12 Settembre 2018 / / Dettagli Home Decor

carte da parati per i bambini di MuralsWallpaper

Con simpatici dinosauri che sbucano dalle lettere dell’alfabeto, queste delicate carte da parati, perfette sia per la nursery che per bambini in età scolare, incoraggeranno i più piccoli a scoprire come scrivere i nomi dei più famosi animali preistorici, passando ore di divertimento nella comodità della loro cameretta.

Imparare, divertendosi è il principio che ha guidato MuralsWallpaper nella creazione di questi murali interattivi fatti a mano che rappresentano in modo illustrato ciascuna lettera dell’alfabeto con un dinosauro che inizia con quella lettera, trasformandosi in un modo divertente ed entusiasmante di esercitarsi con la scrittura.

carta da parati dinosauri beige

Un murale unico, su misura


Per chi è alla ricerca di una decorazione murale unica per la cameretta, il modello Carta da Parati con Dinosauri con Nome Personalizzato, offre la possibilità di personalizzare il proprio rivestimento murale con il nome dei bimbi.


carta da parati su misura

Disponibili in rosa, blu e beige, queste carte da parati educative danno un tocco di vivacità alla cameretta e aggiungono tanta personalità allo spazio con poco sforzo. A partire da 31€ /m2, solo su misura.

carta da parati dinosauri rosa
carta da parati dinosauri blu
Per maggiori informazionii visita il sito di MuralsWallpaper 


12 Settembre 2018 / / Interiors

Alzi la mano chi non è affascinato dalle case a graticcio, con quel loro aspetto fiabesco e fuori dal tempo.

casa a graticcio

Per la serie Summer house oggi vi porto a visitare proprio una di queste antiche costruzioni, per la precisione si tratta di una fattoria che sorge nel mezzo di una radura; siamo in terra di Guascogna, nel sud ovest della Francia, a pochi passi dall’oceano Atlantico, tra dune di sabbia e immense foreste di pini marittimi e querce centenarie.

casa-a-graticcio

La casa è stata acquistata da una coppia di italiani residenti in Francia, che hanno fatto il possibile per preservarne l’autenticità, pur introducendo tocchi contemporanei nel design e nel confort. In questa casa il legno è indubbiamente protagonista: nelle case a graticcio il legno è la struttura portante di tutto l’edificio, che viene lasciata a vista. Bellissimo il patio esterno con una vista che sembra dipinta da un pittore dell’Ottocento: semplicità e cura per i dettagli, due parasole bianchi, un tavolo e panche ridipinti di nero, cuscini con tocchi di rosso.

casa-a-graticcio patio esterno

All’interno, la tradizione e il design convivono con armonia: nella sala da pranzo, il tavolo di De Padova é circondato dalle sedie One di Konstantin Grcic e le Bigframe Special di Alberto Meda. La struttura a graticcio è visibile anche all’interno e scandisce le pareti in partizioni decorative.

casa-a-graticcio sala da pranzo

casa a graticcio scrivania

Il grande camino originale divide la sala da pranzo dal soggiorno, tutto giocato in stile classico, con divani e poltrone acquistati nei mercatini dell’usato che si affiancano in perfetta armonia a vecchi mobili di famiglia, come il letto “a barca” e a pezzi di design come la lampada Costanza di Paolo Rizzatto.

casa a graticcio camino

casa-a-graticcio soggiorno

casa a graticcio salotto

La cucina Ikea tutta in acciaio non stona affatto, anzi, riesce a stemperare la presenza massiccia del legno, assieme al pavimento in cemento grigio che riveste tutto il piano terreno. Il tavolo Tulip  di Saarinen e le sedie Mariolina di Enzo Mari sembrano disegnate apposta per una casa dove tutto ricorda tempi antichi.

casa a graticcio cucina

casa a graticcio bagno

Tutto è essenziale, sobrio eppure il risultato è una casa calda e accogliente che ricorda la casetta di legno in mezzo alla foresta tipica delle favole: perfetta per una vacanza fuori dal mondo.

Credits:  Côté Maison//Ph Nicolas Millet


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi: riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog.  Basta cliccare qui e inserire il tuo indirizzo e-mail:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

12 Settembre 2018 / / Coffee Break

Nei nostri progetti di interni spesso scegliamo di usare tappeti berberi, elementi di arredo affascinanti, realizzati a mano con tecniche antiche, tramandate da generazione in generazione ma dal design minimale e contemporaneo che li rende versatili: possono avere palette di colori neutri con semplici trame geometriche decorative come i tappeti Beni Ourain o essere delle vere esplosioni di colore come tappeti Boucherouite adattandosi molto bene a più diversi stili.

