28 Giugno 2018 / / Idee

Quando lo spazio in casa è poco spesso si ha la necessità di separare un minimo gli ambienti. Una soluzione economica è quella di dividere con le librerie.

………

Una casa magari non molto grande, con cucina, soggiorno e ingresso in comune. Un po’ di fastidio nell’entrare in casa e vedere tutto assieme, senza neanche un minimo di divisione e privacy. Però di costruire pareti (anche solo in cartongesso) non se ne parla: tra i costi ed i tempi, siamo già fuori budget. E non è sempre detto che ci sia spazio a sufficienza per costruire dei muri.

Oppure un monolocale: come fare a schermare la zona soggiorno dalla zona notte o dalla zona cucina?

Una soluzione a cui si pensa raramente é quella di dividere con le librerie. Facile eh? Vi dirò di più: è anche economico, con le soluzioni che vedete qui.

DIVIDERE CON LE LIBRERIE AUTOPORTANTI: 4 SOLUZIONI

Andiamo in ordine e partiamo con Ikea che ovviamente ha sempre proposto negli anni sistemi di librerie autoportanti a giorno. L’ultimo sistema è Elvarli, dotato di montanti in alluminio che arrivano fino ad H 350 cm. Potete attrezzarli come volete: ripiani per scarpe, mensole, cassettiere.. Insomma, tutto quello che vi serve in base alla zona in cui andrete a metterlo. Perfetto come cabina armadio a vista ma anche sistema di divisione tra la zona giorno e la zona ufficio, ad esempio. Oppure per dividere il soggiorno e la zona notte in un monolocale.

dividere con le librerie

Ikea

Anche Maisons du Monde offre tante librerie a giorno autoportanti, di altezza massima 200 cm. Perfette soprattutto nei soggiorni (anche di grandi dimensioni) per evidenziare le varie aree funzionali: la zona conversazione, la zona lettura, la zona pranzo…

dividere con le librerie

Maisons du Monde

Finiamo con due soluzioni altrettanto valide ed economiche, che trovate su Amazon e Leroy Merlin. Ormai sto diventando un drago nel cercare soluzioni valide e portafoglio friendly su Amazon e ho trovato questo scaffale.

L’azienda produttrice si chiama Songmics e si occupa di accessori per l’organizzazione di casa a 360 gradi. Vi consiglio di dare un occhio a tutti i loro prodotti perché sono pazzeschi (io stessa ne ho comprati alcuni). In questo caso vi faccio vedere uno scaffale a giorno, composto da 16 cubi che potete liberamente disporre in casa, in base a come più vi serve. C’è anche il modulo da 6 cubi e 10 cubi (si, è uguale al sistema di Ikea ma costa meno).

dividere con le librerie

SONGMICS Libreria con 16 Cubi Aperti, Scaffale e Divisore Autoportante di Legno, Bianco, 129,5 x 29 x 129,5 cm (L x P x A), LBC44WT

L’ultima soluzione è il sistema Logo proposto da Leroy Merlin, composto da montanti in alluminio (altezza massima 270 cm) attrezzabili con mensole e cassettiere.

Disponibile in due profondità, due larghezze e due altezze e ben tre finiture, è perfetto per dividere la zone giorno ma anche la zone notte.

dividere con le librerie

Leroy Merlin Composizione Logo

L’articolo Dividere con le librerie: 4 soluzioni economiche sembra essere il primo su VHD.

28 Giugno 2018 / / Dettagli Home Decor

ciambella ad anello XL modello Bouee Formentera

Per una vacanza al mare non potete rinunciare ai gonfiabili di tendenza del marchio francese The Nice Fleet: ciambelle ad anello XL, materassini tondi, cuscini da spiaggia dai colori delicati e dai motivi acquerellati, per assaporare e godersi i piaceri dell’acqua.


La prima collezione The Nice Fleet è un inno cool chic, oltre le vacanze: ogni prodotto deve il suo nome ad una destinazione suggestiva, in un viaggio immaginario che spazia dalle atmosfere tropicali di Bahia, al gusto retrò di Stinson, alle decorazioni in ceramica blu di Tulum, alla dolce vita di Formentera. 
Realizzati in PVC con spessore adattato a ciascun uso e sottoposti a tutti i controlli di sicurezza nel rispetto degli standard della comunità europea, gli accessori mare gonfiabili The Nice Fleet, in un packaging invitante, sono un regalo ideale per un’estate calda e sognante.


ciambella gonfiabile XL FORMENTERA
Ciambella Formentera. Diametro: 120 cm. Prezzo: 44,00 €

Materassino gonfiabile rotondo BAHIA
Materassino  rotondo Bahia. Diametro 150 cm. Prezzo: 67,00 €

ciambella gonfiabile XL TULUM
Ciambella Tulum. Diametro 120 cm. Prezzo: 44,00 €

ciambella gonfiabile XL STINSON
Ciambella Stinton. Diametro: 120 cm. Prezzo: 44,00 €

cuscino gonfiabile da spiaggia FORMENTERA
Cuscino da spiaggia Formentera. Dimensioni 30 x 40 cm. Prezzo: 13,50 €

Il marchio The Nice Fleet è in vendita da:
Moroni Gomma
corso Matteotti 14
20121 Milano
T. +39 02 796220
Moroni Gomma
corso Garibaldi 2
20121 Milano – Italy
T. +39 02 89095375

28 Giugno 2018 / / Idee

appartamenti in vendita a verona

appartamenti in vendita a veronaappartamenti in vendita a verona

appartamenti in vendita a verona

Ci capita spesso di lavorare nel campo della microricettività, case vacanze, bed&breakfast e affittacamere, poiché ultimamente è diventato davvero un buon business nel quale investire e l’aspetto dell’interior design è uno dei principali per essere scelti sul mercato.

Ci  siamo accorte, grazie ad uno degli ultimi lavori  in questo campo che, per chi vuole fare un investimento redditizio, il  panorama di appartamenti in vendita a Verona è molto vantaggioso e sicuramente un ottimo passo da cui iniziare. Se in tutta Italia si registra un trend in crescita nell’aumento dei prezzi degli immobili e dei canoni di locazione, la rendita degli immobili a Verona è quella che segna una crescita maggiore: circa il 5 per cento. Comperare uno dei tanti appartamenti in vendita a Verona, soprattutto se di taglio non troppo grande, può essere quindi un’operazione molto vantaggiosa per chi intende poi trasformare l’immobile in una fonte di reddito interessante.
Una volta scelto quale tra gli appartamenti in vendita a Verona conviene comperare, le possibilità di trovare a chi affittarlo, anche utilizzando la redditizia formula degli affitti brevi o realizzando una casa vacanza, non mancano. Verona, infatti, da anni conferma la sua vocazione turistica, richiamando visitatori da tutto il mondo, soprattutto stranieri che da sempre apprezzano la possibilità di soggiornare in appartamenti confortevoli. Ecco allora che diventa importante trasformare l’appartamento in vendita a Verona in un delizioso rifugio. E nella città dell’amore di Romeo e Giulietta qual è il colore migliore per arredare casa? Il rosso, naturalmente.

appartamenti in vendita a verona

appartamenti in vendita a verona

appartamenti in vendita a veronaappartamenti in vendita a veronaappartamenti in vendita a veronaappartamenti in vendita a veronaappartamenti in vendita a verona

I consigli per arredare in rosso, il colore dell’amore
Il rosso non è un colore difficile da usare nell’arredamento. Tutt’altro, l’importante è saperlo dosare. Le indagini sulla psicologia del colore dicono che una casa con dettagli rossi cattura l’attenzione e invoglia gli acquirenti a soggiornarvi o ad acquistarla. Per rendere un appartamento in vendita a Verona una fonte redditizia in termini di affitti brevi, giocate allora con il rosso. Per gli interni di una casa, la nuance di rosso più raffinata e allegra è sicuramente il rosso corallo, ovvero quella gradazione brillante che sta a metà strada tra l’arancio e il rosa intenso.

L’importante è dosare
Ovviamente il rosso è un colore impegnativo, e quindi va dosato e calibrato. Per esempio, non va utilizzato come colore per rivestire tutte le pareti di una stessa stanza, ma può essere un’idea brillante per decorare una sola parete con carta da parati a fondo rosso corallo e dare dinamismo a un ambiente. In cucina una parete abbellita con carta da parati con ciliegie rosse evoca subito allegria, mentre in bagno le decorazioni a tema marino con il corallo, appunto, sono più che appropriate.

appartamenti in vendita a verona

appartamenti in vendita a verona

appartamenti in vendita a veronaappartamenti in vendita a verona       appartamenti in vendita a veronaappartamenti in vendita a verona

Protagonista del soggiorno
Il rosso è molto più che un colore da utilizzare solo per i dettagli. Il rosso è protagonista. Se nella stanza domina il bianco, il gioco di contrasti con il rosso ha una resa ovviamente molto fresca e giovane. Basta immaginare un soggiorno con un candido tavolo e sedie moderniste, vivacizzato da elementi rossi come accesissimi lampadari, cuscini per le sedute e magari un magnifico divano in pelle rossa. Il rosso corallo è la tinta vincente anche per svecchiare un arredamento sui toni del beige, tra divani di broccato e specchiere barocche.

Rosso è il colore degli accessori
Non solo barattoli dentro alle credenze della cucina, ma anche tovagliette, tende e presine, sono tutti elementi che rossi portano un tocco di brio in una cucina dove domina il bianco, il grigio o il legno naturale. Sgabelli con la seduta rossa per una cucina con la penisola e un frigo vintage rosso, sono dettagli di stile che rendono un appartamento in vendita a Verona un vero nido per innamorati che vogliono condividere un piatto di spaghetti e un bicchiere di vino dopo una giornata da turisti.

appartamenti in vendita a veronaappartamenti in vendita a veronaappartamenti in vendita a veronaappartamenti in vendita a veronaappartamenti in vendita a veronaappartamenti in vendita a veronaappartamenti in vendita a verona

Suggerimenti per una camera in rosso
E la camera da letto? Dicono che il rosso sia appropriato solo nella zona giorno di una casa, perché le sue frequenze trasmettono energia. Ma senza bisogno di dipingere le pareti di questo colore vibrante, il rosso corallo in camera da letto è perfetto per evocare la passione. Gli accostamenti spaziano dal classico rosso e bianco, all’elegante e moderno grigio e rosso, al più audace e barocco nero e rosso. Eccettuato l’ultimo abbinamento, forse troppo impegnativo se si vuole mettere in affitto la casa, i primi due sono perfetti. Una poltroncina rosso corallo ai piedi del letto, lanterne di carta rossa sui comodini, fantasie astratte e motivi floreali per i tessuti regalano quel tocco di colore appassionato che vi permetterà di trasformare l’acquisto di una delle tante case in vendita a Verona, in un piccolo gioiellino degno della città degli innamorati come è accaduto a noi.

appartamenti in vendita a veronaappartamenti in vendita a veronaappartamenti in vendita a veronaappartamenti in vendita a veronaappartamenti in vendita a veronaappartamenti in vendita a verona

L’articolo Appartamenti in vendita a Verona: compra, arreda e affitta proviene da Architettura e design a Roma.

28 Giugno 2018 / / Architettura

Se fate parte del popolo di Pinterest o se anche solo amate sfogliare riviste di Interior Design (e se state leggendo questo blog molto  probabilmente è così…) avrete notato foto e articoli con arredi o rivestimenti realizzati con i tipici pannelli di legno solitamente utilizzati in edilizia. Per chiarirvi le idee sto parlando di questo:
Questi pannelli si chiamano OSB,  acronimo di Oriented Strand Board. Altro non sono che pannelli tecnici, di scaglie di legno, che negli ultimi tempi hanno attirato l’attenzione di architetti e designers, per il loro aspetto industriale, grezzo, che si presta in realtà a moltissime interpretazioni, anche molto sofisticate. 
I pannelli di OSB sono relizzati con scaglie di legno di varie misure,  incollate con l’utilizzo di resine sintetiche e tramite un processo di pressatura a caldo. 
Le caratteristiche tecniche dei pannelli variano in base agli spessori e ai collanti che vengono utilizzati, che li rendono adatti anche per l’utilizzo in ambienti umidi e per utilizzo sia strutturale che di  semplice rivestimento. In generale, in funzione del loro spessore, i pannelli in OSB presentano ottime caratteristiche meccaniche e di resitenza.
Queste caratteristiche prestazionali e il basso costo ne hanno fatto un materiale di uso e sperimentazione in ambienti sia commerciali che residenziali e vengono usati sia per la costruzione di elementi strutturali (scale, ad esempio) che per il rivestimento di pavimenti, pareti e la realizzazione di arredi o di intere partizioni interne.
Data la presenza di collanti nella composizione dei pannelli, è importante controllarne la provenienza e richiedere sempre una certificazione che attesti l’assenza di rilascio di formaldeide. I pannelli OSB prodotti in Europa rispondono ai requisiti per l’uso in ambienti di soggiorno (classe E1). E’ comunque sempre opportuno farsi rilasciare dal fornitore la scheda tecnica del materiale che ne attesti formalmente la classe di emissione . 
Ho selezionato diverse realizzazioni che rendono l’idea della varietà di applicazioni e di stili offerti dall’uso di questo materiale. Nonostante l’aspetto grezzo, l’utilizzo sapiente e dosato permette di creare ambienti che personalmente trovo molto interessanti e anche molto raffinati.

 1.  2.  3.  4. 5. 6. 7. 
 Ed ecco alcuni esempi di utilizzo di bagno, non solo privati ma anche per ambienti pubblici:

8.  9.  10. 11.
Proprio per le sue peculiarità materiche ed estetiche, che lo rendono protagonista indiscusso dello spazio, l’OSB ben si presta per la caratterizzazione di ambienti di lavoro , pubblici o  commerciali.  Che sia una semplice porta piuttosto che un bancone per una reception o un bar, che sia una scala, rigorosa o dalla forma azzardata, ogni volume realizzato con questo materiale si impone e dà risalto al contesto in cui viene inserito.

Infine l’ultima idea, nel caso in cui i pannelli di OSB vi convincano per le loro caratteristiche ma non vi dovessero proprio andare bene nel loro colore naturale…
16.  17.
 
Qui, verniciato di nero, è stato utilizzato come elemento strutturale e di arredo per realizzare una scala/contenitore e un volume che ingloba al suo interno ambienti di servizio (due bagni e e una cucina in linea, su uno dei lati lunghi del volume).
Cosa ve ne sembra? Io credo siano tutte soluzioni interessanti che fanno davvero venire voglia di utilizzare questo materiale per rendere personale e unico il proprio spazio di vita o di lavoro. Credo che possa essere una valida idea per realizzare la nuova camera di mio figlio ormai adolescente, sono più che certa che sarebbe di suo gusto.

Enjoy Your Home!
 
Bibliografia : Fonte 1      Fonte 2;
Se vi è piaciuto questo post fate click sul pulsante g+ proprio qui sotto. Il pulsante g+ premia la qualità dei contenuti sul web e il lavoro di chi scrive. A chi clicca non costa nulla ma è un riscontro importante per chi pubblica. Potete anche un lasciare un commento nel form apposito. I commenti e le critiche sono i benvenuti!

28 Giugno 2018 / / Architettura

piscine in microcemento

Oggi parliamo di piscine, in particolare di quelle realizzate in microcemento, un materiale sempre più apprezzato dagli addetti ai lavori e dal pubblico.

I motivi sono molteplici: estetica e resistenza, possibilità di personalizzazione, varietà nelle finiture e un aspetto pulito e rilassante, tutte qualità che contribuiscono a rendere lo spazio esterno unico e originale. Vediamo se riesco a farvi innamorare di queste 9 piscine che, sicuramente, vorreste già avere nel vostro giardino.

1-Piscine senza limiti

9 motivi per innamorarsi delle piscine in microcemento bianca

Le piscine di microcemento si adattano a tutte le dimensioni e a tutti gli spazi. È un materiale molto versatile: si può utilizzare sia per creare una grande piscina esterna sia per una piccola piscina nella corte dietro la casa. Inoltre, questo materiale si adatta a qualsiasi superficie, visto che si possono utilizzare linee rette o curve, senza limiti: bordi arrotondati, piccole fonti, piscinette ad angolo e triangolari, a sfioro o con vistose cascate.. c’è di che dar sfogo alla propria immaginazione!

2-I dislivelli? Nessun problema!

Oltre ad adattarsi alle dimensioni del terreno, le piscine in microcemento sono una meravigliosa opzione per gli spazi con grandi dislivelli. La sua resistenza in questi casi è davvero sorprendente: offre completa stabilità di fronte ai movimenti strutturali che possono presentarsi a lungo andare.

piscine in microcemento dislivelli

3-Piscine personalizzate

La possibilità di personalizzare a piacimento la propria piscina in microcemento è probabilmente uno dei suoi più grandi vantaggi. Non solamente nelle forme e nelle dimensioni, ma anche negli effetti finali. Il microcemento si può combinare con differenti pigmenti naturali per poter scegliere differenti tonalità. E’ possibile, per esempio, dare all’acqua della vostra piscina un tono più azzurro, o più verde, o più bianco che mai . Si può optare per finiture lisce, stuccate, opache o lucide o perfino effetto legno. Topciment, l’impresa spagnola leader nell’utilizzo di questo materiale, conta ben 40 tonalità differenti tra cui poter scegliere. Come potete vedere, è quasi impossibile non trovare una piscina di microcemento che soddisfi tutte le esigenze.

4-Un consiglio? Piscine in Microstone

Topciment consiglia l’uso di Microstone, il microcemento più adatto per esterni grazie alla sua elevata resistenza e per la sua proprietà antiscivolo. La sua texture assomiglia a quella di una pietra, e grazie alla varietà di pigmenti si può scegliere il colore che si preferisce per perfezionarla a proprio gusto. Facciamo una scommessa? Il color “pizarra”, simile all’ardesia,  non vi lascerà indifferenti!

piscine-in-microcemento-microstone

5-Spazi moderni al 100%

Nonostante le piscine in microcemento si possano adattare a qualsiasi stile decorativo, non si può negare che sono una scelta interessante quando si vuole ottenere un esterno in stile moderno: eleganti, dalle linee rette e nitide che si trasformeranno nel complemento perfetto per una casa minimalista, come nell’esempio qui sotto.

piscine-in-microcemento

6-Approfittare di una piscina già esistente

Costruire una piscina di microcemento a partire da zero dà sicuramente molta libertà progettuale. Nonostante ciò, il rivestimento di microcemento di 2 o 3 millimetri si può anche applicare su una piscina già esistente. La sua finitura continua coprirà completamente i materiali sottostanti dandole un aspetto completamente nuovo. Senza dubbio è una delle opzioni più interessanti per rinnovare una vecchia piscina.

piscine-in-microcemento

7-Continuità della superficie

Un’altra delle grandi virtù estetiche di questo materiale è l’effetto di continuità che conferisce all’ambiente. Il microcemento non ha giunti di dilatazione: per questo rappresenta una soluzione ottimale sia per grandi superfici che per piccole zone, come può essere per esempio un bagno. E sì, con il microcemento si può creare una superficie unica integrando interno ed esterno, ottenendo così quella continuità visiva che ci darà pace e relax.

piscine-in-microcemento

8-Combinare il microcemento con altri materiali

Se preferite combinare il microcemento con altri materiali, non c’è nessun problema! Il legno, per esempio, è un eccellente alleato: si potrà dare, per esempio, uno stile più rustico alla terrazza con piscina nel giardino di casa, o rendere più caldo un esterno minimalista. Unico fattore da tenere presente: i materiali con cui si decide di abbinare il microcemento devono essere adatti all’esterno !

piscine in microcemento con legno

9-Una grande resistenza anno dopo anno

Oltre ai vantaggi estetici cui ho accennato, nella scelta del materiale per la piscina esterna bisogna tenere presente anche altri aspetti molto importanti, come la durabilità e la resistenza dei materiali: il microcemento, in questo caso, convince ancora di più. La finitura protettiva, infatti, lo rende resistente a qualsiasi impatto o graffio, e per questo è adatto per essere applicato nelle zone più usate e calpestate, come può esserlo una piscina in estate. Inoltre, il microcemento è un materiale che non richiede  troppa manutenzione, un altro importante vantaggio che vi convincerà ancora di più!


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi. Riceverai una email mensile che riassume i post del blog ma non solo: la newsletter sarà arricchita da contenuti riservati solo agli iscritti, come mood board su colori, materiali, arredi e complementi, infografiche con idee e suggerimenti per disporre mobili e oggetti, DIY e ispirazioni. 
Basta cliccare qui e inserire il tuo indirizzo e-mail:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER