28 Agosto 2018 / / Decor

nuova collezione IKEA

È finalmente arrivato il momento di mettere in mostrale passioni. Può sembrare superfluo dirlo, persino ovvio, ma molti di noi vorrebbero avere meno oggetti. Anche quando gli oggetti in questione hanno un valore affettivo, vorremmo comunque liberare spazio su mensole e ripiani.


E se il nuovo trend non fosse eliminare il superfluo, ma collezionare senza sensi di colpa? C’è sempre un motivo per conservare e mettere in mostra gli oggetti a cui tieni di più. Spesso collezioniamo oggetti perché ci rende felici, perché una collezione è un angolo di pace in un mondo frenetico. O forse perché, in questo modo, creiamo un legame tra presente e passato.

La collezione SAMMANHANG di IKEA non giudica la tua passione per il collezionismo e non ruba la scena alla tua collezione, ma ti aiuta a valorizzare al meglio i tuoi ricordi più preziosi.

SAMMANHANG include elementi chiusi e a giorno, pensati per organizzare ed esporre i tuoi oggetti da collezione. Dalla più piccola delle scatole al più grande dei mobili, l’intera collezione è stata creata in collaborazione con sette designer. Realizzata in tanti materiali diversi, SAMMANHANG mostra un lato inedito dell’assortimento IKEA.


set due contenitori con coperchio IKEA
espositori per piccoli oggetti IKEA
teca con coperchio IKEA
nuova collezione IKEA
espositori IKEA
elementi contenitivi IKEA
complementi d'arredo IKEA
scatole IKEA
mensola IKEA
Che tipo di collezionista sei? Indipendentemente dalla nostra personalità e dallo stile della nostra casa, in ognuno di noi si nasconde un collezionista.

28 Agosto 2018 / / Idee

Premessa: il mio pollice potrebbe essere di tutti i colori dell’arcobaleno tranne che verde. Vi starete quindi chiedendo per quale motivo stia qui a scrivere di giardini, ed effettivamente non lo avrei fatto se non fosse che la mia nuova casa ne ha uno, e richiede anche parecchie attenzioni. Ho pensato quindi che potrebbe essere utile condividere le mie recenti scoperte e alcune considerazioni sul giardinaggio con chi si trova nella mia stessa situazione: mal comune mezzo gaudio, no?! E magari col tempo ci scopriremo dei provetti giardinieri!


Immagine via Pinterest
Cominciamo dicendo che questa non è esattamente la stagione ideale per mettersi a vangare e a seminare, il caldo torrido prosciuga il terreno e non permette ai semi o alle piante di avere una situazione termica ideale. I periodi dell’anno migliori sono le famose mezze stagioni, quindi aprile-maggio e settembre-ottobre, però se state pensando di mettere mano ai vostri giardini potete cominciare a pensare ora a cosa vorreste realizzare e a procurarvi il materiale per farlo. 

Detto questo, la prima cosa da fare, come sempre quando volete intervenire nelle vostre case, è un progetto. Fare le cose senza avere una meta precisa non è mai una scelta adeguata perché il risultato può rivelarsi un disastro. Questo vale sia che abbiate un giardino grande sia che ne abbiate uno piccolo, ma soprattutto in quest’ultimo caso, che è quello più comune ed è quello su cui voglio concentrarmi oggi. 

Immagine via Giardinaggio.it

Decidere come sistemare il vostro piccolo spazio verde deve necessariamente tenere conto di alcuni fattori, e  cioè il tipo di terreno (duro, soffice, acido, basico ecc…), l’esposizione al sole/vento e la disponibilità d’acqua (impianto di irrigazione). Queste tre cose sono la base da cui partire per decidere quali tipi di piante scegliere, dove piantarle e di quanta manutenzione necessiteranno. 

Attenzione se seminate o piantate qualcosa prima dell’inverno o dell’estate perché non tutte le piante sopportano bene il freddo, e non tutte sopportano bene il sole (tipo le ortensie), quindi leggete le istruzioni o chiedete a qualcuno di competente. 

È inoltre importante che decidiate che tipo di giardino volete: prato, ghiaia, rocce, aiuole e via dicendo, perché non tutti hanno bisogno delle stesse cure e un giardino trascurato imbruttisce anche la più bella delle case. Il prato di un giardino piccolo deve essere sempre ben curato, se pensate di non avere voglia o tempo quindi optate per ghiaia (o qualche altro tipo di pavimentazione) e aiuole in cui fare una composizione adeguata di piante.

Immagini via Homedit e via Pinterest

Le piante dovranno essere non enormi ma nemmeno necessariamente di piccole dimensioni, l’importante è che non siano tante e che siano ben distribuite. Se ad esempio volete un po’ di spazio per godere dell’aria aperta d’estate, magari con qualche sedia o delle sdraio, ha più senso mettere le piante sul perimetro o verso gli angoli del giardino, in modo che possiate muovervi. Al contrario, se siete amanti dei fiori e vi piace averli sempre sott’occhio potete fare l’inverso, e cioè comporre una bella aiuola al centro e lasciare il passaggio intorno. Tutto dipende dall’uso che volete fare del vostro piccolo angolo di relax.


Infine gli arredi, che ovviamente nel caso di un giardino di dimensioni contenute non devono essere ingombranti. Via libera quindi a sedie e tavolini pieghevoli in ferro battuto o legno, ma anche a quei bei salotti in rattan che si vedono in molti cataloghi, purché siano proporzionati allo spazio. Se poi volete ricavare una zona d’ombra, oltre agli ombrelloni per esterno si può scegliere tra un piccolo gazebo in ferro battuto o una pergola fatta con assi di legno, l’importante è che diano l’idea di leggerezza.

Immagine via Archzine

L’ultimo consiglio lo voglio dare a chi invece ha uno spazio esterno non facile da gestire: valutate che tutte le energie e i soldi che dovrete spendere per rimetterlo in sesto non valga il costo di giardinieri professionisti.

Se per comodità preferite invece rendere il vostro giardino un cortile utilizzando una pavimentazione per esterni, ci vediamo nel prossimo post!



27 Agosto 2018 / / Interiors

Eindhoven (Olanda). Lì, in un ex stabilimento industriale, una famiglia di quattro persone trova il luogo ideale per creare la propria dimora. Insieme ad un architetto progettano la casa in modo completamente nuovo. L’ispirazione per l’esterno è stata presa dal quartiere circostante. L’ abitazione si ispira al vecchio stile architettonico che è la caratteristica comune degli edifici limitrofi alla fabbrica. Tipici il portale d’ingresso e il design dei serramenti . Le finestre ricalcano il disegno originale ma per il materiale viene scelto l’alluminio.

Roomed-JazzyHartog-02-e1444054795169

Roomed-JazzyHartog-64-e1444055763812I proprietari hanno poi deciso di lasciare la struttura in cemento e tubi a vista per mantenere l’effetto di un loft.

Il soggiorno è diviso in due zone:  in un angolo si trova la ‘area relax con televisore e libreria e nell’altro angolo è presente un grande albero perchè i proprietari amano la natura, e zona divani e gioco bimbi.Roomed-JazzyHartog-03-e1444055269591

Roomed-JazzyHartog-04-e1444054864187

Roomed-JazzyHartog-05-e1444055179983Accanto si evolve lo spazio dedicato alla cucina, aperto sul salotto e sul corridoio.

Roomed-JazzyHartog-09-e1444055326711

Roomed-JazzyHartog-10-e1444054998572

Roomed-JazzyHartog-61-e1444055413491

Roomed-JazzyHartog-62b-e1444055338760Una scala a chiocciola, esistente ma riverniciata in bianco, porta al piano superiore dove si trovano le camere da letto e i servizi.

Roomed-JazzyHartog-13-e1444055456629

Roomed-JazzyHartog-51-e1444055025620

Roomed-JazzyHartog-58-e1444055010448

Roomed-JazzyHartog-36-e1444055448930La camera padronale ha la particolarità di aver il bagno al suo interno dove l’unico divisorio consiste in un basso muretto ai piedi del letto.

Roomed-JazzyHartog-47b-e1444055604828

Roomed-JazzyHartog-21-e1444055612951Nursery e camera da letto del bimbo più grande sono adiacenti alla stanza dei genitori.  Roomed-JazzyHartog-32-e1444055772493La maggior parte degli arredi e degli accessori è di ispirazione scandiava (gran parte IKEA) e le piante verdi sono dislocate in ogni dove .  Roomed-JazzyHartog-37-e1444055695998

Roomed-JazzyHartog-43-e1444055674367