I grandi architetti del modernismo: Le Corbusier, Marcel Breuer, Alvar Aalto, Arne Jacobsen, F.L. Wright hanno usatoi tappeti Beni Ourain regolarmente nei loro interni, il che non sorprende.
La loro inusuale combinazione di minimalismo e dettaglio fatto a mano, tradizione e inventiva si sposa bene con l’estetica del modernismo, facendo eco sia alla geometria astratta dell’architettura, sia controbilanciando quella austerità con una certa morbidezza.

I tappeti Beni Ourain, dal nome dell’omonima tribù berbera della zona montuosa del Medio Atlante in Marocco, hanno solitamente fondo a tinta unita, del colore avorio della lana naturale decorata con elementi geometrici di marrone scuro, quasi nero e sono interamente annodati a mano dalle donne berbere su una trama abbastanza larga per rendere il tappeto molto morbido.
Si dice che siano i tappeti più morbidi su cui camminare scalzi.

Sono realizzati in pura lana di pecore “Marmoucha”, una razza di animali di piccole dimensioni.
La vita sulle montagne dell’Atlante può essere molto dura e la produzione artigianale è una fonte importante di reddito, acquistando un tappeto Beni Ourani si ha la consapevolezza di stare aiutando le popolazioni locali a vivere dei frutti della loro tradizione
Ogni tappeto Beni Ourain è unico, le tessitrici creano i tappeti dalle loro esperienze di vita: spesso sono presenti nel tappeto, oltre ai disegni geometrici tipicamente a diamante si trovano simboli che rimandano alla natura, all’amore, al parto, alla fede e alla femminilità.

Molto simili ma con risultati estetici all’opposto, i tappeti Boucherouite;
sono tappeti dai colori estremamente brillanti, realizzati con scampoli dei materiali più diversi, cotone e fibre sintetiche, talvolta anche lana.

Sono creazioni artigianali spontanee, le donne berbere annodano i tappeti senza seguire disegni predefiniti, così ogni tappeto Boucherouite racconta una storia, una creazione artistica unica che con i suoi colori brillanti e i motivi astratti è capace di portare un meravigliosa esplosione di colori negli interni

Su Etno-chic.com, ecommerce italiano dedicato alla vendita dei migliori tappeti e arredi etnici, troverai una selezione di tappeti molto eleganti e dal costo abbordabile.

Berber carpets, between ancient tradition and modern interior design


In our interior design projects we often choose to use berber rugs, these fascinating furnishing elements are still handcrafted with ancient techniques handed down from generation to generation and have a minimal and contemporary design that makes them very versatile: they can have neutral color palettes with simple decorative geometric textures such as the Beni Ourain rugs or be real explosions of color like Boucherouite rugs, adapting very well to different styles.


The great architects of modernism: Le Corbusier, Marcel Breuer, Alvar Aalto, Arne Jacobsen, F.L. Wright used the Ourain rugs regularly in their interior, which is not surprising.
Their unusual combination of minimalism and handmade detail, tradition and inventiveness fits well with the aesthetics of modernism, echoing both the abstract geometry of architecture and counterbalancing that austerity with a certain softness.

The Beni Ourain rugs, named after the homonymous Berber tribe of the mountainous area of the Middle Atlas in Morocco, usually have solid-colored background, the ivory color of natural wool decorated with dark brown, almost black geometric elements and are entirely hand-knotted from the Berber women on a fairly wide plot to make the carpet very soft.
It is said that they are the softest rugs on which to walk barefoot.

They are made of pure “Marmoucha” sheep wool
The life of the Atlas Mountains can be very hard and craft production is an important source of income, by buying a Beni Ourani rug you are aware of helping the local populations to live thanks to their traditions;
Each Beni Ourain rug is unique, the weavers create the rugs from their life experiences: often, in addition to the typically diamond-like geometric designs, symbols are found that refer to nature, love, childbirth, faith and femininity.

Very similar but with aesthetic results to the opposite, the Boucherouite carpets;
they are extremely bright colored carpets, made with remnants of the most diverse materials, cotton and synthetic fibers, sometimes even wool.
They are spontaneous handmade creations, Berber women knot rugs without following predefined designs, so every Boucherouite rug tells a story, a unique artistic creation that with its bright colors and abstract motifs is able to bring a wonderful explosion of colors in the interior.

Visiting Etno-chic.com, an Italian ecommerce dedicated to selling the best carpets and ethnic furniture, you will find a selection of very elegant and affordable rugs.

Immagini VIA

* post sponsorizzato *
_________________________
CAFElab | studio di architettura