9 Maggio 2018 / / Idee

rinnovare con i tessuti

Il relooking della testata del letto di questa camera di una guest house di cui ci siamo occupate recentemente è stato realizzato ridipingendo la vecchia testa in legno con un effetto foglia d’argento e applicandovi un elemnto imbottito rivestito con un tessuto in abbinamento a cucscini e coperte. L’elemento è sfoderabile e lavabile.Arredare con i tessuti

Bellissimo tessuto con stampa tribale multicolore disponibile QUI a 11.50€

Arredare con i tessuti

Anche per le sedie possiamo confezionare un bel vestitinoArredare con i tessuti

Doniamo brio e creatività ad un mobile classico grazie ad applicazioni in tessuto

Arredare con i tessuti

QUI trovate 20 pezzi di tessuto stampato autoadesivo in cotone perfetto per i vostri DIY

Le sedie si rinnovano e diventano super creative basta cambiare il tessuto della seduta

Arredare con i tessuti

Testata tessile ed un’esplosione di colori.

  

I vecchi mobili possono essere facilemnte rinnovati con una mano di colore e dei bei tessuti

Abbiamo spesso parlato di carta e vernici per recuperare e trasformare i vecchi mobili in nuovi arredi o per crearne e decorarne in modo creativo, ma non dimentichiamo che esiste anche la stoffa. In passato era proprio questo il materiale preferito dalle nostre mamme e nonne per rinnovare i mobili, soprattutto le sedute ed i rivestimenti di poltroncine divanetti e testate del letto; possiamo imparare da loro ed usare tutta la nostra creatività per utilizzare i tessuti anche in altre maniere.

Grazie ai tessuti potremo rinnovare i vecchi arredi secondo i nostri gusti e così anche un vecchio sofà potrà diventare ultramoderno e contemporaneo se scegliamo la stoffa giusta, o adatto alla cameretta dei bambini.

 

Arredare con i tessuti

Per gli amanti dello shabby

Arredare con i tessuti Arredare con i tessuti

Bellissime le vecchie e solide sedie alle quali sarà sufficiente rifare il rivestimento e imbottitura per avere dei pezzi originali e di grande arredoArredare con i tessuti

Per rinnovare il rivestimento di una sedia può esserci utile un cartamodelloArredare con i tessuti

Stile nordico

Arredare con i tessuti

Un bel puf grande e comodo!

Arredare con i tessuti

Una vecchia panchina è stata rinnovata da noi per essere utilizzata nella cameretta di un bimbo, con l’aggiunta di un grazioso cuscino con stampa di macchinine.  Arredare con i tessuti

Sgabello creativo

Per ringraziare le mamme e le nonne che ci hanno insegnato con amore tante cose, nel giorno della festa della mamma, potremmo confezionare un bel regalo utilizzando proprio i tessuti, certo forse non saremo bravi come loro con ferri, maglia, forbci e macchine da cucire, ma potremo di certo realizzare in poco tempo un dolce regalo.

arredare con i tessuti

Bellissimo il tappeto realizzato con tessuti di scarto.o che potete realizzare seguendo il tutorial

arredare con i tessuti

Tenero scaldami da realizzare seguendo il tutorial

arredare con i tessuti

Cuori di stoffa

arredare con i tessuti

Bracciale realizzato con plastica riciclata e tessuto

Un portaocchiali realizzato tramite il recupero delle vecchie camicie o un cestino portalovoro possono essere due graziosi regali per la festa della mamma

arredare con i tessuti

Cuscino con riso o noccioli di ciliegia per scaldarsi in inverno

arredare con i tessuti

Segnalibro

Per arredare la casa con i tessuti possiamo usare la fantasia e non limitarci a rinnovare il rivestimento degli imbottiti. Possiamo ad esempio rinnovare mobili e complementi come comò, librerie, tavolini ecc. utilizzando le stoffe come utilizzeremmo una carta adesiva, per rivestire il fondo della libreria o gli sportelli di un armadio, ma in realtà qualsiasi cosa ci venga in mente, persino una mensola.

Un colore sgargiante per l’esterno e un bel tessuto per l’interno e l’armadio è rinnovato!

Un semplice armadio diventa speciale e double faces con un rivestimento di tessuto.

