14 Maggio 2018 / / Blogger Ospiti

Se sei alla ricerca della tua realizzazione professionale e hai in mente di aprire o rinnovare il tuo punto vendita, non puoi fare a meno di conoscere determinati strumenti per la diffusione del tuo brand.
Fra le tante soluzioni innovative che il mercato ti offre, le lettere 3D Inventiva Shop rappresentano la risposta ideale alle tue necessità. Inventiva Shop mette a disposizione la sua altissima esperienza nel campo della comunicazione per proporre soluzioni personalizzate per chi, come te, vuole dare un’identità al proprio show-room.

I vantaggi di decorare con le lettere 3D

La nuova tecnologia adoperata da Inventiva Shop per la realizzazione delle lettere in 3D sagomate è il vantaggio principale per te che stai cercando questo tipo di soluzione decorativa. Tutto ciò è legato ad un’esperienza artigianale capace di saper combinare materiali, luci e colori per dare spazio alla creatività. Il processo produttivo non si limita al semplice taglio e stampa delle lettere bensì a lavorazioni dettagliate che hanno lo scopo di creare un artefatto capace di sorprendere le aspettative di chi le osserva. Fra le lettere proposte è possibile trovare soluzioni laccate in Pvc che rappresentano l’apice nella classifica delle lettere 3D di Inventiva Shop. Se al primo posto della Top Ten trovi le lettere laccate, non è da meno la seconda posizione che è rappresentata dalle lettere verniciate in Pvc. Tra gli altri vantaggi: la possibilità di personalizzare in ogni sua parte con i colori RAL, da te scelti e le dimensioni che desideri. Altra preziosa opportunità che non bisogna tralasciare è quella di poter stampare qualsiasi trama creativa sulla superficie delle lettere. Alla categoria madre di lettere 3D non luminose fanno parte le lettere realizzate con altri tipi di materiali: Plexiglass, alluminio e wood.

Lettere luminose led

Di combinazioni per la creazione di lettere d’arredo ne esistono davvero tante, per questo motivo, Inventiva Shop oltre a presentare la categoria delle non luminose, introduce al suo shop online la famiglia delle lettere luminose. Si apre un ventaglio di idee per decorare e nel contempo catturare l’attenzione, dando vita ad un logo che non può passare inosservato. Negli anni, Inventiva Shop ha dedicato impegno, determinazione e spirito creativo al fine di raggiungere la tecnica perfetta per illuminare una lettera da ogni angolazione.

Il led di ultima generazione adoperato consente alla lettera un illuminazione uniforme e omogenea, con un’intensità avvolgente anche all’esterno. Il Led garantisce una lunga durata rispetto ai tradizionali neon e un rilevante risparmio dell’energia elettrica.

Per la creazione di lettere luminose c’è una vasta gamma di modelli e opzioni tra le quali scegliere: con luce frontale, con luce posteriore e con luce laterale. Inoltre, anche queste, come le lettere non luminose, possono essere personalizzate mediante verniciatura, stampa e applicazioni di diversi materiali quali: allumino, plexiglass, wood e pvc.

È sopratutto nelle ore notturne che le lettere luminose raggiungono il culmine della loro funzione, caratterizzando pareti e vetrine.

Le soluzioni di Inventiva Shop: individua il tuo budget

Il budget che hai a disposizione non è determinato soltanto dal costo delle singole lettere 3D. Nel tuo piano dei costi dovrai considerare alcune figure specifiche che ti potranno affiancare. Ad esempio, se non hai molta dimestichezza con impianti elettrici, è consigliabile far affidamento ad un impiantista che provvederà a capire come realizzare un impianto sottobraccio per installare le lettere luminose. Se non desideri realizzare impianti sottotraccia potrai comunque precedere o valutare l’idea di usare un pannello posto nella parte retrostante al fine di nascondere i fili che dovranno alimentare le lettere. Quest’ultima soluzione vi farà risparmiare opere murarie abbattendo notevolmente i costi.

Nel caso di lettere non luminose il risparmio sull’acquisto è a priori; oltretutto non si dovranno sostenere costi eccessivi di installazione. Autonomamente grazie alla dima e ai fissaggi in dotazione diventa semplice e divertente installare le proprie lettere sulla propria parete.

