30 Aprile 2018 / / Interiors

La fiera del Mobile è ormai passata, ma le tendenze del Salone del Mobile 2018 ancora no. Anzi, sono più presenti e attuali che mai. Vediamo le sei tendenze che presto vedremo nelle nostre case.

……….

La fiera e il Fuorisalone sono ormai un ricordo, ma non le novità e le tendenze del Salone del Mobile 2018. Tante le idee da cui prendere spunto e che sicuramente cominceremo a vedere sia nelle nostre case, che nei giornali d’arredo. Molte sono tendenze che vediamo già da un po’ nel campo della decorazione di casa, semplicemente rese pubbliche e disponibili su larga scala.

Ne ho trovate sei di tendenze del Salone del Mobile che si possono ben adattare ai nostri gusti e alle nostre case: dai colori e le forme anni ’70, agli oggetti di decorazione che strizzano l’occhio all’oriente, passando per le mini cucine. Tutto quello che più ci piace insomma per rendere le nostre case belle e un po’ alla moda, ma che parlino sempre di noi.

Le tendenze del Salone del Mobile: colori e forme anni ’60 e ’70

Cominciamo subito con un trend che potrebbe non piacere a tutti. Se vi capita di sfogliare riviste di arredo e decoro casa non sarà sicuramente una novità, il revival di forme e colori anni ’60 e ’70. 

Forme che strizzano l’occhio allo spazio e alla scoperta dello stesso, che in quegli anni era una vera e propria fissa. Poltrone e specchi tondi, dai materiali un po’ audaci e sperimentali. Accostamenti di colori scuri e forti come il senape, il bordeaux, il petrolio. Arredi e accessori davvero coraggiosi, che ci catapultano subito negli anni delle Charlie’s Angels e Hazzard.

tendenze del Salone del Mobile

| Courtesy Salone del Mobile.Milano | Agrippa ph_ Alessandro Russotti | Fiam ph_Diego Ravier | Adrenalina ph_Alessandro Russotti |

Le tendenze del Salone del Mobile: colori pastello, velluto e arredi sensoriali

Niente paura: se a voi gli anni ’70 e affini fanno venire la pelle d’oca (i ricordi della casa della nonna sono dietro l’angolo), potete consolarvi con i colori pastello. 

Salvia, rosa cipria, azzurro. Colori rilassanti che creano atmosfere più “reali” e facilmente replicabili in casa nostra. Tappeti in velluto, pouf in materiali che ci invitano a toccarli. Arredi invitanti e sensoriali, dalle forme comode, per ambienti familiari e da usare quotidianamente.

tendenze del Salone del Mobile

| Courtesy of Salone del Mobile.Milano | Nanimarquina Tappeti Sciade ph_Alessandro Russotti | Magis ph_Alessandro Russotti | Mazalli ph_Luca Fiammenghi | Vitra ph_Alessandro Russotti | Kettal ph_Alessandro Russotti

Le tendenze del Salone del Mobile: passione oriente

Il paese del sol levante e più in generale la cultura orientale non smettono mai di affascinare e ispirare le tendenze d’arredo e decorative. Tessuti preziosi dai colori importanti come l’oro, il verde smeraldo, il rosso rubino. Decori imponenti che si vedono sia sui tessuti d’arredo come i tappeti, che sui materiali da rivestimento.

Basta un piccolo dettaglio per portare in casa l’atmosfera di lanterne rosse o del piccolo Buddha. Arredi e accessori sensuali, che possono anche spaventare un po’ per l’audacia e l’esagerazione che a volte li contraddistingue.

tendenze del Salone del Mobile

| Courtesy Salone del Mobile.Milano | Forest ph_Luca Fiammenghi | Rugs Society ph_Luca Fiammenghi | Alchymia ph_Diego Ravier

Legno e marmo: i grandi protagonisti del Salone 2018

Sono proprio questi due materiali i grandi protagonisti del Salone del Mobile 2018. Nessun nuovo materiale quindi ma solo una reinterpretazione attraverso nuovi colori e nuove sfumature. Impiallacciati scuri, quasi rustici. Marmi dai toni inusuali come il nero e il grigio. Soprattutto nelle cucine li abbiamo visti presenti in gran misura. Tanto marmo per i top delle cucine, sempre più rigorose e monolitiche nelle forme. Ambienti facilmente integrabili con i soggiorni, per ambienti unici come vogliono le tendenze delle case costruite negli ultimi anni.

Ma marmo anche per i paraschizzi, per i tavolini da caffè e per i tavoli da pranzo. Un materiale prezioso che viene reinterpretato in ambienti moderni. Il legno: essenze dal sapore orientale, che vengono cucite su arredi quasi scultorei. Colori scuri, come vogliono gli ultimi trend del momento (non mancano infatti le tanto modaiole cucine nere).

tendenze del Salone del Mobile

| Courtesy Salone del Mobile.Milano | Elam ph_Saverio Lombardi Vallauri | Haecker ph_Saverio Lombardi Vallauri | Leicht ph_Saverio Lombardi Vallauri | Kreoo Scarlett, Dora, Bubbles |

Le tendenze del Salone del Mobile: cucine dalle forme lineari

Poche stravaganze per le cucine esposte in questo Salone del 2018. Tanto rigore, forme semplici e pulite per ambienti quasi monolitici. Anche le maniglie delle ante di basi e pensili scompaiono, quasi per non dare fastidio. Colori il più delle volte scuri, impreziositi da materiali nobili come il marmo o i legni pregiati. Cucine che non sono quasi più solo cucine, complice anche la tecnologia che ormai le contraddistingue. Non si tratta più delle cucine di tanti anni fa, da tenere nascoste dal resto della casa: sono ambienti di cui andare fieri e che sono parte integrante del soggiorno e della zona pranzo. Grandi spazi in cui è facile cucinare, bere un aperitivo con gli amici, chiacchierare. Dei veri e propri luoghi di convivialità.

tendenze del Salone del Mobile

| Courtesy Salone del Mobile.Milano | Nolte ph_Saverio Lombardi Vallauri | Haecker ph_Saverio Lombardi Vallauri | Leicht ph_Saverio Lombardi Vallauri | TM Italia ph_Saverio Lombardi Vallauri | Haecker ph_Saverio Lombardi Vallauri | Leicht ph_Saverio Lombardi Vallauri | Stosa ph_Saverio Lombardi Vallauri | Haecker ph_Saverio Lombardi Vallauri | Leicht ph_Saverio Lombardi Vallauri |

E per finire: mini cucine per micro case

Ovviamente una fiera che si rispetti deve pur parlare di una delle tendenze più in voga degli ultimi anni: le piccole case. E’ vero, a tutti noi piace vedere in esposizione cucine mega galattiche, che si estendono per metri e metri. Ma poi nella realtà chi di noi ha così tanto spazio? I più fortunati sono quelli che hanno una parete di 3 mt, senza pilastri e ostacoli vari. Quindi in pratica le idee che maggiormente possiamo sfruttare sono quelle che parlano dell’arredo dei piccoli spazi. E all’ultimo salone non sono di certo mancate le micro cucine. In poco meno di due metri piccoli ambienti con tutto quello che serve, capaci anche di nascondersi alla vista (dettaglio super utile in monolocali, per tenere sotto controllo il caos).

E che colori!

tendenze del Salone del Mobile

| Courtesy Salone del Mobile.Milano | Scavolini ph_Saverio Lombardi Vallauri | Sanva ph_Saverio Lombardi Vallauri |

L’articolo Post fiera: le 6 tendenze del Salone del Mobile 2018 sembra essere il primo su VHD.

30 Aprile 2018 / / Dettagli Home Decor

consigli per decorare gli spazi outdoor

I tuoi esterni meritano un buon set-up per la bella stagione. Ecco qui 10 consigli degli esperti di habitissimo a cui ispirarsi per decorare al meglio.


Pranzo all’aperto

Sfruttare l’esterno per i lunghi pasti di primavera-estate è un piacere. Se hai la possibilità di ricavare uno spazio dedicato, fai in modo che il tavolo sia comodo e resistente alle intemperie, e magari che preveda la possibilità di aggiungervi un ombrellone per quando il sole è alto e per proteggere gli ospiti dall’umidità. Anche le sedie sono importanti, e come nel caso del tavolo, è sempre meglio optare per arredi da esterno. I cuscini sono molto apprezzati, ovviamente è bene che siano staccabili così da metterli al riparo in caso di pioggia.


tavolo Play e ombrellone di Ethimo

Spazio al verde

Il balcone, piccolo o grande che sia, è una grande risorsa da sfruttare al massimo. Decorarlo con delle piante è sempre un’ottima idea. Le piante danno colore, allegria e salute, e prendersene cura è un ottimo esercizio per la mente e per lo spirito.


Gerani - Pelargonium for Europe

Seminare e raccogliere

È sempre più comune piantare e produrre frutta e verdura per il proprio consumo. Inoltre lo sapevi che avere un orto in casa è  terapeutico? Come anticipato, i lavori manuali e a contatto con la natura sono un vero e proprio toccasana per lo stress.


Orto sul balcone

Arbusti e piante esotiche

Banano o sterlizia? Sono entrambe piante che possono essere coltivate anche in città e che ricordano tanto i paesaggi tropicali. Per chi ha spazio, vale la pena informarsi presso il proprio giardiniere o fiorista di fiducia su quali siano le piante (o piccoli alberi) che si possono coltivare facilmente in base allo spazio a disposizione.


piante tropicali

Color rame

Non farti cogliere impreparato! Il colore rame per giardino e terrazze è già moda, oltre ad essere perfettamente abbinabile alla pietra e al legno. Dettagli ed elementi decorativi in ​​rame conferiscono all’ambiente esterno un tocco moderno e rinnovato. Da provare.


accessori decor color rame

Sì al colore

Il colore è gioia e vitalità. Inserisci complementi d’arredo per esterni colorati e otterrai l’atmosfera che stavi cercando. A noi per esempio, piacciono le sedute colorate che conferiscono sempre un carattere vivace all’ambiente.


Sedute da giardino Paola Lenti
sedute e pouff da giardino di Paola Lenti

Luci solari

L’installazione di lampade solari in giardino e in terrazza è una soluzione molto interessante, sia dal punto di vista del risparmio energetico, sia per quanto riguarda l’impatto sull’ambiente. Avendo così tanti giorni di sole, è un modo efficace per risparmiare energia e godersi l’esterno illuminato molto più a lungo. Esistono sul mercato sempre più modelli di questo prodotto.


lampade solari da giardino IKEA collezione estate 2018
lampade solari da giardino IKEA collezione estate 2018

Piastrelle che imitano il legno

Installare piastrelle che imitano il legno, è una grande idea, soprattutto dal punto di vista pratico: forniscono quella sensazione di calore tipica del legno ma allo stesso tempo sono resistenti, antiscivolo e antimacchia.


pavimento per esterno effetto legno

Capannone da giardino

I capannoni da giardino sono tornati in auge, e non solo per conservare gli attrezzi da lavoro, ma anche per essere reinterpretati come spazi versatili. Qualche esempio? Sono sempre più utilizzati come serra per le piante, sala di lettura oppure uffici. Non male!


garden office

Assimetria

Rifuggi la simmetria e prova ad abituarti ad elementi collocati in modo casuale. Ad esempio piastrelle e vasi diversi tra loro, e soprattutto un ordine dettato dalla praticità e non dalle leggi della simmetria: potrà nascere un’imprevedibile armonia estetica.


idee decor spazi outdoor


Autore

30 Aprile 2018 / / La Gatta Sul Tetto

Eurocucina 2018 tendenze modello floral l ottocento

Come promesso, ecco la seconda parte dell’articolo sul Salone Internazionale del Mobile 2018. Dopo aver visitato il Salone del Bagno, ho fatto un salto nel padiglione di

Eurocucina, il salone biennale dedicato alla cucina, che si è confermato anche quest’anno come il palcoscenico ideale per presentare le novità

per i più importanti marchi italiani e internazionali. In linea generale, la cucina per i prossimi due anni sarà sempre più integrata con la zona living, perdendo il suo ruolo di luogo dedicato esclusivamente alla preparazione del cibo: l’isola centrale è sempre più protagonista e funge da cerniera tra il soggiorno e la zona attrezzata della cucina, ormai quasi completamente celata alla vista.   Il lavello si fonde con il top e diventa invisibile, mentre il piano cottura, se a gas, scompare per lasciare spazio ai fuochi inseriti direttamente nel piano di lavoro. La tecnologia infine, è un elemento invisibile agli occhi ma presente anche nelle cucine dallo stile più tradizionale: cassetti e ante che si aprono e chiudono da soli, piccoli elettrodomestici che sorgono dal piano, nanotecnologie applicate ai materiali e tutta la parte dedicata alla domotica, riunita nel padiglione FTK (Technology For the Kitchen). Ecco due esempi diametralmente opposti dal punto di vista dello stile, che tuttavia riassumono un po’ tutte le tendenze cui ho accennato:

Eurocucina 2018 tendenze modello Chronos l ottocento

Eurocucina 2018 tendenze modello Chronos l ottocento

modello Chronos by L’Ottocento

L’Ottocento ha proposto a Eurocucina tre cucine perfettamente integrate nel living, ognuna interprete di uno stile diverso, come a voler sottolineare che la fusione della cucina con gli altri ambienti è un concetto che va oltre lo stile: gusto classico dal sapore romantico per la cucina Floral (foto di copertina), che diventa un tutt’uno con la sala da pranzo grazie alla boiserie che ricopre pareti e ante senza soluzione di continuità; il modello Chronos rivisitato, diventa prototipo per un progetto d’arredo completo che uniforma colori, materiali e forme di cucina e living. Lo stile ricorda lo scandinavo degli anni ’50-’60, con le ante bombate in noce canaletto e la boiserie e laccata in grigio celadon cui si fissano gli elementi d’arredo della libreria e i pensili della cucina; con il modello Archetipo (di cui vi avevo già parlato in questo post), presentata in anteprima assoluta, la cucina scompare totalmente dietro ad una boiserie dal gusto classico mentre solo l’isola centrale, di stile contemporaneo, tradisce la funzione della stanza.

Cucina Archetipo by L’Ottocento

Piccolo dettaglio di tendenza: le manopole per i fuochi si trasferiscono sul frontale.

Eurocucina 2018 tendenze modello Floral l ottocento

Cucina Floral by L’Ottocento

Estrema versatilità per le cucine proposte a Eurocucina da Laboratorio Mattoni: la progettazione digitale unita all’eccellenza artigiana e alla sartorialità permettono di creare cucine quasi uniche, in cui Design e Domotica  si fondono perfettamente. I materiali innovativi rendono queste cucine adatte sia per l’interno che per l’esterno, mentre gli elementi motorizzati e gli elettrodomestici all’avanguardia si integrano ai dispositivi smart per la home automation. Bellissimo il piano a scomparsa, che trasforma l’isola in un bancone che si integra perfettamente in qualsiasi ambiente.

Eurocucina 2018 tendenze modello Perpetua laboratorio mattoni

Cucina Pepetua by Laboratorio Mattoni

La mia rassegna sul Salone di Milano 2018 finisce qui. Ancora due puntate sul Fuorisalone vi aspettano: se intanto volete dare un’occhiata al mio profilo e alle stories su instagram, trovate foto e filmati dal Fuorisalone @lagattasultetto

Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi. Riceverai una email mensile che riassume i post del blog ma non solo: la newsletter sarà arricchita da contenuti riservati solo agli iscritti, come mood board su colori, materiali, arredi e complementi, infografiche con idee e suggerimenti per disporre mobili e oggetti, DIY e ispirazioni. 
Basta cliccare qui e inserire il tuo indirizzo e-mail:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

30 Aprile 2018 / / Blogger Ospiti

Secondo gli esperti di sicurezza della casa e dei negozi, l’antifurto nebbiogeno si è dimostrato uno dei sistemi per la sicurezza dei beni e delle persone più efficaci degli ultimi anni. A riprova di questo, detto sistema di sicurezza sta essendo sempre più conosciuto anche in Italia, dove viene acquistato assieme ad altri kit di antifurto oppure anche da solo, e così sono cresciute anche le ditte specializzate nella sua produzione, come Aura Sicurezza.

Sempre più installatori confermano che l’antifurto nebbiogeno è un prodotto che è sempre più in voga in Italia, per difendere sia le case che i negozi. La nebbia è uno stratagemma semplicissimo ma molto efficace che scoraggia il furto e impedisce che venga portato in essere, sia esso un furto programmato o meno.

L’antifurto nebbiogeno è un prodotto semplice da usare, e anche il funzionamento non è complicato: in sostanza, è collegato a dei sensori, che rilevano un’eventuale intrusione. Una volta che sia stata appurata l’intrusione, l’antifurto nebbiogeno rilascia una fitta coltre di nebbia nell’arco di qualche secondo, e questa ricopre completamente gli ambienti, impedendo all’intruso di vedere dove si trova e dove andare.

La nebbia è del tutto atossica e non è pericolosa per la salute dell’uomo o per la qualità degli oggetti, ma comunque ha un forte effetto scoraggiante. Inoltre, se si ha avuta la prudenza di collegare all’antifurto nebbiogeno anche un sistema di allarme classico, esso scatterà contestualmente al nebbiogeno, aumentando la sensazione di confusione del ladro e quindi disorientandolo ancora di più, incentivandolo alla fuga.

Perché acquistare un antifurto nebbiogeno oggi? 

C’è più di un motivo a favore dell’acquisto di questo straordinario prodotto per la sicurezza.

  1. L’antifurto nebbiogeno è estremamente veloce e molto efficace. Infatti in soli cinque secondi la coltre di nebbia ha riempito la sala, impedendo la visuale. Per il proprietario, eliminare la nebbia è facile: basta areare l’ambiente per qualche minuto.
  2. Non c’è un antidoto per togliere validità all’antifurto nebbiogeno. Neppure i fari fendinebbia permettono ai ladri di vedere bene nella nebbia.
  3. Può essere collegato ad un allarme, in modo da chiamare direttamente le forze dell’ordine e il proprietario.
  4. L’antifurto nebbiogeno permette di evitare le aggressioni. Infatti l ladro non vedrà nulla, né oggetti né persone e quindi non potrà neppure aggredire queste ultime per cercare di derubarle.
  5. Il prezzo dell’antifurto nebbiogeno è sempre più accessibile e, a migliorare le cose, si può anche usufruire delle detrazioni fiscali.

Un’altra particolarità di questo strumento è la sua versatilità. Infatti, il nebbiogeno è un antifurto che si adatta molto bene sia alle esigenze domestiche che a quelle dei negozi. E proprio quest’ultimi sono i principali utilizzatori di questo innovativo sistema antiintrusione, spesso in abbinamento ad altri sistemi di allarme così da ottenere risultati davvero molto importanti in termini di prevenzione.

Dai negozi classici, come le gioiellerie e in generale tutte le attività che custodiscono al loro interno prodotti di valore, ai bar e ai ristoranti. Ma, come detto, sempre più privati stanno optando per il nebbiogeno come sistema di antifurto per la propria abitazione, grazie anche alla possibilità di installare tutto in modo veloce e senza dover eseguire lavori particolarmente invasivi all’interno dell’abitazione.

30 Aprile 2018 / / Design

progettazione di un container - LineaT Studio

Negli ultimi anni si è sempre più affermata la tendenza a trasformare vecchi container in abitazioni, negozi, caffetterie e molto altro. I container sono una scelta sostenibile e di design, che si prestano a qualsiasi utilizzo.

Al porto di Catania, punto di ritrovo della movida catanese, LineaT Studio ha trasformato un vecchio container di 40 piedi in Vinicolo HUB, un originale cocktail bar e caffetteria, dove si possono degustare piatti tipici o più semplicemente leggere un buon libro.
Il container, progettato e realizzato su misura, si scompone come fosse una scatola e una volta aperto prende vita. I due pannelli maggiori si sollevano verso l’alto attraverso un sistema di pistoni idraulici, diventando così delle coperture e lasciando spazio alla zona di servizio. Un pannello minore diventa una parete espositiva, mentre l’altro contiene una scala che porta alla terrazza superiore, dalla quale è possibile ammirare il porto e la città.


progettazione di un container - LineaT Studio
progettazione di un container - LineaT Studio
progettazione di un container -  LineaT Studio

Le dimensioni del container chiuso sono di 12.19 m x 2.43 m, arrivando a 16,91 m x 7,75 m in configurazione aperta. I materiali utilizzati sono semplici: lamiera verniciata a forno per assicurarne una più lunga duratura e legno di teck come materiale di finitura.

L’area di pertinenza è stata allestita con tavoli e sedute realizzate su misura, sempre in lamiera, mentre le fioriere sono state realizzate con canali prefabbricati in calcestruzzo, comunemente utilizzati per i canali sotto traccia degli assi stradali.


progettazione di un container - LineaT Studio
progettazione di un container - LineaT Studio
progettazione di un container -  LineaT Studio
progettazione di un container - LineaT Studio

Il risultato finale è un elemento che risulta essere totalmente integrato all’interno di una zona portuale, che, trovandosi sul molo centrale, gode della vista del mare su entrambi i fronti maggiori.

Progetto di LineaT Studio

30 Aprile 2018 / / Design

Tendenze Arredamento Tavoli di design Luce di Cappellini

Le tendenze arredamento 2018 puntano tutto su bellezza e comfort, attraverso colori luminosi, materiali naturali e oggetti versatili capaci di adattarsi alle esigenze di una casa moderna

Seguire i trend del momento è importante non solo nel mondo della moda ma anche nell’interior design: tutte le nostre case, infatti, sono accessoriate e decorate con soluzioni che sono anche il frutto delle scelte e delle proposte dei designer di oggi e di ieri. Proposte che si rinnovano di anno in anno: che si tratti di carta da parati, di librerie o di piastrelle, vale la pena di sapere quali sono le tendenze arredamento più in voga nel 2018, in modo tale da riuscire a rendere più contemporanei gli ambienti in cui viviamo.

I colori

Un ruolo di primo piano, nell’arredamento, è quello che spetta alle tonalità cromatiche, ed è per questo che è utile conoscere i colori di tendenza in questi mesi. L’ultra violet, il rosso e l’oro sono destinati a essere i protagonisti, e in particolare il primo avrà una parte fondamentale, essendo stato selezionato da Pantone in qualità di colore 2018: si tratta di una nuance di viola molto accesa, che ben si adatta a valorizzare locali un po’ spenti. Per chi non ritiene consigliabile una tinta così coraggiosa, in ogni caso, va bene anche un più tradizionale blu profondo.
Ma come sfruttare questi colori? Per esempio attraverso finiture in oro per i vasi in ceramica posizionati sui tavoli di design, che hanno il pregio di illuminare sia in senso letterale che in senso metaforico la zona living. Anche le trasparenze, insieme ai colori vivaci, possono raggiungere lo stesso obiettivo, un esempio su tutti i bellissimi tavoli di design Cappellini denominati “LUCE”.Tendenze Arredamento Tavoli design Luce di Cappellini

Il ritorno al passato

Lo stile vintage è una costante nel settore dell’interior design, e lo si può rintracciare anche nella scelta di materiali che appartengono – per così dire – alla tradizione classica. Gli esempi che possono essere proposti sono diversi, dal velluto al marmo, passando per l’ottone e il rame, ma è bene non dimenticare la pelle con lavorazione nabuk, che secondo gli esperti avrà un ruolo importante nella produzione di accessori per la casa nei prossimi mesi, complice la sua capacità di garantire una morbidezza accogliente che ben si sposa in contesti in apparenza austeri.
Anche il design ecosostenibile, però, si farà sentire: un trend che si diffonderà, come si suol dire, a macchia d’olio, con complementi di arredo, divani e molte altre proposte ricavate da materiali riciclati, con l’obiettivo di ridurre l’impatto ambientale.

tendenze arredamento vintage recupero riuso

La carta da parati

Nel 2018 la carta da parati torna ad essere un elemento decorativo che può rendere la nostra casa ancora più accogliente e originale. Anche l’arredo bagno, un ambiente che è sempre stato ostico per questo prodotto, può trarre vantaggio dalle nuove soluzioni in fatto di tappezzeria. Infatti non ci si deve preoccupare del classico problema dell’umidità: la carta da parati di ultima generazione ha poco a che spartire con le soluzioni del passato, in virtù di un avanzamento tecnologico che permette di avere a che fare con superfici impermeabilizzate.

Tendenze arredamento: carte da parati impermeabilizzate per il bagno

Tendenze arredamento: carta da parati impermeabilizzata per il bagno

Mobili multifunzione

Per quel che riguarda i mobili, poi, la parola d’ordine da rispettare è “polivalenza”: via libera ai complementi di arredo e ai mobili multifunzione, che si dimostrano adatti in modo particolare in tutti quei contesti in cui lo spazio è poco. Negli appartamenti dalla volumetria contenuta, insomma, c’è bisogno di soluzioni salvaspazio e originali, come gli appendiabiti per l’ingresso che integrano la mensola e lo specchio, le pareti attrezzate, i pouf a matrioska che contengono degli sgabelli al proprio interno, tavolini da caffè che si trasformano in scrittoi, letti per bambini integrati con cassetti e scafali. La qualità estetica si coniuga con la praticità e con la funzionalità, per un mix vincente. Proprio come accade con lo stile più in voga del 2018, quello industrial, che rispetto agli anni passati diventa più elegante e più leggero, abbandonando i materiali come il ferro e il cemento e indirizzandosi verso strutture molto più ariose.

tendenze arredamento - mobili multifunzione

L’articolo Tendenze arredamento 2018: colori, stili e accessori proviene da Things I Like Today.