Armadio di design con patchwork e rotelle

Bellissime fantasie floreali

Le cassettiere si rinnovano con gli scampoli di tessuti

 

Anche su internet potete acquistare scampoli di tessuto utili per le vostre creazioni. QUI trovate tanti abbinamenti di tessuti per tutti i gusti dallo stile navy a quello shabby

arredare con i tessuti

Effetti sorpresa grazie ai tessuti che rivestono l’interno degli armadi.

Per rinnovare i vecchi arredi, prima di tutto, dovremo scegliere il metodo giusto per attaccare il tessuto che potrà essere inchiodato, incollato o attaccato con scotch biadesivo, pulendo sempre prima bene la parte dove andrà attaccata la stoffa e poi, eventualmente, passare una mano di vernice trasparente di finitura per proteggere il tessuto dalla polvere, Questa tecnica farà perdere l’aspetto caratteristico morbido del tessuto quindi, se decidiamo di lasciarlo al naturale, possiamo farlo stando attenti a prestare un po’ più di attenzione alla pulizia. Grazie all’arte della tappezzeria potremo realizzare anche arredi molto graziosi ed utili come la testata di un letto o trasformare un semplice tavolino di Ikea in un bel pouf comodo e d’arredo per il salotto.

Arredare con i tessutiUn tavolino lack, un pò di gomma piuma, un bel tessuto e l’elegante pouf è fatto. Seguite il Tutorial

Arredare con i tessuti

Possiamo anche realizzare o rifoderare un classico pouf con il tessuto che preferiamo
Arredare con i tessuti

Con gli avanzi di tessuti che abbiamo conservato possiamo realizzare una bella testata creativa composta da riquadri variegati.

Arredare con i tessuti 

Una testata del letto può essere realizzata con una tavola rivestita con gomma piuma e tessuto o tanti riquadri con tessuti diversi che possono rivestire anche l’intera parete.Arredare con i tessuti

Seguite il tutorial per realizzare una bellissima testata capitonnèArredare con i tessuti

Sfumatere di coloreArredare con i tessuti

Fantasia florealeArredare con i tessuti

Mix&match

Arredare con i tessuti

Una bella testata rivestita con i tessuti giusti può cambiare le sorti dell’intera camera da letto!

Con gli scampoli di tessuto possiamo anche realizzare dei quadri decorativi, per arredare in modo creativo e con poco prezzo le pareti, che spesso restano spoglie, in attesa del quadro giusto, che in alcuni casi non arriverà mai.

La creatività, sapere abbinare i colori, scegliere la fantasia giusta, a volte sono doti molto importanti che ci permetteranno di decorare le pareti anche senza grandi opere d’arte attaccate al muro.

Quadri di tesuto di diverse forme e dimensioni

I telai diventano quadri

Quadri di stoffa di Marisa Daly studio

 

Piccoli o grandi, bellissimi nel colore del cielo e del mare

Quadro arlecchino

Un modo semplice e veloce per riempire con gusto una parete spoglia

Quadri tessili su tela…

…o incorniciati

composizioni a parete incorniciate o nude

arredare con i tessuti

Se volete realizzare un quadro con fiori di feltro seguite il tutorial

Possiamo acquistare scampoli di tessuto o stoffe a buon prezzo sia on line che in numerosi outlet, ma possiamo anche recuperare e trasformare tessuti dismessi come i jeans o i vecchi calzini.

Con il jeans, materiale molto resistente e dall’aspetto caratteristico, potremo realizzare davvero tantissime cose, molto affascinati e di design, dai cuscini alle tovagliette per il pranzo.

Ceste e cestini si possono realizzare con i vecchi jeans

Diari e portapenne per i propri hobies

 

Accessori per la cucina

 

Cuscini per tutti i gusti. In alto a sinistra basic, di seguito caratterizzato dalle tasche. In basso a destra con tasca porta telecomando ed infine sfumati disponibili QUI

Paralume

arredare con i tessuti

Bottigliette di vetro e scampoli di jeans sono sufficienti per realizzare dei vasi di design

arredare con i tessuti

Dei semplici sgabelli, come potrebbero essere anche i frosta di Ikea, possono diventari degli originali complementi d’arredo grazie ad avanzi di jeans

arredare con i tessuti

tasca porta telecomandi

arredare con i tessuti

A sinistra un grande e comodo pouf jeans fai da te. a destra un pouf contenitori rivestito con tessuto jeans che potete trovare QUI

arredare con i tessuti

la vecchia poltrona del nonno si rinnova con il jeans!

Con i vecchi calzini potremo creare lampade e rivestimenti per barattoli portapenne, portacandele e vasetti, che anche in questo caso si potrebbero rivelare dei graziosi regalini per la festa della mamma; in questo caso il lavoro sarà davvero semplice e non occorrerà alcuna dote sartoriale…anche i più imbranati potranno riciclare e realizzare complementi d’arredo con i tessuti!

Anche il designer Jay Watson ha realizzato delle lampade pendenti di design utilizzando dei calzini riciclati, trattandoli con eco-resina derivata dai girasoli e inserendovi luci a LED per un risultato super ecologico.

Recuprare i vecchi arredi con i tessuti potrà essere un piacevole passatempo che ci permetterà anche di risparmiare denaro per arredare in modo creativo ed originale la nostra casa.

Arredare con i tessuti

Rivestiamo i vecchi vasi…con i calzini!Arredare con i tessuti

Vecchi calzini, nuove spilleArredare con i tessuti

Portacandele con calzino!Arredare con i tessuti

le lampade di design del designer Jay WatsonArredare con i tessuti

Un allegro serpentelloArredare con i tessuti

Barattoli portapenne, portaposate, portatutto!Arredare con i tessuti

Dolce orsetto

L’articolo Arredare con i tessuti proviene da Architettura e design a Roma.

9 Maggio 2018 / / Design

Ora che il Fuorisalone è diventato una realtà consolidata, un luogo dove creatività, design, innovazione si uniscono per dar vita sempre a qualcosa di nuovo e di stimolante per gli occhi e la mente, ci sembra quasi impossibile che 30 anni fa non esisteva nulla di tutto ciò! 
Il salone del mobile era un evento che si teneva in Settembre, dove gli edifici che appartenevano a quella Milano industriale erano e rimanevano abbandonati e silenti.
Ma allora chi è stato a rivoluzionare questo grande evento? Perchè dai, diciamoci la verità, il Salone rispetto al Fuorisalone, con quei padiglioni asettici è mooolto più noioso…tra l’altro da quest’anno ci sono state altre aree della città dedicate all’evento come Lambrate.
Photo: Il Sottomarino a Pois
Da MT Masking Tape
Alcune foto (non tutte sarebe impossibile e vi annoierei) del Fuorisalone 2018!

 Da Ingo Maurer

Nel 1989 fu quel gran genio di PAOLO PALLUCCO che decise insieme ai suoi amici, designer di andare al MATTATOIO di Milano e allestire una vera e propria mostra di mobili! il tema era quello degli angeli caduti sulla terra, rifacendosi al capolavoro di Wim Wenders “Il Cielo sopra Berlino” uscito nel 1987.
L’allestimento fu curato da PETER PABST, scenografo di Pina Bausch con il coordinamento dello studio Soncini & Ginepro.
Cliccate qui e vedrete il video che realizzarono nel 1989 per questo evento!
Nessuno aveva mai visto una cosa del genere, molti visitatori e appassionatai si precipitarono in questo mattatoio rimanendo a bocca aperta…

A presto con novità e altri post! 
la musica questa volta non la metto perchè è già presente nel video dell’istallazione, ed è perfetta 😉
9 Maggio 2018 / / Design

Tenoha Milano in via Vigevano 18

Il nuovo indirizzo milanese per i tanti appassionati del Giappone è Tenoha, inaugurato lo scorso aprile in via Vigevano 18, in prossimità della vivace zona Navigli.


Situato all’interno di un edificio ex industriale del 1931, completamente ristrutturato da Park Associati, Tenoha Milano si sviluppa in uno spazio di ben 2500 mq suddivisi tra l’area destinata al negozio di oggetti di design per la casa e per la persona, dotata di grande vetrine fronte strada; internamente, distribuiti attorno al cortile centrale, si trovano invece un ristorante tipico giapponese, un’area coworking, una zona destinata agli eventi e uno spazio pop up.


Il progetto di ristrutturazione ha rispettato l’anima industriale dell’edificio: ampi spazi aperti, impianti a vista e coperture a shed.

Le finiture semplici e la suddivisione in diverse aree tematiche hanno dato vita ad un nuovo concept store che coniuga shopping e ristorazione in stile giapponese.

Tenoha Milano via Vigevano 18
Tenoha Milano via Vigevano 18
Tenoha Milano via Vigevano 18
Tenoha Milano via Vigevano 18
Tenoha Milano via Vigevano 18
Tenoha Milano via Vigevano 18
Tenoha Milano via Vigevano 18
Tenoha Milano via Vigevano 18
Tenoha Milano via Vigevano 18
Tenoha Milano via Vigevano 18
Tenoha Milano via Vigevano 18

Progetto: Park Associati

Fotografie: Andrea Martiradonna


9 Maggio 2018 / / Amerigo Milano

La festa della mamma è ormai arrivata

Stufi dei soliti regali per ringraziare la mamma? Senza idee o parole per ringraziarla?

Ci abbiamo pensato noi! Infatti abbiamo appena lanciato una nuova collezione di calzature personalizzabili che sicuramente tuttele mamme apprezzeranno!

Oltre alle nostre ormai celebri slippers abbiamo realizzato le mules, eleganti, belle, realizzate e personalizzate completamente a mano dai nostri artigiani. 

LEGGI ANCHE: LE SLIPPERS PERFETTE PER OGNI EVENTO

Insomma, che siano slippers, mules o altro, sapete che con Amerigo Milano non si può sbagliare. Noi costruiamo i prodotti, voi li rendete unici e date a loro una vera e propria anima.

9 Maggio 2018 / / +deco

Che bello, +deco è al dodicesimo posto della classifica dei Best Trending Interior Design Guide di Feathr!

FEATHR è un marchio di arredamento d’interni che lavora con artisti contemporanei per creare carte da parati originali, tessuti e cuscini (vedi ad esempio il bel lavoro di Kiki Slaughter per Feathr qui.

Come stilano le loro classifiche che sono diventate ormai un punto di riferimento nel campo per professionisti e appassionati? Feathr “traccia i dati che dimostrano la performance di un blog. Questi dati includono dimensione, attiva sui social media, menzioni, influenza, autorità e molti altri. Un vero e proprio algoritmo che analizza l’insieme di data e crea la classifica finale dei 50 migliori”.

Sono molto orgogliosa che + deco cresca ogni anno, grazie a tutti voi!

(Nella foto, io su un trono usato per un set pubblicitario).

The post +deco + il 12° miglior trending blog al mondo! appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

9 Maggio 2018 / / Le Cose Semplici

Il bello di questa passione ( e anche un po lavoro;-) ) è quello di avere la possibilità ogni volta di scoprire e sbalordirsi davanti a dei prodotti nuovi.

E’ quello che è successo con BE […] MY FRIEND . Scoperto , come sempre, per puro caso tramite Pinterest, mi sono fiondata a cercare notizie sul loro sito.

be-my-friend-logo_large

Mi sono subito incuriosita e anche un po innamorata del loro design, pulito e sobrio e dei loro prodotti.

E così è nata questa bella collaborazione!

1

BE […] MY FRIEND è una piccola azienda con sede a Salisburgo ( Austria )che pone l’accento su due aspetti : la nostra pelle e il nostro ambiente.

Questa è anche diventata la loro filosofia e seguendo questi dettami hanno dato origine ha una linea cosmetica.

6

Innanzitutto tutti i loro prodotti sono senza alluminio, olio minerale, formaldeide, silicone, parabeni, coloranti, plastificanti e composti PEG.

8

Un’altro aspetto interessante è che tutti i prodotti BE […] MY FRIEND sono vegani. Cosa vuol dire? Che non viene usato nessun ingrediente di origine animale.

Attenzione massima è anche prestata all’imballaggio e alla confezione ed alla sua sostenibilità, in quanto è realizzata in vetro riciclabile, che può essere pulito in lavastoviglie e riutilizzato o ricaricato. Gli imballaggi sono fatti intorno a Salisburgo, come pure le etichette.

7

Un’altra cosa degna di nota è  il “combiproduct”ovvero ogni prodotto ha almeno due possibilità di utilizzo; il sapone è anche un gel doccia, la lozione è anche una crema per le mani e il peeling può essere usato anche come sale da bagno.

4

Per quanto riguarda le profumazioni sono tutte buonissime e interessanti : Malva organica, burro di karitè biologico, sambuco, pino cembro, melissa, equiseto, girasole e olio di semi d’uva, nonché salgemma di Bad Aussee e iris.

5

BE […] MY FRIEND non è solo cosmetica, ma anche tè , candele e profumazioni per ambienti in edizione limitata.

9 Maggio 2018 / / Dettagli Home Decor

cucina modello Industrial Kitchen di Astra

Materiali freddi intervallati dalle calde sfumature del legno, colori scuri illuminati dalla luce naturale delle grandi vetrate, perfetto equilibrio di materie prime diverse e, nello stesso tempo, complementari: le cucine in stile industriale vintage sono perfette per chi ama osare con i contrasti stilistici e concettuali per dar vita ad un affascinante mix di antico e moderno. Il carattere ruvido e un po’ vissuto degli arredi rétro, del cemento e dei mattoncini a vista si mescola all’austera modernità dell’acciaio, del metallo e di altri dettagli che orientano lo stile in direzione dei grandi loft e dei capannoni industriali. Le cucine in stile vintage industriale non seguono quasi mai un’andatura lineare e predefinita, ma reinventano continuamente la propria forza espressiva nell’alternanza tra atmosfere del passato e ispirazioni contemporanee: tavoli e pensili coniugano lo spirito vintage e familiare del legno massello con il carattere rigoroso dell’acciaio, del metallo e del vetro; modernissimi frigoriferi in acciaio cromato si accordano a cucine a gas colorate e vintage style; banconi in legno naturale dialogano con sgabelli e rotelle industrial. In uno spirito di arredo così anarchico e contraddittorio, l’unica regola ammessa è quella di assecondare un certo amore per la libertà espressiva e per la commistione di atmosfere.


cucina LOFT di Marchi Cucine
cucina modello LOFT di Marchi cucine

cucina stile industriale FACTORY by Aster
cucina stile industriale FACTORY by Aster


I must have della cucina industriale vintage


Quali sono i must have di una cucina industriale vintage? Quali arredi e quali dettagli non possono mancare? Come abbiamo detto, lo stile gioca sulle mescolanze e sui contrasti, cibandosi di materiali di recupero, elementi in legno grezzo, ma anche pezzi dal design minimal e moderno. Ciò che non può mancare è la luce naturale, insieme alla sensazione di ariosità e di apertura. Poche divisioni e una certa predisposizione alla condivisione degli ambienti: ecco perché la cucina industriale vintage si colloca molto bene in un lofto in un grande open-space. La non conformità dello stile fa si che l’essenzialità degli arredi ispirati al mondo delle fabbriche venga in parte smorzata da una dimensione più domestica, accogliente e familiare. Tra il taglio metropolitano degli arredi industrial e lo spirito nostalgico delle linee vintage si inseriscono alcuni dettagli presi in prestito dallo stile country e shabby chic. Una dimensione più romantica ed elegante che vede comparire credenze e vetrinette decapate accanto a isole in legno grezzo e alti sgabelli cromati, motivi floreali, servizi in porcellana e accessori in tenui tonalità pastello che enfatizzano l’anima femminile della cucina. L’affascinante ambivalenza della cucina industriale vintage è comunque garantita dalla presenza di alcuni must have imprescindibili come le lampade a sospensione di gusto industriale – metallo nero e design spicciolo – le cassettiere e i carrelli in metallo con rotelle, i grandi tavoli in legno grezzo abbinati a sedie in metallo verniciato, i pezzi vintage volutamente consumati dal tempo, un grande orologio da parete, stampe vintage, wall sticker e targhe di ispirazione industriale. E naturalmente i colori guida dello stile: le gradazioni del grigio (metallo e acciaio) e le sfumature marroni del legno sono tenute insieme e impreziosite dalla luminosità del bianco.


cucina Industrial Kitchen di Astra
cucina Industrial Kitchen Astra

cucina stile industriale LOFT di Snaidero
cucina LOFT di Snaidero

cucina stile industriale FACTORY by Aster
cucina componibile FACTORY by Aster

Autore Emanuela Perozzi