11 Maggio 2018 / / Dettagli Home Decor

pattumiera Bo Pedal Bin di Brabantia

Fare la raccolta differenziata è un dovere di tutti ed è una delle attività domestiche  più importanti per la salvaguardia del mondo in cui viviamo. Le case di oggi sono sempre più sostenibili, inoltre sempre più persone rivolgono un’attenzione particolare al riciclo di materiali e oggetti per arredare e decorare la propria abitazione, ma è importante effettuare correttamente la raccolta differenziata.


Per rendere lo smaltimento dei rifiuti una semplice abitudine quotidiana occorre attrezzarsi al meglio con pratici contenitori dove buttare umido, plastica, carta, vetro e lattineDal lato estetico non è piacevole vedere dentro casa, sul balcone o in giardino, i diversi sacchi, sacchetti o cartoni utilizzati per la raccolta differenziata, meglio optare per delle pattumiere funzionali e belle da vedere.

Come scegliere i contenitori più adatti per la raccolta differenziata in casa?


Prima di procedere con l’acquisto, occorre pensare a quali rifiuti si producono maggiormente durante la settimana e la loro quantità, tenendo presente anche la frequenza di raccolta organizzata dal proprio Comune. Inoltre, in fase di scelta, è opportuno sapere se i contenitori saranno collocati dentro casa oppure all’esterno, in questo caso meglio optare per specifiche pattumiere pensate per stare all’aperto e quindi resistenti agli agenti atmosferici.Naturalmente i contenitori possono essere scelti in diverse dimensioni, adattandoli a specifiche esigenze.

Organizzare la raccolta differenziata in casa senza rinunciare allo stile è facile. In commercio si trovano moderni contenitori che coniugano estetica e praticità d’uso, perfetti per essere lasciare a vista in cucina.

Pattumiere di design per la cucina

La cucina è l’ambiente della casa dove non può assolutamente mancare una pattumiera.  Se siete alla ricerca di una pattumiera dal design esclusivo, il nostro consiglio è di scegliere una delle tante proposte Brabantia.  In quasi un secolo di storia, l’azienda ha accumulato una ricca esperienza in fatto di raccolta differenziata domestica, ideando contenitori per ogni tipologia di rifiuto e  per ogni esigenza di stile e spazio. Ogni pattumiera Brabantia è caratterizzata da un elemento distintivo, ad esempio l’apertura “soft touch”, lo speciale rivestimento che ne facilita la pulizia e non permette la formazione d’impronte, le dimensioni ergonomiche e salvaspazio, i colori di tendenza. Tutte le pattumiere hanno inoltre una garanzia di ben 10 anni.

Tenendo conto dello spazio a vostra disposizione e di quelle che sono le vostre esigenze, potete optare una pattumiera da inserire all’interno di un mobile base, da lasciare a vista oppure optare per entrambe. Qualche idea? ecco 4 soluzioni Brabantia scelte per voi.

pattumiera Bo Pedal Bin di Brabantia
La pattumiera Bo Pedal Bin combina un design moderno e una grande capacità. La chiusura soft e il funzionamento agevole del pedale la rendono pratica e funzionale. Ideale per smaltire grandi quantità di rifiuti, quando si cambia il sacchetto il coperchio rimane aperto.Il secchio interno è removibile per consentire una pulizia completa. Grazie al design salva-spazio, Bo Pedal Bin aderisce perfettamente alla parete e può essere collocata anche in un angolo della cucina. E’ inoltre dotata di base antiscivolo, evitando graffi al pavimento, chiusura antiodori e un’ampia apertura.


pattumiera Bo Touch Bin di Brabantia

Il modello Bo Touch Bin unisce il design elegante alla facilità nel gestire la separazione dei rifiuti grazie ai due secchi rimovibili per 2 tipologie di rifiuti. Aderisce perfettamente alla parete e risulta molto stabile grazie alle gambe regolabili con base antiscivolo; la chiusura soft-touch, permette di aprire e chiudere silenziosamente con un semplice tocco della mano, inoltre il coperchio rimane aperto. Facile da montare e da pulire.

                                                           

Per chi invece desidera aggiungere un tocco retrò alla propria cucina, la nuova pattumiera a pedale NewIcon è la scelta giusta.


pattumiera NewIcon di Brabantia

Newlcon, dotata di chiusura ammortizzata, è disponibile in diversi colori  e version: mini da 3 o 5 litri, in una pratica da 12 o 20 litri e in una generosa versione da 30 litri. Anche questo modello è dotato di chiusura anti-odore che la rende una pattumiera adatta alla cucina.

Per separare, raccogliere e trasportare i rifiuti domestici con stile ecco SORT&GO

pattumiere SORT&GO di Brabantia

Tre i modelli disponibili: la pattumiera da 6 litri con coperchio che può rimanere aperto è perfetta per lo smaltimento dei rifiuti organici direttamente dal piano di lavoro in cucina, mentre le versioni da 12 e 16 litri per bottiglie, latte, imballaggi o qualsiasi altra cosa. SORT&GO può essere fissata a parete, appoggiata sul pavimento oppure inserita dentro uno mobile base della cucina.

Per conoscere tutti i prodotti vi invitiamo a visitare il sito Brabantia

11 Maggio 2018 / / Interiors

Arredando casa ci siamo trovati tutti nella situazione di voler farci far un mobile su misura per sfruttare al massimo quel determinato angolo di casa. Però l’idea dei costi ci ha fatto cambiare idea. Eppure arredare una casa con mobili su misura non è sempre sinonimo di grandi spese.

Arredare casa secondo il proprio gusto e il proprio stile è il desiderio di ognuno: stile moderno oppure classico e di antiquariato, stile country oppure shabby chic, prendendo spunto dal nord Europa.

Di combinazioni per l’arredamento ce ne sono davvero tante: spesso è difficile riuscire a trovare mobili che rispecchino perfettamente quello che si cerca o che si adattino agli ambienti della casa. I grandi marchi o le grandi fabbriche producono mobili in serie di qualità più o meno buona, ma intervenire su di essi per apportare modifiche è impossibile o richiede costi davvero elevati per il tipo di intervento.

Ecco allora che scegliere un arredamento su misura, realizzato da una falegnameria artigianale, può rappresentare la soluzione ideale.

I VANTAGGI DELL’ARREDARE CASA CON MOBILI SU MISURA

La scelta di arredare su misura però, viene spesso scartata a priori, forse perché la si considera un po’ troppo costosa. In realtà arredare casa con mobili su misura non comporta poi un investimento così copioso e può rappresentare una soluzione economica in grado di ottimizzare al meglio gli spazi.

Quest’ultimo aspetto è proprio quello di cui tenere conto quando ci si domanda per quale motivo rivolgersi ad una falegnameria artigianale per mobili su misura piuttosto che ai grandi rivenditori per quelli tradizionali, in stock e con misure standard.

arredare una casa con mobili su misura

Image credits: Bucefalo Arredamenti

arredare una casa con mobili su misura

Photo Credits: Bucefalo Arredamenti

arredare una casa con mobili su misura

Image credits: Bucefalo Arredamenti

I mobili su misura (che siano una boiserie, una libreria o un armadio) aiutano a realizzare un ambiente che sia calibrato e studiato appositamente sulle proprie esigenze, senza il rischio di disperdere spazi vitali; in questo modo si ha la possibilità di ricavare più spazio di quello realmente a disposizione, ottimizzando ogni angolo della casa.

Un esempio è rappresentato da un ambiente quale la cucina che, specialmente nelle case moderne, ha sempre spazi molto limitati; realizzare una cucina su misura può aiutare a far entrare tutto ciò che occorre. Analogamente, anche in un ambiente come la camera da letto, se non si ha molto spazio a disposizione, si può pensare ad una struttura a ponte oppure ad un armadio su misura con letto a scomparsa.

Quando si compra o si ristruttura una casa bisogna adeguarsi a spazi già esistenti: ricorrere a soluzioni in stock dei grandi marchi può essere un problema. Alcuni ambienti della casa come ad esempio la mansarda, richiedono necessariamente un arredamento con mobili su misura: il tetto a spiovente, infatti, rende difficile la ricerca di mobili che vadano ad incastrarsi in uno spazio così particolare.

arredare una casa con mobili su misura

Bucefalo Arredamenti

arredare una casa con mobili su misura

Bucefalo Arredamenti

L’arredamento su misura è realizzato generalmente da falegnamerie artigianali, da veri esperti del settore e della cultura artigiana.

Al giorno d’oggi, poiché l’architettura moderna prevede spazi dalle forme e dal numero di metri quadri al di fuori dello standard, i mobili su misura rappresentano la soluzione ideale e la possibilità di personalizzare gli ambienti della casa seguendo il proprio gusto e le proprie esigenze. Farsi costruire da falegnamerie artigianali alcuni mobili o l’intero arredamento su misura, senza cedere alle offerte della grande distribuzione, è una pratica sempre più comune, se si considera che i mobili su misura, essendo realizzati da artigiani, garantiscono alta qualità e una lunga durata nel tempo.

Quando si sceglie di rivolgersi ad una falegnameria artigianale, inoltre, si riscontrano numerosi vantaggi: l’ampia scelta del modello, delle dimensioni, del materiale, delle rifiniture o del colore, la creazione di un pezzo unico di arredamento, che rispecchi esattamente i propri gusti. Se invece ci si rivolge a mobili di grandi marchi o grandi fabbriche, i prezzi possono risultare a volte più bassi, ma il prodotto che si trova è standard e non è personalizzabile.

Bucefalo Arredamenti, falegnameria artigianale Roma, vanta una lunga cultura artigiana e realizza librerie, boiserie, camere da letto, complementi di arredo, e armadi moderni su misura con uno studio personalizzato e al centimetro di ogni ambiente della casa.

L’articolo Perché arredare una casa con mobili su misura? sembra essere il primo su VHD.

11 Maggio 2018 / / Dettagli Home Decor

I consigli per chi cerca casa

Prima o poi il momento di cercare casa arriva per tutti. Se sei già proprietario di un appartamento, magari devi spostarti in un’altra città per motivi di lavoro o di studio. Se invece non possiedi un immobile, i motivi che ti inducono a cercare un nuovo appartamento in affitto possono essere i più vari.


Cercare casa non è facile come potrebbe sembrare, e vi sono 7 errori molto comuni che chiunque ha compiuto almeno una volta. Per aiutarti ad evitarli, Gromiaha compilato una lista di buone pratiche per chi cerca casa.


1. Individua Bene il Tuo Budget


L’errore più comune che compie chi cerca casa è di sopravvalutare il suo budget. Ciò accade a chi affitta casa per la prima volta, ma anche a chi si trasferisce in un’altra città, dove i costi delle utenze, per non parlare dei tributi, possono essere superiori. Il budget a tua disposizione non è solo dato dal costo del canone di locazione, e dal deposito cauzionale. Il costo mensile del tuo appartamento include anche:

  • le spese condominiali
  • tutte le utenze: riscaldamento, acqua, luce, gas, internet, ed abbonamenti TV
  • eventuali spese per la manutenzione ordinaria. La manutenzione ordinaria è responsabilità del conduttore, ed anche se l’appartamento è in un buono stato di manutenzione, non è da escludere che piccoli guasti possano verificarsi


Prima di iniziare a cercare un appartamento, ti conviene fare un bilancio preventivo delle spese mensili che sei in grado di sostenere, e cercare appartamenti entro il tuo budget.

2. Leggi Sempre il Contratto di Locazione


Il contratto di locazione è il documento con cui tu ed il proprietario dell’appartamento create tutte le regole del vostro rapporto. Leggere il contratto di locazione può essere noioso, ma è un’incombenza necessaria. Prima di prendere un appartamento in affitto, è utile conoscere bene tutte le condizioni della locazione.

Oggi, soprattutto se scegli di affittare un appartamento in regime di canone concordato con cedolare secca, è molto frequente che ti venga sottoposto un contratto standard. E’ comunque necessario leggerlo per intero.


Se trovi delle clausole che non comprendi, chiedi spiegazioni. Se poi non sei d’accordo con 
alcune clausole, suggerisci al proprietario di cambiarle. Se si tratta di clausole non standard, inserite dal proprietario, cambiare insieme le clausole contrattuali è una parte normale della negoziazione.

Firma sempre il contratto, e ricorda di apporre la tua firma su ciascuna delle pagine. Dopo la firma del contratto, verifica che il proprietario effettui laregistrazione.


3. Rifiuta di Stipulare Accordi Verbali


Talvolta, alcuni proprietari cercano di stipulare accordi verbali. Il caso più frequente è la proposta di stabilire il canone di locazione mediante un accordo verbale, ed inserire un importo diverso nel contratto. Altri invece garantiscono un affitto 4 + 4 “sulla parola”, pur stipulando un contratto ad uso foresteria. Vi è anche il caso di chi sostiene di non ritenere il contratto necessario, poiché ti da la sua piena fiducia.


Queste ed altre pratiche simili sono solo alcuni degli escamotage usati per evadere il fisco. In tutti questi casi, i rischi ricadono non solo sul proprietario, ma anche su di te. Un contratto regolarmente registrato ti garantisce in ogni caso la protezione della legge. Un accordo verbale non ha alcun valore, né garantisce che il locatore mantenga la parola data.


Ricorda che tutti gli aspetti del rapporto tra te ed il locatore devono essere posti per iscritto nella forma di un contratto. Qualsiasi altra regola non è valida.


Consigli per chi cerca casa


4. Visita sempre l’appartamento di persona


Se questo consiglio può sembrare scontato ai più anziani, i più giovani spesso si accontentano di guardare le foto degli appartamenti pubblicate su internet, senza visitare l’appartamento di persona.


Si tratta di una pratica rischiosa: in molti casi la foto dell’appartamento riflette con cura le condizioni dell’immobile. In alcuni casi, però può trattarsi di una foto vecchia. La considerazione più importante da compiere è che in ogni caso una fotografia non riesce a descrivere bene il “feeling” dell’appartamento, la grandezza dei locali, la loro luminosità, e tante altre caratteristiche che rendono una casa veramente accogliente.


Per questo motivo, visitare l’appartamento prima di concludere qualsiasi tipo di accordo è essenziale.




5. Verifica con attenzione lo stato dell’immobile


La visita ad un appartamento in genere dura poco: per visitare un quadrilocalemezz’ora è più che sufficiente. Le visite ai bilocali o ai monolocali richiedono anche meno tempo. Verificare con cura lo stato dell’immobile durante la prima visita è difficile. Sarà l’entusiasmo o la confusione, ma ci sono tanti particolari che possono sfuggire quando vedi un appartamento per la prima volta.

Per questo motivo, può essere utile compilare una lista di tutti gli aspetti che ti interessano. Inoltre:

  • se visiti un appartamento non arredato, verifica con cura lo stato di manutenzione dei pavimenti, degli infissi, dei sanitari. Controlla se gli impianti sono a norma, se l’appartamento ha bisogno di essere ritinteggiato, se il citofono funziona, se le serrature si aprono senza intoppi, se le porte sono integre
  • se visiti un appartamento arredato, controlla anche lo stato di conservazione dei mobili. Inoltre, chiedi al proprietario di compilare una lista dei mobili e di altri oggetti eventualmente presenti nell’immobile, e di allegarla al contratto

Consigli per chi cerca casa


6. Verifica la proprietà dell’immobile


Può sembrare un consiglio scontato ma non lo è. La proprietà dell’immobile va verificata in ogni caso, poiché solo il proprietario dell’immobile ha il diritto di concludere il contratto di locazione.


Se concludi il contratto con amici, parenti, con un coniuge o altre persone, rischi di concludere un contratto non valido, magari firmato anche all’insaputa del proprietario. Si tratta di casi che possono verificarsi, soprattutto nelle grandi città, dove purtroppo i truffatori abbondano.


7. Consulta il regolamento condominiale


Il regolamento condominiale è un dato trascurato da molti, ed a torto. Le regole condominiali sono importanti poiché garantiscono una convivenza tranquilla in condominio. Rispettarle è il primo passo per avere rapporti non conflittuali con tutti i condomini. In genere i regolamenti condominiali sono molto semplici, e pongono divieti basati sul buon senso, quale il divieto di schiamazzi notturni, di fumare nell’ascensore, o di lanciare oggetti da balconi e finestre. Ogni condominio però ha le sue regole, che conviene conoscere.
Autore Gromia