27 Giugno 2018 / / Design

agricoltura urbana

Una Fattoria verticale nascerà l’anno prossima a Romanville, a pochi chilometri da Parigi. Un progetto davvero innovativo dedicato all’agricoltura urbana.


L’interessante progetto, curato dallo studio di architettura Ilimelgo, prevede due la realizzazione di due torri alte 26 metri, al cui interno verranno coltivati in modo biologico gli ortaggi utili per la comunità. Sarà il primo edificio del suo genere a fornire un’agricoltura urbana sostenibile in Francia, offrendo prodotti freschi a basse emissioni di carbonio, riducendo così l’uso del trasporto stradale offrendo al contempo opportunità di lavoro a livello locale.


Fattoria verticale

Una Fattoria verticale urbana progettata per soddisfare 200 famiglie


Facciate in vetro, pareti strette e con esposizione est-ovest per la massima luminosità, ventilazione naturale, riscaldamento innovativo, sistemi di raccolta dell’acqua piovana, irrigazione a goccia programmabile, insomma un progetto efficiente dal punto di vista energetico ed economicamente sostenibile.

agricoltura urbana

Le piante verranno cresciute in particolari contenitori con compost realizzato dai rifiuti locali, su una superficie coltivabile di oltre 1.000 mq. Al piano terra troverà spazio un ristorante e degli spazi polivalenti per attività educative. All’esterno è prevista la creazione di piccoli orti, mentre il seminterrato sarà dedicato alla coltivazione di funghi.  
I prodotti, naturalmente, saranno anche venduti direttamente al pubblico e l’apertura è prevista per il prossimo anno.
progetto Fattoria verticale
Fattoria verticale


Gli spazi nelle serre saranno concessi agli agricoltori locali, che dovrebbero produrre 12 tonnellate di ortaggi e frutta, oltre a 4 tonnellate di funghi, abbastanza per sfamare 200 famiglie.

27 Giugno 2018 / / Things I Like Today

Benjamin Shine sculture di tulle - Art

Benjamin Shine è un originale artista inglese che crea bellissimi ritratti femminili utilizzando solo del tulle e… un ferro da stiro!

L’artista inglese Benjamin Shine si è sempre stato interessato alle relazioni fra tra arte, design e moda e ha studiato per diventare Fashion Designer. Nel 2003 ha fondato il suo atelier creativo per sperimentare le sue idee utilizzando materiali e tecniche innovative. Il suo desiderio era quello di dipingere con i tessuti e fin da subito ha pensato di concentrarsi sui ritratti. Negli anni ha sperimentato diverse tecniche finchè nel 2008 è nata per caso l’idea di utilizzare il tulle.

Ho sviluppato la tecnica del tulle dopo aver notato un vecchio resto di tulle accartocciato sul pavimento del mio studio. La bellezza dei toni creati dalle pieghe del tessuto mi ha incuriosito e mi chiedevo se quelle pieghe potevano essere manipolate per formare un’immagine riconoscibile. Alla fine, ho trovato un modo premendo e piegando una lunghezza del materiale in una forma con un ferro. Ci sono voluti un paio d’anni per affinare le mie capacità, soprattutto per abituarmi a “dipingere” con un ferro da casa, ma ora è una seconda natura (anche se stranamente, non riesco ancora a stirare una maglietta correttamente).
Best Self Magazine

Le sculture di tulle di Benjamin Shine sono realizzate utilizzando un solo lungo pezzo di tessuto che viene piegato e modellato per formare visi e figure, con l’aiuto di un normalissimo ferro da stiro, ago e filo! Usando il ferro, Benjamin Shine piega, modella, dà forma al velo che grazie alla sua trasparenza, livello dopo livello, permette di creare sfumature tonali e ombre, creando i contorni e dando profondità alle figure.

L’artista ha scelto di utilizzare il tulle, un materiale leggero, trasparente e delicato, per esprimere l’idea di energia e transitorietà. In queste opere il tulle rivela un ritratto in una forma effimera, come se catturasse un momento fugace nel tempo. Secondo l’artista, queste sculture lievi ed eteree, dovrebbero spingerci a guardare oltre la natura fisica delle cose, verso un mondo più spirituale fatto di energia, di pensieri ed emozioni, suscitando una riflessione sul senso dell’essere.

Dance, un’installazione di tulle colorato

• LEGGI ANCHE: Sculture tessili organiche di Serena Garcia Dalla Venezia

Per anni Benjamin Shine ha continuato a realizzare opere composte da un’unica striscia di tulle monocromatico, finchè la commissione di un’installazione pubblica da parte del Camberra Center nel 2015, ha dato una nuova spinta alla sua creatività. E’ nata così “Dance” un’opera in cui per la prima volta l’artista utilizza strisce di tulle di colore diverso (oltre 2.000 metri!) che creano nuovi giochi cromatici e di profondità.

Benjamin Shine ha inoltre collaborato con John Galliano per Maison Margiela e ha creato “Seeing Through The Material” una serie di cinque ritratti femminili in tulle, appositamente realizzati per le vetrine di Bergdorf Goodman sulla 5th Avenue a New York.

Benjamin Shine per John Galliano - Maison Margiela

Benjamin Shine per John Galliano – Maison Margiela

Benjamin Shine - Sculture di tulle per Bergdorf Goodman 5th Avenue, New York

Sculture di tulle per Bergdorf Goodman 5th Avenue, New York

Benjamin Shine - Sculture di tulle per Bergdorf Goodman 5th Avenue, New York

Sculture di tulle per Bergdorf Goodman 5th Avenue, New York

L’articolo Tulle Art di Benjamin Shine, ritratti impalpabili di veli colorati proviene da Things I Like Today.

27 Giugno 2018 / / Blogger Ospiti

È opinione diffusa che installare una finestra in pvc è la migliore scelta per ristrutturare casa grazie all’eccellente rapporto qualità prezzo di questi infissi. Principalmente per questo motivo negli ultimi anni abbiamo visto una crescente vendita di finestre e porte finestre in pvc sia per la sostituzione di vecchie finestre durante una ristrutturazione che nuove installazioni per le costruzioni da zero di edifici o anche in case prefabbricate.

Costo infisso in pvc al mq

 

Il motivo di tale successo risiede nelle ottime proprietà tecniche del pvc e dal suo costo relativamente basso. Ad esempio se parliamo di costi e prezzi al mq degli infissi, notiamo subiro che una finestra in pvc in media costa da 150€ ai 350€ al mq rispetto ad una finestra in legno o in alluminio a taglio termico che possono costare anche 300€ o 400€ al mq.

Sempre in tema di costi da non sottovalutare che il costo finale di una finestra, dipende ovviamente dalla sua dimensione in mq, ma anche dai seguenti parametri che lo possono far variare anche del 50%:

  • Apertura: numero ante, a ribalta, a vasistas, a bilico, …
  • Finiture: serrature, tapparelle, motorizzazione, …
  • Colore: finto legno, semplice, colorata, …
  • Vetro: doppio, triplo, antisfondamento, …

 

A chiusura, considerate che nel prezzo di sostituzione ed installazione di nuovi fineste dovete anche considerare quanto costa la posa in opera di una finestra. Questo valore si calcola per singola finestra o porta finestra da installare e in media vale 100€ se non si devono fare particolari lavori di muratura per posizionare il telaio.

Ricordatevi che sostituire gli infissi in pvc vi permette di usufruire anche delle detrazioni fiscale del 65% per il risparmio energetico.

Vantaggi finestre in pvc

Torniamo alla domanda iniziale, perché le finestre in PVC sono le più vendute? Il PVC è un materiale plastico che permette di ottenere dei prodotti con ottime caratteristiche di isolamento e resistenza ad un costo non elevato. Grazie alle sue proprietà diversi sono i vantaggi delle finestre in pvc.

Un infisso in PVC gode di una bassa conducibilità termica garantendo al calore interno di casa di non disperdersi esternamente con un notevole risparmio energetico. Oltre ad un isolamento termico possiamo ottenere un ottimo livello di isolamento acustico dai rumori di strada. Il PVC è un materiale leggero, resistente al fuoco e durevole nel tempo.