27 Luglio 2018 / / Interiors

L’arredamento per le attività commerciali come bar, gelaterie, ristoranti, pasticcerie e comunque negozi del settore food deve trasmettere le giuste emozioni al cliente. Solo trasmettendo una propria identità si può arrivare dritto al cuore di un pubblico che poi è portato inevitabilmente ad esprimere una precisa preferenza.
E se si tratta di un arredamento d’impatto la comunicazione è immediata e spinge il consumatore a comunicare istintivamente il proprio pensiero. Scopriamo perché l’arredamento è così importante per le attività commerciali e in particolare per quelle che operano nel settore food.

Gli spazi espositivi devono mettere in risalto il brand
L’arredamento riveste un’importanza cruciale in un’attività commerciale, in quanto è la prima cosa che colpisce il consumatore: proprio per questo è fondamentale che sia strutturato in modo da comunicare esattamente il brand, ovvero il marchio che identifica l’attività. 
Tutto deve essere ben visibile e deve arrivare al cuore delle persone, in parole povere deve intercettare ciò che interessa realmente al consumatore. Grazie a delle ricerche di mercato e a metodi scientifici creati apposta per scoprire le preferenze e i gusti del pubblico target, oggi è possibile arredare un’attività commerciale creando degli spazi in cui il cliente si sente a proprio agio e può vivere un’esperienza unica di acquisto.
La perfetta disposizione dei banconi, una vetrina ben curata nei minimi dettagli, frighi ben posizionati e dove tutto è in bella mostra sono fattori determinanti per attirare il consumatore. Un arredamento di gusto, con vetrine in grado di far leva su meccanismi inconsci ed emozionali che fanno parte del processo mentale, arriva al cliente molto prima di quanto possa farlo qualsiasi altro tipo di pubblicità.


Ogni angolo deve essere curato nei dettagli
Ogni attività commerciale deve quindi essere riconoscibile non appena si varca la soglia del negozio: per questo motivo nulla deve essere lasciato al caso, sia che si tratti di una gelateria, di un ristorante o di un bar. 
La scelta sullo stile da scegliere deve essere dettata dalla tipologia dell’attività che si intende aprire o rinnovare: può essere in stile classico, moderno, rustico, ma in ogni caso deve rispecchiare il prodotto in vendita e comunque in accordo anche con le esigenze del titolare. 
Per un migliore sviluppo dell’arredamento è consigliabile affidarsi a progettisti specializzati che sanno come cogliere le necessità del cliente. Per questo potrebbero interessarti i lavori eseguiti da Milazzo Shop Design, leader nell’arredamento negozi Catania.

Personalizzare l’arredamento in base al brand
Per definire un design d’impatto bisogna fare in modo che scaffali, banconi, vetrine, frighi e tutta l’attrezzatura necessaria per l’attività sia in linea con lo stile scelto, qualunque esso sia. Il risultato deve essere un’armonia di colori e forme, che faccia percepire al cliente la bontà dei cibi non appena mette piede all’interno del negozio.
Un locale ben organizzato, luminoso, con la merce ben esposta e con un design inconfondibile attira la clientela che, oltre ad essere attratta dalla qualità della merce, si accorge anche dell’armonia e della professionalità del personale che lavora in perfetta sinergia. Perché l’ambiente condiziona anche i dipendenti, che con un arredamento disposto a regola d’arte lavora meglio per il successo dell’attività!

27 Luglio 2018 / / Creative & Ordinette

I am so much into fashion lately. Summer brings a Perhaps it the summer effect and I find myself alwasy searching for summer fashion inspiration and scrolling through fashion boards on pinterest. And I have to say, it is quite gratifying because I always find some great outfit for summer parties and summer evening cocktails. Well, here are some of my favorite outfits. Floral patterns and frilling long dresses seem to be everywhere outthere. What I have been also noticing are bold colors that I find so elegant with tanned skin. I am loving bold red dresses, silk green ones and above all yellow, my favorite summer color which stand on the top of my list. Have fun and be fashionable! Have a wonderful sunny weekend!

27 Luglio 2018 / / Dettagli Home Decor

Una casa moderna per trascorrere il fine settimana definita da tre diversi spazi esterni.

Una casa moderna per trascorrere il fine settimana definita da tre diversi spazi esterni.

Le case progettate per le vacanze o per semplici fughe durante i week end, dovrebbero essere a stretto contatto con la natura per consentire a chi le abita di staccare la spina lontano dalla vita frenetica della città.

Con il progetto di Casa La Quinta, gli architetti di Città del Messico Pérez Palacios e Alfonso de la Concha Rojos erano alla ricerca di una soluzione per creare spazi all’aperto naturali. Il risultato finale di questa ricerca ha dato vita a ben tre pati,  ognuno caratterizzato dal proprio  stile e funzione.


Gli alti muri definiscono gli spazi esterni, diventando una parte importante del design. “Questi vuoti conferiscono carattere al progetto, creando un elevato contrasto di luci e ombre, spazi di silenzio e riposo“, hanno affermato gli architetti. 


Situato nella città di San Miguel de Allende, questo edificio tradizionale è stato trasformato in una casa moderna.

Il soggiorno presenta soffitti alti con travi a vista, uno spazio arioso in armonia con le zone esterne. Al centro si trova il patio più grande, dotato di una piscina con un ponte e un’amaca. Il secondo patio comprende un piccolo giardino, mentre il terzo al piano superiore offre un confortevole salotto

All’interno di Casa La Quinta, l’arredamento è un raffinato mix di legno, pietra e acciaio nero. Un vero e proprio rifugio privato. 


Una casa moderna per trascorrere il fine settimana definita da tre diversi spazi esterni.
Una casa moderna per trascorrere il fine settimana definita da tre diversi spazi esterni.
Una casa moderna per trascorrere il fine settimana definita da tre diversi spazi esterni.
Una casa moderna per trascorrere il fine settimana definita da tre diversi spazi esterni.
Una casa moderna per trascorrere il fine settimana definita da tre diversi spazi esterni.
Una casa moderna per trascorrere il fine settimana definita da tre diversi spazi esterni.
Una casa moderna per trascorrere il fine settimana definita da tre diversi spazi esterni.
Una casa moderna per trascorrere il fine settimana definita da tre diversi spazi esterni.
Una casa moderna per trascorrere il fine settimana definita da tre diversi spazi esterni.
Una casa moderna per trascorrere il fine settimana definita da tre diversi spazi esterni.
Una casa moderna per trascorrere il fine settimana definita da tre diversi spazi esterni.
Una casa moderna per trascorrere il fine settimana definita da tre diversi spazi esterni.
Una casa moderna per trascorrere il fine settimana definita da tre diversi spazi esterni.

Fotografie © Rafael Gamo .

27 Luglio 2018 / / Coffee Break

Prosegue il nostro #hometour delle case più belle su Airbnb; oggi siamo a Malibu Beach e vi mostriamo la casa sulla spiaggia che tutti sogniamo per le nostre vacanze!
Per chi desidera addormentarsi al suono delle onde dell’oceano, questo incantevole appartamento, luminoso e ampio, con finiture in legno grezzo, è situato direttamente sulla spiaggia. Un drink qui al tramonto sull’acqua potrebbe essere la felicità!

A beach retreat in Malibu

Our tour of the most beautiful houses on Airbnb continues; today we are in Malibu Beach and we show you the beach house we all dream of for our holidays!
For those who want to fall asleep to the sound of ocean waves, this charming, bright and spacious apartment is located directly on the beach. A drink here at sunset on the water could be happiness!

Prenota ora su Airbnb e risparmia 25€! * Book now on Airbnb and save 25€!

_________________________
CAFElab | studio di architettura

27 Luglio 2018 / / Things I Like Today

HUGE Art - street art iperrealistica con palloncini

Lo street artist Huge Art è conosciuto per i suoi Helium Graffiti, lettere a forma di palloncino realizzate con un’incredibile tecnica iperrealistica

Daniel Fahlström è uno street artist svedese meglio conosciuto come Huge Art, “Original Balloon Writer“. Si dedica ai graffiti e alla street art da quando aveva 10 anni, dalla fine degli anni ’80, e quando non è in strada, lavora in studio, utilizzando l’aerografo per pitture personalizzate su commissione.
Ma la sua specialità sono i palloncini in mylar, che riproduce con una tecnica iperrealistica capace di ingannare chiunque. Un’idea nata con l’intento di cambiare le tradizionali lettere dei graffiti trasformandole in palloncini e che Huge ha perfezionato negli anni, al punto che i suoi graffiti sono delle vere e proprie illusioni ottiche!