Che si tratti di lettere luminose o non, dato che si parla di design e di personalizzazione, l’ideale sarebbe quello di scegliere un professionista del settore che realizzerà un bozzetto grafico di ciò che vorrai rappresentare. Uno studio di grafica ti offrirà aiuto e sostegno nella scelta stilistica di logo, colori, etc….

Perché consultare un esperto di grafica e design per le tue lettere in 3D

I motivi per la quale scegliere un esperto di grafica e design per la creazione delle tue lettere sono tanti, oltre al suo professionale supporto, di seguito ne elenchiamo alcuni:

1) Analisi degli spazi
2) Scelta dell’area dove verranno applicate le lettere
3) Possibilità di ricevere un rendering con l’anteprima del prodotto
4) Studio di un logo
5) Studio appropriato dei font
6) Studio dei colori
7) Studio della distanza fra le lettere
8) Valutazione di eventuali impianti elettrici sottotraccia in caso di lettere luminose
9) Creazione del file esecutivo (in vettoriale)

 

 

 

14 Maggio 2018 / / Dettagli Home Decor

mobili, complementi e oggetti per la casa realizzati artigianalmente

Se pensiamo ai mobili prodotti in serie, immaginiamo subito grandi macchinari dai quali escono file di articoli identici. Con la collezione INDUSTRIELL, sviluppata insieme al designer olandese Piet Hein Eek,  IKEA ha sviluppato nuovi modi di lavorare con il legno, il vetro, la ceramica e i tessili. Tutto questo senza mai dimenticare la sostenibilità, che anche Piet, come IKEA, considera un valore fondamentale.


Il risultato? Mobili, complementi, tessili e oggetti per la tavola, caratterizzati da una qualità artigianale e accessibili a tutti.


La bellezza di un prodotto fatto a mano è racchiusa nelle piccole imperfezioni che lo rendono unico: una superficie non perfettamente liscia, un bordo leggermente irregolare, una lieve variazione nei colori. Ma tagliare il legno, modellare l’argilla e tessere a mano sono processi che richiedono molto tempo.

libreria collezione INDISTRIELL di IKEA
tavolo collezione INDUSTRIELL di IKEA
lampade a sospensione INDUSTRIELL di IKEA
sedia legno INDUSTRIELL di IKEA
accessori tavola INDUSTRIELL di IKEA
poltroncina INDUSTRIELL di IKEA
vaso INDUSTRIELL di IKEA
tessili INDUSTRIELL di IKEA

Per maggiori informazioni e acquistare i prodotti della nuova collezione INDUSTRIELL di IKEA clicca qui

14 Maggio 2018 / / Home Lacò

Se sognate un giardino rigoglioso, pieno di profumi, ombra, farfalle, fragole e perchè no anche qualche pomodoro, ma siete convinti di avere un balcone piccolo per realizzare il vostro sogno, con questo articolo vi dimostrerò il contrario.

In 80 cm di larghezza, su un balcone piccolo, stretto e lungo, in un appartamento in centro a Milano, un’amante del giardinaggio è riuscita ha realizzare l’impossibile. Un meraviglioso e profumatissimo angolo di paradiso.

Anche io ho un balcone piccolo e stretto come questo ma grazie alle ispirazioni che la proprietaria di questo balcone mi ha dato, sono riuscita a realizzare il mio sogno, un piccolo giardino sospeso… e non ci crederete ma da anni vivono sul mio balcone anche un glicine, una camelia, delle ortensie meravigliose… e molto altro…

Attraverso semplici soluzioni è riuscita ad ottimizzare il poco spazio a disposizione, trasformandolo in  un giardino rigoglioso che porta anche notevole ombra al suo appartamento esposto a sud.

In questo articolo vi prongo alcune soluzioni che potrete adottare anche voi per realizzare il vostro sogno.

idee per un piccolo balcone

1- Esistono in commercio numerosi porta vasi in ferro battuto di forme e dimensioni differenti, che potete agganciare alla ringhiera del vostro balcone. Dopo avere verificato la solidità della vostra ringhiera, affidandovi magari ad un giardiniere che saprà darvi il giusto consiglio, potete scegliere le cassette idonee al balcone. Io personalmente mi fornisco alla Leroy Merlin ma anche in diversi vivai, sparsi in città.

2)  Acqua e terra pesano parecchio, di norma una ringhiera riesce a sostenere il carico di qualche vaso appeso, ma in questo caso la proprietaria, vista la sua grande passione per il giardinaggio, ha chiesto, in occasione del restauro della facciata,  una verifica della stabilità del suo balcone, perchè non voleva rinunciare alla sua grande passione e così la esile ringhiera in ferro battuto si è dimiostrata in grado di sostenere il carico di tutte le sue piante.

3) Per un effetto più rigoglioso, potete agganciare esternamente ed internamente i porta vasi così l’effetto “giungla” sarà assicurato ma esistono in commercio anche vasi che funzionano bene su entrambi i lati, come quelli di Bama.

4) Visto che anche lo stile è importante, vi darò due suggerimenti, il primo è di mantenere i vasi più o meno dello stesso colore, se scegliete vasi in terracotta o in plastica nera, mantenete sempre la stessa tipologia e colore;

Secondo, un giardino che si rispetti ha sempre dei piccoli oggetti sparsi qua e là, che mettono allegria. Io adoro le girandole che tengono lontani gli uccellini e danno sempre molto colore… per non parlare poi dei nanetti da giardino.

idee per un balcone piccolo homelacoidee per un balcone piccolo

 

idee per un balcone piccolo homelaco

ispirazione per un piccolo balcone
Felce, gelsomini, melograno, dracena, alloro, salvia, rosmarino, ciclamini camelie, ortensie, fragole, aloe, bonsai, azalee, maranta, ficus, areca, menta… ecco solo alcune delle meravigliose piante che questa incredibile “giardiniera” è riuscita a far crescere.

idee per un balcone piccoloidee per un balcone piccolo

L’articolo Su un balcone piccolo, 4 trucchi per realizzare un magico giardino proviene da .

14 Maggio 2018 / / Coffee Break

Questa casa minimale a vista mare, sulle coste dell’Austalia, il total white è la chiave dominante; insieme alla luce grazie agli arredi ricercati, anche la natura sembra entrare nella casa e pervaderla di un senso di calma.

A beach house in Australia

This minimal house overlooking the sea, on the coast of Austalia, the total white is the dominant key; together with the light thanks to the refined furnishings, even nature seems to enter the house and pervade it with a sense of calm.

_________________________
CAFElab | studio di architettura

14 Maggio 2018 / / Non Solo Arredo

La casa per essere ritenuta espressione dello stile di chi la abita e la vive, deve possedere i colori e le ispirazioni anche geometriche preferite dai suoi inquilini: ciò vale anche quando la personalità va un po’ al di fuori da schemi precostituiti!
In simili casi, sono d’aiuto i progetti d’autore dell’interior design, gli unici in grado di rispondere con gusto ad istanze meno canoniche creando mix di disegni geometrici ed accostamenti cromatici sempre capaci di cogliere nel segno.
La rassegna che stiamo per compilare è questa volta una sorta di “monografia” dedicata alle sedute, ed al suo interno accosteremo come spesso ci capita progetti assai diversi tra loro sia nel concept ispirativo e nel linguaggio che nel concreto risultato finale.

Sedia Phillips di Minotti

Partiamo da una sedia “atipica”, il modello Phillips ideato con una forma espressamente moderna e molto squadrata da Rodolfo Dordoni, e messa in atto da Minotti con materiali di eccellenza. A colpire subito lo sguardo non è soltanto la forma quasi provocatoria nelle sue linee sinuose, quanto la cerniera a contrasto che ne enfatizza volutamente il profilo: almeno è ciò che accade nelle versioni rivestite in tinte più chiare.
Per le caratteristiche tecniche di questa sedia che si fa portavoce di un mood raffinato, si veda alle voci metallo per la robusta struttura, schiuma poliuretanica per le imbottiture, e rivestimenti in pelle o tessuto, con una prima fodera protettiva.
E per non trascurare il comfort, le cinghie elastiche che sorreggono la seduta sono in caucciù mentre i piedini hanno il pratico scivolante protettivo e antigraffio in PVC.

Sedia Lilia di Riflessi

È forse più “tradizionale” nello stile, anche se non del tutto, la sedia Lilia che Riflessi propone su design di Sandonà e Bettini. Questa seduta gioca su un terreno del tutto opposto a quello cui appartiene Phillips, perché i suoi pochi decisi tratti grafici sono improntati alla leggerezza ed alla trasparenza, quasi come se volesse passare inosservata.
Non ci riesce, c’è poco da fare, perché le sue geometrie incuriosiscono anche lo sguardo meno attento con quella struttura quasi impalpabile e sottilissima e l’ampia feritoia sullo schienale.
Lilia è realizzata in tecnopolimero plastico per essere elastica, confortevole e semplice da pulire, ed in più ha un pregio che in molti dimostrano di apprezzare: è impilabile! Di sicuro il suo impatto è stato considerevole presso i giurati dell’edizione 2016/2016 del Good Design Award, che le hanno attribuito il premio per la qualità del suo design in riferimento al benessere apportato alla vita dell persone.
Leggera ed ergonomica, versatile ma essenziale nella sua accoglienza: Lilia viene proposta sia nella versione classica con gambe che in quella a slitta, e non vi nascondiamo da parte della redazione di NonSoloArredo la nostra predilezione per questa seconda variante, che aggiunge un tocco in più di eleganza ad un progetto già molto disinvolto e sbarazzino!

Sedia Saint Tropez di Calligaris

Ci discostiamo almeno in parte dalle geometrie essenziali protagoniste sino ad ora con la sedia Saint Tropez di Calligaris, un progetto che cerca di dissimulare la malizia del suo schienale ad effetto “trapuntato” spostando l’attenzione sulle sue sinuose forme. L’intento dei designer Dondoli e Pocci non riesce del tutto, perché la ricercatezza del suo design salta di continuo agli occhi e li blandisce con eleganza e creatività.
Curatissima nei suoi dettagli, ha la scocca in policarbonato disponibile in diverse tonalità anche trasparenti, e sorretta da una base in metallo proposta in 5 diverse finiture. Va detto che le linee così pure e morbide di questa seduta vengono proposte anche nella variante Saint Tropez W, nella quale la struttura è in legno massello anche in questo caso in diverse tonalità Possiamo dire che l’unico inconveniente di questa seconda versione è la non impilabilità, e forse per la nostra inclinazione verso i complementi di arredo capaci di manifestare la miglior funzionalità preferiamo la struttura in metallo, anche se il legno ha sempre un fascino difficile da abbandonare…

Pouf Geo di Arketipo

Per il quarto step ci concediamo una piccola licenza. Geo di Arketipo non è esattamente una seduta, ma è l’insostituibile amico in tanti salotti perché è un pouf, ed in quanto tale tra i suoi svariati usi si può contemplare anche quello di sediolino momentaneo! È davvero divertente con la sua composizione di elementi circolari sovrapposti, realizzati in tessuti diversi e con giochi di luce regalati dagli anelli in colori differenti, combinati in tonalità raffinate. Calvi Brambilla è il suo designer, che ha voluto solo un tessuto di alta qualità e tutto italiano per il rivestimento di questo pouf che saprà vivacizzare qualsiasi salotto!

ShareThis

14 Maggio 2018 / / Blogger Ospiti

L’arredamento della casa non passa soltanto per mobili e complementi, ma anche dalle porte, che ricoprono un ruolo estremamente importante sia per quanto riguarda l’estetica delle stanze, che per la loro funzionalità nella suddivisione degli spazi interni.

Nel momento in cui ci si trova a dover scegliere la porta perfetta per ogni stanza è pertanto importantissimo effettuare le giuste valutazioni per andare a scegliere quella più adatta. Dallo stile all’ingombro, senza dimenticare l’aspetto della praticità: tutti questi fattori sono di imprescindibile importanza.

Le porte non devono soltanto suddividere gli spazi all’interno di una casa, ma anche metterli in comunicazione in modo armonico nel momento in sono aperte. Al contempo, una soluzione che può essere idonea per una stanza può risultare inappropriata per un’altra, per via dello stile ma anche dello spazio che la stessa va ad occupare. Per questa ragione le porte a scrigno negli ultimi anni hanno avuto un aumento considerevole di richieste da parte soprattutto di privati.

Porte a scrigno

Ma cosa rende le porte a scrigno tanto particolari da renderle così ricercate?

Le porte a scrigno, considerate quella a scomparsa per eccellenza, presentano un telaio posto all’interno del muro, grazie al quale l’ingombro risulta pressoché nullo. Questa soluzione è particolarmente idonea in quegli appartamenti dove gli spazi disponibili sono piuttosto ridotti, ma anche nelle case di coloro che desiderano soluzioni moderne e quasi invisibili.

Queste proposte sono disponibili in differenti linee estetiche: dal legno al vetro, in metallo o in laminato, senza dimenticare quelle caratterizzate dal design moderno e futuristico, proprio come le porte a scrigno di Res, azienda lombarda di nascita ma di prestigio mondiale, specializzata nella realizzazione di porte e sistemi.

Grazie alla vasta gamma di proposte presenti ad oggi sul mercato, ogni committente potrà individuare con estrema facilità la porta a scomparsa più adatta all’inserimento in ogni singolo contesto, avvalendosi inoltre di una moltitudine di vantaggi. Tra questi menzioniamo:

  • Risparmio in termini di spazio, che sarà possibile occupare con altri mobili e soluzioni d’arredo, soprattutto se l’area del locale risulta di ridotte dimensioni
  • Soluzioni dall’appeal elegante, in grado di trasformarsi con facilità in veri e propri elementi aggiuntivi per ogni locale, capaci di cambiarne il look, rendendoli anche più ariosi e luminosi
  • Versatilità assoluta, poiché le soluzioni Res nascono dalla lavorazione di materiali e finiture diverse
  • Divisione degli gli spazi con eleganza, senza separarli in modo netto, ma assicurando una continuità armonica all’interno di ogni stanza.

Voi cosa ne pensate delle porte a scrigno? Ne avete a casa vostra? Vi piacciono oppure siete più tradizionalisti e preferite le classiche a battente o con scorrimento a vista?

14 Maggio 2018 / / Dettagli Home Decor

HOMETOUCH è un nuovo display capacitivo da 7”

HOMETOUCH è un nuovo display capacitivo da 7”:  multifunzione, bello, tecnologico e personalizzabile. 

Alla supervisione del sistema domotico MyHome_Up, HOMETOUCH abbina anche la funzione di videocitofono connesso, gestibile in locale o a distanza grazie all’applicazione per smartphone.

L’offerta MyHome_Up di BTicino si arricchisce di una nuova interfaccia di controllo per le funzioni domotiche e di videocitofonia. 

Infatti, oltre a supervisionare il sistema domotico, HOMETOUCH, se collegato via wi-fi alla rete dell’appartamento, è anche un videocitofono connesso che permette di visualizzare le chiamate ricevute dalla pulsantiera esterna sul suo display 7” o, in locale o a distanza, su smartphone, grazie all’app dedicata Door Entry for HOMETOUCH, scaricabile gratuitamente dagli stores Google Play e App Store.

L’estetica elegante e tecnologica, il design minimal e i dettagli metallizzati, ne permettono l’installazione in qualsiasi contesto abitativo o lavorativo.

Si installa a incasso o a parete. Il risultato estetico sarà sempre ineccepibile e professionale.

HOMETOUCH BTicino installato a parete

Controllo completo, facilità di utilizzo
Pensare un prodotto user-friendly che consente il pieno controllo dell’impianto. 

HOMETOUCH rende disponibili le funzioni MyHome_Up in tre aree dedicate del display, fornendo indicazioni e permettendo la gestione:

  • del sistema di automazione (luci, tapparelle);
  • dell’impianto di termoregolazione;
  • del sistema antifurto;
  • del sistema audio multiroom NuVo;
  • degli scenari MyHOME_Up.

L’utilizzatore può personalizzare la homepage del display, impostando fino a venti comandi preferiti a scelta tra automazioni, scenari e funzioni videocitofoniche.


HOMETOUCH BTicino schermata benvenuto
HOMETOUCH BTicino schermata chiamata
HOMETOUCH BTicino video

HOMETOUCH fa parte del programma Eliot di BTicino dedicato agli oggetti connessi (IoT Internet of Things) che identifica tutti quei prodotti o sistemi che, grazie alla possibilità di connettersi al Cloud, apportano valore aggiunto in termini di funzionalità, informazioni, utilizzo e interazioni con l’ambiente.

Per maggiori informazioni www.bticino.it oppure potete contattare il Numero Verde 800-837035

14 Maggio 2018 / / Blogger Ospiti

KV Store

Spesso, al momento dell’acquisto dell’arredamento per la casa, alla scelta dei complementi di arredo bagno non viene data la giusta considerazione: per la fretta, per l’illusione di risparmiare o semplicemente per una scarsa informazione, siamo portati ad acquistare uno specchio qualsiasi, senza valutare l’influenza che questo oggetto può avere nel design della nostra stanza da bagno e nel consumo energetico dell’abitazione.
Vedremo di seguito perché una specchiera a Led possa rivelarsi la soluzione giusta per chiunque sia in procinto di arredare un nuovo bagno, ristrutturarne uno di esistente o semplicemente rinnovare qualche accessorio.

I vantaggi dell’illuminazione a LED

La luce, si sa, è un elemento fondamentale nell’arredamento di qualsiasi ambiente: nella stanza da bagno abbiamo bisogno di un’illuminazione che, pur risultando intima e non invadente, ci consenta di affrontare comodamente la nostra routine di cura della persona mettendo in luce il nostro viso in modo omogeneo e naturale.

Uno specchio con luce a Led integrata offre numerosi vantaggi rispetto alle vecchie soluzioni con lampade tradizionali:

  • Notevole risparmio energetico (fino al 70%!)
  • Lunga durata dei LED, che garantiscono per anni un funzionamento a pieno regime
  • Sostenibilità ecologica
  • Estrema versatilità nel design

Specchi a led per il bagno: le diverse soluzioni di design

Che aspetto ha una moderna specchiera a led per il bagno? Le possibilità sono infinite: vediamo di seguito alcune delle soluzioni acquistabili online.

KV Store

 

kvstore

Uno specchio con fascia led superiore è senz’altro la soluzione che più si avvicina al design tradizionale, portando con sè, nel contempo, tutti i vantaggi offerti da questa tecnologia.

La specchiera con cornice illuminata a led è una soluzione che offre il giusto compromesso tra modernità e tradizione.

Per sfruttare a pieno la versatilità dell’illuminazione a led è possibile, invece, optare per uno specchio sagomato dal design moderno.

kiamami valentina

KVStore

Specchio bagno led con accensione touch: la tecnologia a portata di mano!

L’ultima frontiera nel campo dei complementi di arredo per la stanza da bagno è senz’altro la specchiera con illuminazione integrata e accensione senza interruttore.
Come tutti gli accessori di arredo che popolano le nostre abitazioni, anche lo specchio sta diventando sempre più tecnologico e al passo coi tempi: via gli interruttori per lasciare spazio ad un discreto sensore touch che non spezza il design minimale e consente una maggiore praticità nell’accensione e nello spegnimento.

Specchiere a LED, i prezzi online

Sicuramente vi starete chiedendo se questi specchi dall’aspetto futuristico siano acquistabili ad un prezzo ragionevole. Non temete: acquistare gli accessori di design per il bagno online ci consente di avere un notevole risparmio di tempo e denaro, senza rinunciare alla qualità del Made in Italy. KV Store, negozio di arredamento e accessori per il bagno, offre un vasto assortimento di specchi a Led a prezzi estremamente contenuti, con possibilità di spedizione in tre giorni lavorativi.

 

 

14 Maggio 2018 / / Idee

cuscino tediber test

Buondì cari amici! Oggi vi parlo del mio nuovo cuscino Tediber.

Quando mi è arrivata la proposta di testare il cuscino, ho accettato con piacere, visto che i vecchi cuscini avevano ormai fatto il loro tempo. Ora sono passati due mesi da quando l’allegro scatolone è stato consegnato e sono pronta per parlarvi della mia esperienza.

Le caratteristiche del cuscino Tediber

Intanto vediamo come è fatto il cuscino Tediber e quali sono le sue caratteristiche: la fodera è cucita a mano, mentre i materiali sono tutti naturali, dal cotone del rivestimento all’imbottitura, realizzata con piumino e piume d’oca di origine francese: questa per me è l’unica nota dolente, in quanto cerco il più possibile di evitare prodotti di provenienza animale. Tediber garantisce che nessun animale è spiumato vivo appositamente per fabbricare il cuscino e che le piume provengono da animali destinati al consumo alimentare. A parte questo, devo ammettere che l’imbottitura è soffice e appoggiare la testa sul cuscino dopo una lunga giornata è un vero piacere! I componenti sono certificati OEKO-TEX® Standard 100 (sistema di controllo e certificazione indipendente e uniforme a livello internazionale per le materie prime, i semilavorati e i prodotti finiti del settore tessile), il che significa che nel cucino non sono presenti sostanze tossiche nocive per la salute. La sterilizzazione ad alta temperatura rende inoltre il cuscino ipoallergenico, mentre l’immersione di piume e piumino nell’olio di Neem garantisce l’assenza di acari. La manutenzione è semplice: si lava in lavatrice a 40°C e ritorna come nuovo. Infine, nel caso in cui il cuscino non soddisfasse le aspettative, ci sono 100 giorni di prova gratuita, dopodiché si potrà restituire.

L’ordine e la consegna

Il cuscino Tediber si acquista esclusivamente on line. La procedura è semplice e la consegna molto rapida. Io ne ho ordinati due, questo è l’imballo, riconoscibile anche a distanza!

cuscino tediber test imballo

Aprendo lo scatolone appare questa coloratissima cartolina con tutte le caratteristiche del cuscino, appoggiata su una bella carta velina blu marine

cuscino tediber test imballo

E poi la sorpresa, graditissima: i cuscini sono inseriti in una bellissima borsa in tessuto!

cuscino tediber test borsa tessuto

Il test

Molto elegante a vedersi, in tessuto bianco con bordo blu marine ed etichetta con l’orsetto su due lati. Provo subito a testarne la consistenza con la mano, la sensazione è molto piacevole al tatto, la mano sprofonda in una nuvola soffice ma consistente

cuscino tediber test morbidezza

Dopo due mesi di prova, posso affermare di essere soddisfatta, ma attenzione: sono abituata a dormire con cuscini di questo tipo, anche perché cambio spesso posizione e mi piace infilare le braccia sotto il cuscino. Con Tediber mi trovo benissimo perché posso abbracciarlo in infiniti modi e mi sento sempre comoda e anche coccolata.  Se siete abituati a dormire con cuscini sottili o con i memory, può darsi che all’inizio abbiate delle difficoltà. Io vi consiglio comunque di fare la prova dei 100 giorni, e probabilmente vi piacerà tanto da cambiare completamente abitudini.

cuscino tediber test

Anche perché, pur essendo gonfio e soffice, sento che la testa è ben sostenuta e il collo rimane libero dalle tensioni che poi si trasformano in dolori cervicali durante il giorno: un disturbo del quale soffrivo e che ora è praticamente scomparso. Ebbene sì, il cuscino Tediber è davvero incredibile.

il mio nuovo cuscino tediber recensione

L’azienda

L’azienda è una startup francese nata nel 2015 dall’idea di tre amici, Julien, Juan Pablo e Jean-Christophe, reduci da varie disavventure alla ricerca del materasso ideale. Convinti sostenitori del diritto di ognuno al sonno di qualità, hanno creato Tediber con l’intento di fornire materassi, cuscini e piumini di qualità ad un costo accessibile, eliminando gli intermediari grazie alla vendita esclusivamente on lineDal primo materasso venduto ad un amico e dalle consegne fatte personalmente sono passati quasi tre anni, e oggi Tediber, dopo aver conquistato la Francia, è presente anche in Italia e Spagna.

Sito: www.tediber.com/it/

 

Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi. Riceverai una email mensile che riassume i post del blog ma non solo: la newsletter sarà arricchita da contenuti riservati solo agli iscritti, come mood board su colori, materiali, arredi e complementi, infografiche con idee e suggerimenti per disporre mobili e oggetti, DIY e ispirazioni. 
Basta cliccare qui e inserire il tuo indirizzo e-mail:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER