianti. Un grande alleato per ricreare la perfetta atmosfera industrial è senz’altro l’impianto elettrico, visto che cavi a vista, scatole di derivazione, prese, interruttori e, soprattutto, le lampade, andranno ad occupare quasi tutte le zone della casa.

Impianto elettrico a vista in stile industrial lampade con grata

Oggi creare un impianto elettrico a vista non è più un problema, visto che molte case produttrici hanno inserito in catalogo i pezzi necessari, tutti dotati di certificazioni che ne attestano la sicurezza. Dietro l’aspetto vintage, dunque, si nascondono componenti che garantiscono sicurezza e prestazioni tanto quando quelli che si utilizzano per gli impianti sotto traccia, e l’elettricista che effettuerà l’installazione potrà rilasciarvi la dichiarazione di conformità: pensate che esistono anche le prese apposite per tv, trasmissione dati e telefono. Per l’aspetto estetico, si può optare per un cablaggio a fili intrecciati o inserito in tubi metallici di rame o bronzo, mentre per tutti gli altri elementi dell’impianto vi è un’ampia scelta di modelli in ceramica, bachelite, o con finiture in ottone e nichel anticati. Infine, arriviamo alle lampade, la cui scelta è fondamentale per creare un’atmosfera calda e accogliente in un ambiente che altrimenti risulterà un po’ freddo e impersonale.

Impianto elettrico a vista in stile industrial lampade saliscendi

Quello che occorre sono lampade che richiamino lo stile delle vecchie lampade industriali e  i materiali dell’impianto elettrico, come metallo, legno e ceramica. Per esempio, le bellissime lampade proposte da Ferroluce rispondono a tutti questi requisiti, oltre a essere realizzate artigianalmente ed esclusivamente in Italia. Nella linea Industrial sono disponibili lampadari di tutte le fogge e colori, adatte sia per interno che per esterno: lampadari, appliques, plafoniere e lampade da tavolo da collocare nei punti strategici  per ottenere un’illuminazione che sia allo stesso tempo funzionale e gradevole nell’insieme.

Impianto elettrico a vista in stile industrial proiettori

27 Aprile 2018 / / Design

Cucine Design Snaidero Ola 25 Pininfarina

Lo storico marchio di cucine Snaidero propone oggi tre nuove linee di prodotto dalle precise connotazioni stilistiche: Icone, Sistema ed Everyone, tanti modelli di cucine design dalla personalità unica e definita

Con oltre 70 anni di storia alle spalle il marchio di cucine Snaidero continua a rinnovarsi e propone oggi tre nuove linee di cucine design, ciascuna con una sua personalità unica e ben definita, una riflessione sull’identità ma soprattutto su quello che rappresenta la tradizione nel design delle cucine moderne.
Ciascuna ben distinta e con precise connotazioni stilistiche, la Collezione Icone, la Collezione Sistema e la Collezione Everyone, incontreranno i gusti di altrettanti target diversi e definiti. Ogni ambiente infatti, e gli oggetti di cui ci circondiamo, parlano di noi e rispecchiano la nostra personalità ma forse la cucina, che è il cuore della casa, ci rispecchia più di tutti. Ecco quindi che con una gamma di proposte così ampia chiunque potrà trovare la sua cucina ideale! E tu vuoi scoprire la cucina giusta per te?

Collezione Icone

Per chi non rinuncia a una grande firma!
La Collezione Icone propone una serie di progetti d’autore, icone di stile e di esclusività. Cucine moderne che portano il segno distintivo e inconfondibile dei grandi maestri italiani del design industriale dagli anni ’60 ad oggi, con le firme di Pininfarina, Massimo Iosa Ghini e Lucci Orlandini Design, il top del design Made in Italy.
Forme dalle linee futuristiche si innestano della migliore tradizione del design di ispirazione classica per risultato moderno e contemporaneo. Come Ola 20 o la limited edition Ola 25 di Pininfarina, caratterizzata dal supporto scultoreo del piano di lavoro in fibra di carbonio, solo 84 pezzi unici in rosso fiammante (ma non solo) per pochi clienti esclusivi.

Cucine Design Ola 20 Pininfarina Snaidero

Ola 20 la cucina di design firmata Pininfarina

Cucine Design Ola 20 di Snaidero

Ola 20 è la cucina dalle linee curve e futuristiche per una fruizione ergonomica degli spazi

Collezione Sistema

Per chi vuole che ogni cosa racconti di sé.
Progetti immaginati per vestire in maniera sartoriale gli spazi di chi cerca personalizzazione, flessibilità e soluzioni esclusive. Tutte le tendenze del design contemporaneo sono perfettamente espresse in queste cucine moderne dalle linee pulite ed ergonomiche, con ingegnose soluzioni salvaspazio, materiali ricercati e superfici dalle finiture personalizzabili. Stili diversi per tutti i gusti ma soprattutto per chi desidera un ambiente a propria immagine e somiglianza. Tutte le cucine design di Snaidero infatti consentono di comporre gli elementi personalizzando gli spazi a piacimento. Come l’innovativa cucina Loft di Michele Marcon Design dal mood prettamente urbano e post industriale, che si esprime nei materiali naturali dall’effetto vissuto e nelle originalissime finiture personalizzabili.

Snaidero Cucine Design - "Loft" di Michele Marcon Design

Cucina Loft di Michele Marcon Design

Cucina Way di Snaidero con suggestivi elementi a sospensione

Cucina Way di Snaidero con suggestivi elementi a sospensione

Linee geometriche e minimaliste di grande eleganza per la cucina Way di Snaidero

Linee geometriche e minimaliste di grande eleganza per la cucina Way

Collezione Everyone

Per chi ama la libertà prima di tutto.
Una collezione di cucine design dedicata alle nuove generazioni, ad un pubblico dal gusto giovane, che ricerca un mix equilibrato di creatività e uno stile informale.
Lo stile giusto per chi concepisce la cucina come un ambiente accogliente da vivere in diversi momenti della giornata e ama gli spazi flessibili e fluidi. Joy, Feel, Fun… nomi che evocano momenti conviviali, condivisione e allegria, rappresentano queste cucine design dallo spirito giovane e contemporaneo che si esprime nelle linee dinamiche e nelle inedite proposte di colore come il laminato color cappuccino o grigio ferro.

L’articolo Cucine Design dalla personalità unica: qual è la tua? proviene da Things I Like Today.