“Ho visto molte reazioni da parte delle persone e la più divertente è stato quando questa anziana signora che non portava gli occhiali stava cercando di salire per toccare i palloncini. Molte persone lo fanno. Passano e… “Beh, devo controllare.” Va bene se pensano che siano palloncini veri. Questa è la mia missione, farglielo credere.”
Business Insider

Helium Graffiti” di Huge Art, lettere fotorealistiche a forma di palloncino

E’ davvero incredibile quello che si riesce a fare con una bomboletta spray! Ma c’è un trucco.
Quando deve fare un muro, Huge porta sul posto dei palloncini veri e li fotografa, così da avere successivamente un riferimento realistico del colore e dei giochi di luce di luce in quel preciso luogo. Ma soprattutto per poter cogliere i riflessi dei dintorni e addirittura la sua stessa immagine, che poi riproduce sui suoi palloncini. E’ questo che rende così speciale la sua street art iperrealistica.

Le ombre hanno un ruolo determinante nel creare l’effetto della tridimensionalità mentre i giochi di luce, le pieghe del materiale e soprattutto gli oggetti vicini che si riflettono sui palloncini, rendono l’effetto fotorealistico assolutamente verosimile. Huge sui muri lavora solo con le bombolette spray e poi apporta dei piccoli ritocchi con le dita per perfezionare i dettagli per rendere sempre più vero l’inganno della realtà.

• LEGGI ANCHE: Street art anamorfica, le illusioni 3D di Odeith

Street Art iperrealistica di Huge

Street Art iperrealistica di Huge

HUGE Art - street art iperrealistica con lettere a forma di palloncino

HUGE Art – street art iperrealistica con lettere a forma di palloncino

Helium Graffiti by Huge Art

Helium Graffiti by Huge Art

L’articolo Huge Art, l’illusione ottica che vola via dal muro! proviene da Things I Like Today.

27 Luglio 2018 / / Idee

Anche se sono sposata ormai da 7 anni una delle mie grandi passioni sono i matrimoni: adoro parteciparvi e soprattutto apprezzare lo stile e le scelte degli sposi.

intimateboho-wedding-18

Per questo ogni volta che mi imbatto sul web in qualche wedding report  mi fiondo a leggerlo.

intimateboho-wedding-16

Il matrimonio che voglio raccontarvi oggi mi ha colpito per la sua semplicità e allo stesso tempo la sua eleganza particolare, un po’ bohemian.

intimateboho-wedding-07

intimateboho-wedding-08

I due giovani in questione sono Amanda ed Eli ed hanno deciso di sposarsi nel Montana, vicino ad un bellissimo lago del Glacier National Park.

intimateboho-wedding-13

intimateboho-wedding-14

Tutto il matrimonio è stato incentrato sulla bellezza della natura di questi luoghi.

intimateboho-wedding-09

intimateboho-wedding-12

A partire dalle partecipazioni, progettate con palchi di lamina d’oro e una mappa disegnata a mano dell’area.

intimateboho-wedding-02

intimateboho-wedding-05

intimateboho-wedding-06

E’ stata una cerimonia semplice ma molto ben curata in ogni dettaglio,tutto rustico ma anche chic.

intimateboho-wedding-23

intimateboho-wedding-19

intimateboho-wedding-21

intimateboho-wedding-26

Bellissimo il ricevimento con queste lunghe tavolate in mezzo a questa splendida pineta.

intimateboho-wedding-30

intimateboho-wedding-29

intimateboho-wedding-31

intimateboho-wedding-32

intimateboho-wedding-33

intimateboho-wedding-34

intimateboho-wedding-35

intimateboho-wedding-36

intimateboho-wedding-38

intimateboho-wedding-37

Spesso nei matrimoni si tende ad esagerare, a farsi mille paranoie, ma come sempre la semplicità  è la migliore chiave per tutto.

intimateboho-wedding-39

intimateboho-wedding-40

intimateboho-wedding-41

intimateboho-wedding-43


 


FONTE: green wedding shoes
27 Luglio 2018 / / Idee

 

Lo abbiamo visto dominare le passerelle Primavera/Estate 2018 e fare occhiolino sui profili Instagram delle star e degli artisti più in voga: è il Gen Z Yellow.

Forse ne avete già sentito parlare, soprattutto se seguite l’universo fashion, come del colore che porrà fine al dominio del Millenial Pink, anche se per ora questa sofisticata palette non sembra voler cedere il passo: ne avevo già parlato in un post nello scorso novembre (Il Millenial Pink ancora al top). Eppure, qualcosa si muove anche nel mondo dell’interior design: il giallo si sta facendo strada lentamente, ma c’è da scommettere che entro la fine dell’anno sarà impossibile non notare la sua presenza. Sopratutto se, come è accaduto per il Millenial Pink, il giallo sarà il colore preferito di un’intera generazione, la Gen Z appunto, quella dei nati più o meno a cavallo dell’anno 2000.

Gen Z Yellow Mural Wallpaper

Tendenza passeggera o fenomeno culturale?

Mentre mi documentavo sul Gen Z Yellow, sono giunta alla conclusione che, a differenza dei vari trend stagionali e passeggeri, dettati un po’ dall’alto dai vari istituti di previsione, l’affermarsi di un colore “generazionale” è un vero e proprio fenomeno culturale, legato alle scelte di artisti o filmaker, come nel caso del regista Wes Anderson che “colorò” con il Millenial Pink il suo film Grand Budapest Hotel. Per ritrovare le radici del Gen Z Yellow bisogna spingersi nel cuore di Harlem, dove gli artisti del collettivo Art Hoe utilizzano questo colore per simboleggiare la lotta contro la discriminazione razziale e per libertà artistica e d’espressione. Il giallo proposto da Art Hoe non è, come il Millenial Pink, un unico colore: si tratta di una palette che va dai gialli freddi come il canarino, il mimosa, il limone, fino ai gialli più caldi come l’ocra o il senape.

Il Gen Z Yellow negli interni

Come prevedibile, il giallo sta prendendo piede anche nell’arredamento e nella decorazione d’interni, anche se, a ben vedere, lo abbiamo visto spesso negli ultimi anni colorare gioiosamente alcuni arredi e complementi.

Trend alert Gen Z Yellow vs millenial pink

Ahre.se//FusionD Studio

Integrare questo colore vivace ed energico negli interni è una faccenda tutt’altro che facile: per la psicologia del colore, il giallo infonde ottimismo e gioia di vivere, favorisce la concentrazione e porta luminosità e calore all’ambiente. Tuttavia, se usato in dosi elevate, può essere un po’ stancante per la vista. Per le pareti, sono perfette le tonalità più chiare per tinteggiare gli ambienti della zona giorno; in alternativa, potete scegliere una carta da parati, come quelle della nuova collezione di MuralsWallpaper:

Trend alert Gen Z Yellow vs millenial pink murals wallpaper

In ambienti come il bagno o la cucina il giallo si ripresenta, dopo anni di oblio, nelle collezioni di quasi tutte le case produttrici di ceramiche.

Trend alert Gen Z Yellow vs millenial pink

India Mahdavi//HomesForSale MinnesotaRealEstate

Per quanto riguarda i mobili e i complementi d’arredo, c’è davvero l’imbarazzo della scelta. Personalmente adoro le sedute in giallo, dai divani e dalle poltrone fino alle sedie in plastica: ecco la versione in velluto giallo della poltroncina LOAFER SC23 di &tradition, design Space Copenhagen, presentata allo scorso IMM di Colonia.

Gen Z Yellow vs millenial pink poltrona velluto giallo space copenhagen
E Che dire di questi cuscini firmati da India Mahdavi, una delle mie designer preferite? Sembra che il sole si sia posato sul divano!

Gli abbinamenti

Il giallo è uno dei pochi colori che si abbina meravigliosamente a quasi tutte le tinte dello spettro. Analizzando i trend del momento, forse gli accostamenti più indicati sono quelli che lo vedono in tandem con le gradazioni del Millenial pink e con tutti i colori pastello, dall’azzurro al verde al lilla.

Gen Z Yellow vs millenial pink

@autumnhachey

Per una palette dai colori più decisi, si può per esempio pensare ad un giallo senape accostato ad un blu petrolio, a un verde foresta, o al nero in piccole dosi e accompagnato da altri colori neutri, come il bianco, il grigio o da un materiale passe partout come il legno chiaro naturale. Del resto, se da un lato le palette pastello hanno dominato negli ultimi anni, per il futuro si prevedono interni multicolor con accostamenti di colori primari, di cui il giallo fa parte.

Gen Z Yellow vs millenial pink

Doherty Design Studio

Ne parlerò prossimamente a proposito del revival del neoplasticismo di Piet Mondrian.

[*] Crediti foto copertina: cerlovers.com

Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi: riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog.  Basta cliccare qui e inserire il tuo indirizzo e-mail:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER